19 settembre 2020

IL FALLIMENTO DEI MEDIA DI REGIME, E IL LORO SFORZO PER COPRIRE LA VERITA’ !


Sta succedendo ormai da tempo ma ieri, il giorno della grande manifestazione di Berlino, la collusione dei Media “Istituzionali” ha toccato il fondo.
Adnkronos, scrive : ” Questa mattina alla manifestazione erano circa mille partecipanti diventati poi 18.000 secondo stime della polizia, che è poi intervenuta per disperdere la marcia a causa proprio della violazione delle regole igieniche.”
Ma il fondo lo si tocca con il Tg di La7 che arriva addirittura a negare la manifestazione dei negazionisti del Covid.
Nel video al minuto 12:
Peccato che nello stesso momento, nella coraggiosa Berlino, si stavano schierando già centinaia di migliaia di pacifici manifestanti, disposti a presidiare la città per riappropriarsi dei loro diritti e della loro libertà.
Partecipanti da tutto il mondo, e contemporaneamente a Londra e a Parigi accadeva la stessa cosa.



L’ospite d’eccezione Robert Kennedy Junior rilascia diverse interviste ma quella che ci ha colpito di più è la seguente:


“Quando mio zio ( JFK ) venne qui era il 1962, sarebbe rimasto scioccato nel vedere che ,a quel tempo c’era una battaglia par la democrazia tra l’Ovest e l’Est, e che oggi c’è probabilmente la peggiore battaglia nella Storia Umana.
I Governi amano le pandemie e le componenti autoritarie nelle società, amano le Pandemie, perchè offre loro la capacità di usare la paura e usare il terrore per ESERCITARE IL CONTROLLO AUTORITARIO sulla Società, per COSTRINGERE ALL’OBBEDIENZA le persone e, per la prima volta, stiamo vedendo questo avvenire in tutto il Mondo.
Sta accadendo ora e tocca alla nostra generazione insorgere…”



Dopo le rivolte violente e sanguinarie in America, organizzate da Antifa e BLM e finanziate da Soros, assistiamo invece adesso, al trionfo della Pace e dell’autodeterminazione dei Popoli grazie a migliaia di uomini e donne di buona volontà, che hanno deciso di ribellarsi alla Dittatura Mondialista del NWO.
Mentre in Italia De Luca, Presidente della Regione Campania fa gli auguri a Briatore per la prostatite polmonare, il grande saggista e uomo di fede Alessandro Meluzzi bacchetta in modo inequivocabile i Giornali e la Stampa, invitando tutti gli italiani di spegnere la Tv e usare i giornaloni per altri usi più utili.
Grazie Professore per avere interpretato i sentimenti che ognuno di noi prova in questi giorni cupi e bui, in cui la violenza della Stampa è diventata ormai intollerabile ed esasperante.
Ci auguriamo che il Popolo Tedesco possa vincere questa grande sfida, ma intanto possiamo dire che il primo turno dei Mondiali di Calcio ( al Deep State ) 2020, hanno dato questo risultato :
Germania- Italia : 2 a 0 !!


Un ringraziamento anche agli USA per il loro supporto, più o meno visibile, che speriamo si amplifichi presto anche in Italia.

