Visualizzazione post con etichetta Segreti di Stato. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Segreti di Stato. Mostra tutti i post

12 ottobre 2018

I banchieri di Dio - Il Film

19 luglio 2018

Diario Civile - Paolo Borsellino Essendo Stato



Per la prima volta sullo schermo, le parole pronunciate da Paolo Borsellino davanti al C.S.M. che gli italiani non hanno mai ascoltato, raccontate da Ruggero Cappuccio.
Il 31 luglio del 1988 il giudice viene convocato davanti al C.S.M. a causa delle interviste rilasciate ai quotidiani "La Repubblica" e "L'Unità", nelle quali denunciava il preoccupante stato di smobilitazione del pool antimafia di Palermo. Borsellino, minacciato dall'ombra di imminenti provvedimenti disciplinari, parla per oltre quattro ore, dalle dieci alle quattordici, davanti al Consiglio Superiore, con straordinaria  lucidità, condannando con forza l'inadeguatezza dei mezzi di contrasto attivati dallo Stato contro la Mafia. Il pomeriggio dello stesso giorno verrà ascoltato il giudice Falcone.
Brani di queste audizioni tesissime, mai rese pubbliche integralmente, sono raccontate in "Paolo Borsellino Essendo Stato", il film documentario di Ruggero Cappuccio, in onda martedì 19 luglio alle 21.30 su Rai Storia. La puntata di "Diario Civile" si articola anche attraverso immagini di repertorio RAI ed interventi del Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti.
Davanti al C.S.M. i due magistrati affrontano con chiarezza i delicatissimi temi inerenti l'assegnazione delle indagini, l'inserimento nel pool di nuovi giudici senza l'adozione di criteri di sicurezza, l'affidamento di procedimenti sulla criminalità mafiosa a magistrati estranei al pool. Dalle loro parole appassionate emergono i complessi scenari che fanno da sfondo alle indagini sul fenomeno mafioso, ma anche lo spirito di sacrificio di chi, pur accerchiato e consapevole delle occulte relazioni tra criminalità organizzata e Stato deviato, ha deciso di non arretrare.
Giovanni Falcone sarà ucciso quattro anni dopo quel 31 luglio, il 23 maggio 1992, nell'attentato di Capaci. Paolo Borsellino 57 giorni dopo di lui, in via D'Amelio, a Palermo. Proprio su via D'Amelio, sull'ultimo secondo di vita di Paolo Borsellino, il 19 luglio del 1992, e sulle dichiarazioni al C.S.M., si concentra il lavoro di Cappuccio, che dilata questo singolare residuo di tempo in un intenso film documentario, attraverso anche il contributo di alcuni filmati della Rai.
"Paolo Borsellino Essendo Stato" offre ai telespettatori anche uno spaccato della vita del giudice palermitano sospeso tra la realtà urbana e l'armonia perduta della Sicilia. Il tritolo e l'infanzia, il palazzo di giustizia e la spiaggia, il campo di calcio dove giocava da ragazzo con Giovanni Falcone, costituiscono la narrazione visiva di Paolo Borsellino che ricostruisce la propria vita di uomo e di magistrato sul confine tra la vita e la morte.

Diario Civile – Paolo Borsellino essendo stato
scritto, diretto e interpretato da Ruggero Cappuccio
con l'introduzione del Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti

12 giugno 2018

GIALLO PALME / IL LEADER DEL CAMBIAMENTO “DOVEVA MORIRE”


Olof Palme, un giallo mai risolto. L'assassinio del premier più 'innovativo' d'Europa resta ancora oggi un incredibile buco nero, nonostante i 32 anni trascorsi. E restano in piedi quelle piste massoniche legate ai "poteri forti" mai battute a sufficienza, nonostante la sterminata mole di lavoro – inutile – degli 007 svedesi.
Ecco cosa ha dichiarato, qualche mese fa, un criminologo di Stoccolma, Leif Gustav Willy Persson: "Probabilmente l'assassino di Olof Palme è ancora in vita e nel delitto potrebbero essere coinvolti la polizia o qualche esponente dell'esercito". Non ha mai creduto, Persson, nella colpevolezza del presunto assassino, un piccolo criminale di strada, quello che oggi definiremmo un 'balordo', Christer Pettersson.
E proprio Pettersson voleva incontrare il figlio del premeir ammazzato, Marten Palme, nel 2004, per "raccontare alcuni particolari del delitto". Ma l'incontro non potè mai avvenire, perchè due giorni dopo la conversazione telefonica il presunto assassino venne trovato con il cranio fracassato. I destini della vita.
E' invece conservato negli ormai strapolverosi faldoni giudiziari il testo di un messaggio, inviato tre giorni prima dell'assassinio del premier (28 febbraio 1986). A spedirlo nientemeno che il Venerabile Licio Gelli, il quale ragguagliava il confratello Philip Guarino su una novità: "Informa il nostro amico che la palma svedese verrà abbattuta". Più chiari di così, è il caso di dirlo, si muore.
Ma chi era mai Guarino? Un fedelissimo dell'entourage di George Bush senior e stretto collaboratore di Michael Leeden, l'eminenza grigia di tutti i servizi a stelle e strisce, negli ultimi anni anche ottimo amico di Marco Carrai, il braccio destro di Matteo Renzi.
Sul giallo Palme ha a lungo indagato il super giornalista d'inchiesta e scrittore svedese Stieg Larson, il quale aveva raccolto una montagna di documenti e con ogni probabilità si accingeva a scrivere un libro bomba: consegnò un voluminoso dossier alla polizia in grado di documentare i rapporti tra i servizi segreti e i presunti killer. Ma forse sbagliò indirizzo, visto che fu poi trovato morto, ovviamente per arresto cardiaco, in circostanze – come si suol dire – 'misteriose'.
Tutta la vicenda Palme è stata inquadrata in un contesto di conflitti tra massonerie internazionali da un esperto del tema, l'avvocato Gianfranco Carpeoro: si tratta di un cosiddetto "massone progressista", alla stregua di Gioele Magaldi, che un paio d'anni fa ha scritto una sorta di enciclopedia delle "Ur Lodges" che dominano nel mondo, espressione di quella "massoneria conservatrice" impersonata da Mario Draghi, Mario Monti & C. Tornata oggi di grande attualità, alla luce degli scontri per la nomina di Paolo Savona al ministero dell'Economia nell'esecutivo gialloverde.
Ricostruisce Carpeoro: "Olof Palme era il padre spirituale del welfare europeo, il sistema di diritti estesi su cui la sinistra moderna e riformista ha costruito il benessere dell'Unione europea nel dopoguerra: cioè quel sistema contro cui si batte strenuamente l'Unione europea del rigore e dell'austerithy".
Già impegnato nel movimento socialista europeo, Carpeoro ha partecipato in modo diretto a non pochi congressi del partito di Palme, il quale più di ogni altro rappresentava il volto del cambiamento possibile e per questo "doveva morire". Proprio come, in Italia, Aldo Moro.

