Visualizzazione post con etichetta Info. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Info. Mostra tutti i post

17 gennaio 2019

Conflitto economico rovente: la lotta per i minerali delle terre rare


Proprio come [per] la corsa all’oro della California tra il 1848 e il 1855, il Klondike canadese dal 1896 al 1899 e quella dell’Australia occidentale degli anni ’90 del 1800, il mondo sta vivendo una frenesia per ottenere i diritti minerari alla ricerca dell’oro attuale, cioè i minerali delle terre rare. Utilizzati per componenti di batterie per veicoli elettrici, telefoni cellulari, televisori a schermo piatto, chiavette USB, macchine fotografiche, missili a guida di precisione, magneti industriali, turbine eoliche, pannelli solari e altri oggetti high-tech, i minerali delle terre rare sono diventati il tipo di materia prima ricercata, come lo erano uranio e plutonio erano durante l’inizio dell’era atomica.
I minerali delle terre rare non sono di facile pronuncia allo stesso modo dell’oro, dell’argento e del platino. Per esempio, l’ossido di ittrio e l’europio, mentre sembrano poco importanti, sono ciò che fornisce la tonalità rossa nei televisori a colori.
Le nazioni di tutto il mondo stanno lottando per garantirsi riserve contenenti minerali di terre rare. La Cina, dove attualmente si trova un terzo dei minerali di terre rate del pianeta, ha severamente limitato l’esportazione dei minerali ad alleati e competitori. Una delle più grandi riserve conosciute di terre rare è il giacimento di Bayan Obo, nella Mongolia Interna cinese.
Le restrizioni all’esportazione della Cina hanno messo in moto le nazioni in tutto il mondo per missioni di ricerca, al fine di garantirsi sia le riserve di minerali di terre rare conosciute, che quelle non sfruttate. Uno di questi filoni principali di minerali di terre rare è stato scoperto ad Est-Sud nell’Oceano Pacifico. Le stime indicano che la regione oceanica profonda contiene il doppio delle terre rare rispetto a quelle trovate in Cina.
Alcuni di questi giacimenti si trovano in zone sottomarine geologicamente attive, dove i condotti vulcanici del fondale profondo emettono minerali di terre rare dalle espulsioni di lava e gas caldi. La scoperta che la regione del Pacifico meridionale è ricca di terre rare ha condotto le nazioni europee, tra cui la Francia e la Gran Bretagna, le quali mantengono colonie nella zona, a rivendicare la loro influenza coloniale. La Francia, ad esempio, è reticente a concedere ulteriore autonomia o indipendenza alla Nuova Caledonia, dove è previsto un referendum per l’indipendenza l’8 novembre, alla Polinesia francese e a Wallis e Futuna. Allo stesso modo, la Gran Bretagna ha mostrato un rinnovato interesse per le Isole Pitcairn, dove continua a vivere una manciata di discendenti degli ammutinati dell’HMS Bounty.
Nel 2015, l’Australia ha represso l’autogoverno dell’isola di Norfolk, trasformando l’isola in una municipalità ibrida del Nuovo Galles del Sud e dell’Australian Capital Territory (n.d.T. Territorio della Capitale Australiana). La Nuova Zelanda ha posto il veto sulle ambizioni di due dei suoi “Stati associati” indipendenti – le Isole Cook e Niue – per la piena adesione alle Nazioni Unite. Per queste potenze coloniali, non importa ciò che si trova al di sopra del mare –le località insulari – ma cosa si trova sotto il mare, all’interno dei confini marittimi dei territori, e si tratta proprio dei minerali di terre rare.
Con lo scioglimento della calotta glaciale della Groenlandia, sono state scoperte riserve di terre rare in Groenlandia, un territorio “autonomo” della Danimarca. Le mosse del governo della Groenlandia per cercare l’indipendenza dalla Danimarca e permettere alle compagnie cinesi di estrarre minerali di terre rare hanno incontrato una dura opposizione da parte della Danimarca, degli Stati Uniti e della NATO.
Altri Paesi che possiedono depositi significativi di terre rare includono India, Russia, Vietnam, Malesia, Sudafrica, Australia, Canada, Brasile e Stati Uniti. Queste nazioni, così come la Cina, hanno tutte diversi livelli della necessaria forza politica, economica e militare per proteggere le loro riserve di terre rare.
Tuttavia, alcune nazioni in via di sviluppo, dove sono state scoperte terre rare, sono candidate allo sfruttamento spietato delle multinazionali, alcune sotto la direzione dei governi, per garantire i diritti esclusivi di estrazione mineraria. In effetti, la Toyota, che ha una stretta relazione con il governo giapponese, ha acquistato una miniera di terre rare in Vietnam per garantirsi tali diritti di esclusività.
Il Giappone potrebbe non doversi preoccupare del Vietnam come sua principale fonte di terre rare. All’inizio di quest’anno, un deposito di circa 16 milioni di tonnellate di ossidi minerali di terre rare è stato scoperto nei fanghi del fondale marino, situati a 1150 miglia a sud-est di Tokyo. Il deposito conteneva molte delle terre rare dalle quali dipende il settore dell’elettronica di consumo giapponese: l’ittrio, il disprosio, il terbio e l’europio.
In Paesi come la Repubblica Democratica del Congo, la columbite-tantalite, un minerale utilizzato nella fabbricazione di chip semiconduttori, è un bene così richiesto, per il quale i signori della guerra rivali, alcuni agenti per conto di attori esterni, tra cui Ruanda, Uganda, Israele, Giappone, Cina e Stati Uniti si combattono l’un l’altro per il controllo dell’estrazione e dell’esportazione del minerale.
Il Rwanda Mines, Petroleum e Gas Board ha firmato un accordo nel 2017 con un’importante azienda giapponese per l’estrazione di terre rare, per la prospezione e l’estrazione di terre rare, oltre al tungsteno, in Ruanda. Tuttavia, il Presidente ruandese Paul Kagame è noto per aver sostenuto i ribelli Tutsi nella RDC (Repubblica Democratica del Congo), che sfruttano le miniere di terre rare nelle province del Kivu meridionale e settentrionale e inviano i minerali rubati in Ruanda. Ci sono stati tentativi di ridurre il commercio dei “minerali di conflitto” nella regione dei Grandi Laghi in Africa, ma è stato tutto inutile.
Attualmente, le imprese statunitensi e cinesi stanno muovendo una guerra per l’influenza politica ed economica per l’accesso alle riserve di litio, cassiterite e cobalto nella RDC.
Accanto alla RDC, nel Burundi devastato dalla guerra civile, è stata scoperta nel 2017 una “vena principale” di altissima qualità di minerali di terre rare. Il Burundi, che un tempo era una colonia tedesca, ha visto la tedesca Thyssen Krupp intervenire per sfruttare le risorse minerarie. Thyssen Krupp ha anche iniziato a costruire un impianto di lavorazione in Burundi. Il governo tedesco è stato attaccato da gruppi per i diritti umani che lo accusano di appoggiare l’impresa mineraria tedesca, nota come Progetto Gakara, anche se il Presidente del Burundi Pierre Nkurunziza è stato eletto in modo dubbio per un terzo mandato. I gruppi imprenditoriali tedeschi si sono opposti alla tesi, secondo cui se la Germania non estraesse le terre rare del Burundi, lo farebbe la Cina.
Il governo francese non sta concentrando solo le sue attività di estrazione di terre rare nella sua tradizionale sfera di influenza francofona in Africa – Marocco, Burkina Faso, Niger, Madagascar, Guinea – ma più lontano, compresa la ricerca di attività minerarie di joint venture in Kazakistan.
Negli Stati Uniti, il Pentagono ha riconosciuto l’importanza delle terre rare per scopi militari. Il Defense Logistic Agency’s Strategic Materials Department ha il compito di assicurare una fornitura continua di terre rare agli appaltatori della difesa degli Stati Uniti. Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti tiene traccia delle scoperte e delle attività minerarie per le terre rare in tutto il mondo, grazie a un contributo costante di informazioni, provenienti dalla Central Intelligence Agency e dalla National Security Agency. L’amministrazione Trump si è mossa per rendere accessibili a società private le aree faunistiche federali, i parchi nazionali e altri territori degli Stati Uniti alla prospezione e all’estrazione di terre rare, con grande disappunto degli ambientalisti e delle amministrazioni tribali dei nativi americani.
Nella fretta di allentare la dipendenza dalle esportazioni di terre rare cinesi, che sono state in ogni caso limitate da Pechino, le nazioni e le aziende di tutto il mondo hanno messo in marcia una competizione spietata per acquisire una posizione dominante nel mercato delle terre rare. Ciò che sta al vertice dell’interesse dei raccoglitori di informazioni economiche, sono riferimenti in e-mail, videoconferenze, telefonate, fax e documenti finanziari a termini quali europio, terbio, disprosio, ittrio, samario e altre terre rare.
Poiché il mondo diventa più dipendente dall’high-tech e dall’ “Internet delle cose”, consistenti di computer, telefoni cellulari, elettrodomestici, televisori, sistemi di sicurezza, automobili, ecc., la guerra economica per il controllo dei minerali delle terre rare si intensificherà. Esiste l’estrema possibilità che il conflitto economico possa trasformarsi in conflitti a fuoco, come è già avvenuto nella RDC.
 Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

