Visualizzazione post con etichetta Info. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Info. Mostra tutti i post

29 giugno 2020

Il trionfo della Svezia: rimanere liberi in un mondo in “lockdown”


Perché i media sono così preoccupati per la Svezia? E perché sono così determinati a dimostrare che l’approccio svedese al coronavirus è sbagliato? Dobbiamo credere che gli stessi media “mainstream”che hanno accettato tutti i sanguinosi colpi di stato, interventi e guerre degli ultimi 30 anni, siano improvvisamente diventati sostenitori disinteressati degli anziani svedesi che combattono contro un’infezione letale?
Sciocchezze. La ragione per la quale i media pubblicano circa 15 articoli contro la Svezia per ogni articolo a favore è perché hanno un interesse a farlo. I media vogliono fugare l’idea che ci sia un’alternativa all’approccio autoritario del lockdown. Conseguentemente, il modello svedese che lascia aperte parti dell’economia e si fida della gente che segue le linee guida del governo sul “distanziamento”, deve essere stroncato. Questo è ciò che sta realmente accadendo. I media non hanno alcun interesse in un piccolo paese nordeuropeo di 10,4 milioni di persone. Quello che a loro interessa è l’esempio che la Svezia sta dando agli altri paesi del mondo. Se tali paesi seguono l’esempio e decidono di adottare un approccio basato sulla scienza e sulla fiducia, piuttosto che sulla politica e sulla coercizione, allora il piano elitario per prolungare la crisi e ristrutturare l’economia comincia ad andare in fumo. Quindi la Svezia deve essere annientata. Più semplice.
La prima linea di attacco contro la Svezia è il suo “tasso di mortalità” che è significativamente più alto rispetto a quello dei suoi vicini della Norvegia o della Danimarca. E mentre oggi ci sono solo 4.395 morti in Svezia contro gli oltre 100.000 negli Stati Uniti, le informazioni sono sempre presentate in termini sensazionalistici, come questa ridicolo trafiletto del National Review.
“Ci sono stati dieci volte più decessi per COVID-19 in Svezia che in Norvegia su base pro capite. Secondo il sito web Worldometers, 435 svedesi per ogni milione di abitanti sono morti a causa del virus, mentre solo 44 norvegesi per ogni milione” (National Review).
Caspita, “435 su un milione di svedesi sono morti a causa del virus!” Quei barbari svedesi, stanno uccidendo il proprio popolo!
Questa è una assurdità allarmistica. Pensateci: “435 morti per milione” è solo 1 su 2.500. E’ sufficiente a giustificare la chiusura dell’economia e la sospensione delle libertà civili? Certo che no. E, tenete presente, la grande maggioranza di questi decessi si registra tra le persone che hanno oltre 70 anni e con patologie pregresse. Come in qualsiasi altra parte del mondo, circa il 90% dei decessi dovuti al Covid si verifica tra gli ultra sessantenni con comorbilità”.
Vi faccio una domanda: Un morto ogni 2.500 è un motivo sufficiente per strangolare l’economia e mettere il paese agli arresti domiciliari?
La risposta è “No”. L’isolamento non è stato solo un errore, ma è stata una reazione di paura, una reazione istintiva al picco esponenziale dei casi di positivi al Covid per i quali i politici erano completamente impreparati. Così, invece di consultare più esperti con opinioni diverse sull’argomento, l’amministrazione Trump ha adottato il modello cinese che è stato sostenuto dal dottor Fauci e dalla mafia dei vaccini. Di conseguenza, 40 milioni di americani hanno perso il lavoro, ogni settore dell’economia è in caduta libera e gli Stati Uniti sono destinati a un’altra Grande Depressione. In contrasto con questa follia, gli esperti svedesi di malattie infettive hanno sviluppato un piano ragionevole, basato sulla scienza, che è stato illustrato in un articolo del Dr. Johan Giesecke pubblicato su The Lancet. Eccone un estratto:
“È ormai chiaro che un rigido isolamento non protegge le persone anziane e fragili che vivono in case di cura, una popolazione che l’isolamento era stato concepito per proteggere. Non diminuisce nemmeno la mortalità da COVID-19, il che è evidente se si confronta l’esperienza del Regno Unito con quella di altri paesi europei…
Questi fatti mi hanno portato alle seguenti conclusioni. Tutti saranno esposti alla sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2, e la maggior parte delle persone sarà infettata. Il COVID-19 si sta diffondendo a macchia d’olio in tutti i paesi, ma non lo vediamo; si trasmette quasi sempre dai più giovani senza sintomi o con sintomi deboli ad altre persone che avranno anche sintomi lievi. Questa è la vera pandemia, ma continua sotto la superficie e probabilmente ora è al suo apice in molti paesi europei. C’è ben poco da fare per prevenire questa diffusione: un blocco potrebbe ritardare i casi gravi per un po’ di tempo, ma, una volta allentate le restrizioni, i casi ricompariranno. Mi aspetto che quando conteremo il numero di morti dovuti al COVID-19 in ogni paese, ad un anno da oggi, i numeri saranno simili, indipendentemente dalle misure adottate. 
Le misure volte ad appiattire la curva potrebbero avere effetto, ma un isolamento non fa altro che spostare i casi gravi nel futuro, non li impedirà. Certo, i paesi sono riusciti a rallentare la diffusione per non sovraccaricare i sistemi sanitari e, sì, farmaci efficaci in grado di salvare vite umane potrebbero presto essere sviluppati, ma questa pandemia è veloce e questi farmaci devono essere sviluppati, testati e commercializzati rapidamente. Molte speranze sono riposte nei vaccini, ma ci vorrà del tempo e, con la risposta immunologica all’infezione non chiara, non è certo che i vaccini saranno molto efficaci. 
In sintesi, il COVID-19 è una malattia altamente contagiosa e si diffonde rapidamente nella società. Spesso è abbastanza asintomatica e può passare inosservata, ma causa anche gravi patologie e persino la morte, in una parte della popolazione, e il nostro compito più importante non è quello di fermare la diffusione, cosa piuttosto futile, ma di concentrarci sul dare alle vittime sfortunate un’assistenza ottimale”. (“La pandemia invisibile”, The Lancet”)