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

23 maggio 2018

Paolo Borsellino, l'ultima stagione



Il pomeriggio del 23 maggio 1992 il giudice Giovanni Falcone muore in un attentato a Capaci insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli uomini della sua scorta. Iniziano allora i 57 giorni più difficili del magistrato che più di altri ha condiviso con lui i successi e le difficoltà della stagione di lotta contro la mafia: l'amico Paolo Borsellino. Borsellino si lancia nel lavoro d'indagine. Vuole fare luce sulla morte dell'amico, scoprendone le cause e trovandone i responsabili. Ma l'uomo che ha visto morire Falcone tra le braccia, non è più quello di prima: è indurito, chiuso e si isola persino da amici e familiari. A raccontarlo è "Paolo Borsellino, l'ultima stagione" di Tommaso Franchini e Alessandro Chiappetta con la regia di Graziano Conversano che Rai Cultura propone martedì 18 luglio alle 21.10 su Rai Storia per "Diario Civile", con l'introduzione del Procuratore nazionale antimafia Franco Roberti.
Ai colleghi, Borsellino annuncia: "Sappiate che questo è anche il nostro destino". Sa che lui sarà il prossimo obiettivo di Cosa Nostra e un attentato sembra ogni giorno più inevitabile. I carabinieri ricevono informative sull'arrivo di tritolo destinato al giudice mentre alcuni pentiti svelano oscuri legami tra Cosa Nostra e uomini delle istituzioni che non fanno un gioco pulito.
Borsellino viene anche informato che uomini dello Stato hanno iniziato un dialogo con i boss mafiosi per arrestare le stragi e avverte attorno a sé un clima di crescente isolamento. 
Vive 8 settimane di rabbia e inquietudine durante le quali ricorda con amarezza gli anni delle prime indagini di mafia, il sacrificio degli amici come il Capitano dei Carabinieri Emunuele Basile e il magistrato Rocco Chinnici, ripercorre i successi del Maxiprocesso istruito insieme a Falcone ma a anche le delusioni per le successive critiche e delegittimazioni che miravano a smantellare il Pool Antimafia e mortificare Falcone.
Diventato Procuratore Capo di Marsala Borsellino subisce l'attacco del famoso articolo di Sciascia sui "professionisti dell'antimafia" ma reagisce alle delegittimazioni con una durissima intervista pubblica che gli procura un procedimento disciplinare davanti al Csm.
Nel suo ultimo discorso tenuto alla Biblioteca Comunale di Palermo nel giugno del 1992, Borsellino afferma che la morte di Falcone era iniziata in quella stagione di veleni e parla di "giuda" che lo hanno ingannato.  Dimostra di sapere dunque che esistono persone pronte ad abbandonare anche lui, e in un drammatico episodio ricordato da una sua collega, Borsellino per la prima volta parla di aver saputo di "amici che tradiscono".
Dimostra però un senso inflessibile della lealtà e decide di non venire meno a ciò che considera un dovere ineludibile, un obiettivo da perseguire anche in solitudine e fino in fondo, a costo di rinunciare a tutto.

www.raistoria.rai.it

03 maggio 2018

Dag Hammarskjöld: prove indicano che l'aereo del capo delle Nazioni Unite è stato abbattuto

Testimoni oculari affermano che un secondo aereo ha sparato sull'aereo sollevando domande di insabbiamento britannico sull'incidente del 1961 e sulle sue cause


Il relitto dell'aereo di Dag Hammarskjöld

Il relitto dell'aereo di Dag Hammarskjöld vicino a Ndola, ora Zambia. Testimoni oculari affermano di aver visto un secondo piano di fuoco sull'aereo del capo dell'ONU. Fotografia: TopFoto

Nuove prove sono emerse in uno dei misteri più duraturi delle Nazioni Unite e della storia africana, suggerendo che l'aereo che trasportava il segretario generale delle Nazioni Unite Dag Hammarskjöld fu abbattuto sulla Rhodesia del Nord (ora Zambia) 50 anni fa, e l'omicidio fu coperto da Autorità coloniali britanniche.