11 gennaio 2019

LA VOCE rooseveltiana N° 4 di Venerdì, 11 Gennaio 2019 01:13


La Voce Rooseveltiana


D(i)RITTI VERSO LA LIBERTÀ DAL BISOGNO
 
Siamo una comunità di cittadini che sognano il Rinascimento democratico
di cui la società ha bisogno




Editoriale
 
LO STATISTA CHE SERVE ALL'ITALIA
di Giorgio Cattaneo



migranti

Lo chiamano Mbemba, ma non è il suo vero nome. Ha venticinque anni, è in Italia da qualche mese. Faceva il calciatore, il saldatore, il facchino. Viene dall'Africa centrale, dove tutto è Francia – anche la moneta. Da noi va a scuola, impara l'italiano e lavora come lavapiatti, ma vorrebbe diventare un elettricista. Ora ha scoperto che, se non gli verrà riconosciuto il diritto d'asilo, tra poche settimane diventerà un fuorilegge: non potrà più tornare a dormire, la sera, nella stanza che oggi gli viene assicurata. Il Comune sarà obbligato, per decreto, a revocargli la residenza. È la politica, gli dicono: la politica senza statisti. Ha idea, Mbemba, di cosa sia uno statista? Sa bene che non lo è il presidente del suo paese, servo della Francia. E sa che non lo è neppure il presidente della Francia, i cui cittadini oggi invadono le strade con indosso i gilet gialli. Lo capisce anche Mbemba, che questa Europa non sta in piedi. Tanto per cominciare non ci sono statisti, in circolazione.

