24 giugno 2021

I SIERI COVID STANNO PORTANDO A PIÙ RICOVERI E INFEZIONI, ECCO LE PROVE


Questo rapporto è stato redatto da uno dei medici francesi più famosi e schietti, il  dott. Gerard Délépine , la cui moglie oncologa, la  dott.ssa Nicole Délépine , è ugualmente militante a favore dei pazienti contro Big Pharma e la burocrazia del governo. Vedi le loro biografie  qui . Vedi il loro sito qui:  https://docteur.nicoledelepine.fr/

Ricordiamo ai lettori che gli studi di Harvard e Johns Hopkins hanno dimostrato che  solo l’1% circa di tutte le lesioni e le morti da vaccino viene segnalato . Alcuni stimano che la percentuale sia più alta, tra l’1% e il 10%. Ad ogni modo, possiamo tranquillamente aggiungere 1 zero, se non 2, a qualsiasi statistica sui vaccini.

I tassi di reazione avversa dopo il vaccino Pfizer sono i più alti rispetto a tutti gli altri.  Questo dovrebbe far riflettere sul motivo per cui il siero di AstraZeneca è stato preso di mira quando tutti, in effetti, dovrebbero essere ritirati immediatamente.

Prove da tutto il mondo suggeriscono che i vaccini COVID stanno portando a più morti e infezioni

«È ora di tornare ai fatti provati e al loro esame critico. In tutti i paesi, le vaccinazioni sperimentali sono state seguite da un aumento della contaminazione e della mortalità attribuita a COVID-19 e dalla comparsa di mutanti.’

23 giugno 2021

ANTHONY FAUCI SAPEVA DA MARZO 2020 CHE IN ITALIA IL 99% DEI MORTI COVID AVEVA ALTRE PATOLOGIE


il NIH/NIAID era a conoscenza che il 99% dei decessi per covid in Italia aveva altre malattie.

Database Italia riporta queste informazioni da oltre un anno. Vedi anche: Lockdown Lunacy

Nel 2020 abbiamo riferito in tantissimi articoli che solo l’1% delle vittime del Coronavirus non aveva altre gravi condizioni di salute.

22 giugno 2021

“Bogre”, Fredo Valla: il mio film sul massacro dei Catari

«I perseguitati non hanno sempre ragione, ma i persecutori hanno sempre torto», sono parole di Pierre Bayle (1647-1706), filosofo francese contemporaneo di Spinoza, che, perseguitato per la sua fede ugonotta, si rifugiò a Rotterdam nei Paesi Bassi. Parole che mi sono state di ispirazione nella realizzazione del mio ultimo film documentario “Bogre – la grande eresia europea“. Film dedicato alla storia dei “bogre” (si legge bugre), ossia dei Bogomìli bulgari, cristiani dualisti, e della loro filiazione in Occidente, i Catari della Francia del Midì (l’Occitania dei Trovatori), dell’Italia settentrionale e centrale, delle Fiandre, della Germania e della Bosnia. Tra loro non si dicevano Catari, né Bogomìli, ma buoni uomini o buoni cristiani. Tuttavia, in Occitania, in segno di disprezzo, li dissero “bogre”, che significa bulgaro, per la derivazione dall’eresia sorta nel X secolo nelle terre balcaniche.

In Italia, il catarismo trovò terreno fertile a partire dal XI secolo, con forti comunità di buoni uomini a Desenzano, Concorezzo (Milano), Piacenza, Cremona, Sirmione, Verona, Marca Trevigiana, Firenze, Spoleto, Orvieto e, in Piemonte, a Monforte d’Alba, Roccavione, Cuneo e Fredo VallaAcqui. Alcuni studiosi pensano che ai tempi di Farinata degli Uberti, una buona percentuale di fiorentini fosse catara. I rapporti fra le chiese catare d’Occitania, Italia e Bosnia con i bogomili di Bulgaria furono frequenti, perlomeno fino al XIII secolo, con un flusso dai Balcani di libri dottrinali e la partecipazione ai concili, favorito dai commerci e dal passaggio delle crociate verso la Terrasanta. A testimonianza della ricchezza di contatti e scambi in un’Europa medievale che siamo abituati a pensare chiusa e isolata.

In Occidente il catarismo si propose come alternativa alla Chiesa di Roma. Per questo motivo nel 1209 Papa Innocenzo III scatenò contro i Catari una crociata di cristiani contro cristiani, chiamando a raccolta baroni e cavalieri del nord della Francia, coraggiosi ma spiantati – un po’ come i conquistadores spagnoli in Messico e Perù – promettendo loro la salvezza eterna e i ricchi feudi della Linguadoca. Il colpo più duro lo diede nuovamente il Papa nel 1230, con l’istituzione dei tribunali dell’Inquisizione, che crearono un clima di terrore e di delazione, che non può non portare alla mente il terrore staliniano. Ultima a resistere fu la Bosnia, dove il catarismo si estinse nella seconda metà del XV secolo con la conquista ottomana, quando la dottrina originaria già si stava esaurendo in un sincretismo religioso compromesso col potere.