Una commissione d'inchiesta gestita da britannici ha accusato l'incidente del 1961 di un errore del pilota e una successiva inchiesta delle Nazioni Unite ha ampiamente impressionato le sue scoperte. Hanno ignorato o minimizzato la testimonianza dei testimoni degli abitanti dei villaggi vicino al luogo dell'incidente che suggerivano un gioco scorretto. The Guardian ha parlato con i testimoni sopravvissuti che non sono mai stati interrogati dalle indagini ufficiali e che erano troppo spaventati per farsi avanti.

I residenti nella periferia occidentale della città di Ndola descrissero la DC6 di Hammarskjöld abbattuta da un secondo velivolo più piccolo. Si dice che il luogo dell'incidente sia stato sigillato dalle forze di sicurezza del Nord-Rodi il mattino dopo, alcune ore prima che il relitto fosse dichiarato ufficialmente trovato, e gli fu ordinato di lasciare l'area.

I testimoni chiave sono stati individuati e intervistati negli ultimi tre anni da Göran Björkdahl, un operatore umanitario svedese con base in Africa , che ha reso le indagini sul mistero di Hammarskjöld una ricerca personale da quando ha scoperto che suo padre aveva un frammento della DC6 caduta.

"Mio padre era in quella parte dello Zambia negli anni '70 e chiedeva alla popolazione locale cosa fosse successo, e un uomo lì, vedendo che era interessato, gli diede un pezzo dell'aereo. Questo è ciò che mi ha fatto iniziare", ha detto Björkdahl. Quando andò a lavorare in Africa, andò sul posto e cominciò a interrogare sistematicamente le persone locali su ciò che avevano visto.

L'inchiesta ha portato Björkdahl a telegrammi inediti - visti dal Guardian - dai giorni precedenti alla morte di Hammarskjöld il 17 settembre 1961, che illustrano la rabbia degli Stati Uniti e britannici a un'operazione militare dell'ONU fallita che il segretario generale ordinò a nome del governo congolese contro una ribellione sostenuta da compagnie minerarie occidentali e mercenari nella regione del Katanga ricca di minerali.

Hammarskjöld stava volando a Ndola per i colloqui di pace con la leadership Katanga in un incontro che gli inglesi hanno aiutato a organizzare. Il diplomatico svedese ferocemente indipendente aveva, allora, fatto infuriare quasi tutte le maggiori potenze del Consiglio di sicurezza con il suo sostegno alla decolonizzazione, ma il sostegno dei paesi in via di sviluppo significava che la sua rielezione come segretario generale sarebbe stata virtualmente garantita al voto di assemblea generale dovuto l'anno seguente.

Björkdahl lavora per l'agenzia svedese per lo sviluppo internazionale, Sida, ma la sua indagine è stata condotta a suo tempo e il suo rapporto non rappresenta le opinioni ufficiali del suo governo. Tuttavia, il suo rapporto riecheggia lo scetticismo sul verdetto ufficiale espresso dai membri svedesi delle commissioni di inchiesta.

Björkdahl conclude che:


 L'aereo di Hammarskjöld fu quasi certamente abbattuto da un secondo aereo non identificato.
 Le azioni dei funzionari britannici e del nord della Russia hanno ritardato la ricerca dell'aereo scomparso.
 Il relitto è stato trovato e sigillato dalle truppe e dalla polizia del nord di Rodi molto prima che la sua scoperta fosse ufficialmente annunciata.
 L'unico sopravvissuto all'incidente potrebbe essere stato salvato ma gli è stato permesso di morire in un ospedale locale mal attrezzato.
 All'epoca della sua morte, Hammarskjöld sospettava che i diplomatici britannici avessero segretamente sostenuto la ribellione del Katanga e avesse ostacolato un tentativo di organizzare una tregua.
 Giorni prima della sua morte, Hammarskjöld autorizzò un'offensiva delle Nazioni Unite su Katanga - nome in codice Operazione Morthor - nonostante le riserve del consulente legale delle Nazioni Unite, alla furia degli Stati Uniti e della Gran Bretagna.

Le nuove prove più interessanti provengono da testimoni che non erano stati precedentemente intervistati, per lo più produttori di carbone della foresta intorno a Ndola, ora tra i 70 e gli 80 anni.

Dickson Mbewe, ora 84enne, era seduto fuori dalla sua casa nel compound di Chifubu, a ovest di Ndola, con un gruppo di amici la notte dello schianto.

"Abbiamo visto un aereo sorvolare Chifubu ma non gli abbiamo prestato attenzione la prima volta", ha detto al Guardian. "Quando l'abbiamo vista una seconda e una terza volta, abbiamo pensato che all'aereo fosse negato il permesso di atterraggio all'aeroporto. All'improvviso, abbiamo visto un altro aereo avvicinarsi all'aereo più grande ad una maggiore velocità e rilasciare un incendio che appariva come una luce brillante.