 
LEGGI TUTTO
 


TragiComix
di Mirko Bonini

TragiComix by Mirco Bonini 04
 



Secondo Noi
   
GM MAGALDI: SCORRETTA L'INFORMAZIONE DI ROLLING STONE CONTRO L'ECONOMISTA ANTONIO MARIA RINALDI

Superficiale, imprecisa e sostanzialmente scorretta: così Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, considera l'informazione prodotta da Rolling Stone contro l'economista Antonio Maria Rinaldi, promotore del blog Scenari Economici, cui si rinfaccia la "colpa" di essere troppo presente il televisione. Rolling Stone si copre di ridicolo quando accusa Rinaldi di essere in contatto con lo stesso Magaldi, definito addirittura "complottista", nonché "fissato col pericolo massonico" e in più "vittimista", dato che rimprovera i media per aver oscurato il suo bestseller, "Massoni". A sbriciolare le illazioni di Rolling Stone provvede un video-intervento dello stesso Magaldi, in web-streaming con Marco Moiso.
(Intervento su YouTube, ripreso sul blogMR).
MOISO: POI NON LAMENTIAMOCI SE L'ITALIA
È SOLO 46ESIMA, PER LIBERTÀ DI OPINIONE,
SU 180 PAESI NEL MONDO


Marco Moiso, vicepresidente del Movimento Roosevelt: l'Ue imbavaglia il web, e l'Italia se la passa male, quanto a libertà d'informazione. È solo al 46° posto nella graduatoria di Reporters sans frontières. Basta vedere come Rolling Stone ha maltrattato il sovranista Rinaldi. A proposito: ma la sovranità del popolo (Che Guevara docet) non era una storica prerogativa di quella che un tempo si chiamava sinistra?
(Intervento su YouTube, ripreso sul blogMR e su Libreidee).
MM
Patrizia Scanu SCANU: FABBRICARE IL CONSENSO CANCELLANDO I FATTI. SUI VACCINI, TROPPE NOTIZIE CLAMOROSE IGNORATE DAI MEDIA 

Patrizia Scanu, segretaria generale del Movimento Roosevelt, denuncia il silenzio dei media su troppe notizie clamorose, riguardo ai vaccini: la "strage" dei militari italiani gravemente ammalatisi, le reazioni avverse che in Puglia colpiscono il 40% dei bambini vaccinati e le vaccinazioni "sporche" rilevate dai biologi, con tracce di diserbante nelle dosi destinate ai neonati. A ciò si aggiunge l'assenza di controlli pubblici sulla qualità dei prodotti vaccinali negli ultimi 32 anni negli Usa, scoperta da Robert Kennedy Jr. Un pessimo modo di fabbricare il consenso, cancellando letteralmente i fatti.
(Intervento sul blogMR).
CARPEORO: UNO SCANDALO CHE L'ITALIA SNOBBI GIAMPAOLO GIULIANI, L'UOMO CHE SA PREVEDERE I TERREMOTI

Gianfranco Carpeoro, dirigente del Movimento Roosevelt: è uno scandalo che in Italia si dica ancora, in televisione, che i terremoti non si possono prevedere. Ed è una vergogna che il paese continui a ignorare una risorsa come Giampaolo Giuliani, l'uomo che il sisma lo sa prevedere (e infatti il suo sistema è adottato in mezzo mondo). Giuliani l'ha brevettato, e lo offre gratis all'Italia: riuscirà finalmente ad approfittarne, il "governo del cambiamento"?
(Intervento su YouTube, ripreso dal blogMR e da Libreidee).
GP
Mirella Raimonda RAMONDA: GIÙ LE MANI DALL'ORO ITALIANO.
BORGHI CHIEDE CHE RESTI ALLO STATO, SPAVENTANDO BANKITALIA


Hanno dell'incredibile le affermazioni di Salvatore Rossi, dirigente di Bankitalia, secondo cui toccherebbe alla Bce stabilire la titolarità della cospicua riserva aurea italiana, la quarta al mondo. Lo afferma Mirella Ramonda, socia fondatrice del Movimento Roosevelt, nel sottolineare l'allarme (più che sospetto) con cui la banca centrale ha accolto il lodevole disegno di legge avanzato da Claudio Borghi per riaffermare la titolarità nazionale della riserva aurea. Un giallo: qualcuno ha ceduto alla Bce 2.400 tonnellate d'oro italiano, pari a 80 miliardi di euro?
(Intervento sul blogMR).
MOISO: SPIEGATE A GIULIA MOI CHE PINO CABRAS NON È ISCRITTO AL MR (IL QUALE NON È MASSONICO)

Ci piacerebbe molto che il parlamentare pentastellato Pino Cabras fosse iscritto al Movimento Roosevelt, e lo invitiamo a farlo. Lo dice Marco Moiso, vicepresidente MR, nello smentire l'ex grillina Giulia Moi, che – divorziando dai 5 Stelle – ha attaccato Cabras imputandogli un legame col Movimento Roosevelt, insinuando che quest'ultimo sia espressione della massoneria italiana. Un intervento sconclusionato, quello della Moi, che secondo Moiso diffonde falsità e rivela tendenze pericolosamente discriminatorie.
(Intervento sul blogMR).
Marco Moiso
Gioele Magaldi MAGALDI AI GIALLOVERDI: SIAMO IN GUERRA, SIATE EROI O FINIRETE COME MATTEO RENZI

Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, avvisa Lega e 5 Stelle: contro l'Italia "ribelle" è in corso una vera e propria guerra. Sappia, il governo Conte, che in un simile frangente non è ammissibile cincischiare: tocca avere il coraggio di essere eroi, nel respingere i diktat dell'oligarchia di Bruxelles. Viceversa, la delusione degli elettori sarà incontenibile. E i gialloverdi faranno la stessa fine del fanfarone Matteo Renzi.
(Intervento su YouTube, ripreso da Libreidee).
CARPEORO: SOVRAGESTIONE, LA LOGGIA P1
(MACCHINADEL FANGO) HA PIEGATO
IL GOVERNO CONTE
 


C'è una ben nota sovragestione dietro alle manovre che hanno portato il governo Conte a cedere di fronte a Bruxelles riguardo al deficit 2019. È quanto sostiene Gianfranco Carpeoro, dirigente del Movimento Roosevelt, secondo cui i "sovragestori" fanno capo alla (mai riconosciuta) loggia massonica P1, già "casa madre" della P2 ai tempi di Gelli, la cui specialità ora sarebbe la "macchina del fango": dal maxi-risarcimento imposto alla Lega alla bufera sul padre di Di Maio. In altre parole: ricatti, per piegare i leader gialloverdi.
(Intervento su YouTube, ripreso da Libreidee).
Carpeoro
Gioele Magaldi MAGALDI: SENZA PAURA, ECCO COME SARÀ IL FUTURO "PARTITO CHE SERVE ALL'ITALIA"

Vietato avere paura di ribaltare il paradigma dell'austerity, perché proprio sull'intimidazione si fonda il potere (abusivo) della Disunione Europea. Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, traccia il profilo del futuro "partito che serve all'Italia" dopo la positiva assemblea prenatalizia svoltasi a Roma, con personalità come quelle di Claudio Quaranta e Nino Galloni, Ilaria Bifarini e Antonio Maria Rinaldi.
(Intervento su YouTube, ripreso da Libreidee).
 
