Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post

01 agosto 2020

Istat/ISS: cause di morte da Covid-19


Mi permetto di estrapolare l’interessantissimo ma corposo documento del prof. Marco Mamone Capria dedicato al recente rapporto congiunto Istat-ISS dal titolo: “Impatto nell'epidemia COVID-19 sulla mortalità: cause di morte nei deceduti positivi a SARS-Cov-2”.
Il prof Mamone Capria è un epistemologo e docente di matematica all’Università di Perugia, quindi va detto per inciso che non è un medico, e appunto la sua disamina prende in considerazione esclusivamente i dati pubblicati.
La prima osservazione fatta riguarda l’incoerenza tra i dati dell’Istat (Istituto Nazionale di Statistica) e quelli dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità). Paradossalmente i due enti spesso non vanno proprio d’accordo.
Un esempio per tutti: la mortalità dell’influenza. Secondo l’Istat i decessi sarebbero centinaia, mentre per l’ISS sarebbero svariate migliaia.
Com’è possibile una simile discrepanza?
Ecco la tabella ricavata dai dati Istat


Mentre questa è dell’ISS


Prendiamo la stagione influenzale 2014-15 come esempio, sapendo che la maggior parte delle morti per influenza avviene durante i primi quattro mesi del 2015.
Per l’ISS il numero dei decessi attribuiti all’influenza è 20.259, mentre per l’Istat solo 675: un numero 30 volte inferiore! Differenza questa che non aiuta molto la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni pubbliche.
Il punto da sottolineare è che l’ISS attribuisce molte più morti dell’Istat.
La cosa diventa assai interessante quando si entra nel terreno del COVID-19, perché il virus è riuscito a fare miracoli sotto vari punti di vista, e in questo caso è riuscito a riunire le due entità.
Incredibilmente hanno cominciato a produrre rapporti congiunti e questo fa ovviamente nascere alcune domande...
Come avranno fatto per esempio a mettersi d’accordo sui decessi, usando due metodologie che finora hanno portato a risultati così divergenti? E soprattutto quali risultati sono stati ottenuti da questo connubio?
I risultati ce li hanno sbattuti in faccia fin da subito: 9 persone su 10 sarebbero, secondo il rapporto congiunto, morte SOLO per il virus!
Ecco la conclusione del Rapporto: «COVID-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi di persone positive al test SARS-CoV-2, mentre per il restante 11% le cause di decesso sono le malattie cardiovascolari (4,6%), i tumori (2,4%), le malattie del sistema respiratorio (1%), il diabete (0,6%), le demenze e le malattie dell’apparato digerente (rispettivamente 0,6% e 0,5%)».
Inoltre il «COVID-19 è una malattia che può rivelarsi fatale anche in assenza di concause. Non ci sono infatti concause di morte preesistenti a COVID-19 nel 28,2% dei decessi analizzati»
Qualcuno sta forse giocando con i numeri?
Dico questo perché stando al rapporto dal titolo “Report sulle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi all'infezione da SARS-CoV-2 in Italia - Aggiornamento del 9 luglio 2020” dell’ISS (basato su 3.857 cartelle cliniche) “la percentuale di deceduti SENZA altre patologie è il 4%”.
Com’è possibile che per l’ISS/Istat la percentuale di decessi senza altre patologie è del 28,2% mentre per l’ISS è solo del 4%? Stiamo parlando di un aumento del 700%?
Ecco di seguito le due tabelle messe vicine per meglio vedere le differenze.