"L'aereo in alto si è girato e ha preso un'altra direzione, abbiamo percepito il cambiamento nel suono dell'aereo più grande, è andato giù e è scomparso".

Verso le 5 del mattino, Mbewe andò alla sua fornace di carbone vicino al luogo dell'incidente, dove trovò soldati e poliziotti che stavano già disperdendo persone. Secondo il rapporto ufficiale, il relitto è stato scoperto solo alle 15:00 di quel pomeriggio.

"C'era un gruppo di soldati bianchi che trasportavano un corpo, due davanti e due dietro", ha detto. "Ho sentito la gente che diceva che c'era un uomo che è stato trovato vivo e dovrebbe essere portato in ospedale, a nessuno è stato permesso di rimanere lì".

Mbewe non ha trasmesso questa informazione prima perché non gli è mai stato chiesto, ha detto. "L'atmosfera non era pacifica, eravamo cacciati via, avevo paura di andare alla polizia perché potevano mettermi in prigione".

Un altro testimone, Custon Chipoya, un produttore di carbone di 75 anni, sostiene anche di aver visto un secondo aereo nel cielo quella notte. "Ho visto un aereo girare, aveva luci chiare e ho potuto sentire il rombo del motore", ha detto. "Non era molto alto, secondo me era al culmine degli aerei quando stanno per atterrare.

"È tornato una seconda volta, il che ci ha fatto guardare e la terza volta, mentre si stava dirigendo verso l'aeroporto, ho visto un aereo più piccolo avvicinarsi dietro quello più grande: l'aereo più leggero, un tipo di aereo più piccolo, seguiva da dietro e ha avuto una luce lampeggiante, poi ha rilasciato un po 'di fuoco sul piano più grande sottostante e si è mosso nella direzione opposta.

"L'aereo più grande ha preso fuoco e ha iniziato a esplodere, schiantandosi contro di noi. Abbiamo pensato che ci stesse seguendo mentre tagliava rami e tronchi d'albero, pensavamo fosse una guerra, quindi siamo fuggiti".

Chipoya ha detto che è tornato al sito la mattina dopo alle 6 del mattino e ha trovato l'area delimitata da poliziotti e ufficiali dell'esercito. Non ha menzionato ciò che aveva visto perché: "Era impossibile parlare con un ufficiale di polizia, poi abbiamo capito che dovevamo andare via", ha detto.

Safeli Mulenga, 83 anni, anche a Chifubu nella notte dello schianto, non ha visto un secondo aereo ma è stato testimone di un'esplosione.

"Ho visto l'aereo girare due volte", ha detto. "La terza volta che il fuoco proveniva da qualche parte sopra l'aereo, brillava così luminoso: non poteva essere l'aereo che esplodeva perché il fuoco si stava avvicinando ad esso", ha detto.

Non c'è stato alcun annuncio per le persone di farsi avanti con le informazioni dopo l'incidente, e il governo federale non voleva che la gente ne parlasse, ha detto. "C'erano alcuni che hanno assistito all'incidente e sono stati portati via e imprigionati".

John Ngongo, ora 75, fuori nella boscaglia con un amico per imparare a fare il carbone di legna la notte dello schianto, non ha visto un altro aereo ma ne ha sicuramente sentito uno, ha detto.

"All'improvviso, abbiamo visto un aereo con il fuoco da un lato che veniva verso di noi: era in fiamme prima che colpisse gli alberi L'aereo non era solo Ho sentito un altro aereo ad alta velocità scomparire in lontananza ma non l'ho visto ," Egli ha detto.

L'unico sopravvissuto tra le 15 persone a bordo della DC6 era Harold Julian, un sergente americano sui dettagli della sicurezza di Hammarskjöld. Il rapporto ufficiale dice che è morto per le sue ferite, ma Mark Lowenthal, un medico che ha aiutato a trattare Julian in Ndola, ha detto a Björkdahl che avrebbe potuto essere salvato.

"Considero l'episodio come uno dei miei peggiori fallimenti professionali in quella che è diventata una lunga carriera", ha scritto Lowenthal in una e-mail. "Devo prima chiedere perché le autorità statunitensi non hanno immediatamente deciso di aiutare / salvare uno di loro? Perché non ho pensato a questo in quel momento? Perché non ho provato a contattare le autorità statunitensi per dire:" Invia con urgenza un aereo per evacuare un cittadino statunitense in disimpegno alle Nazioni Unite che sta morendo per insufficienza renale? '"

Julian fu lasciato a Ndola per cinque giorni. Prima di morire, ha detto alla polizia di aver visto scintille nel cielo e un'esplosione prima dello schianto.

Björkdahl solleva anche delle domande sul motivo per cui la DC6 è stata fatta circolare fuori da Ndola. Il rapporto ufficiale afferma che non c'era un registratore nella torre di controllo del traffico aereo, nonostante il fatto che la sua attrezzatura fosse nuova. Il rapporto sul controllo del traffico aereo dell'incidente non è stato depositato fino a 33 ore dopo.