18 settembre 2020

Kennedy: finisce all’ospedale chi fa il vaccino anti-Covid

Robert Kennedy Jr Vaccini-spazzatura, che mandano all’ospedale il 25% delle persone che li assumono: altro che protezione dal Covid. E’ la scioccante denuncia firmata da Robert Fitzgerald Kennedy Junior, figlio del senatore Robert Kennedy, fratello del presidente John. Bob Kennedy fu assassinato nel 1968, quand’era il candidato democratico alle presidenziali americane. Robert Junior è quindi uno degli ultimi sopravvissuti di una stirpe a suo modo gloriosa, anche se molto sfortunata, ricorda Guido da Landriano su “Scenari Economici“. Robert Kennedy anche un noto avvocato ambientalista, oltre che autore di bestseller e conduttore radiofonico. Proprio alla radio, scrive Landriano, in un recente dibattito si è lanciato duramente contro il vaccino della Moderna, uno dei 5 vaccini anti Covid-19 in via di sperimentazione. Quello della Moderna dovrebbe passare alla terza fase di test, su decine di migliaia di persone, proprio in questi giorni. Inequivocabili le parole di Kennedy: quel vaccino, che è il più probabile candidato per l’adozione di massa, compromette seriamente la salute di chi lo assume, e rischia di essere messo in campo senza un’adeguata fase di collaudo: «Il vaccino Moderna ha saltato del tutto il test sugli animali, ed è stato testato solo su 45 persone». Un campione davvero esiguo, che peraltro ha già mostrato come il vaccino non sia per nulla sicuro.
«Avevano un gruppo ad alto dosaggio di 15 persone, un gruppo a medio dosaggio di 15 persone e un gruppo a bassa crescita di 15 persone», ha spiegato Kennedy. «Nel gruppo a basso dosaggio, una delle persone si è ammalata così gravemente, a causa del vaccino, da dover essere ricoverata in ospedale». Statisticamente: il vaccino costringe a ricoverare il 6% delle cavie “a basso dosaggio”. Quanto al gruppo “ad alto dosaggio”, «tre persone si sono ammalate così tanto da dover essere ricoverate in ospedale: e rappresentano il 20% del campione». Robert Kennedy, aggiunge “Scenari Economici”, ha attaccato duramente anche i criteri di esclusione utilizzati nella selezione dei candidati alla sperimentazione: «Stanno dando questi vaccini solo alle persone più sane». Ancora: per essere ammesso ai test «non puoi essere incinta e non puoi essere in sovrappeso, non devi mai aver fumato una sigaretta, non devi mai “svapare”, non devi avere problemi respiratori nella tua famiglia e non puoi soffrire di asma». Non è tutto: «Non puoi avere il diabete, l’artrite reumatoide o qualsiasi malattia autoimmune. E non ci deve essere nessuna storia di convulsioni, in famiglia».
Queste, ha aggiunto Kennedy, sono le persone su cui stanno testando il vaccino. «Cosa succederà quando lo daranno all’americano tipico? Sapete, a Sally con la pancetta e a Joe “Sacco di Donut”», termini che indicano lo statunitense comune, che tende all’obesità. Kennedy è in prima linea, da anni, nel denunciare la pessima fattura industriale dei vaccini recenti, che sospetta siano concausa di effetti collaterali anche gravi. Non a caso, per le vaccinazioni, Big Pharma gode della più completa immunità giuridica: gli Usa hanno finora speso 4 miliardi di dollari per risarcire persone che hanno dimostrato di esser state danneggiate dai vaccini. Kennedy ha un figlio autistico, ed è convinto che i vaccini contribuiscano alla nascita di bambini autistici: insieme all’attore Robert De Niro, ha messo in palio (inutilmente, finora) una ingente somma, centomila dollari, per il primo medico che riuscisse a dimostrare di poter escludere scientificamente la correlazione tra vaccini e autismo. Sul problema Covid, poi, la situazione è complicata dalla fretta. «Anche in Europa ci sono stati dei casi preoccupanti sul test del vaccino Astra Zeneca», scrive “Scenari Economici”: «Eppure, incredibilmente, si punta solo su questo tipo di terapia in modo massiccio: possibile che si mettano tutte le uova in un solo paniere?».

16 settembre 2020

Casi De Mauro E Giuliano / Dopo 50 Anni Carte Desecretate


Ci sono voluti quasi 50 anni per conoscere il contenuto di quattro bollenti informative firmate nel 1971 dal generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e dal commissario di polizia Boris Giuliano, trucidati poi dalla “mafia”.
In quei documenti erano rappresentate le convinzioni, di tutta evidenza suffragate anche da prove, che dietro ai grandi omicidi di mafia ci fossero ben altre menti e, soprattutto, ben altri mandanti. Rimasti per mezzo secolo a volto coperto.
Adesso la verità viene a galla tramite quei rapporti, che la Commissione Antimafia solo ora rende noti.
Sorge subito spontanea la domanda. Perché tanto stupore? Non era noto a tutti, se non da 50 almeno da 30 anni, che la mafia è sempre stata la manovalanza, il braccio armato di certo potere politico? Che omicidi e stragi dei quali in alcuni casi sono stati trovati solo gli esecutori materiali, siano state in realtà volute a ben altri, e alti, livelli?