21 giugno 2021

L’incubo della caduta di Saigon tornerà a Kabul?


Molti di noi hanno avuto un incubo ricorrente. Sai quello. In una nebbia tra il sonno e il risveglio, stai cercando disperatamente di fuggire da qualcosa di orribile, una minaccia incombente, ma ti senti paralizzato. Poi, con grande sollievo, ti svegli improvvisamente, coperto di sudore. La notte successiva, o la settimana successiva, però, ritorna lo stesso sogno.

Per i politici della generazione di Joe Biden quell’incubo ricorrente era Saigon, 1975. Carri armati comunisti che dilaniavano le strade mentre le forze amiche fuggivano. Migliaia di alleati vietnamiti terrorizzati martellano alle porte dell’ambasciata degli Stati Uniti. Elicotteri che strappano americani e vietnamiti dai tetti e li sboccano sulle navi della Marina. Marinai su quelle navi, ora piene di profughi, che spingono in mare quegli elicotteri da un milione di dollari. Il più grande potere sulla Terra mandato nella più lugubre delle sconfitte.

Allora tutti nella Washington ufficiale cercarono di evitare quell’incubo. La Casa Bianca aveva già negoziato un trattato di pace con i vietnamiti del Nord nel 1973 per fornire un “intervallo decente” tra il ritiro di Washington e la caduta della capitale sudvietnamita. Mentre la sconfitta incombeva nell’aprile 1975, il Congresso si rifiutò di finanziare altri combattimenti. Un senatore di primo mandato quindi, lo stesso Biden ha detto : “Gli Stati Uniti non hanno l’obbligo di evacuare uno, o 100.001, sud vietnamiti”. Eppure è successo comunque. In poche settimane Saigon cadde e circa 135.000 vietnamiti fuggirono, producendo scene di disperazione impresse nella coscienza di una generazione.

Ora, come presidente, ordinando un ritiro di cinque mesi di tutte le truppe statunitensi dall’Afghanistan entro l’11 settembre, Biden sembra desideroso di evitare il ritorno di una versione afghana di quello stesso incubo. Eppure quel “decente intervallo” tra la ritirata dell’America e il futuro trionfo dei talebani potrebbe benissimo dimostrarsi indecentemente breve.

I combattenti dei talebani hanno già conquistato gran parte delle campagne, il controllo del governo afghano sostenuto dagli americani a Kabul, la capitale, un meno di un terzo  di tutti i distretti rurali. Da febbraio, quei guerriglieri hanno minacciato i principali capoluoghi della provincia del paese – Kandahar, Kunduz, Helmand e Baghlan – stringendo sempre più il cappio attorno a quei bastioni governativi chiave. In molte province, come ha riportato di recente il New York Times , la presenza della polizia è già crollata e l’esercito afghano sembra a ridosso.

19 giugno 2021

Blog Emanuela Orlandi: Nuovo articolo e Sit-In per Emanuela





Pubblicati nuovi articoli nel Blog di Emanuela Orlandi 

Continua la narrazione degli eventi che hanno caratterizzato la vicenda della scomparsa:
 
GENNAIO - LUGLIO 1984

Come di consueto ricorderemo il giorno della scomparsa di Emanuela con un Sit-in che si terrà a Roma il 22 giugno in Largo Giovanni XXIII dalle 18,00 alle 20,00.



18 giugno 2021

L’Apocalisse è vicina


L’Apocalisse deve essere vicina. Sono d’accordo con Henry Kissinger – Sulla guerra fredda con la Cina. Il vecchio reprobo non ha torto su questo, tranne che in enfasi.

 

La fine deve essere vicina, perché sono d’accordo con Henry Kissinger su qualcosa. In effetti, “la fine” è esattamente ciò su cui sono d’accordo con Kissinger. L’ex segretario di stato, in una video apparizione con l’altrettanto esecrabile ex senatore Joe Lieberman, ha detto questo sulle relazioni USA / Cina:

“È il problema più grande per l’America; è il problema più grande per il mondo. Perché se non riusciamo a risolverlo, il rischio è che in tutto il mondo si sviluppi una sorta di guerra fredda tra Cina e Stati Uniti “.