GALLONI: PER IL 2019 VEDO IL RISCHIO DI UNA GRANDE CRISI, IN CUI L'ITALIA FINIREBBE COMMISSARIATA

L'economista Nino Galloni, vicepresidente MR, teme l'avvento di un 2019 spaventoso: se saremo sotto attacco della finanza internazionale e senza più il "quantitative easing", i nostri titoli verranno gettati sul mercato e le società di rating ci declasseranno. Senza un'agenzia di rating alternativa, le banche non potranno più tenere i nostri bond nei loro bilanci. Dove andremo a pescare la moneta che ci serve? Potrebbe darcela la Bce, ma in cambio del commissariamento dell'Italia.
(Intervento su ScenariEconomici, ripreso da Libreidee).
Nino Galloni
Gianfranco Carpeoro CARPEORO: SIAMO NEI GUAI, GRAZIE AI SOLITI ITALIANI TRADITORI CHE SI ALLEANO CON LO STRANIERO

Succedeva già nel Rinascimento: pur di veder crollare la signoria rivale, un Comune si alleava con potenze straniere. Secondo Gianfranco Carpeoro, dirigente MR, siamo alle solite: troppi connazionali, anche nell'alta burocrazia dello Stato, non esitano ad agire d'intesa con paesi stranieri (come la Francia di Macron) per mettere in difficoltà l'esecutivo in carica. Anche per questo, ribadisce Carpeoro, il governo Conte è finito in un mare di guai.
(Intervento su YouTube, ripreso da Libreidee).
MOISO: IL COCCODRLLO EMMA BONINO PIANGE SULL'EUROPA CHE HA CONTRIBUITO A DISTRUGGERE

Emma Bonino ormai vive fuori dalla realtà: si dispera per l'umiliazione delle istituzioni, ignorando di essere responsabile – lei stessa – dell'involuzione antidemocratica della politica, in questa Disunione Europea senza solidarietà tra i partner. Per Marco Moiso, vicepresidente MR, la rabbia espressa dalla Bonino in Parlamento forse esprime il disgusto per ciò che l'ex leader radicale ha contribuito a rafforzare negli ultimi anni: l'Europa della finanza, contro quella dei popoli.
(Intervento sul blogMR).
Marco Moiso
 


 
SEGUICI SUL NOSTRO BLOG

 



MR News


MR News

 

L'ITALIA
POTENZA MEDITERRANEA


Un nuovo ruolo per l'Italia nel Mediterraneo, come forza al servizio dell'equilibrio nella regione. Questo l'obiettivo del Dipartimento Geopolitica e Difesa del Movimento Roosevelt, guidato da Roberto Hechich. Un piano d'azione articolato, per sviluppare proposte precise nei prossimi mesi. Con Hechich collaborano Michele Nacchiero (Mediterraneo centro-orientale), Antonio Giovanni Avigliano (geopolitica energetica), Emilio Ciardiello (Medio Oriente, Israele e Corno d'Africa) e Ruben Giavitto (Africa Occidentale, Russia e paesi ex-Urss). Del team fa parte anche Alessandro Loreto, così come Alessia Muccio e Paola Gramegna (impegnate anche nel Dipartimento Politiche del Mediterraneo).

leggi tutto

Agenda MR

 

10 febbraio
POLITICA
(ROMA)
 
Il partito che serve all'Italia: nuova riunione operativa verso l'assemblea costituente del nuovo soggetto politico di cui alcuni "rooseveltiani" si fanno promotori per il 2019

Appuntamento a Roma il 10 febbraio (la location sarà comunicata a breve) per una nuova riunione – dopo quella del 22 dicembre – destinata a tracciare l'agenda costitutiva del Partito che Serve all'Italia, promosso da esponenti "rooseveltiani" per offrire al nostro paese un indirizzo post-keynesiano, basato sul ritorno alla piena sovranità democratica.

 
   



 
Movimento Roosevelt / Democrazia contro oligarchia
 
Il mondo non è mai stato così ricco, eppure la società è colpita da diseguaglianze inaudite:
senza giustizia sociale non si possono garantire né diritti né pari opportunità.
Grazie all'opposizione artificiosa tra destra e sinistra, l'élite neoliberista ha potuto privatizzare il mondo, minando, dagli anni '70, il futuro delle istituzioni democratiche.
Oggi la vera contrapposizione politica non è più tra destra e sinistra, ma tra democrazia e oligarchia. 
Il Movimento Roosevelt è un soggetto politico meta-partitico ispirato da Gioele Magaldi
e istituito da 500 soci fondatori a Perugia  il 21 marzo del 2015.
Il nostro movimento è impegnato a smascherare la pretesa scientificità economicistica
del rigore nei bilanci pubblici, contribuendo al risveglio democratico della politica italiana, europea e mondiale.
Dobbiamo utilizzare indicatori economici che siano accurati nel misurare il benessere della collettività e ricominciare a costruire ricchezza con le politiche economiche proprie del modello post-keynesiano,
fondato sull'investimento pubblico strategico per rilanciare il settore privato.
Si tratta di una sfida culturale per la quale il Movimento Roosevelt si rivolge a tutte le persone di animo sinceramente progressista, disposte a contribuire a far crescere una nuova consapevolezza.
Per ridiventare cittadini e smettere di essere "sudditi" di anonimi tecnocrati, al servizio di potentati economici privatistici, abbiamo bisogno della consapevolezza, del supporto e dell'impegno del popolo.
L'orizzonte per il quale lavoriamo è squisitamente democratico: vogliamo restituire alla collettività
un futuro prospero e degno di essere vissuto appieno.