Mauro De Mauro. Sopra, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa
I rapporti, in particolare, riguardano gli omicidi del giornalista dell’Ora di Palermo Mauro De Mauro e del procuratore della repubblica Pietro Scaglione.
Il primo (che era a conoscenza di elementi strategici sull’assassinio del presidente dell’Eni Enrico Mattei) venne ucciso da Leoluca Bagarella il 21 luglio 1979; mentre il secondo da un commando di Cosa nostra il 3 settembre 1982, quando ricopriva la carica di prefetto a Palermo.

Nelle carte fanno capolino anche gli atti dinamitardi che si verificarono a Palermo nella notte del Capodanno 1971.
Ecco viene scritto in un dossier: “Fatti che non hanno precedenti nelle manifestazioni criminose dell’isola, perché paiono talmente aberranti da far ritenere che si agitino o si occultino a monte degli esecutori materiali grossissimi interessi ai quali non sarebbero estranei ambienti e personaggi legati al mondo politico ed economico-finanziario e che, in forma più o meno occultata, hanno fatto ricorso, dal dopoguerra in poi, a sodalizi di mafia per conseguire iniziali affermazioni nei più svariati settori, per garantire quanto via via acquisito, per speculare sugli ulteriori locupletamenti”.
Sorge spontaneo il gigantesco interrogativo: come mai la magistratura è stata solo (nel migliore dei casi) a guardare, ben conoscendo anch’essa quanto denunciato 50 anni fa da Dalla Chiesa e Giuliano?
Perché sono dovuti morire (fino ad oggi) invano due eroi come Paolo Borsellino e Giovanni Falcone?
Perché un muro di gomma lungo mezzo secolo?

15 settembre 2020

Documento top secret / Il Covid è falso allarme globale


Pubblichiamo questo articolo che circola negli Stati Uniti su un esplosivo Rapporto redatto nel maggio scorso da un team istituzionale di ricercatori tedeschi censurato dal governo della Merkel. Alla guida del team il ricercatore Stephen Kohn, costretto dal governo a lasciare l’incarico. 
L’articolo originale, che ci è stato segnalato da Umberto Pascali, è a firma del giornalista Daniele Pozzati.
Funzionario tedesco fa avere confidenzialmente alla stampa il Rapporto che denuncia il Coronavirus come 
“un falso allarme globale”

German Official Leak: COVID-19 is ‘A Global False Alarm’

Published on 
Written by Daniele Pozzati
Germany’s federal government and mainstream media are engaged in damage control after a report that challenges the established Coronavirus narrative leaked from the interior ministry.
Some of the report key passages are:
Funzionario tedesco fa avere confidenzialmente alla stampa il Rapporto che denuncia il Coronavirus come
  “un falso allarme globale”
Daniele Pozzati
29 maggio 2020


Stephen Kohn
Il governo federale tedesco e i media mainstream sono impegnati nel controllo dei danni dopo un rapporto che sfida la narrativa Coronavirus consolidata trapelata dal ministero degli interni.
Alcuni dei passaggi chiave del rapporto sono:
La pericolosità di Covid-19 è stata sopravvalutata: probabilmente il pericolo rappresentato dal nuovo virus non ha mai superato il livello normale.
Le persone che muoiono per Coronavirus sono essenzialmente quelle che morirebbero statisticamente quest’anno, perché hanno raggiunto la fine della loro vita e i loro corpi indeboliti non possono più far fronte a qualsiasi stress casuale giornaliero (compresi i circa 150 virus attualmente in circolazione).
In tutto il mondo, nel giro di un quarto di anno, non sono stati registrati più di 250.000 decessi per Covid-19, rispetto a 1,5 milioni di decessi [25.100 in Germania] durante l’ondata di influenza 2017/18.
Il pericolo ovviamente non è maggiore di quello di molti altri virus. Non ci sono prove che questo fosse più di un falso allarme.
Un rimprovero potrebbe seguire questa linea: durante la crisi di Coronavirus lo Stato si è dimostrato uno dei maggiori produttori di notizie false.
Finora, così male. Ma peggiora.
Il rapporto si concentra sulle “molteplici e pesanti conseguenze delle misure Coronavirus” e avverte che queste sono “gravi”.
Più persone muoiono a causa delle misure della corona imposte dallo stato di quante ne vengano uccise dal virus.
Il motivo è uno scandalo in corso:
Un sistema sanitario tedesco incentrato su Coronavirus sta posticipando la chirurgia salvavita e ritardando o riducendo il trattamento per i pazienti non-Coronavirus.
Berlino in smentita. Gli scienziati reagiscono.