Le percentuali in cui una malattia compare come “patologia preesistente” e, rispettivamente, come “concausa” di morte, mostrano vistose differenze.
Come mai il diabete per esempio passa dal 30% al 16%, riducendosi di metà; oppure l’ipertensione dal 66% al 21%, con una riduzione di ben tre volte?
Quali sono i dati corretti o che più si avvicinano alla realtà?
L’affermazione che il 28,2% dei decessi di pazienti con tampone positivo non avessero concause importanti risulta quindi estremamente dubbia, e di sicuro non adeguatamente argomentata.
Conclusione
La conclusione è abbastanza scontata: il Covid-19 ha fatto letteralmente sparire moltissime cause di morte “tradizionali”, ha eclissato le morti per il complesso delle similinfluenze, ha fatto sparire le infezioni ospedaliere, i morti per inquinamento e dulcis in fundo ha magicamente eclissato tutti gli errori medici (le cause iatrogene causano circa 45.000 morti all’anno)…
Chi può infatti arrogarsi il diritto di stabilire con certezza assoluta che una persona anziana, magari obesa con diabete mellito e una cardiopatia ischemica grave, risultando positiva al tampone è morta sicuramente SOLO per Covid-19? Questa persona avrebbe superato l’inverno indenne se non fosse stata infettata da SARS-CoV-2 o da un altro delle centinaia di virus similinfluenzali circolanti?
Nessuno sano di mente può stabilire una simile correlazione, a parte ovviamente la “medicina basata sulle evidenze”. Dove per “evidenze” s’intende il diktat del regime: TUTTI I DECESSI SONO COVID-19!
Alla fine era abbastanza scontato che il “matrimonio” forzato e probabilmente imposto dall’alto, tra Istituto Superiore di Sanità e Istat avrebbe difeso a oltranza e a spada tratta tutta la linea governativa, infischiandosene impunemente di tutte le migliaia di persone decedute e dei rispettivi parenti.
Marcello Pamio

disinformazione.it

31 luglio 2020

PUBMED: provato scientificamente il nesso tra 5g e coronavirus


Ricordate quando in tempi non sospetti, nel febbraio 2020, mi soffermai sulla correlazione tra 5G e Coronavirus? Fui subito dileggiato da Giorgio Romiti (Gaston Zama) delle Iene. Egli pensò bene di realizzare un servizio trappola per ridicolizzare la questione e mandare tutto in caciara. Ora si scopre che avevo ragione. Infatti, il 9 giugno 2020, è stato approvato uno studio che addirittura imputa alle frequenze del 5G la creazione di Coronavirus nelle cellule bersaglio! Quindi non solo il 5G inibisce il sistema immunitario (QUI), ma crea virus! Si comprende per quale motivo le autorità sono sicure di una seconda e pure una terza ondata. Certo... i ponti 5G aumentano a dismisura e di conseguenza saranno sempre maggiori le strane "influenze stagionali".

A seguito della segnalazione di tale studio sul mio profilo Facebook, qualcuno nelle alte sfere ha richiesto la rimozione del post e, contestualmente, ha fatto cancellare i contenuti della ricerca su biolifesas.org. Ciò fa intendere che l'ordine di eliminare il testo e la sospensione dell'account sono derivati da ordini che partono dal Governo. La ricerca può essere comunque ancora visionabile su Pubmed, ma non per molto. Salvatela!

LINK allo studio referato sul sito PUBMED. QUI.


Joe Hoft: "Il complotto contro Trump ha avuto origine in Italia"

26 luglio 2020

Adrenocromo: la droga dell’immortalità. Il Santo Graal dei pedosatanisti



Marcello Pamio
E’ conosciuto almeno dagli anni Trenta del secolo scorso anche se in letteratura uno dei primi a parlare di adrenocromo fu Aldous Leonard Huxley (1894-1963) nel suo libro “Le porte della percezione: paradiso e inferno” del 1954.
Huxley è stato uno scrittore visionario ma soprattutto uno sperimentatore. Oltre alla saggistica infatti si è dedicato alla meditazione filosofica indotta dalle droghe: egli era convinto che la felicità e l’infelicità altro non fossero che il frutto di reazioni chimiche all’interno dell’organismo umano.
Questa sua visione della vita lo portò a sperimentare estesamente su sé stesso gli effetti di molte droghe (mescalina, LSD, ecc).
L’adrenocromo - ha scritto - “è un prodotto della decomposizione dell'adrenalina, può produrre molti dei sintomi osservati nell'intossicazione da mescalina. Ma l’adrenocromo probabilmente si forma spontaneamente nel corpo umano. In altri termini, ciascuno di noi può essere capace di fabbricare minute dosi chimiche di ciò che si ritiene provochi profondi cambiamenti nella coscienza. Alcuni di questi cambiamenti sono simili a quelli che si verificano nella più caratteristica peste del ventesimo secolo, la schizofrenia”. Aveva perfettamente ragione Huxley quando scrisse che “si forma spontaneamente nel corpo umano”, e dopo vedremo come si produce e soprattutto perché...