Secondo i registri degli eventi della notte, l'alto commissario britannico della Federazione di Rodi e Nyasaland, Cuthbert Alport, che era all'aeroporto quella sera, "improvvisamente disse di aver sentito che Hammarskjöld aveva cambiato idea e intendeva volare da qualche parte Altrimenti, il gestore dell'aeroporto non ha inviato alcuna segnalazione di emergenza e tutti sono semplicemente andati a letto ".

I racconti dei testimoni di un altro piano sono coerenti con altri resoconti interni della morte di Hammarskjold. Entrambi i suoi migliori assistenti, Conor Cruise O'Brien e George Ivan Smith, si erano entrambi convinti che il segretario generale fosse stato abbattuto da mercenari che lavoravano per gli industriali europei nel Katanga. Credevano anche che gli inglesi aiutassero a coprire le riprese. Nel 1992, i due hanno pubblicato una lettera nel Guardian spiegando la loro teoria. Il sospetto delle intenzioni britanniche è un tema ricorrente della corrispondenza che Björkdahl ha esaminato dai giorni precedenti la morte di Hammarskjöld.

Formalmente, il Regno Unito appoggiava la missione delle Nazioni Unite, ma, in privato, il segretario generale ei suoi collaboratori ritenevano che i funzionari britannici stessero ostacolando le mosse di pace, probabilmente come risultato di interessi minerari e simpatie con i coloni bianchi sul lato Katanga.

La mattina del 13 settembre il leader separatista Moise Tshombe ha segnalato che era pronto per una tregua, ma ha cambiato idea dopo un incontro di un'ora con il console britannico nel Katanga, Denzil Dunnett.

Non c'è dubbio che al momento della sua morte Hammarskjöld, che aveva già alienato i sovietici, francesi e belgi, aveva anche irritato gli americani e gli inglesi con la sua decisione di lanciare l'operazione Morthor contro i leader ribelli e mercenari nel Katanga.

Il segretario di stato americano, Dean Rusk, ha detto a uno degli assistenti del segretario generale che il presidente Kennedy era "estremamente turbato" e stava minacciando di ritirare il sostegno dell'ONU. Il Regno Unito, ha detto Rusk, era "ugualmente sconvolto".

Alla fine della sua inchiesta, Björkdahl non è ancora sicuro di chi abbia ucciso Hammarskjöld, ma è abbastanza sicuro del perché sia ​​stato ucciso: "È chiaro che c'erano molte circostanze che indicavano il possibile coinvolgimento delle potenze occidentali. gli interessi dell'ovest negli immensi giacimenti minerari del Congo. E questo fu il periodo della liberazione dell'Africa nera, e tu avevi i bianchi che cercavano disperatamente di aggrapparsi.

"Dag Hammarskjöld stava cercando di attenersi alla carta delle Nazioni Unite e alle regole del diritto internazionale, ho avuto l'impressione dai suoi telegrammi e dalle sue lettere private di essere disgustato dal comportamento delle grandi potenze".

Gli storici del Foreign Office dissero che non potevano commentare. I funzionari britannici credono che, in questa data tardiva, nessuna ricerca avrebbe dimostrato o smentito in modo conclusivo quelle che considerano teorie cospirative che hanno sempre circondato la morte di Hammarskjöld.

www.theguardian.com

31 gennaio 2018

Quali visioni di Tesla si sono avverate?

Intuizioni di un visionario sfortunato: Nikola Tesla anticipò molte delle tecnologie che per noi oggi sono normali, guadagnandoci poco o nulla.

testla
Lo scienziato sfortunato: Nikola Tesla, serbo-croato trapiantato negli Usa nel 1884, fu uno dei più grandi inventori di tutti i tempi, sistematicamente privato dei suoi meriti e, soprattutto, dei guadagni che avrebbero potuto fruttargli i suoi 200 e passa brevetti.

Nell'olimpo degli scienziati e inventori c'è Nikola Tesla, uno dei più grandi inventori di tutti i tempi. Di origine serbo-croata, immigrò negli Stati Uniti nel 1884 e lì, nell'arco della sua vita, registrò oltre 200 brevetti. Non ottenne mai i meriti, la gloria e i guadagni che meritava, eppure predisse alcune delle tecnologie che hanno rivoluzionato il mondo, ancora fino a tempi molto recenti. Ecco cinque delle sue più interessanti visioni, azzeccatissime.


Spettacolari scariche elettriche scaturiscono da una struttura a bobina, generate da tensioni superiori ai 12 milioni di volt. Così nel 1899 Nikola Tesla sperimentava se la corrente elettrica potesse essere trasportata senza fili, attraverso l'atmosfera, come le onde radio. Ma il "mago dell'elettricità" era anche uno showman: sembra seduto tra le scariche mortali, ma è un trucco fotografico.

IL WI-FI. Mentre Guglielmo Marconi inviava lettere dell'alfabeto in codice Morse attraverso l'Atlantico, nel 1901, Tesla andava oltre. Cercò il modo di trasportare attraverso l'atmosfera la corrente elettrica, proprio come con le onde radio: predisse che un giorno sarebbe stato possibile trasmettere segnali telefonici, documenti, musica e film in tutto il mondo grazie a una tecnologia senza fili, che noi chiamiamo... wireless. La sua previsione si è avverata negli anni '90 per Internet, e ancora prima con i telefono cellulari.