14 settembre 2020

La Svezia era in lockdown, altro che “alternativa”!!


Da più parti in questi mesi vi sono stati coloro che hanno parlato del protocollo svedese come un modello unico e vincente nel contrastare la diffusione del COVID -19, in opposizione con chi ha ripetutamente indicato la Svezia e la sua iniziale mancanza di restrizioni come un esempio da non imitare assolutamente. I vicini e goliardicamente rivali norvegesi addirittura, in alcuni casi estremi, se la ridono nel vedere gli Svedesi in difficoltà e nel dubbio tengono tuttora chiusi i confini, tranne che per alcune zone recentemente dichiarate “verdi”. Ma esattamente di cosa si parla quando ci si riferisce alla cosiddetta “strategia svedese”?
La Svezia è stata interessata dalla pandemia relativamente in ritardo rispetto ad altri paesi europei, con un primo caso confermato il 31 gennaio (una donna di ritorno dalla provincia cinese di Wuhan), ed un secondo caso quasi un mese dopo, il 27 febbraio (un uomo di ritorno dal nord Italia). Tra la fine di febbraio ed i primi di marzo si calcola che circa un milione di svedesi abbia viaggiato in paesi in cui l’epidemia si era già ampiamente diffusa esponendosi al rischio del contagio e riportandosi realisticamente il virus a casa, in particolare da Gran Bretagna, USA, Francia ed Olanda.

13 settembre 2020

Franco Fracassi: Ecco i 3 Veri PADRONI e Proprietari di Tutto L' Occidente

NOME IN CODICE: Operation Virus Identification 2019; il piano elitario per il rimodellamento della società