Come potete vedere, il team svedese che ha sviluppato le linee di condotta non stava “scommettendo” sulle vite degli svedesi, come amano dire gli idioti dei media. Stavano applicando decenni di scienza a un problema che richiedeva loro di prendere decisioni difficili sul modo migliore per affrontare un’epidemia per la quale non c’è una cura conosciuta o efficace. E la loro scelta è stata chiaramente quella giusta. Hanno optato per mantenere l’economia il più possibile aperta, facendo ogni sforzo per proteggere i vecchi e i più vulnerabili. È stato un piano eccellente nonostante i notevoli problemi di attuazione, il più grande dei quali è stato l’aumento dei decessi nelle case di riposo, che è stato a dir poco catastrofico. Più della metà del numero di morti in Svezia proviene da questi centri per anziani, mentre 4.200 su 4.386 persone che hanno perso la vita a causa del virus erano ultrasessantenni. Questo NON È un errore di stampa (qui le statistiche ufficiali dello stato svedese): solo 186 persone sotto i 60 anni sono morte a causa dell’infezione.
Anche se queste statistiche possono essere scioccanti, non suggeriscono che la scelta sia stata sbagliata, ma solo che non ci sia stato uno sforzo sufficiente per proteggere gli anziani. Quindi, è giusto incolpare la Svezia per il suo tasso di mortalità più elevato?
Certo che lo è, a condizione che si conceda tempo sufficiente per capire se le misure di isolamento (degli altri paesi) abbiano effettivamente impedito le morti o se le abbiano solo rimandate fino alla revoca delle restrizioni. Solo così sapremo con certezza se hanno funzionato o meno. Alcuni esperti prevedono che la percentuale di morti si bilancerà a lungo termine e che il tasso di mortalità di Norvegia e Danimarca sarà molto simile a quello della Svezia. Ma solo il tempo ce lo dirà.
Vale anche la pena di notare che Belgio, Spagna, Regno Unito, Italia e Francia superano la Svezia in termini di “morti per milione”, che è la misura standard per valutare il successo o il fallimento di un particolare approccio. Allora perché la Svezia, che ha 405 morti per milione, è così spietatamente messa alla graticola, mentre il Belgio, che ha 817 morti per milione, se la cava senza problemi? Perché il Belgio non si è sottratto alla politica ufficiale di blocco che realizza il sogno elitario della legge marziale universale. La Svezia ha rifiutato questa opzione, ed è per questo che i media, asserviti al programma, le hanno appeso un bersaglio sulla schiena.
Sapevate che il Primo Ministro norvegese ha ammesso che il lockdown è stato un errore? È vero, ecco cosa ha detto:
“Nella serata di mercoledì scorso, il primo ministro norvegese Erna Solberg è andato in TV a fare una confessione: si era fatto prendere dal panico all’inizio della pandemia. La maggior parte delle pesanti misure imposte dall’isolamento della Norvegia si sono rivelate scelte esagerate, ha ammesso. “Era necessario chiudere le scuole?”, si è chiesta. “Forse no”. 
Non è il primo funzionario norvegese a riconoscere che l’isolamento non era necessario. Il 5 maggio, l’Istituto Norvegese di Sanità Pubblica (NIPH) ha pubblicato una nota informativa che riportava…. “La nostra valutazione ora… è che avremmo potuto ottenere gli stessi effetti ed evitare alcuni degli spiacevoli risultati non chiudendoci, ma tenendoci invece aperti, ma con misure di controllo dell’infezione”, ha detto Camilla Stoltenberg, Direttore Generale del NIPH in un’intervista televisiva all’inizio di questo mese…..
(“https://lockdownsceptics.org/2020/05/31/latest-news-47/)
Interessante, eh? Così, mentre la Norvegia è invariabilmente abituata a dimostrare che la Svezia “ha sbagliato”, il primo ministro norvegese pensa “che hanno fatto bene”. Non c’è da stupirsi che questa storia non sia apparsa da nessuna parte nei media occidentali.
E, sapevate che il governo britannico ha pubblicato i verbali riservati delle riunioni del SAGE (The Scientific Advisory Group for Emergencies) che dimostrano che la decisione del governo di rinchiudere il Paese non si è basata sulla scienza ma sulla politica? Date un’occhiata:
“…in nessun momento il SAGE ha mai parlato di qualcosa che assomigliasse ad un completo isolamento. In effetti, il SAGE ha sottolineato, in una riunione del 10 marzo, che vietare le riunioni pubbliche avrebbe avuto scarso effetto, dato che la maggior parte delle trasmissioni virali avvenivano in spazi ristretti, come ad esempio all’interno delle famiglie…” 
In altre parole, Boris Johnson e i suoi consiglieri non stavano seguendo “la scienza” quando hanno deciso di chiudere il paese il 23 marzonon stavano agendo in base ad alcuna raccomandazione specifica da parte del SAGE. Né il governo può sostenere che questa sia una delle alternative discusse alle riunioni del SAGE e che la sua decisione si basava, in parte, sull’analisi del SAGE sull’impatto di un blocco totale. Tale soluzione non è stata discussa in nessuna delle riunioni prima del 23 marzo. A tale riguardo, si è trattato di una decisione politica.”  (“Il governo stava davvero seguendo “la scienza”? Lockdown Skeptics)
Eccolo lì, nero su bianco: l’isolamento britannico non è basato sulla scienza così come l’isolamento americano. La strategia è stata adottata da politici isterici che hanno reagito in modo eccessivo a una crisi sanitaria per la quale erano totalmente impreparati. Questo è ciò che dimostrano questi documenti riservati SAGE.
Niente “Immunità del gregge”, dopo tutto?
“Il capo epidemiologo svedese Anders Tegnell, è stato ampiamente criticato per aver sostenuto che la Svezia avrebbe ottenuto “l’immunità del gregge” entro la fine di maggio. “Ma un recente studio ha scoperto che solo il 7,3% dei residenti di Stoccolma è risultato positivo agli anticorpi del coronavirus alla fine di aprile. “Credo che l’immunità del gregge sia molto lontana, se mai la raggiungeremo”, ha dichiarato alla Reuters Bjorn Olsen, professore di medicina infettiva all’Università di Uppsala. (Nationa Review)