Nikola Tesla nel suo laboratorio di New York.| WIKIMEDIA COMMONS
LO SMARTPHONE E LA VISIONE DI UTOPIA. In un'intervista rilasciata nel 1926 alla rivista Collier (oggi Collier's) raccontò di un mondo dove sarebbe stato possibile azzerare le distanze grazie a un oggetto tascabile molto, molto simile al nostro smartphone.

«Quando la telefonia senza fili sarà perfettamente applicata», raccontava, «la Terra si trasformerà in un enorme cervello, quale di fatto è, e tutte le cose saranno parte di un intero reale e pulsante. Saremo in grado di comunicare l'uno con l'altro in modo istantaneo, indipendentemente dalla distanza. Non solo, ma attraverso la televisione [inventata quell'anno] e la telefonia riusciremo a vederci e sentirci esattamente come se ci trovassimo faccia a faccia, anche se lontani migliaia di chilometri. E gli strumenti che ci permetteranno di fare ciò saranno incredibilmente semplici, in confronto al telefono che usiamo ora: un uomo sarà capace di tenerli nel taschino del gilet.»
Il gilet non esiste più e la Terra non è un enorme cervello (o, se lo è, ha bisogno di un buon strizzacervelli), ma per il resto pare che ci siamo.


Un mondo dove tutto è connesso e facilmente disponibile a tutti: un grande cervello globale. | PIXABAY

L'EMANCIPAZIONE FEMMINILE. Nella stessa intervista, che aveva per titolo "Quando comanda la donna", si parlava del modo in cui le tecnologie wireless avrebbero potuto aiutare le donne a ottenere una migliore istruzione, più occupazione e diventare addirittura il sesso dominante.

In questo caso prevale la visione utopica di Tesla: non ci sono, allora come oggi, correlazioni esplicite tra tecnologia ed emancipazione femminile. È però vero che ci sono donne che sono diventare leader nei settori della tecnologia (come l'ex amministratore delegato di Yahoo!, Marissa Mayer, o Sheryl Sandberg, direttore operativo di Facebook). Ed è vero che c'è un vaso movimento femminile (e non solo) che oggi usa la tecnologia per sensibilizzare l'opinione pubblica su questioni globali che riguardano le donne, come la campagna #metoo contro le molestie sessuali.

I DRONI. Nel 1898 Tesla inventò e mostrò al pubblico un "tele-automa" senza fili, simile a un giocattolo telecomandato... L'accoglienza fu di entusiasmo e anche incredulità: in molti pensarono che all'interno ci fosse una piccola scimmia che lo controllava! In anticipo di un secolo, aveva immaginato e realizzato un drone, con le tecnologie di cui disponeva. Tesla non aveva dubbi sul fatto che un giorno ci sarebbe stato spazio per le macchine telecomandate.


La torre costruita a Wardenclyffe (New York) da Tesla: alta 60 metri, generava impulsi elettrici che distribuiva dall’alto. La finanziò il banchiere J. P. Morgan.
ELETTRICITÀ WIRELESS. La "passione" di Tesla per l'elettricità era sconfinata. Lo scienziato-inventore era convinto della necessità di distribuire gratis l'elettricità ovunque nel mondo: era la sua ricetta contro la povertà e le tante difficoltà dell'epoca. Nel 1901 avviò il progetto della torre di Wardenclyffe, a Long Island (New York), da dove, trasmettendo energia in forma di onde elettromagnetiche voleva portare la luce a chilometri di di distanza. Il suo piano era quello di inviare negli strati superiori dell'atmosfera onde altamente energetiche, grazie a una serie di torri come quella di Wardenclyffe, per distribuire l'energia elettrica intorno al globo. Poco prima dell'ultimazione del progetto, l'investitore, J.P. Morgan, si ritirò: se chiunque nel mondo avesse potuto utilizzare senza controllo l'energia elettrica... da dove sarebbero venuti i guadagni? Qualche anno dopo, nel 1917, la torre fu demolita per recuperare e riciclare materiali e rottami metallici.

Oggi possiamo dire che, per certi versi, effettivamente c'è una rete di distribuzione elettrica che si snoda in molti paesi e luoghi del mondo per portare l'energia in molte case e strade del mondo, a pagamento, è naturale.

To see the article visit www.focus.it

18 gennaio 2018

Missioni sulla luna



Missioni sulla luna from Mario Rossi Network on Vimeo.

L'uomo è stato sulla luna? Con la tecnologia nota a quel tempo? Come da filmati che hanno fatto vedere, oltre che a noi cittadini, anche a sovietici e cinesi? E se fossero solo "filmati paravento" fatti per non cedere know-how ad altri paesi?