 

Kissinger ha aggiunto:

“Abbiamo sviluppato la tecnologia di un potere che è al di là di ciò che chiunque immaginava anche 70 anni fa. E ora, alla questione nucleare si aggiunge la questione hi-tech, che nel campo dell’intelligenza artificiale, nella sua essenza si basa sul fatto che l’uomo diventa partner delle macchine e che le macchine possono sviluppare il proprio giudizio ”.

17 giugno 2021

LA PIRAMIDE DI MASLOW. LA MAPPA PER IL CONTROLLO DEI POPOLI


Nel 1954 lo psicologo Abraham Maslow propose un modello motivazionale dello sviluppo umano basato su una gerarchia di bisogni, disposti a piramide, in base al quale la soddisfazione dei bisogni più elementari è condizione necessaria per fare emergere quelli di ordine superiore.
I bisogni fondamentali, una volta soddisfatti, tendono a non ripresentarsi, mentre i bisogni sociali e relazionali rinascono con nuovi e più ambiziosi obiettivi da raggiungere.
Ne consegue che l’insoddisfazione, sia sul lavoro, sia nella vita pubblica e privata, è un fenomeno molto diffuso che può trovare una sua causa nella mancata realizzazione delle proprie potenzialità.

Per Maslow, infatti, l’autorealizzazione richiede una serie di caratteristiche di personalità, competenze sociali e capacità tecniche, ovvero una di una vita degnamente vissuta. Alla base della piramide ci sono i bisogni essenziali come la sopravvivenza, mentre salendo verso il vertice si incontrano i bisogni più immateriali.

16 giugno 2021

L '"Agenda Segreta" della cosiddetta Elite e il vaccino mRNA COVID

Articolo importante e tempestivo, pubblicato per la prima volta il 10 aprile 2020

"The International" è il canto di battaglia famoso in tutto il mondo del movimento operaio socialista. La versione inglese del testo originale francese recita:

"Svegliati, dannati di questa terra, che sono ancora costretti a morire di fame! (…) Esercito di schiavi, svegliati! (…) Popoli, ascoltate i segnali! Alla battaglia finale! Non c'è nessun essere supremo, nessun Dio, nessun imperatore o tribuno a salvarci. Per farci uscire dalla nostra miseria, questo è qualcosa che possiamo fare solo da soli ".

Questo appello fu rivolto al movimento operaio internazionale dopo la violenta repressione della Comune di Parigi nel maggio 1871. Non fu emesso alla sentenza "Elite" degli sfruttatori e degli oppressori.

Tuttavia, è proprio questa cosiddetta élite che sembra soffiare oggi all'ultima battaglia, in quanto sta cercando di ridurre la popolazione (spopolamento) attraverso una "vaccinazione protettiva di massa" obbligatoria. La composizione patogena o addirittura mortale di questo vaccino, che conterrà anche Nano-chip per controllare l'umanità , è stata certamente già mescolata nei laboratori segreti del mondo.

Anche l'eutanasia attiva di concittadini anziani e malati per mezzo di sonniferi forti e oppiacei ha già messo in cammino queste figure oscure.

Allo stesso modo una ridistribuzione mondiale della ricchezza generale dal basso verso l'alto, dai poveri ai super ricchi. Dovremmo noi cittadini di questo mondo, ricordando questi piani della cabala, non ricordare a chi fu effettivamente rivolta la chiamata per la battaglia finale?

Due di questi "cittadini del mondo" che sono coinvolti in tali piani sinistri sono l'ex Segretario di Stato americano e vincitore del Premio Nobel per la Pace Henry Kissinger e il ricco imprenditore e mecenate americano Bill Gates.

Più di 50 anni fa, Kissinger era Segretario di Stato e capo del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e autore del, 

" Secondo il memorandum, lo spopolamento dovrebbe essere" la massima priorità nella politica estera degli Stati Uniti verso il Terzo Mondo ", (...) perché" l'economia degli Stati Uniti ha bisogno di grandi e crescenti quantità di materie prime dall'estero, specialmente dai paesi meno sviluppati "( Eggert, W. (2003). Le epidemie pianificate AIDS - SARS e ricerca genetica militare. Monaco, p. 64)

In un articolo di opinione per il "Wall Street Journal", Kissinger ha chiesto

"Un primo passo per sviluppare 'nuove tecniche e tecnologie per il controllo delle infezioni e vaccini appropriati per grandi popolazioni'. (…) In una seconda fase, l'attenzione dovrebbe ora concentrarsi sulla "guarigione delle ferite dell'economia globale". (citato in RT Deutsch )

I cittadini del mondo dovrebbero quindi - che lo vogliano o no - essere vaccinati e, inoltre, dovrebbe essere verificato se hanno rispettato questo obbligo di vaccinazione.