Ma in questa storia c’è molto di più di quanto sembri. Non tutti coloro che sono esposti al virus manifestano una risposta anticorpale. Stando a Sunetra Gupta, professore di Epidemiologia Teorica all’Università di Oxford, (che ha prodotto un modello rivale alle spalle di Ferguson a marzo).
“Gli studi sugli anticorpi, sebbene utili, non indicano il reale livello di esposizione o il livello di immunità. In primo luogo, molti dei test sugli anticorpi sono “estremamente inaffidabili” e si basano su gruppi rappresentativi difficili da raggiungere. Ma, cosa ancora più importante, molte persone che sono state esposte al virus avranno altri tipi di immunità che non compaiono nei test anticorpali – sia per ragioni genetiche sia per il risultato di immunità preesistenti correlate ai coronavirus come il comune raffreddore.
Le implicazioni di ciò sono profonde: significa che quando sentiamo i risultati dei test sugli anticorpi la percentuale che risulta positiva agli anticorpi non è necessariamente uguale alla percentuale che ha immunità o resistenza al virus. Il numero reale potrebbe essere molto più alto. L’osservazione di modelli molto simili dell’epidemia in tutti i paesi del mondo ha convinto la professoressa Gupta che è proprio questa immunità nascosta, più che i lockdown o gli interventi governativi, ad offrire la migliore spiegazione della progressione del Covid-19: 
“In quasi tutti i contesti abbiamo visto l’epidemia espandersi, trasformarsi e sparire, quasi come un orologio. Paesi diversi hanno avuto politiche di blocco diverse, eppure quello che abbiamo osservato è un modello di comportamento quasi uniforme, molto coerente con il modello SIR. A mio parere, ciò suggerisce che gran parte della forza trainante in questo caso è dovuta alla crescita dell’immunità. Penso che questa sia una spiegazione più parsimoniosa rispetto a quella che vuole che in ogni paese l’isolamento (o vari gradi di isolamento, incluso l’assenza di isolamento) abbia avuto lo stesso effetto”. 
Alla domanda su quale sia la sua stima aggiornata del tasso di mortalità da contagio, la professoressa Gupta risponde: “Penso che l’epidemia sia in gran parte andata e che sia in via di estinzione in questo Paese, quindi penso che sarebbe sicuramente meno di 1 su 1.000 e probabilmente più vicina a 1 su 10.000”. Si tratterebbe di una percentuale compresa tra lo 0,1% e lo 0,01%”. (“Sunetra Gupta: Covid-19 sta sparendo“, unherd.com)
Gupta fa un’osservazione importante, ma è necessario spiegarla meglio. Se, per esempio, “solo il 7,3% dei residenti di Stoccolma è risultato positivo agli anticorpi del coronavirus alla fine di aprile”, ciò non significa che solo il 7,3% dei residenti di Stoccolma sia immune. Alcune persone hanno un’immunità innata (dovuta alla loro composizione genetica) o hanno “immunità esistenti” legate a precedenti infezioni come la Sars. Gupta ritiene che l’immunità sia più diffusa di quanto non risulti dai test anticorpali. Questo suggerisce che la percentuale di residenti di Stoccolma che sono immuni potrebbe essere molto maggiore di quanto pensiamo. Data la virulenza dell’infezione, così come l’interazione della popolazione della città, Stoccolma potrebbe essere già molto vicina all’immunità di gregge. Il calo dei “nuovi casi” suggerisce fortemente che l’immunità sta bloccando la diffusione dell’agente patogeno, il che significa che il virus si sta gradualmente estinguendo. Se questo è ciò che sta accadendo attualmente, allora alla Svezia sarà probabilmente risparmiata una “seconda ondata” della pandemia.
L’economia della Svezia; non così brillante
Si prevede che l’economia svedese si contrarrà a un ritmo paragonabile a quello dei suoi vicini. Guardate questo estratto da un articolo di NPR:
“Anche senza un blocco a livello nazionale, l’economia svedese ha subito un duro colpo perché la gente continua a seguire le linee guida del governo e a rimanere a casa… La Banca Centrale svedese, la Riksbank, ha fornito due potenziali scenari per le proiezioni economiche del Paese nel 2020. 
“Nonostante le misure globali sia in Svezia che all’estero, le conseguenze economiche della pandemia saranno considerevoli. Le conseguenze per l’economia varieranno a seconda di quanto durerà la diffusione del contagio e di quanto a lungo saranno in vigore le restrizioni attuate per rallentarlo”, ha dichiarato la Riksbank in un comunicato di aprile.
Entrambi gli scenari prevedono un aumento del tasso di disoccupazione e una contrazione del prodotto interno lordo del Paese. La banca centrale prevede un aumento della disoccupazione dal 6,8% al 10,1% e una contrazione del PIL fino al 9,7% quest’anno a causa della pandemia”. (“La Svezia non raggiungerà l’immunità di gregge a maggio“, NPR)
 In conclusione: la Svezia sta per affrontare una profonda recessione, proprio come i paesi che hanno attuato misure più severe. Cosa si è guadagnato a contrastare questa tendenza?
Forse nulla, ma mi aspetto che sarà molto più facile e meno costoso per la Svezia attrezzarsi per raggiungere la piena capacità produttiva rispetto a qualsiasi altro Stato in isolamento. E la Svezia non dovrà fare i conti con le chiusure perturbanti dovute a sporadiche epidemie come quelle che abbiamo visto di recente in Germania, Corea del Sud e Cina. In realtà, questo potrebbe essere un problema ricorrente nei Paesi che ripongono le loro speranze nella ricerca dei contatti o nelle quarantene. Al contrario, la Svezia ha scommesso sull’immunità alla vecchia maniera, sviluppatasi grazie all’esposizione controllata di persone più giovani e a basso rischio che hanno rafforzato le proprie difese naturali interagendo con i loro amici e le loro famiglie come farebbero normalmente. È chiaro che hanno fatto l’unica scelta sensata.
La Svezia ha dimostrato che è possibile contrastare una pandemia mortale e allo stesso tempo preservare la libertà personale. Solo loro hanno trionfato dove altri hanno fallito.
Link: www.unz.com 
Traduzione pro-bono di Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