01 gennaio 2018

Un nuovo libro afferma: “Nel 2006 Majorana era vivo”

Dato alle stampe l'ultimo lavoro editoriale
di Alfredo Ravelli sulla vita di Rolando Pelizza

(RinoDiStefano.com, Venerdì 22 Dicembre 2017)
Copertina del libro
La prima volta che ci siamo incontrati, Alfredo Ravelli mi ha portato a vedere un piccolo locale nel quale spiccava una parete interamente ricoperta da una scaffalatura a giorno. Sui ripiani, in modo molto ordinato, si trovavano numerosi grossi faldoni straboccanti di documenti. Li ho contati: erano 26 raccoglitori. Ravelli, con fare compiaciuto, mi disse che quello era il lavoro ottenuto in almeno quarant'anni di attenta archiviazione. Decine di migliaia di documenti che raccontavano, passo passo, tutto ciò che il suo amico e parente Rolando Pelizza aveva fatto dalla fine degli anni Cinquanta a oggi. In altre parole, quei faldoni spiegavano l'incredibile e avventurosa vita di Pelizza, alle prese con vicissitudini di ogni tipo. Governi, Capi di Stato, servizi segreti, imprenditori, politici di primissimo livello: c'è di tutto nell'esistenza di quell'uomo. Ravelli, con cura e pazienza certosina, aveva raccolto ogni singolo documento, lo aveva catalogato ed era in grado, fornendo indicazioni su luoghi, tempi, nomi e cognomi, di dire tutto ciò che era accaduto all'uomo che afferma di essere il costruttore di una macchina fantastica e avveniristica, ideata e progettata dal genio di Ettore Majorana. Una macchina, tanto per essere precisi, che sarebbe in grado di annichilire la materia fornendo grandi quantità di energia pulita a costo zero. Alfredo RavelliE diverse altre cose ancora. Quel grande scienziato, sostiene Pelizza con prove periziate ben difficili da contestare, gli avrebbe insegnato le basi di una nuova fisica in grado di cambiare il mondo, come oggi lo conosciamo. Da qui, da questo assunto, l'inizio ed il progredire di tutti i suoi guai.
Sintetizzare quei 26 faldoni in un solo libro, non è dunque un'impresa da poco. Ravelli, però, lo ha fatto pubblicando il volume "2006: Majorana era vivo! – Le ultime lettere di Ettore Majorana  a Rolando Pelizza", per le Edizioni Print Service Srl di Pavia. In effetti, è il terzo libro che Ravelli manda in stampa in questi ultimi anni. Il primo, pubblicato nel 2013, si intitolava "Il Dito di Dio – Parte prima – Il fatto", sempre con la stessa tipografia. Il secondo, invece, era "Il segreto di Majorana – Due uomini, una macchina", nel 2015. Tuttavia, se si vanno ad osservare gli indici, ci si rende conto che non di tre libri diversi si tratta, bensì di una sola opera che viene di volta in volta aggiornata e rivista, con ulteriori aggiunte e aggiustamenti. Del resto, anche lo stesso autore nel suo sito web ammette di  riferirsi sempre allo stesso racconto, cioè alla vita di Rolando Pelizza. In pratica, dunque, i tre volumi sono tre edizioni diverse dello stesso lavoro. Quest'ultimo libro, per esempio, è molto ricco di documentazione, con nuove foto e lettere autenticate del presunto Ettore Majorana. Nel testo è stato inserito un accorgimento davvero geniale. Affinché il lettore possa prendere visione dei documenti che, per ragioni di spazio non potevano essere incorporati nel volume stesso (309 pagine), si fa un largo uso dei cosiddetti QR Code, cioè dei codici a barre bidimensionali che, usando la fotocamera di un qualunque telefono cellulare, permettono di collegarsi via Internet al sito dove i documenti sono ospitati. In questo modo, i segreti contenuti nei faldoni di Ravelli entrano nelle case di tutti i lettori interessati.
Rolando PelizzaL'autore, dunque, ripercorre per la terza volta la vita di Pelizza giungendo, con il suo racconto, fino agli anni Novanta. Per la precisione, il libro copre il periodo che va dal 1958 al 1992. Nell'arco di questi 34 anni è successo letteralmente di tutto. Si va dal supposto incontro di Pelizza con Majorana in un convento del Sud (il cui nome non viene mai citato), ai primi esperimenti con la macchina, alla frequentazione con Massimo Pugliese (tenente colonnello del Servizio Informazioni Difesa, diventato suo socio), ai rapporti con il governo Andreotti, alla conoscenza di Loris Fortuna (Presidente della Commissione Industria della Camera) e Flaminio Piccoli (Segretario politico della Democrazia Cristiana), all'intervento di Ezio Clementel (ordinario di Fisica all'Università di Bologna e presidente del CNEN), ai primi esperimenti di annichilazione, ai rapporti con Gerald Ford (presidente degli USA) e Leo Tindemans (Presidente del Belgio). E via via fino alla presunta trasmutazione di 130 cubi di gommapiuma in oro (oltre otto tonnellate), nel 1992, in un garage di Barcellona. Il problema è che ci sarebbero altri 25 anni da raccontare. "Questi ulteriori anni – scrive Ravelli a pagina 276 – sono stati ricchi di avvenimenti in un intreccio quasi surreale: faccendieri, uomini d'affari e alti prelati della Chiesa, noti e importanti politici e oltre agli ormai immancabili servizi segreti perfino Capi di Stato hanno partecipato a questo contorto ed intricato susseguirsi di eventi". Ma Rolando Pelizza non ha voluto che tutte queste cose, tanto delicate quanto potenzialmente pericolose per lui, i suoi cari e i suoi amici, fossero in qualche modo narrate al pubblico. E Ravelli, che ha raccontato tutto ciò che l'amico ha voluto raccontasse, ha rispettato questo suo volere. Così, si è limitato a pubblicare (pagina 295) anche le ultime lettere inedite del presunto Majorana all'allievo Rolando, risalenti al 2006. Dunque, come tutto lascerebbe credere, fino a quell'anno lo scienziato sarebbe stato in vita.
Forse, allora, assumono un valore più concreto le due frasi che Ravelli ha posto all'inizio del suo libro. La prima è "Alle verità nascoste"; la seconda "Viviamo in un periodo strano in cui la menzogna viene creduta sulla parola, mentre per la verità non bastano i La sezione verticale della macchina di Pelizza in corrispondenza della zona centralefatti". Quante sono, infatti, le verità che ancora oggi nasconde Rolando Pelizza? Ed è vero che, nonostante le numerose prove che durante la sua vita ha mostrato a governi e politici, non gli si vuole credere ufficialmente per evitare che la sua verità provochi un terremoto nella nostra società? Probabilmente, non avremo mai queste risposte. Anche perché, come recita una massima di Dostoevskij, citata dallo stesso Ravelli, "La verità autentica è sempre inverosimile". E chi si prenderebbe la briga di difendere a spada tratta una realtà inverosimile? Forse ha dunque una sua precisa logica l'amarezza che lo stesso Pelizza esprime in fondo al libro, ammettendo di aver lottato fino all'ultimo contro i mulini a vento. Stanco e sconfitto, alla fine si arrende: "Ora sono logorato da tanti anni di ricatti e battaglie con i maggiori gruppi di potere, i quali hanno già avuto e vorrebbero continuare a pretendere di avere gli esclusivi benefici dell'uso di questa macchina".
Non è facile credere a tutto ciò che è scritto in questo libro. Anche se Ravelli fornisce un'ampia documentazione probante. Non c'è dubbio, però, che valga la pena di leggerlo per riflettere sulla vita di uno degli uomini più misteriosi e discussi a cavallo dei due secoli.