A riportare alla ribalta mediatica l’adrenocromo ci ha pensato il romanzo “Paura e disgusto a Las Vegas” scritto da Hunter Stockton Thompson nel 1971, da cui hanno tratto il demenziale film “Paura e delirio a Las Vegas” con Johnny Depp, in cui si parla espressamente della droga descrivendola come uno psichedelico dagli effetti simili all’LSD, anche se “la mescalina al confronto è un gingerino”...
Brevetto chimico
Il 26 febbraio 1985 gli Stati Uniti hanno assegnato il brevetto numero 4,501,923 all’inventore inglese Deryck F. Boot che lavorava per la Minnesota Mining and Manufacturing Company, meglio nota come 3M Co., la potentissima corporation americana che produce oltre 60.000 prodotti industriali di ogni tipo (mascherine, adesivi, abrasivi, dispositivi di protezione individuale, pellicole per vetri, prodotti dentali, materiali elettrici ed elettronici, prodotti medici, software sanitari ecc).
Il brevetto descrive un processo per preparare l'adrenocromo comprendente adrenalina ossidante o un suo sale.

Oggi in medicina l’adrenocromo viene somministrato per via endovenosa per curare soggetti epilettici, mentre sotto forma di adrenocromo monosemicarbazone (carbazocromo) viene utilizzato come emostatico nelle emorragie capillari per trattarne la fragilità, ma in questa forma è totalmente privo di azione simpaticomimetica e quindi del tutto inutile per gli scopi tanto desiderati e ricercati dall’élite...
Adrenocromo
Cos’è in realtà questa sostanza, e perché è così ambita?
L'adrenocromo, la cui formula è C9H9NO3, è il potente precursore ormonale dell'adrenalina secreto dal corpo in grandi quantità in momenti di intensa paura, rabbia o pericolo di vita. Lo scopo è quello di ottimizzare la risposta adrenalinica dei muscoli e dei nervi, proteggere i tessuti e gli organi dai rigori della scarica di adrenalina, ottimizzando al meglio il meccanismo di combattimento o fuga come risposta alla paura umana in situazioni di estrema necessità come quelle legate alla sopravvivenza.
Si può pensarlo come un potentissimo additivo per il carburante della “macchina umana” di fronte ad un pericolo. Sembra non esserci nulla di simile sulla terra.
Possiede, tra le altre cose, capacità rigenerative dei tessuti, sarebbe in grado di ripristinare la reattività nervosa e la funzione cognitiva.
Miracolo dell’orecchio del coniglio e del cuore della rana
In uno studio belga pubblicato nel 1946, i clinici furono in grado di usare una perfusione di adrenocromo acquoso per riportare in vita l'orecchio di un coniglio congelato, consentendo ai medici di ripristinare la vascolarizzazione e la risposta dello stimolo nervoso al tessuto precedentemente necrotizzato. Cose impensabili non solo allora ma anche oggi.
I medici hanno dimostrato la capacità dell'adrenalina ossidata nel ripristinare i sistemi nervosi danneggiati, e i risultati hanno stimolato la pratica di applicare l’adrenocromo nei siti di incisione dei pazienti al fine di accelerare la rigenerazione e la guarigione dei nervi.
In un altro studio questa volta del 1939, la perfusione di adrenocromo è stata usata per rigenerare e riavviare il cuore di una rana, riportando in vita l'animale.
Bambini come “donatori”
Come detto precedentemente l’adrenocromo prodotto chimicamente è un farmaco che non ha nulla a che vedere con la sostanza endogena naturale prodotta da un essere umano in pericolo!