Tutto quello che ci era stato inizialmente detto sul Coronavirus si è rivelato sbagliato. In effetti, non è affatto un’infezione “nuova” e unica nel suo genere, ma fa parte di una famiglia più ampia di cui, nel recente passato, si erano avute altre varianti. Inoltre, non è il virus più contagioso o più letale che abbiamo mai visto, ma un’infezione abbastanza lieve, che non ha alcun effetto sulla maggior parte delle persone e che uccide solo da 1/200 a 1/1.000 persone. (CDC-IFR- 0,26%) Inoltre, non c’era alcun reale pericolo che il nostro sistema sanitario pubblico fosse sul punto di collassare, perché il numero reale dei decessi non si è mai avvicinato alle stime dei modelli informatici difettosi che erano stati utilizzati per le decisioni di tipo politico (da 1 a 2 milioni di morti negli Stati Uniti). In breve, quasi tutto ciò che ci è stato detto fin dall’inizio si è rivelato palesemente sbagliato. Come mai? Perché pensate che le persone che ci hanno fornito i dati, molte di loro presumibilmente “esperte” nel loro campo, si siano sbagliate su tutto? E perché non hanno fatto alcuno sforzo per correggere pubblicamente i loro errori, quando avevano visto tutta la confusione che avevano creato?
È la politica, giusto? Quale altra spiegazione potrebbe esserci? I nostri leader e i loro burattinai dietro le quinte usano la scienza come veicolo per raggiungere i propri obiettivi politici particolari. In altre parole, il COVID-19 o, dovremmo dire, NOME IN CODICE: Operation Virus Identification 2019, è il piano per manipolare l’isteria da virus “per cambiare drasticamente e irrevocabilmente” la “struttura fondamentale della società” e per instaurare un ordine mondiale totalitario. (Tanto per rifarmi a CJ Hopkins). Questo è ciò che sta accadendo, i Democratici, i media e i numerosi esperti di malattie infettive stanno giocando un ruolo chiave in questa operazione, destinata a continuare fino a quando i suoi obiettivi non saranno stati raggiunti.
Ma, per ora, rinunciamo all’analisi politica e passiamo in rassegna ciò che sappiamo effettivamente del virus vero e proprio. Questo, ovviamente, non sarebbe necessario se i media avessero svolto il proprio lavoro e avessero offerto informazioni accurate, invece di alimentare l’isteria pubblica. Purtroppo, la maggior parte delle persone è altrettanto disinformata quanto lo era sei mesi fa, quando era iniziata l’epidemia. Perchè siamo arrivati ad una situazione del genere, se i media stavano effettivamente facendo il loro lavoro? Perchè non lo hanno mai fatto.
Quello che sappiamo per certo è che gli scenari apocalittici previsti non si sono mai materializzati. Due milioni di Americani non sono morti e il mondo non è finito di colpo. Sappiamo anche che le previsioni del modello computerizzato dell’Imperial College erano false, così come sappiamo che i paesi che hanno ignorato quegli assurdi modelli hanno fatto meglio degli altri. Come sottolinea il vincitore del premio Nobel [per la chimica, nel 2003], Michael Levitt, in un articolo su Haaretz:   (“Countering the Second Wave with Facts, not Misconceptions” [Contrastare la seconda ondata con fatti, non con idee sbagliate])
Lo stesso tipo di modelli prevedeva che in Svezia, il numero di morti per il COVID-19 avrebbe raggiunto le 100.000 unità entro il mese di giugno, se il governo svedese avesse continuato a rifiutarsi di imporre misure di blocco. La Svezia ha rifiutato questi modelli e ha coraggiosamente adottato … una politica democratica che ha ampiamente consentito una vita normale. In Svezia, nonostante le numerose case di cura, … il numero di morti è risultato essere il 6% di quelli previsti, circa 6.000 persone, con un’età media di 81 anni. La metà delle vittime erano residenti in case di cura e, in Svezia, in queste strutture l’aspettativa di vita dopo il ricovero è, in media, di 9 mesi.”
Lo ripeto: il bilancio delle vittime svedesi è risultato essere solo il 6% della stima originale. In confronto, il bilancio delle vittime negli Stati Uniti (167.000) non arriva al 10% della stima originale (dell’Imperial College). Entrambe le previsioni erano catastroficamente sbagliate, eppure abbiamo chiuso l’economia, portato la disoccupazione a livelli mai visti dalla Grande Depressione e condannato il paese ad anni di strazianti ristrutturazioni. E per che cosa?
Beh, per promuovere un’agenda politica agghiacciante e autoritaria, ecco perché. E questo ci fa capire a cosa serva veramente il Covid-19. È la politica mascherata da scienza.
L’articolo di Haaretz chiarisce anche la questione dell'”immunità di gregge,” abitualmente fraintesa dai media come il punto in cui il 60% (o più) della popolazione è stato infettato e quindi ha sviluppato anticorpi contro il virus. Questo è sbagliato, infatti la soglia per l’immunità di gregge è molto più bassa, probabilmente dal 5 al 15% della popolazione.
Ma come può essere una cosa del genere? Dopotutto, ci era stato detto che si trattava di un virus “nuovo,” completamente nuovo, che la nostra specie non aveva mai sperimentato prima e per il quale non avevamo sufficienti difese immunitarie.
Quella era stata un’altra bugia. Ecco di nuovo Michael Levitt:
“Non è necessario che l’infezione sia diffusa per fermare l’epidemia. La tesi secondo cui il 60% della popolazione deve essere infettato e diventare immune prima che la diffusione dell’infezione si arresti si basa su un calcolo matematico errato… L’evidenza più significativa, che smentisce decisamente la necessità di un tasso di infezione del 60%, è la pre-immunità. Ad esempio, il COVID-19 ha diversi ‘parenti’ (altri coronavirus) a cui la popolazione è già stata esposta e questa precedente esposizione può dare immunità ad un segmento significativo della popolazione. Lo scorso aprile, due di noi avevano scritto un articolo sulla natura postulata di questa immunità e sulle prove statistiche che ne indicavano l’esistenza. Avevamo notato che in diverse comunità chiuse sottoposte al test, il tasso di infezione era sempre limitato al 20%, percentuale che statisticamente si allineava con il tasso di infezione massimo in queste comunità, piuttosto che con coincidenze ricorrenti. Circa un mese dopo, un gruppo di ricercatori aveva pubblicato ulteriori prove a conferma di questa ipotesi su Cell, una delle riviste più prestigiose nel campo delle scienze biologiche. In California, circa il 60% delle persone che non erano mai state esposte al COVID-19, aveva cellule con memoria immunitaria in grado di riconoscere il virus e quindi di fornire una risposta immunitaria.