"2006: Majorana era vivo! – Le ultime lettere di Ettore Majorana a Rolando Pelizza" di Alfredo Ravelli, Edizioni Print Service Srl Pavia, 2017, ISBN 9788898765508, 309 pagine, 16,90 euro.

Il sito web del libro "Il Segreto di Majorana" di Alfredo Ravelli è www.ilsegretodimajorana.it
Il sito web ufficiale di Rolando Pelizza è https://www.majorana-pelizza.it

04 dicembre 2017

Vincenzo Agostino: ''L'assassino di mio figlio è dentro lo Stato, non si è voluto cercarlo''

agostino nemo video

Ieri l'intervento a "Nemo"
di AMDuemila - Video
"L'assassino di mio figlio non ha mai pagato per quello che ha fatto perché non l'hanno voluto cercare. Perché l'assassino è dentro lo Stato, dentro agli uomini deviati dello Stato". Vincenzo Agostino, il papà del poliziotto Nino, ucciso davanti ai suoi occhi assieme alla moglie il 5 agosto 1989, torna a chiedere giustizia. Ieri sera è intervenuto alla puntata di Nemo - nessuno escluso, la trasmissione condotta da Enrico Lucci e Valentina Petrini andata in onda su Rai 2. Un racconto commovente il suo, in una puntata che ha visto come ospiti la giornalista Bianca Berlinguer e l'attore Giampaolo Morelli.
Agostino, che ha deciso di non tagliare più barba e capelli fin quando non avrà giustizia, ha detto con forza: "Mio figlio è stato ucciso 40 giorni dopo il fallito attentato all'Addaura. Sono forse l'unico padre vivente che ha visto uccidere il figlio davanti ai propri occhi. Ricordo bene quei colpi di proiettile che maledettamente entravano nel corpo di mio figlio. Lui mi chiamava mentre trascinava la moglie per terra per proteggerla. Io correvo verso di lui per non farlo cadere. Lei, giovane donna di 19 anni, dice a quei bastardi che hanno ucciso mio figlio 'io so chi siete'. E questi sparano anche a lei". "Prima che venisse il medico legale sono passate ore - ha ricordato ancora - Poi hanno trovato un biglietto addosso a mio figlio dove era scritto: 'se mi succede qualcosa andate nel mio armadio'. Nessuno mi ha mai detto cosa vi fosse. Cosa hanno trovato? Chi c'era sugli scogli all'Addaura? Io ancora non ho verità e giustizia".
Agostino ha anche ricordato il giorno in cui un uomo, con la "faccia da mostro", venne a chiedere notizie del figlio tempo prima dell'omicidio. "Lui era partito in viaggio di nozze e viene questo uomo che ho definito 'faccia da mostro'. Ci sono voluti 26 anni per poterlo cercare. Alla fine l'ho trovato e l'ho riconosciuto in un confronto all'americana all'aula bunker dell'Ucciardone. Questo uomo è stato lasciato libero ed è morto il 21 agosto. Si chiamava Giovanni Aiello, stroncato da un infarto. Che posso pensare io? Che è un infarto vero o un infarto di Stato?". 
Infine, quando Lucci gli ha chiesto se riuscirà mai a tagliarsi i capelli e la barba, ha risposto: "Io me lo auguro ma non più per me, ma per i giovani che sono il presente. Loro devono costruire il domani".