Nell'articolo di RT appena citato, il vincitore del premio Nobel per la pace Kissinger viene anche definito un criminale di guerra perché, in quanto artefice dell'aggressione degli Stati Uniti contro il Vietnam e altre operazioni segrete segrete della CIA, è responsabile della morte di milioni di persone.

Vaccinazione

Kissinger e la The Bill and Melinda Gates Foundation sembrano concordare sulla questione della "vaccinazione di protezione di massa". Il 31 marzo 2020, il "Washington Post" ha pubblicato un articolo di opinione di Gates in cui descrive la sua visione di vaccinare le persone in tutto il mondo:

"Per porre fine alla malattia, avremo bisogno di un vaccino sicuro ed efficace. Se facciamo tutto bene, potremmo averne uno in meno di 18 mesi - il più veloce che un vaccino sia mai stato sviluppato .

Ma creare un vaccino è solo metà della battaglia. Per proteggere gli americani e le persone in tutto il mondo, dovremo produrre miliardi di dosi. (Senza un vaccino, i paesi in via di sviluppo corrono un rischio ancora maggiore di quelli ricchi, perché è ancora più difficile per loro fare le distanze fisiche e le chiusure.)

Possiamo iniziare ora costruendo le strutture in cui verranno prodotti questi vaccini. Poiché molti dei migliori candidati sono realizzati utilizzando attrezzature uniche, dovremo costruire strutture per ciascuno di essi, sapendo che alcuni non verranno utilizzati. Le società private non possono assumersi questo tipo di rischio, ma il governo federale sì. È un grande segno che l'amministrazione abbia stretto accordi questa settimana con almeno due aziende per prepararsi alla produzione di vaccini. Spero che seguiranno altri accordi.

Nel 2015, in un discorso TED , ho esortato i leader mondiali a prepararsi a una pandemia nello stesso modo in cui si preparano per la guerra - eseguendo simulazioni per trovare le crepe nel sistema. Come abbiamo visto quest'anno, abbiamo ancora molta strada da fare. Ma continuo a credere che se prendiamo le decisioni giuste ora, informati dalla scienza, dai dati e dall'esperienza dei professionisti medici, possiamo salvare vite umane e riportare il paese al lavoro.

Il programma di vaccinazione è correlato all'obiettivo di ridurre la popolazione mondiale?

In questo contesto, ricordiamo il motto illuminista di Kant " Sapere aude!":  "Abbi il coraggio di usare il tuo intelletto!"

*

Nota per i lettori: fare clic sui pulsanti di condivisione sopra o sotto. Inoltra questo articolo alle tue liste di posta elettronica. Crosspost sul tuo sito blog, forum Internet. eccetera.

Il Dr. Rudolf Hänsel è uno psicologo laureato e pedagogista.

Global Research 10 aprile 2020

15 giugno 2021

Lettera aperta di ex militari: un complotto contro la Repubblica? di Thierry Meyssan


Negli ultimi tre anni la Francia ha attraversato due grandi crisi, cui non è stata data risposta: la messa in discussione della globalizzazione da parte dei Gilet Gialli e la denuncia da parte dei sindacati di polizia del disgregamento dello Stato. Entrambe non hanno ricevuto risposte adeguate alla sostanza dei problemi sollevati. Sebbene le ragioni di coloro che hanno suonato l’allarme siano condivise da tutti, è impossibile discuterne pubblicamente. Così la democrazia muore, non già per mancanza di confronto, ma perché si ergono tabù.

I Gilet Gialli contro la globalizzazione

Nel 2018 la Francia è stata scossa da un vasto movimento popolare, i Gilet Gialli. Nato da una protesta contro il rialzo delle imposte sulla benzina, molto presto si è palesato come contestazione degli effetti sociologici della globalizzazione degli scambi: scomparsa delle classi medie occidentali, emarginazione in zone rurali malservite [1].

Due settimane dopo l’inizio delle manifestazioni, gruppi non identificati si sono infiltrati nel movimento e l’hanno sabotato dall’interno. Così, dopo 15 giorni in cui tutti i manifestanti brandivano con fierezza la bandiera francese e cantavano la Marsigliese – cosa che da cinquant’anni non accadeva nelle manifestazioni popolari – teppisti incappucciati e vestiti di nero vandalizzavano l’Arco di Trionfo, in particolare la scultura della Marsigliese. Al processo che seguì si dimostrò come questo gruppo di provocatori non avesse alcun rapporto con i Gilet Gialli, che però furono gli unici a venire arrestati.

In mancanza di un leader che denunciasse l’infiltrazione, nel giro di un anno il movimento dei Gilet Gialli si smorzò progressivamente. Tuttavia, i problemi che erano all’origine permangono.