La cosiddetta “droga dell’immortalità” deve venire estratta direttamente dall’organismo, meglio se giovane e fresco come quello di un bambino perché con l’età la sua produzione cala.
L’altro motivo è che la sovraesposizione ripetuta all'adrenalina ossidata dell'adulto porta a nefasti effetti collaterali fisici e mentali: convulsioni epilettiche, sintomi simili al Parkinson, schizofrenia e psicosi delirante.
I bambini risultano essere la migliore “fonte” di estrazione, sia perché è più facile trovare una piccola creatura come “donatore” rispetto ad un adulto, e poi perché l'adrenocromo giovanile è bilanciato chimicamente in modo da ridurre gli orribili effetti collaterali della versione per adulti.
Vale la regola: più giovane è il “donatore” e migliore è la droga!
Per avere una maggiore concentrazione di adrenocromo è necessaria una potente scarica adrenalinica e questa si genera quando la persona e/o il bambino subisce violenza psicologica o fisica e quando viene letteralmente impaurito e terrorizzato.
Questo abominio potrebbe essere la spiegazione del pernicioso e indicibile traffico di bambini, rapimenti, sfruttamento, abusi e persino sacrifici di minori da parte di queste pericolosissime congreghe? Pochi sanno perché i media non ne parlano, ma ogni anno milioni i bambini nel mondo spariscono nel nulla: una parte torna a casa ma il restante non viene più ritrovato!
La Verità è figlia del tempo e per fortuna le cose stanno venendo fuori.
L’altra cosa che sta lentamente emergendo è che questa droga sembra essere largamente utilizzata dai membri dell’élite legati a logge pedosataniste, di cui moltissime star di Hollywood, e non solo, ne fanno parte.
In pratica l'adrenocromo ha assunto le connotazioni mitologiche della fonte dell’eterna giovinezza: il Santo Graal dei pedosatanisti luciferini che regnano purtroppo in mezzo a noi...
Conclusione
Non possiamo sapere con assoluta certezza se l’adrenocromo è una invenzione fantasiosa di qualche mente perversa o realmente la droga più ricercata e in voga dalla crème de la crème.
Ma droga a parte, la cosa certa è che esistono numerose congreghe dedicate al culto luciferino, mi riferisco alle sette pedosataniste che si dedicano alla profanazione rituale dell'innocenza infantile per il potenziamento “spirituale” da una parte (se possiamo chiamarlo così), e forse anche al potenziamento chimico-ringiovanente dall’altra.
Tutto però sta venendo fuori e i segni della verità stanno emergendo quotidianamente.
Il caso del miliardario pedofilo Jeffrey Epstein è illuminante da questo punto di vista.
Epstein era un procuratore e organizzatore di questa aberrante pratica sessuale di magia nera, e il suo arresto ha permesso di scoperchiare, almeno in parte, il Vaso di Pandora.
Sappiamo nomi e cognomi dei numerosi clienti (non di tutti purtroppo) di Epstein, quelli che hanno volato con il suo jet privato “Lolita Espress” per andare a impaurire e/o violentare i bambini nella sua isoletta (Isle of Sin, l'isola del peccato)…

Il jet privato di Epstein "Lolita Express"

A questo punto chi può negare l’ipotesi che i vari personaggioni non volassero nell’isola degli orrori per partecipare alla produzione della droga?
Tra i nomi venuti alla ribalta: Bill, Hillary Chelsea Clinton, Woody Allen, Kevin Spacey, Bill Cosby, Mick Jagger, Principe Andrea, Charles Spencer (fratello di Lady Diana),il filantropo Bill Gates, Tony Blair, Michael Bloomberg, Richard Branson, Rupert Murdoch, persino Henry Kissinger e moltissimi altri nomi della politica, della finanza e di Hollywood.