Inoltre, uno studio tedesco ha dimostrato che un’immunità del genere potrebbe interessare anche l’81% della popolazione. … Questo tasso di pre-immunità al COVID-19 è evidente anche nei tassi globali di infezione. Il virus ha iniziato ad infettare gli esseri umani più di otto mesi fa e l’epidemia si è già diffusa in gran parte del mondo. Tuttavia, nei vari paesi, il tasso di infezione rimane al di sotto del 20% della popolazione globale. Questo tasso limitato di infezione è rimasto invariato, indipendentemente dalle misure di allontanamento sociale (se presenti), come quarantene, blocchi locali o nazionali, uso di mascherine e così via. In Svezia, ad esempio, il tasso di infezione non ha superato il 20% e la percentuale di persone sopravvissute all’epidemia supera il 99,9% (!) della popolazione. È il caso anche del Belgio, il paese con il più alto tasso di mortalità, dove meno del 20% è stato infettato e più del 99,9% della popolazione è sopravvissuta all’epidemia… Le implicazioni di questi risultati sono della massima importanza. In base ad essi bisognerebbe rimuovere immediatamente la maggior parte delle restrizioni all’economia, permettere un rapido ritorno alla vita normale alla popolazione a basso rischio e aiutare i gruppi ad alto rischio a ridurre la frequenza dei contatti sociali.”
Questo non è un aspetto di secondaria importanza. La nostra politica e le politiche adottate dai paesi di tutto il mondo si basano su presupposti falsi e non scientifici. Pensate davvero che i responsabili di queste politiche non conoscano la scienza o non siano informati sulla “pre-immunità” o non sappiano che “la pre-esposizione può dare immunità” o che “il tasso di infezione è sempre stato limitato al 20% in tutti i paesi” (il che significa che solo 1 persona su 5 contrarrà l’infezione, indipendentemente dalla loro esposizione) o che in tutti i casi e in tutti i paesi “più del 99,9% della popolazione è sopravvissuta all’epidemia?
Ammettetelo, la maggior parte dei lettori non ne sa nulla, perché niente di tutto questo è mai comparso sui media mainstream. Come mai? Quali forze maligne e malvagie sono all’opera? Perché i nostri leader e i nostri media vogliono tenerci all’oscuro di questioni critiche per il nostro processo decisionale, fondamentali per i nostri mezzi di sussistenza ed essenziali per la nostra stessa sopravvivenza? Perché?
Lo ripeto, pensate davvero che i nostri leader e gli esperti di malattie infettive, come il bonario Anthony Fauci, non siano a conoscenza di questi fatti? Pensate che li abbiano liquidati come troppo banali o troppo superficiali per essere comunicati al pubblico o pensate che stiano deliberatamente nascondendo qualsiasi informazione che potrebbe mitigare la diffusa atmosfera di isteria che sta tenendo il popolo americano spaventato, isolato e sottomesso alle manipolazioni di oscuri mandanti?
Questo è quello che si dice un “gioco da ragazzi.” Siamo entrati in un periodo in cui ricchi oligarchi globalisti usano la falsa scienza, amplificata dai loro scagnozzi nei media e nel Partito Democratico, per ristrutturare radicalmente la società, in  modo che amplifichi i loro interessi materiali, rafforzando allo stesso tempo la loro presa sul potere. È chiaro come la luce del sole.
E c’è anche di più, perché la censura, la manipolazione e la politica hanno costi reali e i costi possono essere calcolati in termini di vite perse a causa dell’imposizione di una politica spietata e del tutto controproducente: il lockdown. Ecco cosa scrive Levitt:
“Anche la terza ipotesi, quella secondo cui rimuovere i lockdown comporterebbe una mortalità più elevata rispetto ad una politica di blocchi e restrizioni, non è corretta. Un virus si diffonde nella popolazione fino a quando un numero sufficiente di persone viene infettato e diventa immune o fino a quando non è disponibile un vaccino. I blocchi e le restrizioni possono solo rallentare la diffusione (“appiattire la curva”) ma non abbassano il numero totale di infezioni o la mortalità complessiva. Se esiste il rischio di sovraffollare gli ospedali, potrebbe essere necessario rallentare la diffusione dell’infezione. In caso contrario, l’appiattimento della curva può solo essere dannoso perché, una volta rimosse le restrizioni, l’infezione ritorna. Inoltre, una protezione efficace dei gruppi ad alto rischio è possibile solo per un periodo di tempo limitato: più si va avanti, più è difficile prevenire la loro esposizione al virus. Pertanto, paradossalmente, sono proprio i blocchi e le restrizioni a rallentare la costruzione dell’immunità di gregge, che, a sua volta, è necessaria per fermare l’epidemia e proteggere i gruppi ad alto rischio. A lungo termine, una politica del genere può portare ad un eccesso di mortalità.
In altre parole, i blocchi possono ritardare le infezioni ma non sono in grado di prevenirle. Un virus farà quello che deve fare un virus. Punto. Imporre blocchi non serve a niente, è come stare in riva al mare e ordinare alla marea di smettere di salire. È una misura inutile, che non porta a nulla. Infatti, secondo Levitt, i blocchi sono una minaccia per le persone anziane e vulnerabili perché, più a lungo permangono, “più è difficile prevenire la loro esposizione al virus.” In poche parole, i blocchi, in realtà, uccidono le persone che dovrebbero salvare.
Pensate che i nostri leader non lo sappiano? Certo che lo sanno. Levitt non è l’unico scienziato in grado di pensare in modo chiaro e razionale. Gli altri hanno semplicemente modellato il loro approccio in base alle richieste dei loro datori di lavoro. Il nome “Bill Gates” vi dice qualcosa?
Ecco di nuovo Levitt:
In Svezia … non c’è una “seconda ondata” perché non c’è stato alcun blocco. Pertanto, la politica di imporre e allentare le restrizioni non fa altro che prolungare la crisi, distruggere l’economia e, alla fine, portare ad un maggior numero di vittime. [Questa situazione] può anche continuare per anni, fino a quando non è disponibile un vaccino. Un’alternativa ai blocchi e alle restrizioni deve essere presa seriamente in considerazione.”
In effetti, i blocchi costano vite umane, i blocchi costano denaro e i blocchi sono la politica sbagliata. Ecco Levitt per l’ultima volta:
“Si può presumere che la gestione della crisi del COVID-19 sarà esaminata attentamente, sia in termini di aspetti sanitari, ma anche alla luce dell’indignazione pubblica per lo stato dell’economia. Un numero enorme di persone in tutto il mondo ha perso fonti di reddito, mezzi di sussistenza, dignità e futuro. La povertà è un fattore di rischio di mortalità molto più grave del COVID-19 e colpisce i bambini tanto quanto gli adulti. Una delle domande chiave che sicuramente verrà posta è se la leadership dei vari paese abbia mai preso seriamente in considerazione una valida alternativa alla risoluzione della crisi, un’alternativa che non comporti la perdita di così tante vite umane o la distruzione dell’economia. Paesi come Norvegia, Irlanda e Belgio hanno già dichiarato che non imporranno ulteriori blocchi, in quanto il danno palese supera di gran lunga un incerto beneficio.”
In ogni caso, gli Stati Uniti sono in condizioni assai peggiori. Abbiamo distrutto l’economia, chiuso le scuole, cancellato le piccole e medie imprese, aumentato i suicidi, la depressione, gli abusi domestici, la povertà, i senzatetto, l’alienazione e la miseria. Il popolo americano è stato sprofondato in uno strano mondo di continua paura e di incessanti manipolazioni da parte di élite intriganti e risolutamente impegnate a ricostruire completamente la società. Il COVID-19 è semplicemente il mezzo che hanno scelto per raggiungere il loro nefando obiettivo.