14 giugno 2021

Operazione Corona: i golpisti vorrebbero farla franca

Conte

Un colpo di Stato mondiale, progettato contro una vittima in particolare: la nostra società occidentale. Doveva scattare nel 2022, ma la crisi bancaria dei Repo ne ha accelerato i tempi. Ora il golpe è fallito, ma ha lasciato macerie: ha disastrato la democrazia e rottamato l’economia, proprio come volevano i golpisti, ingigantendo la paura e trasformando i cittadini in docilissime pecore, private delle libertà più elementari in nome di un pericolo virtuale, manipolato da cima a fondo. Ormai è cominciata una grande retromarcia, segretamente pattuita, ma a caro prezzo: non si può smontare da un giorno all’altro un “giocattolo” come quello, che ha distribuito miliardi e sta ancora arricchendo intere filiere di beneficiari, migliaia di persone. E il fardello più inquietante è quello rappresentato dai vaccini “genici” in circolazione: aleggia il vecchio incubo del depopolamento, predicato da una certa élite. Una cosa è certa: l’establishment del lockdown spera di passarla liscia, evitando una nuova Norimberga che metta in chiaro i crimini commessi. E il governo Draghi servirebbe proprio a questo: a far uscire l’Italia dall’emergenza, incanalandola però nei binari del Grande Reset in corso. E soprattutto: assolvendo la politica che ha eseguito gli ordini golpisti.

In altre parole, anche il finale dovrà avere il sapore della farsa: avremo “sconfitto il virus” – si dirà – grazie ai sacrifici imposti con i lockdown, e poi soprattutto grazie alla vaccinazione di massa (imposta col ricatto, nonostante la Costituzione vieti di disporre Tso sulla base di farmaci ancora sperimentali). Tra tante voci eretiche, quella di Nicola Bizzi – storico e fondatore delle Edizioni Aurora Boreale – spicca per la precisione delle denunce solitarie, il tempismo delle previsioni e la lucidità delle analisi. Il saggio “Operazione Corona”, che oggi è il libro più censurato d’Italia, parla di un “colpo di Stato globale”: un golpe «finalizzato innanzitutto a un Grande Reset economico, finanziario e sociale, e in secondo luogo anche a una drastica riduzione delle libertà civili e democratiche, su scala planetaria». Secondo alcuni indizi doveva essere attuato solo nel 2022, ma a bruciare i tempi – nel settembre 2019 – sarebbe stata la crisi dei Repo, le compensazioni interbancarie tra banche centrali: non c’era più denaro per garantire i prestiti, e l’unica soluzione consisteva nell’arresto improvviso dell’economia, trovando un espediente adatto (il provvidenziale virus mediatico).

11 giugno 2021

Terrorismo e strage: Covid, la denuncia ai Pm di Roma

Franco Trinca

Associazione a delinquere, omicidio, strage e terrorismo: sono alcuni del capi di imputazione ipotizzati nel voluminoso dossier inoltrato alla Procura di Roma dal biologo Franco Trinca, assistito dagli avvocati Alessandro Fusillo e Francesco Scifo, quest’ultimo presidente dell’associazione European Consumers. Covid a mano armata: un’operazione criminale, deliberatamente pianificata e attuata per ottenere il massimo disastro possibile, facendo esattamente il contrario di quanto occorreva fare? Su questo i denuncianti non hanno dubbi, come anticipato il 21 aprile nella conferenza stampa alla Camera, su iniziativa di Sara Cunial. Il professor Trinca esibisce un faldone gigantesco: 80 pagine di prove, dove ogni affermazione è accuratamente documentata. «Lo sottoponiamo all’autorità giudiziaria – afferma – invitando il magistrato a valutarne i gravissimi profili penali». Un invito anche ai cittadini: basta scaricare il dossier dal sito di Trinca, stamparlo in due copie a presentarlo alla prima caserma dei carabinieri, perché sia inoltrato alla magistratura inquirente.

Prima accusa: il Sars-Cov-2, agente della malattia Covid-19, «non è affatto arrivato in Italia come un “fulmine a ciel sereno”: il pericolo imminente di una pandemia da coronavirus diffusivo e potenzialmente pericoloso (se non curato tempestivamente e opportunamente) era stato ampiamente previsto e denunciato dall’Oms e dalla comunità scientifica internazionale». Non solo: «Le autorità sanitarie e governative italiane – questa l’accusa – non hanno compiuto le azioni dovute per preparare il paese e il sistema sanitario nazionale all’impatto con l’ondata pandemica». Come? «Specialmente con la medicina di territorio, come raccomandato dall’Oms». Per esempio: «Non è stato adeguato il piano pandemico risalente al 2006». Su questo, la Procura di Bergamo ha già aperto un’inchiesta giudiziaria, che fra l’altro ha messo sotto accusa Ranieri Guerra, ex dirigente del ministero della salute e poi direttore aggiunto dell’Oms. Peggio ancora: «Non è stato applicato nemmeno uno dei punti-chiave comunque previsti nel vecchio piano del 2006, che prescriveva la somministrazione tempestiva di farmaci antivirali e cure di supporto: non è stato fatto assolutamente nulla».