24 giugno 2020

Viganò tifa Trump: Covid e rivolte, è l’inferno firmato Nwo

Carlo Maria Viganò
Signor Presidente, stiamo assistendo in questi mesi al formarsi di due schieramenti che definirei biblici: i figli della luce e i figli delle tenebre. I figli della luce costituiscono la parte più cospicua dell’umanità, mentre i figli delle tenebre rappresentano una minoranza assoluta; eppure i primi sono oggetto di una sorta di discriminazione che li pone in una situazione di inferiorità morale rispetto ai loro avversari, che ricoprono spesso posti strategici nello Stato, nella politica, nell’economia e anche nei media. Per un fenomeno apparentemente inspiegabile, i buoni sono ostaggio dei malvagi e di quanti prestano loro aiuto per interesse o per pavidità. Questi due schieramenti, in quanto biblici, ripropongono la separazione netta tra la stirpe della Donna e quella del Serpente. Da una parte vi sono quanti, pur con mille difetti e debolezze, sono animati dal desiderio di compiere il bene, essere onesti, costituire una famiglia, impegnarsi nel lavoro, dare prosperità alla Patria, soccorrere i bisognosi e meritare, nell’obbedienza alla Legge di Dio, il Regno dei Cieli. Dall’altra si trovano coloro che servono se stessi, non hanno principi morali, vogliono demolire la famiglia e la Nazione, sfruttare i lavoratori per arricchirsi indebitamente, fomentare le divisioni intestine e le guerre, accumulare il potere e il denaro: per costoro l’illusione fallace di un benessere temporale rivelerà – se non si ravvedono – la tremenda sorte che li aspetta, lontano da Dio, nella dannazione eterna.
Nella società, Signor Presidente, convivono queste due realtà contrapposte, eterne nemiche come eternamente nemici sono Dio e Satana. E pare che i figli delle tenebre – che identifichiamo facilmente con quel deep state al quale Ella saggiamente si oppone e che ferocemente le muove guerra anche in questi giorni – abbiano voluto scoprire le proprie carte, per così dire, mostrando ormai i propri piani. Erano così certi di aver già tutto sotto controllo, da aver messo da parte quella circospezione che fino ad oggi aveva almeno in parte celato i loro veri intenti. Le indagini già in corso sveleranno le vere responsabilità di chi ha gestito l’emergenza Covid non solo in ambito sanitario, ma anche politico, economico e mediatico. Scopriremo probabilmente che anche in questa colossale operazione di ingegneria sociale vi sono persone che hanno deciso le sorti dell’umanità, arrogandosi il diritto di agire contro la volontà dei cittadini e dei loro rappresentanti nei governi delle Nazioni. Scopriremo anche che i moti di questi giorni sono stati provocati da quanti, vedendo sfumare inesorabilmente il virus e diminuire l’allarme sociale della pandemia, hanno dovuto necessariamente provocare disordini perché ad essi seguisse quella repressione che, pur legittima, sarà condannata come un’ingiustificata aggressione della popolazione.
La stessa cosa sta avvenendo anche in Europa, in perfetta sincronia. È di tutta evidenza che il ricorso alle proteste di piazza è strumentale agli scopi di chi vorrebbe veder eletto, alle prossime presidenziali, una persona che incarni gli scopi del deep state e che di esso sia espressione fedele e convinta. Non stupirà apprendere, tra qualche mese, che dietro gli atti vandalici e le violenze si nascondono ancora una volta coloro che, nella dissoluzione dell’ordine sociale, sperano di costruire un mondo senza libertà: Solve et coagula, insegna l’adagio massonico. Anche se può apparire sconcertante, gli schieramenti cui ho accennato si trovano anche in ambito religioso. Vi sono Pastori fedeli che pascono il gregge di Cristo, ma anche mercenari infedeli che cercano di disperdere il gregge e dare le pecore in pasto a lupi rapaci. E non stupisce che questi mercenari siano alleati dei figli delle tenebre e odino i figli della luce: come vi è un deep state, così vi è anche una deep Church che tradisce i propri doveri e rinnega i propri impegni dinanzi a Dio. Così, il Nemico invisibile, che i buoni governanti combattono nella cosa Militanti in azione contro Trump, col pretesto della lotta al razzismopubblica, viene combattuto dai buoni pastori nell’ambito ecclesiastico. Una battaglia spirituale della quale ho parlato anche in un mio recente Appello lanciato lo scorso 8 maggio.
Per la prima volta gli Stati Uniti hanno in Lei un Presidente che difende coraggiosamente il diritto alla vita, che non si vergogna di denunciare le persecuzioni dei Cristiani nel mondo, che parla di Gesù Cristo e del diritto dei cittadini alla libertà di culto. La Sua partecipazione alla Marcia per la Vita, e più recentemente la proclamazione del mese di aprile quale National Child Abuse Prevention Month sono gesti che confermano in quale schieramento Ella voglia combattere. E mi permetto di credere che entrambi ci troviamo compagni di battaglia, pur con armi differenti. Per questo motivo ritengo che l’attacco di cui Ella è stato oggetto dopo la visita al Santuario nazionale San Giovanni Paolo II faccia parte della narrazione mediatica orchestrata non per combattere il razzismo e per portare ordine sociale, ma per esasperare gli animi; non per dare giustizia, ma per legittimare la violenza e il crimine; non per servire la verità, ma per favorire una fazione politica. Ed è sconcertante che vi siano vescovi – come quelli che ho recentemente denunciato – che, con le loro parole, danno prova di essere schierati sul fronte opposto. Essi sono asserviti al deep state, al mondialismo, al pensiero unico, al Nuovo Ordine Mondiale che sempre più spesso invocano in Trumpnome di una fratellanza universale che non ha nulla di cristiano, ma che evoca altresì gli ideali massonici di chi vorrebbe dominare il mondo scacciando Dio dai tribunali, dalle scuole, dalle famiglie e forse anche dalle chiese.
Il popolo americano è maturo e ha ormai compreso quanto i media mainstreamnon vogliano diffondere la verità, ma tacerla e distorcerla, diffondendo la menzogna utile agli scopi dei loro padroni. È però importante che i buoni – che sono in maggioranza – si sveglino dal torpore e non accettino di esser ingannati da una minoranza di disonesti con fini inconfessabili. È necessario che i buoni, i figli della luce, si riuniscano e levino la voce. Quale modo più efficace di farlo, pregando il Signore di proteggere Lei, Signor Presidente, gli Stati Uniti e l’umanità intera da questo immane attacco del Nemico? Dinanzi alla forza della preghiera cadranno gli inganni dei figli delle tenebre, saranno svelate le loro trame, si mostrerà il loro tradimento, finirà nel nulla quel potere che spaventa fintanto che non lo si porta alla luce e si dimostra per quello che è: un inganno infernale. Signor Presidente, la mia preghiera è costantemente rivolta all’amata Nazione americana presso la quale ho avuto il privilegio e l’onore di essere stato inviato da Papa Benedetto XVI come Nunzio apostolico. In quest’ora drammatica e decisiva per l’intera umanità, Ella è nella mia preghiera, e con Lei anche quanti La affiancano nel governo degli Stati Uniti. Confido che il popolo americano si unisca a me e a Lei nella preghiera a Dio onnipotente. Uniti contro il Nemico invisibile dell’intera umanità, benedico Lei e la First Lady, l’amata Nazione americana e tutti gli uomini e le donne di buona volontà.
(Carlo Maria Viganò, “Siamo nella battaglia tra figli della luce e figli delle tenebre”, lettera che l’arcivescovo, già Nunzio apostolico negli Stati Uniti, ha fatto consegnare personalmente a Donald Trump. La pubblica il 7 giugno 2020 il sito “UnUniverso“, rinviando al blog di Aldo Maria Valli per la versione integrale della missiva).