L’Idrossiclorochina funziona? Decidete voi.


Mike Whitney
comedonchisciotte.org

12 settembre 2020

Giulio Occhionero: "Le procure facciano chiarezza su Mifsud. Non può essere sparito nel nulla"

ROBERT KENNEDY JUNIOR / A BERLINO IL POTENTE J’ACCUSE CONTRO BIG PHARMA


Avete letto nelle ultime ore della grande manifestazione a Berlino per protestare contro le repressioni dei governi occidentali in tema di libertà e salute?
Di certo poche cose e taroccate. Solo per condannare quei (soprattutto) giovani sovversivi, sporchi negazionisti bollati come nazistelli, sprovvisti di mascherine e per questo randellati dalla polizia, quella sì in pretto assetto di guerriglia o di guerra.


Robert Kennedy jr. sul palco alla manifestazione di Berlino. In apertura il corteo dei manifestanti

UN TOTALE LOCKDOWN MEDIATICO
Neanche una notizia, tra i media di casa nostra, su quanto quei cittadini contestavano. E’ calata la censura più sfrontata, un muro di gomma imperforabile.
Nemmeno una parola su quello che hanno denunciato gli organizzatori della grande manifestazione cui hanno partecipato fiumi di persone, oltre 80 mila: altro che i 16-17 mila segnalati dalle “autorità” tedesche!