10 giugno 2021

Borsa: il Vaticano ha scommesso e lucrato sul Covid

Enrico Crasso

E’ ufficiale: il Vaticano ha incassato un bel po’ di soldi, dalla pandemia, speculando in Borsa e giocando d’anticipo sugli eventi. «Abbiamo investito in un fondo che prevedeva dei rischi ambientali, di guerra: non avremmo mai pensato a una pandemia», dice il broker Enrico Crasso, nell’intervista video rilasciata a “Report” nella puntata in onda il 17 maggio e anticipata sul profilo twitter del programma televisivo di RaiTre. «Abbiamo investito circa l’8% del patrimonio, cioè 4 milioni, proprio in uno strumento di questo genere, e credo veramente che sia stata un’ottima strategia», spiega Crasso. «Poi purtroppo è scoppiata la pandemia, e questo fondo ha cominciato a salire tantissimo». Con le sue dichiarazioni, Crasso spiega come avrebbe investito alcuni capitali della Segreteria di Stato vaticana che – secondo la trasmissione condotta da Sigfrido Ranucci – negli anni si sarebbero stati affidati proprio a lui e al suo fondo d’investimenti “Centurion”, che avrebbe ricevuto circa 400 milioni di euro da gestire.

Dalla sua villa sul lago di Lugano, in Svizzera, rispondendo alla domanda se tutti gli investimenti siano stati fatti d’accordo con la Segreteria di Stato vaticana, Crasso non ha esitazioni: «Nulla è stato fatto di nascosto». Il fondo in questione, che garantiva profitti altissimi in caso di crisi geopolitiche o pandemiche grazie alla speculazione sulle valute internazionali – ricorda “La Nuova Padania” – è il Geo-Risk gestito dalla banca d’affari Merrill Lynch, che dopo i primi mesi di pandemia (con i rendimenti schizzati alle stelle) ha poi dovuto addirittura chiuderlo. «Dovranno rispondere di questo – protesta Crasso – perché a febbraio, quando la pandemia scoppiò, il fondo fece un salto, facendo quasi il 20% in un solo giorno». Aggiunge il manager finanziario di fiducia del Vaticano: «Nel periodo successivo, non dico che avrebbe triplicato il valore, ma lo avrebbe almeno raddoppiato».

09 giugno 2021

Covid – Le vite che potevano essere salvate


Decine di migliaia di vite avrebbero potuto essere salvate

se la ricerca sui trattamenti Covid non fosse stata soppressa, dicono medici ed economisti.

La mancanza “quasi completa” di orientamenti e ricerche sulle opzioni di trattamento da parte del governo- “esclusi i vaccini” – è “inconcepibile”, ha detto il dottor Pierre Kory, specialista in cure critiche dell’Università del Wisconsin.

Fin dai primi giorni della dichiarata pandemia di coronavirus, i medici fedeli al loro giuramento di Ippocrate hanno cercato – e identificato – trattamenti efficaci per la Covid-19.

A metà novembre, il dottor Peter McCullough, vice-direttore del reparto di medicina interna al Baylor University Medical Center, e altri tre esperti, hanno delineato trattamenti sicuri e disponibili da sottoporre l’influente Comitato per la Sicurezza interna e gli Affari governativi del Senato.

Lo specialista di cure critiche dell’Università del Wisconsin, il dottor Pierre Kory, ha proseguito con un’ulteriore discussione sui trattamenti Covid praticabili in una testimonianza dell’8 dicembre davanti allo stesso comitato.

Tuttavia, come il presidente di Children’s Health Defense Robert F. Kennedy, Jr. ha osservato durante una conversazione del marzo 2021 con McCullough,

abbiamo visto questo conflitto molto strano … che molti di quei trattamenti che potrebbero salvare vite, invece di essere promossi, esaminati e studiati dalle autorità sanitarie, vengono invece sabotati e resi … inaccessibili“.

08 giugno 2021

“SUICIDIO” DETTORI / IL GIALLO DELL’“AGENTE” FRANCESE SPARITO


Il giallo del “suicidio” di Mario Alberto Dettori, il maresciallo dell’Aeronautica trovato impiccato ad un albero sette anni dopo la tragedia di Ustica.