 
Facebook

YouTube

Blog


   
  LA VOCE Rooseveltiana
Redazione newsletter (Giorgio Cattaneo): newsletter@movimentoroosevelt.com
Segreteria generale (Patrizia Scanu): segreteria.generale@movimentoroosevelt.com
-
Copyright © 2018 Movimento Roosevelt, Tutti i diritti riservati.

Movimento Roosevelt
Sede legale: Via Luigi Rizzo, 87
06128 Perugia
C.F. 94155630547
www.movimentoroosevelt.com
Per informazioni e contatti: info@movimentoroosevelt.com

 .

 

10 gennaio 2019

Chiesa, Mazzucco, Messora, Fusaro: quante verità oscurate

Francsca Salvador«È la stampa, bellezza. E tu non puoi farci niente». Lo dice uno straordinario Humphrey Bogart alla fine del film "Deadline" di Richard Brooks (in italiano, "L'ultima minaccia"). Era il 1952: una profezia. Ancora oggi, ufficialmente, le Torri Gemelle sono crollate per colpa dell'impatto con aerei dirottati. La "demolizione programmata" è stata ormai dimostrata da oltre duemila architetti e ingegneri, eppure per l'11 Settembre la "verità" resta quella palesemente falsa. Grazie a chi? Ai media mainstream, che spacciano "fake news" governative. Il primo a denunciarlo, riguardo al caso delle Twin Towers, in Italia fu Giulietto Chiesa, con il libro "La guerra infinita", uscito nel 2003 per Feltrinelli (e vendutissimo, nonostante il silenzio di giornali e televisioni). Ebbe più fortuna mediatica qualche anno dopo Massimo Mazzucco, con il suo esplosivo documentario "Inganno globale", trasmesso da Mentana in prima serata a "Matrix", su Canale 5. Un'eccezione, mai più ripetuta. «Arrivato a La7 – dice Mazzucco – Mentana poteva essere "il primo degli ultimi", dando voce agli esclusi, e invece ha scelto di restare "l'ultimo dei primi", accodandosi all'ufficialità». In compenso, ormai l'opinione pubblica più disincantata è letteralmente esplosa: milioni di persone, anche in Italia, la verità ufficiale non se la bevono più.

Fino a ieri, ad esempio, sarebbe stato impensabile organizzare un evento come quello in programma il 13 gennaio a Treviso: con Mazzucco e Chiesa, insieme a personaggi come Claudio Messora di "ByoBlu", Diego Fusaro, Enrica Perucchietti. A promuovere l'operazione-verità è l'associazione SalusBellatrix, coordinata da Francesca Salvador: una delle voci della nuova cultura italiana, indipendente dai circuiti mainstream. Verità "altre", in tutti i campi: dalla sconcertante Bibbia tradotta (alla lettera) da Mauro Biglino, al potere occulto delle 36 superlogge che dominano il mondo, svelato da Gioele Magaldi in "Massoni", altro bestseller-fantasma (gettonatissimo dai lettori e oscurato da giornali e televisioni). Quanto conta, questa Italia? Abbastanza, se è vero che il Movimento 5 Stelle nato dal web ora è al governo, e che Marcello Foa (autore de "Gli stregoni della notizia", che mette alla berlina i media e le loro menzogne) oggi è presidente della Rai. Conta parecchio, la nuova società in subbuglio, non solo nel nostro paese: se l'oligarca tedesco Günther Oettinger (Commissione Ue) ottiene una legge-bavaglio per frenare il web limitando i link e obbligando le piattaforme a filtrare i contenuti dei blog, un altro oligarca (Emmanuel Macron, prodotto massonico di casa Rothschild) è costretto a vedersela con i Gilet Gialli che paralizzano la Francia.

Vuoi vedere che i pionieri come Francesca Salvador avevano visto giusto, anni fa, quando cominciarono ad aggregare platee attorno ai primi narratori eretici? Sono tante, in Italia, le entità culturali come la trevigiana SalusBellatrix: attraverso YouTube, sono riuscite a fare opinione diffondendo informazioni e idee. C'è un'Italia che il mainstream l'ha semplicemente aggirato, prendendolo alle spalle. Un dirigente del Cnr si lascia scappare, da Bruno Vespa, che è in un corso un esperimento di controllo climatico mondiale? A completare l'informazione provvede Mazzucco, nell'appendice YouTube della web-radio "Border Nights": spiega che, già durante l'alluvione di Firenze, lo stesso Cnr emise un rapporto sui test, allora in corso, di "inseminazione" delle nubi per aumentare le precipitazioni. Forse così risulta meno oscura la possibile origine di fenomeni disastrosi, come i nubifragi che hanno raso al suolo le foreste delle Dolomiti. Il cielo è sempre meno blu, rigato fin dal mattinoClaudio Messora dalle scie stranamente persistenti rilasciate dagli aerei? Mentre il mainstream tenta di deridere chi "crede alle scie chimiche" (neanche fossero un dogma di fede, anziché un fenomeno visibile), sempre su "Border Nights" il generale Fabio Mini, già dirigente della Nato, avverte: i cittadini hanno il diritto di pretendere spiegazioni esaurienti, finora mai fornite, su questo fenomeno.