10 settembre 2020

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 10 set 2020


Rete Voltaire
Focus
 
 



In breve

 
La Sicurezza della Patria contro gli Antifa
 

 
Quale nuova arma è stata usata nel Golfo e a Beirut?
 

 
La CIA sfrutta illegalmente il petrolio nel Nordest della Siria
 

 
Il particolare riscaldamento climatico dell'Iraq
 
Controversie
 
 

 
abbonamento    Reclami
 
 

Capitolo 19 - Il Campo Magnetico Terrestre l'11/9


Ci sono alcuni rapporti, ad esempio, che riferiscono che alcuni paesi hanno cercato di creare qualcosa di simile al virus Ebola e che sarebbe un fenomeno molto pericoloso, per non dire altro...Altri si stanno impegnando anche nell'eco-terrorismo in base al quale possono alterare il clima, scatenare terremoti, attivare vulcani da remoto attraverso l'uso di onde elettromagnetiche. - William S. Cohen.

Penso sia corretto affermare che non si sia mai verificato un incidente la cui causa si possa chiaramente ricondurre alle interferenza elettromagnetica. - Granger Morgan.

In realtà non è difficile: il segreto è saper come fare. - Edward Leedskalnin.

Una canna da pesca elettromagnetica. - Robert Clark.

A. Introduzione

Sappiamo che esiste un legame tra elettricità e magnetismo. Da bambina, Dr. Wood ricorda di aver creato un magnete avvolgendo una bobina di filo attorno a un chiodo e collegando le estremità ad una batteria da 9 volt. Poi, tramite il fenomeno opposto, Dr. Wood apprese anche che attraverso l'induzione elettromagnetica un magnete può generare una tensione. Non solo tutti sappiamo che l'elettricità e il magnetismo sono correlati, ma sappiamo che possono interagire. Dopo aver concettualizzato e studiato le somiglianze tra un uragano e una bobina di Tesla, Dr. Wood si interrogò sull'effetto che un grande uragano potrebbe avere sul campo magnetico terrestre.

I dati utilizzati da Dr. Wood sono stati registrati dal Geographical Institute Magnetometer Array (GIMA) dell'Università dell'Alaska, un'istituzione che gestisce diversi siti con magnetometri situati in località dell'Alaska e del Canada occidentale. Sei stazioni furono attive e registrarono dati durante il periodo intorno all'11 settembre 2001. Di seguito viene mostrato un esempio di un tracciato delle loro registrazioni.

I valori misurati dai magnetometri provenienti dalle sei diverse stazioni di ricerca nel nord dell'Alaska rivelano variazioni anomale nel campo magnetico terrestre nei momenti esatti in cui gli eventi chiave si stavano svolgendo a New York City l'11/9. La fig.1 mostra le deviazioni dai valori medi su un periodo di quattro giorni.

Fig.1 - Fluttuazioni del campo magnetico terrestre nella direzione del nord magnetico,
(Componente Orizzontale (H) delle 6 stazioni: direzione Nord/Sud) dalle 8 PM del 08/09/01 alle 8 PM del 12/09/01 (4 giorni). [Fonte dati: Data Chart for 2001. Oggi, i dati in vari formati si possono reperire qui University of Alaska Archivio mentre è anche possibile visualizzare i grafici delle varie stazioni per le tre componenti del campo magnetico H, D, e Z, visibili anche nelle immagini che seguiranno. 
Le linee verticali colorate corrispondondono ai 5 eventi principali: blu scura: buco al WTC 1; rossa: buco al WTC 2; rosa: distruzione WTC 2; azzurra: distruzione WTC 1; verde: distruzione WTC 7].

Immediatamente prima del primo evento, al WTC 1, le letture dei magnetometri iniziarono a fluttuare dalla media. Tali fluttuazioni aumentarono e, in concomitanza con ogni evento distruttivo da quel momento in poi [formazione del buco al WTC 2, distruzione del WTC 2, del WTC 1 e del WTC 7], i valori si spostarono drasticamente verso l'alto o il basso. In tutti i casi, le fluttuazioni delle letture dei magnetometri furono significativamente diverse dalla norma, specialmente per quanto riguarda le tempistiche [ossia, le coincidenze temporali].