13 giugno 2020

PETIZIONE PER LA NAZIONALIZZAZIONE DEL DEBITO PUBBLICO – Micalizzi, Scardovelli, Galloni, Grossi #Byoblu24




Quattro tra i migliori economisti e giuristi che abbiamo, Alberto MicalizziMauro ScardovelliAntonino Galloni e Guido Grossi, insieme a Claudio Messora, editore di Byoblu, firmano una petizione che chiede al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio, al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Presidente della Corte dei Conti, in qualità di cittadini italiani, di nazionalizzare il debito pubblico tramite l’emissione di BTP Italia, ovvero di buoni del Tesoro destinati ai soli residenti italiani, con vantaggi sia per lo Stato che per i cittadini, per scongiurare di affidarsi sconsideratamente alla volontà di organismi finanziari internazionali che in cambio privatizzeranno l’Italia.
Abbiamo le risorse per rilanciare la nostra economia senza bisogno di chiedere niente a nessuno. Perché questa soluzione non è stata valutata? Chiediamo di saperlo, e con noi tutti i cittadini che firmeranno la petizione su Byoblu.

30 maggio 2020

Salotto politico con Gen. Pappalardo, Avv. Musso e il Dott. Amodeo



Abbiamo bisogno di chiarezza su alcune questioni politiche e per questo ho organizzato questo importante salotto con personaggi d'eccezione come Giornalista Francesco Amodeo, il Generale dell'Arma dei Carabinieri Pappalardo e l'Avvocato Musso.

21 maggio 2020

Si sveglia anche il Washington Times: il Covid-19 è una mega truffa


Marcello Pamio
Le cose si stanno muovendo o qualcuno corre ai ripari...
Il 28 aprile il “New York Times” se ne esce con un lungo reportage sul caso della Svezia.
Il paese scandinavo infatti dopo essere stato criticato per oltre un mese si prende la sua rivincita.
Numeri alla mano il governo svedese è quello che ha avuto ragione in Europa. A Stoccolma, con il doppio della densità di Roma, era tutto aperto: cinema, ristoranti, barbieri, scuole, palestre.
Gli svedesi insomma hanno continuato a vivere normalmente.
Il medesimo giorno il “Washington Times” pubblica addirittura un paio di articoli incredibili sul coronavirus. In pratica il Covid-19 sarebbe una delle più grandi truffe della storia: una truffa perpetrata dai media!
Ecco i titoli originali: “Coronavirus hype biggest political hoax in history” e “COVID-19 turning out to be huge hoax perpetrated by media”. In pratica “Il coronavirus promuove la più grande bufala politica della storia” e “COVID-19 che si rivela essere una grande bufala perpetrata dai media”.
Uno degli articoli inizia dicendo che il SARS-CoV-2, causa del COVID-19, ha ucciso 56.749 americani a partire da martedì e questa non è certo una cosa positiva, ma dati alla mano, è sempre meno della stagione influenzale 2017-2018 nella quale sono morte oltre 80.000 americani.
Gli esperti con i loro modelli computerizzati avevano previsto la morte di 1,7 milioni di americani, poi hanno dovuto rifare i modelli riducendo il numero tra i 100.000 e i 240.000 morti.
Ora, l'ennesimo modello richiesto dalla Task Force sul coronavirus della Casa Bianca prevede circa 70.000 morti entro la fine di agosto
I modelli come sempre fanno acqua da tutte le parti, ma passare da 1 milione e 700 mila morti a 70 mila, fa pensare ad una vera e propria strategia corrotta. Forse qualcuno desiderava una ecatombe?
Tasso di mortalità
Un recente studio della Stanford University ha stimato che il tasso di mortalità del virus probabilmente viaggia dallo 0,1% allo 0,2%, mentre ricordiamo che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) aveva stimato un tasso di mortalità superiore di 20 o 30 volte.
Secondo voi i media mainstream su quali dati hanno basato i loro servizi terroristici?
A New York City, epicentro statunitense della pandemia, il tasso di mortalità per le persone dai 18 ai 45 anni è dello 0,01%, ovvero del 10 per 100.000 nella popolazione.
Le persone di età pari o superiore a 75 anni, tuttavia, hanno un tasso di mortalità 80 volte superiore. Per i minori di 18 anni, il tasso di mortalità è zero per 100.000, che equivale a zero.
Salute ed età
Sempre il Washington Times afferma che più della metà dei decessi COVID-19 in Europa sono avvenuti in strutture di assistenza a lungo termine o in case di cura, mentre negli States solo un quinto delle morti registrate.
Quasi tutti i pazienti ricoverati in ospedale per il coronavirus a New York City avevano condizioni di salute precarie.
Fox News citando uno studio pubblicato dal JAMA, il giornale dell'associazione dei medici americani (Journal of American Medical Association), ha riferito che il 94% dei pazienti interessati aveva più di una malattia pregressa: il 42% era in sovrappeso e il 53% aveva ipertensione, mentre gli altri soffrivano di una varietà di disturbi.
Esattamente quello che è avvenuto anche da noi in Italia.
Conclusione
Per quale motivo hanno permesso a due tra i più importanti e letti quotidiani del mondo (New York Times e Washington Times) di pubblicare simili notizie? Non si può certo pensare ad una svista dell'editore e ovviamente neppure all'intraprendenza e al coraggio di un paio di giornalisti.
Se viene mandato in stampa il permesso dall'alto per farlo c'è sempre!
Quindi? Forse qualcuno in alto, ben sapendo che la Verità è figlia del tempo, sta in qualche maniera correndo ai ripari, parandosi il didietro? Della serie: “noi ve l'avevamo detto”.
Anche noi allora lo diciamo chiaramente e una volta per tutte: i servili media maistream sono una delle principali cause di questo disastro, perché hanno appositamente distorto, amplificato e scientemente veicolato il peggiore dei virus: la paura!