«Remare contro la corrente della menzogna e dell'inganno – ammette Giulietto Chiesa – è faccenda che richiede pazienza quasi infinita, e anche rischio: può costare la vita». Costa sicuramente «la rinuncia a onori e prebende». E comporta «la disponibilità di non avere, in vita, alcun riconoscimento pubblico delle verità che sono state scoperte». Perché i "padroni universali" e i loro "gate keepers" hanno i mezzi per impedire che le vere notizie arrivino agli occhi e alle orecchie delle grandi masse popolari, spesso così condizionate – ormai da decenni – da non riuscire neppure ad accettarle, certe verità imbarazzanti. Lo sanno benissimo anche gli altri relatori della conferenza di Treviso: non poteva sperare, Mazzucco, che facesse il giro dei telegiornali la rivelazione dell'ultimo suo documentario "American Moon", che dimostra – grazie al contributo dei più famosi fotografi del mondo – che le immagini delATREJU 2017 presunto "allunaggio" diffuse in mondovisione nel 1969 erano state realizzate in studio. Dalla trincea di "ByoBlu", lo stesso Messora – cui Google ha rimosso di colpo la possibilità di finanziarsi con la pubblicità – sa benissimo quanto costa lottare per informare i concittadini.

Per dirla con Diego Fusaro, si tratta di dribblare «i padroni del discorso e la manipolazione di massa». Ne sa qualcosa Enrica Perucchietti, che ha spiegato – in brillanti saggi – come le "fake news" spacciate dai media servano anche a coprire il terrorismo "false flag", quello che in Europa non colpisce mai nessun centro di potere, ma solo e sempre innocui passanti. "Fake news" sono anche quelle che proteggono, molto spesso, il business di Big Pharma, specie nel caso dei vaccini: ben poco spazio è stato concesso, mesi fa, alla notizia dei 7.000 militari italiani ammalatisi dopo frettolose somministrazioni. Quasi-silenzio anche sulla Puglia, dove la Regione – l'unica ad aver istituito un servizio di "farmacovigilanza atttiva" – ha scoperto che, tra i bambini appena vaccinati, 4 su 10 subiscono reazioni avverse. Là dove invece non si può tacere, perché la fonte è il presidente dell'ordine dei biologi, si cerca di far passare per pazzo il "disturbatore", peraltro intervistato da un unico giornale, "Il Tempo", diretto da Franco Bechis. Eppure, la notizia veicolata dal rappresentante dei biologi italiani, Vincenzo D'Anna, è clamorosa: sono stati scoperti vaccini contaminati (con antibiotici, feti abortiti e persino diserbanti agricoli) e vaccini inefficaci, perché privi nei necessari agenti immunizzanti.

Di verità scientifiche occultate è esperto Giorgio Iacuzzo, un altro degli esperti attesi a Treviso: ha lavorato nel cinema scientifico e tecnologico, scrive per periodici italiani e stranieri ed è pronto a rivelare alcuni dei "segreti di Stato in pillole" di cui è a conoscenza. Verità indicibili attorno al mondo scientifico, come quella sull'espianto degli organi: si intitola "Morte cerebrale, verità o finzione", la relazione a cura del professor Rocco Maruotti, primario di chirurgia. Ulteriori informazioni, al pubblico di Treviso, saranno fornite da Sonia Saterini Burighel, della Lega Antipredazione Veneto. Tema: "La confusione in atto, in ordine alla donazione di organi, imposta nelle anagrafi quando il cittadino va a rinnovare la carta d'identità". Primo passo: evitare gli equivoci. Che sono quotidiani (e spesso voluti, nel mondo dell'informazione) specie se c'è di mezzo una traduzione: lo conferma Paola Iacobini, laureata a Londra in mediazione linguistica. E' un oceano, ormai, l'ambito di quella che un tempo si sarebbe chiamata controinformazione, all'epoca in cui il giornalismo aveva ancora una sua dignità: magari era Giulietto Chiesareticente in qualche caso per compiacere l'editore, ma non aveva ancora abdicato alla sua funzione. Per il Premio Pulitzer americano Seymour Hersh, oggi non piangeremmo milioni di morti, se solo la stampa avesse smesso di fare il suo dovere: avremmo avuto meno stragi, meno guerre, meno terrorismo "sotto falsa bandiera".

Secondo Giulietto Chiesa, sempre assai pessimista sul destino che ci attende, c'è però uno spiraglio di luce, che si è aperto soltanto in quest'ultimo decennio: «La perdita del controllo da parte di coloro che erano certi di esserselo già definitivamente assicurato, per i secoli dei secoli». Sempre per Chiesa, la fibrillazione dei "gate keepers" sta assumendo vertici così acuti «da lasciarci supporre che temano di essere travolti dagli stessi strumenti di controllo e dominio che ritenevano le loro creazioni più perfette». Aggiunge: «Sono ora impegnati allo spasimo per costruire dighe atte a frenare il fiume e i canali per deviarne le correnti». Certo, siamo ancora molto lontani dall'ora della verità. «Ma a noi resta la sottile soddisfazione di osservare il terrore che pervade i dominatori e la loro affannosa ricerca di una via d'uscita». Fausto Carotenuto, già analista geopolitico dell'intelligence Nato (ora passato a una visione spiritualistica dell'esistenza), insiste su una tesi: almeno un terzo dell'umanità starebbe letteralmente uscendo dal letargo. «Se il mondo sta diventando così feroce – dice – è proprio perché i decisori lo sanno, e temono questo risveglio che ormai è in corso, e che sarà inarrestabile». Il sistema di dominio affina strumenti di manipolazione sempre più sofisticati? Vero, ma c'è anche il rovescio della medaglia: «Ci controllano perché ci temono. Facciamo paura, perché siamo tanti. Il nostro problema? Non ce ne rendiamo conto. Crediamo che i dominatori siano invincibili. Ma non lo sono. E lo sanno benissimo, loro».

(Sul sito dell'associazione SalusBellatrix sono rintracciabili tutte le indicazioni per partecipare alla conferenza "E' la stampa, bellezza", domenica 13 gennaio 2019 a Treviso).