Giorni fa il gip del tribunale di Grosseto, Marco Mezzaluna, ha archiviato il caso, nato cinque anni fa, nel 2016, in seguito alla denuncia “contro ignoti” dei familiari della vittima, che hanno sempre parlato di omicidio, escludendo con forza e con convinzione che il maresciallo abbia mai potuto pensare di togliersi la vita.

Giancarlo Dettori. Sopra, il gip Marco Mezzaluna

Taglia corto adesso il gip toscano: “Ritiene questo giudicante che il decesso del Dettori sia da attribuire ad un gesto suicidiario, senza responsabilità alcuna di terze persone, non esistendo agli atti alcun elemento che possa anche solo lontanamente portare a ritenere che la morte sia stata dovuta ad un omicidio o comunque ad un intervento di terze persone, così come già escluso dal Giudice Istruttore che ebbe ad indagare sul disastro di Ustica”.

Niente di nuovo, nessun passo avanti, nessun elemento interessante venuto a galla in tutti questi anni, vale a dire dalle prime indagini del giudice istruttore Rosario Priore degli anni ’80 fino ad oggi. E’ questa la realtà giudiziaria (non) emersa.

Ma la famiglia non si arrende, e replica a muro duro, come abbiamo riportato nell’inchiesta di pochi giorni fa. Non vuole più la Verità, perché ormai acclarata, e tale da non esser vista solo da chi non vuol vedere; ma la Giustizia, mai affiorata, e soprattutto per onorare la memoria di un eroe, fino ad oggi poco celebrato, perché la sua storia non ha mai avuto la ribalta delle cronache, quasi dimenticata dai media.

07 giugno 2021

L’epidemiologo di Stanford sbugiarda Crisanti e accusa Formigli: «Travisato in tv»


A cura di Fabio Dragoni, “La Verità” maggio 2021

Ioannidis, celebre epidemiologo di Stanford, tira le orecchie al microbiologo di riferimento per i chiusuristi: «Il mio studio non è stato ritirato». E a «Piazzapulita» contesta: «Mi hanno messo in bocca parole non mie»

Da qualche giorno è l'epidemiologo del momento anche qui in Italia. Professore di medicina, epidemiologia e salute pubblica all'università di Stanford, John P. A. Ioannidis è diventato noto anche al grande pubblico televisivo italiano. Si è parlato di lui nelle ultime due puntate di Piazzapulita su La 7. Chi legge La Verità non si farà cogliere impreparato. Il primo a parlarvi di lui è stato il nostro Antonio Grizzuti, che nel numero del 31 marzo vi ha illustrato uno dei suoi ultimi studi, pubblicato sul Journal of clinical epidemiology. Le conclusioni sono chiare: «Pur non potendo
escludere piccoli benefici dalle chiusure (in gergo Npi) in termini di contenimento della diffusione dei casi, non ne troviamo di significativi. Simili riduzioni possono essere raggiungibili con provvedimenti meno severi».

05 giugno 2021

Byoblu Newsletter 28 maggio 2021: Vogliamo ridare al mondo la sua barchetta



Vogliamo ridarvi la barchetta!

È difficile pensare che esista qualcosa di cui la gente ha così tanto bisogno, e di cui si fida così tanto, da finanziarla direttamente, con le proprie tasche. Il mondo è abituato a far girare tutto intorno ai soldi. Chi fonda un'azienda, lo fa per guadagnare. Chi fonda una televisione lo fa per avere il controllo, per esercitare un potere, investe decine di milioni di euro, senza badare a spese. E non gli importa di essere in perdita, perché i soldi che apparentemente perde da una parte, li guadagna - dieci volte tanto - dall'altra, attraverso il controllo sulla politica.

Così, vai a spiegare a una banca perché ci sono migliaia di persone che mandano soldi spontaneamente a qualcuno. Non ci credono. Non ci sono abituati. È gente che ha sempre trattato con faccendieri, affaristi, speculatori. Bisogna capirli. È tutto il mondo che va cambiato, un pezzo alla volta. E si inizia da qui, da una televisione libera, lontana da quegli affaristi, da quegli speculatori, da quei faccendieri che, per dirla alla Baglioni, da piccoli "son stati marinai dietro agli occhiali storti e tristi, su una barchetta coi gusci delle noci", ma poi hanno capito che l'unica loro speranza era dominare per non essere dominati, e quella ferita gli ha fatto così tanto male che ancora piangono e non lo sanno. Non bisogna averne paura: bisogna rimettergli gli occhialetti storti sul naso e ridargli la barchetta, e un rivoletto d'acqua. Così si cambia il mondo, tornando a crederci.