27 aprile 2020

Tarro: Ok Vaccinazione Anti-Tbc Per Salvarci Dal Coronavirus


La gestione dell’emergenza Coronavirus? Autorità politiche e sanitarie italiane del tutto incapaci a fronteggiarla.

E se la curva dei contagi continuerà a scendere, sarà il caso di ripristinare la vaccinazione antitubercolosi di massa per salvarci, il prossimo anno, dagli assalti del micidiale organismo o da contagi di ritorno.

Seconda, esclusiva intervista alla Voce dal professor Giulio Tarro.


La notizia, dirompente, il professor Giulio Tarro l’aveva data per la prima volta in un’ intervista esclusiva alla Voce lo scorso lunedì 23 marzo, dal titolo “Coronavirus: ecco perché gli extracomunitari sono immuni – Parla Giulio Tarro”. E’ vero, affermava Tarro in risposta alle nostre domande, su una popolazione di oltre 5 milioni di extracomunitari residenti in Italia, non risulta essercene nessuno ricoverato negli ospedali italiani per coronavirus. Ci aveva spiegato anche il motivo: la maggior parte di loro è stato vaccinato contro la tubercolosi da meno di 20 anni, termine entro il quale quel vaccino perde la sua efficacia, come accade agli italiani, e agli occidentali in particolare i quali, anche se vaccinati contro la tbc, lo sono generalmente in età neonatale, quindi perdono l’immunità appena ventenni. Una spiegazione, quella del luminare, allievo di Sabin, che risponde anche alle domande sul perché i bambini sono fortunatamente risparmiati dagli attacchi del virus.

La prima pagina di Libero mercoledì 26 marzo
Passano solo tre giorni ed esce il quotidiano Libero che titola a tutta pagina: “Il virus scansa gli immigrati – Lo conferma il virologo Galli”. Che fa il quotidiano diretto da Vittorio Feltri? “Ruba” la notizia, intervista il professor Massimo Galli – che naturalmente conferma – e fa la “scoperta”, senza mai nominare né la Voce, né il professor Tarro. Peccato per loro che quell’intervista avesse fatto già il giro di tutte le redazioni e di tutti i social, con centinaia di retweet e commenti, in Italia e oltre.
A ruota sono arrivati altri “giornaloni”, dirette tv, speciali. E nemmeno uno che abbia avuto l’onestà di citare la prima fonte.

Oggi il professor Tarro fa di più e rilascia una seconda, ancor più esclusiva intervista alla Voce, in cui risponde ai quesiti assillanti scaturiti dalla prima.
Serve allora vaccinarsi contro la TBC adesso? E c’è stata negligenza da parte di chi, sul fronte della prima linea, magari conosceva questa notizia e non l’ha approfondita?
Andando anche oltre questi aspetti, nell’intervista che pubblichiamo il professor Tarro punta l’indice, severo, contro la pessima gestione dell’emergenza Covid 19 da parte della sanità e della politica italiana. Leggiamo, tutto d’un fiato.
Poi naturalmente aspettiamo cosa avranno da dire e da “imitare” Libero e i tanti altri che anche in questa circostanza si sono cimentati nella vecchia, becera  abitudine di riprendere notizie di altri e lanciarle senza citare la fonte. Anche quando, come in questo caso, la fonte non è solo la Voce, ma uno scienziato due volte candidato al Premio Nobel, come Giulio Tarro.


Professor Tarro, dopo l’intervista che lei ha rilasciato alla Voce lunedì scorso, molti le chiedono: servirà a difenderci dal coronavirus, almeno per il prossimo anno, vaccinare contro la TBC gli italiani?

Sì, in base ai risultati che si osservano oggi negli extracomunitari, tutti vaccinati per la tubercolosi, sarebbe il caso di ripristinare la vaccinazione antitubercolare.

Potrebbe servire fare questa vaccinazione adesso, nella fase attuale?

Se scende la curva dei contagiati presumibilmente no, altrimenti potrebbe essere una delle soluzioni.


Lei nell’intervista del 23 marzo ci ha detto che è stata riscontrata una relazione fra vaccino antinfluenzale e impennata di polmoniti da coronavirus tra i vaccinati. Può spiegarci meglio in cosa consiste? E’ pericoloso essere vaccinati contro l’influenza durante l’epidemia da Coronavirius?