To see the article visit www.libreidee.org

09 gennaio 2019

Insieme per il copyright

L'accesso alle informazioni e alla creatività online è una risorsa per tutti noi

Troviamo un modo migliore per aggiornare le regole sul copyright in Europa.

Ogni giorno, miliardi di persone accedono a Internet per usufruire di un'ampia gamma di notizie, intrattenimento, tutorial e altro ancora.
Per i giornalisti, gli artisti e gli autori di questi contenuti Internet è diventato una piattaforma essenziale che permette loro di condividere informazioni e idee, trovare un pubblico e guadagnarsi da vivere.
La legge europea sul copyright mira a supportare gli autori e gli editori consentendo loro di decidere in che modo il proprio lavoro può essere consultato e condiviso. Inoltre, protegge il diritto del pubblico a trovare e usufruire di questo lavoro, nonché condividerlo.
Siamo consapevoli che le leggi devono essere aggiornate e adattate all'era di Internet. Tuttavia, la proposta di direttiva sul copyright dell'UE può avere conseguenze indesiderate che potrebbero limitare la varietà di informazioni disponibili online.
Insieme possiamo trovare una soluzione che protegga la ampia gamma di contenuti presenti sul Web, così come gli autori che li producono.

Cosa si rischia?

La versione proposta dal Parlamento europeo potrebbe far sì che servizi come YouTube e la Ricerca Google debbano limitare la varietà di contenuti offerti.

Che cosa sta facendo Google al riguardo?

Stiamo collaborando con rappresentanti politici, editori e autori per suggerire modifiche alla direttiva sul copyright affinché possa davvero rispondere alle intenzioni per cui è stata scritta - tutelare la creatività e il giornalismo. In particolare, alcune delle modifiche che suggeriamo sono:
I servizi che agiscono con diligenza per proteggere i titolari dei diritti non dovrebbero essere ritenuti responsabili di violazioni del copyright senza preavviso.
I titolari di diritti e le piattaforme dovrebbero lavorare assieme per identificare la proprietà dei diritti.
Agli editori dovrebbe essere data la libertà di scegliere in che modo rendere disponibili online i loro contenuti.
L'articolo 11 mira a difendere il giornalismo di qualità. Per raggiungere questo obiettivo, questo articolo dovrebbe fornire una definizione precisa che specifichi quali sono i contenuti di informazione creati dagli editori di notizie, senza includere altri editori.

Perché abbiamo scelto di contattarti

Quando la maggior parte delle persone viene a conoscenza delle conseguenze di una legge, di solito questa è già entrata in vigore. La nostra speranza è che, aprendo un dialogo in anticipo, sia possibile trovare una soluzione migliore per tutti.
Condivideremo tutti gli ultimi aggiornamenti e sviluppi nel corso del tempo. Inoltre, per ulteriori informazioni sulle possibili conseguenze indesiderate per YouTube, consulta questa pagina.

08 gennaio 2019

Un impero finanziario nazista lavora nell’ombra fin dal 1943


750 società internazionali che sopravvivono ancora oggi
e delle quali si sa poco o nulla


Il partito nazista non è morto con la fine della Seconda Guerra Mondiale, ma sarebbe sopravvissuto fino ai giorni nostri nascondendosi dietro l’apparenza di grandi società internazionali che, ancora oggi, operano indisturbate ovunque nel mondo. Questa pagina di storia che affonda le proprie radici nell’Europa degli anni Quaranta, non è mai stata resa nota a causa di accordi che nessuno, da entrambe le rive dell’Atlantico, aveva interesse a rendere pubblici. Sin dal 1942, infatti, gli uomini dello staff di Hitler sapevano che la Germania sarebbe uscita sconfitta da un confronto bellico globale, per cui presero tutte le misure opportune per mantenere salda l’organizzazione del partito nazista, anche a guerra conclusa, fornendo un valido e fattivo aiuto a tutti i tedeschi che avessero voluto fuggire in altri Paesi. L’obiettivo: ricostruire la loro struttura politica in via occulta, con l’aiuto della grande finanza mondiale, per una nuova e grande Germania. Lo stesso Hitler aveva ordinato la creazione di una rete clandestina ed è assai probabile, se non certo, che due giorni prima della sua presunta morte nel bunker di Berlino, egli stesso sia fuggito in aereo insieme alla moglie Eva Braun e ai suoi uomini più fidati. La prima tappa sarebbe stata la Spagna, dove un sottomarino li avrebbe poi condotti nei lidi più sicuri del Sud America. Il ritrovamento dei cadaveri quasi interamente distrutti dalle fiamme di un uomo e di una donna fuori dal bunker, che in un primo tempo avevano fatto pensare erroneamente a Hitler e alla Braun, fu solo un banale depistaggio. Basti pensare che il corpo dell’uomo era alto 1 metro e 65 centimetri, contro il metro e 72 centimetri di Hitler. La donna, inoltre, aveva il petto squarciato da una bomba, mentre avrebbe dovuto avere soltanto un foro da proiettile alla testa.  In pratica, era il corpo di una donna rimasta uccisa durante i bombardamenti di quei giorni. E’ del tutto accertato, come spiegò a suo tempo Stalin agli alleati, che il corpo di Hitler non è mai stato trovato e che, secondo il leader comunista, il dittatore tedesco sarebbe fuggito prima che l’esercito russo occupasse interamente Berlino.