Dal primo aprile 2021 ad oggi abbiamo speso oltre mezzo milione di euro. Le spese più grosse sono state quelle per acquistare il canale: 150mila euro più qualche decina di migliaia di euro in burocrazia e spese legali. Poi ci sono quasi 90mila euro di spese di trasmissione, tra maggio e l'anticipo di giugno (sono 50mila euro al mese per illuminare tutte le case d'Italia). Il resto sono stipendi, tasse e contributi, consulenze legali, attrezzature, anticipi per la nuova sede, per le scenografie, i cablaggi… È tanto? Nelle televisioni che vogliamo sfidare, con mezzo milione ci fanno mezza puntata di uno spettacolo serale. Le trimestrali Mediaset relative a gennaio, febbraio, marzo 2021 parlano di 115 milioni di euro soltanto di spese per il personale. Riuscite ad immaginare quanto Davide si stia dando da fare per sfidare Golia? Uscirà a breve il bilancio del 2020, e poi faremo il provvisorio del 2021.

Se non vogliamo spegnere i ripetitori abbiamo bisogno ancora di una mano. Per essere chiari, la televisione ideale è quella che non ha bisogno della pubblicità, ma che dipende esclusivamente dal sostegno dei cittadini. Tuttavia bisogna anche essere pragmatici: le persone sono senza lavoro. Il motivo che ci spinge a dare loro voce è anche e soprattutto perché sono fragili. Un piccolo contributo a testa è sufficiente, ma per qualcuno anche quel poco può essere tanto. Così, per sostenere la tv dei cittadini ci stiamo impegnando a fondo per trovare piccole medie imprese, etiche e coerenti con il nostro messaggio, che abbiano voglia di acquistare spazi pubblicitari. E quando ci riusciremo, il nostro sogno è quello di devolvere le donazioni a tutti quei blogger indipendenti che fanno un'informazione coraggiosa e che ne hanno bisogno per continuare a farla.

Ma nel frattempo dobbiamo aumentare i giornalisti (ne abbiamo solo cinque, che lavorano per venti), assumere un direttore di palinsesto, realizzare programmi di approfondimento degni della prima serata, far partire il marketplace (è tutto pronto, questione di giorni), realizzare infrastrutture per proteggere il sito dagli attacchi informatici... A proposito: lo sapete che da qualche settimana siamo attaccati pesantemente da botnet che si appoggiano sulle maggiori webfarm europee e Usa, tra cui quelle di Amazon e di Microsoft? Sono attacchi molto costosi, perché quelle botnet (reti di computer compromessi) si pagano un tanto all'ora, e loro attaccano ogni ora di ogni giorno, con lo scopo di rendere il sito impossibile da leggere, cambiando sempre strategia e area geografica di provenienza per rendere difficile difendersi. Avranno speso già decine di migliaia di euro. Dovei li prendono, loro, i soldi? Noi qualche idea ce l'abbiamo…

Una televisione dei cittadini fondata interamente dal basso non è mai esistita. Se esiste oggi, è solo grazie a voi. Avete partecipato a una delle più grandi imprese della storia. Ed è sui libri di storia che ne parleranno, quando la veemenza degli interessi sporchi che divorano il presente si sarà placata e, diradatosi il fumo, il mondo sarà pronto per guardarsi con lucidità alle spalle. Il cammino, quindi, è lungo, e noi dobbiamo diventare sempre più interessanti ed utili. Oppure chiudere. Ma se chiuderemo, beh …sarà un vero peccato! Quando ricapiterà un'altra occasione simile: quella di avere una televisione semplicemente di tutti, per tutti?

E allora coraggio, dateci una mano, che siamo a tanto così dal farcela!

AIUTACI CON UN BONIFICO

Conto intestato a: BYOBLU EDIZIONI SRL SEMPLIFICATA

IBAN: IT90V0326801600052100569510

Causale: Donazione libera per la Tv dei Cittadini

Importo: quello che potete

Se invece volete donare con PayPal o con carta di credito: premete su questo bottone:

DONA CON PAYPAL O CON CARTA

p.s. stiamo aspettando la decisione del giudice sul ricorso d'urgenza per far riaprire il canale Youtube di Byoblu, con oltre mezzo milione di iscritti. L'udienza si è tenuta martedì 25 maggio. Youtube aveva ben quattro legali e ha presentato 50 pagine di memoria. Vi terremo aggiornati.

Logo

Creative Commons (non commercial) 2021 BYOBLU EDIZIONI SRLS.

L'indirizzo della nostra mailing list è:

BYOBLU EDIZIONI SRLS
Via Castellammare 14
Milano, Italy 20157
Italy