Ci sono più fattori che possono aver interagito insieme e che spiegano la situazione. Si presume che i contatti con il virus cinese siano stati maggiori al Centro-Nord che non al Centro-Sud. A ciò si aggiunga la concomitanza delle situazioni ambientali e climatologiche, diverse fra Nord e Sud dell’Italia, arrivando addirittura ad ipotizzare che nel corso delle settimane si sia venuto a formare un coronavirus padano autoctono, diverso rispetto a quello cinese. Altre possibilità emergono dalle situazioni di Bergamo e Brescia soprattutto, dove si presume che la circolazione di altri virus possa aver facilitato l’azione del SARS-Cov-2. Il problema, però, è stato soprattutto a monte: e cioè il non avere sufficienti posti letto in terapia intensiva, occupati in massima parte già a causa dell’influenza annuale. Sembra che la vaccinazione antinfluenzale favorisca l’infezione da coronavirus, addirittura maggiore del 36% come comunicato da uno studio militare americano: https://www.disabledveterans.org/2020/03/11/flu-vaccine-increases-coronavirus-risk/. D’altra parte, dal momento che vi è stata una recente, emergente meningite, sono state vaccinate 34.000 persone tra Brescia e Bergamo. Vi è stata una pubblicazione di studiosi olandesi stampata da un giornale scientifico dell’Università di Cambridge in cui sia la malattia meningococcica che pneumociccica sono state associate con l’attività dei virus influenzali e di quello respiratorio sinciziale. L’Istituto Superiore della Sanità ha affermato di recente che sono pochi i morti per il coronavirus e che invece la maggior parte lo sono per altre patologie (cardiocircolatorie, tumorali, diabete, eccetera).

Ritiene possibile che qualcuno, fra le autorità sanitarie e politiche italiane, conoscesse già questa relazione fra vaccino antitubercolosi e coronavirus?

Dal momento che le attuali autorità politiche e sanitarie si sono dimostrate del tutto incapaci a governare l’epidemia, come possiamo pensare che siano a conoscenza di qualche nozione di base?

Possiamo escludere quindi che, anche all’estero, ci sia stato chi dolosamente ha tenuto nascosta la formidabile immunità rispetto al Corovavirus dei vaccinati in anni recenti contro la tubercolosi?

Non credo che ci sia stato dolo. D’altra parte sappiamo che il complesso primario (della TBC) è un valido sistema messo su dall’organismo per difendersi dal micobatterio della Tubercolosi, così come da altro.

www.lavocedellevoci.it

20 aprile 2020

INTERVISTA A GARATTINI: CASO BURIONI & DI QUALE SCIENZA POSSIAMO FIDARCI?

Trump e il suo ‘riposizionamento’ delle truppe: abbiate almeno il coraggio di chiamarla ‘ritirata’