UN LIBRO PROFETICO

Curt RiessIl problema è che questa conclusione del più grande conflitto mondiale dei tempi moderni non appare in nessun testo di storia, anche se il piano dei nazisti per creare una loro struttura organizzativa segreta a livello mondiale era già stato rivelato dal libro “The Nazis go Underground” (I nazisti vanno in clandestinità) di Curt Riess, pubblicato dalla Doubleday, Doran and Co., Inc. di Garden City, New York, nel 1944. E quindi ben un anno prima che gli eserciti alleati costringessero alla resa i riottosi seguaci di Hitler. Riess era quello che oggi definiremmo un giornalista scrittore, ma anche un avventuriero, di una certa classe. Curt Martin Riess nacque il 26 gennaio del 1902 a Wurzburg, in Baviera, e studiò Filosofia, Letteratura ed Economia a Berlino, Monaco, Heidelberg, Zurigo e Parigi. A Berlino divenne giornalista, ma presto dovette fuggire a causa dell’avvento di Hitler al potere. Nel 1934 era cronista del Paris Soir, uno dei più grandi quotidiani europei di quel tempo, che lo inviò negli Stati Uniti come corrispondente. Il Paese gli  piacque e nel 1938 divenne cittadino statunitense. Da quel momento si mise a girare tra New York, Londra, Parigi e Hollywood come giornalista freelance. Pare, però, che lavorasse anche per i servizi segreti americani e, infatti, la fine della guerra lo La copertina di "The Nazis Go Underground"vede a Berchtesgaden, il rifugio favorito di Hitler sulle Alpi bavaresi. Tornò quindi a New York, per poi trasferirsi nuovamente in Baviera dove avrebbe voluto vivere. Ma ancora una volta cambiò idea e nel 1952 si trasferì definitivamente in Svizzera, dove poi morì alla rispettabile età di 90 anni. Oltre a “The Nazis go Underground”, di lui si conoscono i precedenti libri “Total Espionage” (Spionaggio Totale), Edizioni Putnam, 1941; “Underground Europe” (L’Europa Clandestina), Edizioni Dial, 1942; e il successivo “The Berlin Story” (La Storia di Berlino), Edizioni Dial, 1952, nel quale descrive il confronto tra Est e Ovest nella capitale tedesca a guerra finita. Nel suo libro “The Nazis go Underground” Riess descrive nei dettagli, mostrando una profonda conoscenza del mondo tedesco e dei nazisti in particolare, ciò che Hitler e i suoi stavano preparando da tempo, dopo aver dichiarato guerra al mondo intero. Da buoni tedeschi, i nazisti avevano già pronto un Piano B da utilizzare nel caso, da loro considerato molto probabile, che avrebbero perso la guerra. Riess avvertiva così i suoi amici americani e inglesi dei preparativi in atto, ma a quanto pare nessuno gli volle dare retta. Almeno apparentemente. Per cui, a guerra conclusa, nessuno volle prendere come probabile la fuga del dittatore tedesco in Sud America, passando dalla Spagna del generalissimo Franco. E, almeno ufficialmente, nessuno lo cercò o tentò di neutralizzare la potente struttura economica che i tedeschi avevano costruito negli anni in Sud America e in buona parte del mondo.

LA VIA DI FUGA DEI I NAZISTI

Jim MarrsPerché questo avvenne? La risposa la troviamo nel libro “The Rise of the Forth Reich - The secret societes that threaten to take over America” (L’ascesa del Quarto Reich - Le società segrete che minacciano di impossessarsi dell’America), Edizioni New York Times Bestseller, di Jim Marrs. Giornalista e scrittore di chiara fama negli Stati Uniti, non risulta che le sue opere siano mai state tradotte in italiano. Marrs è nato il 5 dicembre 1943 a Fort Worth, in Texas, dove si è laureato in giornalismo presso la locale University of North Texas. Successivamente ha conseguito anche un Master alla Graduate School of Texas Tech, a Lubbok, prima di passare a tempo pieno alla professione del giornalista. Per un certo periodo di tempo ha lavorato anche per i servizi di intelligence del suo Paese durante la guerra del Vietnam. A dare notorietà a Marrs sono stati i suoi libri, tutti documentatissimi e pieni di notizie. Uno per tutti: “Crossfire: the Plot that killed Kennedy” (Tiro incrociato: il complotto che uccise Kennedy), dal quale Oliver Stone ha tratto il film sul 35° presidente americano, assassinato a Dallas nel 1963. Jim Marrs è morto a Springtown, nel suo adorato Texas, il 2 agosto 2017. Aveva 74 anni.
Il libro “The Rise of the Fourth Reich” è un chiaro ed esplicito atto d’accusa nei confronti dell’amministrazione americana che non solo avrebbe coperto la fuga di Hitler dal bunker, ma ne La copertina di "The Rise of the Fourth Reich"avrebbe difeso anche l’esistenza impedendo che qualcuno potesse in qualche modo mettersi sulle sue tracce. Questo sarebbe avvenuto in segreto, è ovvio. Perché l’intelligence americana avrebbe seguito tutte le tracce lasciate dal dittatore tedesco e dai suoi accoliti, affinché non creassero ulteriori danni. Il tutto per coprire diversi miliardari americani (stiamo parlando del Gotha della finanza mondiale) che non solo avrebbero continuato a trafficare con i nazisti durante la guerra, ma avrebbero anche rifornito il loro esercito mentre in Europa le truppe americane combattevano i tedeschi e i loro alleati. Per esempio, erano americani i rifornimenti che riceveva il generalissimo Franco durante la guerra civile spagnola. Il silenzio su questi avvenimenti sarebbe stata la polizza di assicurazione per Hitler e i suoi prima che i soldati russi del generale Zukov issassero la bandiera rossa sulle rovine del Reichstag.
Solo ultimamente, in questi ultimi anni, la CIA avrebbe consentito a History Channel della A&E Networks di New York di svelare con il programma televisivo “Hunting Hitler” ciò che in effetti i tedeschi riuscirono a realizzare in Sud America. Anche perché ormai tutta la generazione di quel periodo è sottoterra, Hitler compreso. I nuovi gestori e padroni di quell’immenso patrimonio industriale e finanziario ormai sono altre persone e nessuno conosce le loro identità o i nomi delle società che fanno parte di quell’impero nascosto. Soprattutto, però, nessuno sa se questi grandi gruppi industriali stiano ancora portando avanti il progetto di Bormann e, nel caso, come siano collocati nel mondo finanziario moderno.