Pochi riescono dimenticare le parole di una collaboratrice laburista di Tony Blair, poche ore dopo la distruzione del World Trade Center l’11 settembre. “Oggi è il giorno buono per liberarci di tutto ciò che vogliamo seppellire, aveva scritto Jo Moore.
Donald Trump, ovviamente, la pensa allo stesso modo.
Mentre la pandemia di coronavirus imperversa in lungo e in largo per l’America, ha ordinato alle truppe statunitensi di abbandonare tre importanti basi militari in Iraq, per risparmiare loro ulteriori attacchi da parte dei combattenti iracheni sciiti sostenuti dall’Iran.
Trump si è sempre vantato della necessità di un ripiegamento, ma questa è una ritirata bella e buona. La versione ufficiale, secondo la quale gli Stati Uniti stanno “riposizionando [sic] le truppe da alcune basi minori,” è quasi altrettanto ridicola quanto quella dell’abbandono definitivo di Beirut da parte degli Stati Uniti nel 1984, dopo che, per mesi, erano rimasti sotto il fuoco delle milizie sciite. Poco meno di quarant’anni fa, gli Americani avevano detto che stavano “riposizionando le navi in mare aperto.”
Come il “riposizionamento” di Napoleone da Mosca. O il “riposizionamento” britannico da Dunkerque. Ora le forze statunitensi si “riposizioneranno” dalle loro basi di al-Qaim, Qayyarah e dalla base K-1 vicino a Kirkuk, in Iraq. Come nel “riposizionamento” di George Washington da Brooklyn Heights nel 1776, suppongo, o nel “riposizionamento” britannico da Kabul nel 1842.
Nel 1984, il presidente Reagan aveva detto che gli Americani non avrebbero “tagliato la corda” dal Libano. Ma lo avevano fatto. Nel gennaio di quest’anno, Trump aveva detto, parlando dell’Iraq: “Se partiamo, ciò significherebbe che l’Iran avrebbe un punto d’appoggio molto più grande [sic].” Stava cercando di minimizzare una lettera scritta dal Generale di Brigata del Corpo dei Marines, William Seely, che aveva appena detto la verità sulla strategia degli Stati Uniti al vicecomandante del Comando iracheno per le operazioni congiunte, il maggiore generale Abdul Amir. La coalizione guidata dagli Stati Uniti, aveva scritto Seely alla sua controparte irachena, “riposizionerà le truppe nel corso dei prossimi giorni e settimane per prepararsi all’operazione successiva.”
Oops! I generali non dovrebbero dire sempre la verità. Seely, ovviamente un tipo onesto, non aveva usato perifrasi. Ma il Pentagono l’aveva fatto. Il capo dello Stato Maggiore Congiunto, Mark Milley, aveva definito la lettera di Seely un “errore.” E’, aveva detto, “mal formulata” e “implica un ritiro,” cosa che, secondo lui, non stava accadendo. Ora sappiamo che sta davvero accadendo.
Un ritiro è esattamente ciò che intendeva Seely. Lungi dall’essere mal formulata, la lettera di Seely era fin troppo precisa. Ma questa, immagino, è la vita del soldato sotto Trump. Di’ la verità, e il bugiardo alla Casa Bianca ti farà schiaffeggiare, prima ancora che tu possa dimostrare di essere sempre stato onesto.
Il ritiro da al-Qaim, come si vede in un filmato francese, è un’operazione abbastaza caotica, con i soldati americani che ripiegano tende impolverate accanto a vagoni merci delle ferrovie irachene dimenticati da tempo e deragliati durante i combattimenti di quindici anni fa. Qui, appena tre anni fa, le truppe statunitensi (e gli Iracheni schierati con loro) combattevano contro l’apocalittica ISIS. All’esterno, le forze di mobilitazione popolari sciite (PMF) (i cui alleati, Kataib Hezbollah e le brigate al-Totof, si erano battuti contro gli stessi Jihadisti), si coordinavano, tramite l’esercito iracheno, con gli Americani nella loro lotta contro l’Isis.
Erano ovviamente supportati dal Corpo di Guardia Rivoluzionaria Iraniana. Un reporter del canale della BBC che trasmette in persiano aveva visitato al-Qaim 15 mesi fa e aveva notato come la campagna circostante fosse decorata con le bandiere del PMF.
C’erano stati attacchi occasionali contro gli Americani, e poi, follia delle follie da parte dell’esercito americano in Iraq (perchè il suo compito era quello di addestrare l’esercito iracheno, che ora comprendeva anche il PMF), Trump, il grande comandante in capo che non si sarebbe mai ritirato dall’Iraq, aveva deciso di assassinare il comandante iraniano Qassem Soleimani e, cosa ancora più stupida, di spazzar via, insieme a Soleimani, il vice capo del PMF, Abu Mahdi al-Muhandis.
Così il Pentagono aveva ucciso, o assassinato, visto che i droni sono ora i liquidatori preferiti quando viene decretata la morte dei nemici dell’America, il leader della più importante milizia dell’esercito iracheno, i cui uomini, in quel momento, circondavano le basi statunitensi.
Tutti gli attacchi successivi contro gli Americani devono essere valutati in base alla morte di questi due uomini. Era stato ucciso un mercenario americano. Poi due soldati americani ed uno britannico alla base di Taji (non ancora nella lista dei ritiri). Gli Americani avevano quindi lanciato attacchi aerei contro Kataib Hezbollah, uccidendo più di una ventina dei loro uomini. Un attacco missilistico aveva poi ferito gravemente 34 Americani (tutti avevano subito “traumi cranici,” secondo il Pentagono) ma Trump aveva assicurato che nessun soldato era rimasto ferito. “Ho sentito dire che avevano mal di testa,” aveva osservato in seguito. Se un presidente degli Stati Uniti riesce ad ignorare così allegramente le ferite dei suoi stessi uomini, è ovvio che possa chiudere altrettanto facilmente una o due basi. O magari anche tre.
Per aggiungere ulteriori ferite, e morte, all’insulto, gli Americani avevano poi attaccato l’aeroporto di Kerbala, in costruzione per i futuri pellegrini in visita al santuario sciita [della città] e ad altri luoghi in tutto l’Iraq, uccidendo tre soldati governativi della 19a Divisione Commando dell’esercito iracheno, due poliziotti ed un civile. Gli stessi curatori del santuario, sacro agli imam Hussein e Abbas, avevano condannato l’attacco e il ministero degli esteri iracheno aveva presentato una denuncia al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Gli Americani avevano affermato che l’aereoporto era un deposito di armi della milizia sciita.
Mike Pompeo, il Segretario di Stato, aveva minacciato che “l’America non avrebbe tollerato altri attacchi,” ma, a quanto pare, sono state le milizie sciite a non aver tollerato ulteriori attacchi. Loro non si “riposizionano.” Sono gli Americani a farlo. E, quando un funzionario del dipartimento della difesa degli Stati Uniti aveva detto alla BBC che la vicinanza alla base di al-Qaim della principale milizia sciita era stato “un fattore chiave nella decisione di spostare le forze altrove,” avevamo saputo che gli Americani avevano perso.
Ma, nel mondo capovolto di Trumplandia, questa è un’altra vittoria. Come l’accordo Usa-Talebani di questo mese per il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan, 8.500 di loro entro 135 giorni, in cambio di una promessa da parte dei loro nemici guerriglieri da 19 anni di tenere al-Qaeda, l’Isis e gli altri Jihadisti fuori dal paese. Gli Americani, ci viene detto, avranno ancora forze sufficienti per condurre “operazioni antiterrorismo” contro questi ultimi. Nel linguaggio del Pentagono, una lingua da sempre separata dalla vita reale (una cosa comune nel cimitero degli imperi): “USFOR-A [US Forces Afghanistan] è a buon punto per soddisfare i livelli di forza diretta mantenendo le capacità necessarie.” Bene, come si diceva una volta, andatelo a dire ai Marines.
Certo, se i Talebani manterranno la parola gli Americani ritireranno il resto delle loro truppe entro 14 mesi. E tutto questo, dobbiamo ricordarlo, in una nazione talmente divisa che i due presidenti rivali hanno tenuto a Kabul cerimonie di giuramento separate, proprio alla maniera degli imperatori romani, sebbene il paese possa a malapena contenere sia Roma che Bisanzio, beffando in questo modo tutte le pretese americane di creare la democrazia in Afghanistan.
Ricordo ancora il funzionario americano che, già nel 2002, dopo che i Talebani erano appena stati “distrutti“, ricordiamolo, aveva detto che questa nuova democrazia afgana avrebbe potuto anche essere “non-Jeffersoniana.” Ciò che quel particolare padre fondatore avrebbe fatto dell’accordo USA-Talebani è ancora da vedere. Avrebbe anche potuto manifestare la propria approvazione per le ragioni dei Talebani.
Ma il nocciolo della questione è mantenere l'”impronta” americana in Medio Oriente. Un momento lo si vede, un altro no. Dopotutto, non sono passate molte settimane da quando Trump aveva detto che non avrebbe abbandonato i Curdi siriani, e poi aveva abbandonato i Curdi siriani subito dopo che avevano finito di combattere e di morire per l’America nella campagna contro l’Isis. Poveri vecchi Curdi. Poveri vecchi Afgani. E poveri Iracheni. Non meritavano davvero gli Americani.
Gli Stati Uniti, in ogni caso, non hanno tempo per preoccuparsi di loro. Hanno un’altra guerra per le mani, contro un virus abbastanza fastidioso, pare. E non puoi “riposizionarti” lontano da quello.
Robert Fisk