Anche il filantropo Bill Gates risulta nell'elenco passeggeri…

Nell’armonia e nell’equilibrio del Sistema, oltre a queste forze indubbiamente di tenebra si stanno muovendo anche le forze di Luce, e difatti le notizie e i nomi iniziano a trapelare...
Anche le dichiarazioni inequivocabili del presidente Donald Trump sono su questa linea.
La difesa a spada tratta dei bambini e soprattutto le azioni che sta mettendo in atto Trump (il presidente che non doveva essere eletto), indicano senza ombra di dubbio che è in atto una vera e propria guerra ai più alti livelli, o ai più bassi dipende dai punti di vista.
Uno scontro senza eguali tra il mondo umano e quel substrato occulto (Deep State) di anime perdute e totalmente pervertite.
Concludo con qualche immagine recente dei divi di Hollywood, perché stranamente il loro corpo sembra aver subito un tracollo fisico nell’ultimo periodo. Tracollo inspiegabile se si confrontano le foto con le precedenti…
Siamo di fronte alla prova che molte star sono in astinenza di qualche droga? Oppure si tratta solo di normalissimo invecchiamento fisiologico accelerato dal lockdown?

Jhonny Depp, 57 anni
Celine Dion, 52 anni
Regina Elisabetta II, 94 anni. Principe Filippo Mountbatten, 99 anni e il papa…

Esperimento sulla rana è citato in questo articolo scientifico:
https://physoc.onlinelibrary.wiley.com/doi/pdf/10.1113/jphysiol.1949.sp004305 
Esperimento sul coniglio è citato in questo articolo scientifico:
http://pharmrev.aspetjournals.org/content/1/1/1
In questo articolo si legge: "Adrenochrome causes an elective inhibition of the process, which determines the content of associative thinking. This occurs in doses that do not heighten the lability of basic processes, do not reduce excitation, and do not loose temporary connections as is the case with LSD".
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0074774208600252
Questo riguardo le possibili reazioni "psicotiche" indotte da adrenocromo:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4813425/

19 MILIONI DI MINORI ABUSATI IN EUROPA, NON SI PUÒ RIMANERE IN SILENZIO – Don Fortunato Di Noto



Molte operazioni di polizia, in questi ultimi mesi, hanno portato alla scoperta di reti pedofile in tutta Europa. Le indagini internazionali parlano di crimini efferati commessi anche nei confronti di neonati. Si tratta della punta di un'iceberg secondo don Fortunato di Noto, presidente dell'associazione Meter, impegnata da anni nel contrasto alla pedofilia e nell'accoglienza e aiuto alle vittime. L'associazione ha recentemente pubblicato il report annuale sulla "pedofilia e la pedopornografia, un crimine mondiale", crimine che rimane troppo spesso taciuto. Dal 2014 l'associazione Meter ha denunciato sedici milioni di foto a carattere pedofilo e pedopornografico e tre milioni e mezzo di filmati. Secondo don Fortunato, oltre alle operazioni di polizia e a un più efficace coordinamento delle Forze dell'ordine di tutto il mondo, occorre anche una nuova attenzione delle istituzioni sul problema, attraverso iniziative di carattere educativo e culturale.

www.youtube.com/watch?v=-HDXh6hUhtM

byoblu
www.youtube.com/channel/UCyjNhbCPBuxM4jRxpjxr0ZQ

25 luglio 2020

POTERE E PEDOFILIA - TG #Byoblu24


Sono circa un milione i bambini che scompaiono ogni anno in Europa. Solo una piccola percentuale viene ritrovata. Molti finiscono nella tratta dei minori e nelle reti dei pedofili. In questi giorni in tutta Europa sono in corso operazioni di polizia contro diversi gruppi criminali. Su #Byoblu24 interviene don Fortunato di Noto, Presidente dell'associazione Meter che afferma con forza: "Non possiamo più rimanere in silenzio". Byoblu ha poi sentito il criminologo e psichiatra Alessandro Meluzzi, secondo il quale i recenti fatti di cronaca potrebbero anche nascondere l'ombra delle élite e dei poteri forti.

www.youtube.com/watch?v=x_7WIsgBGL4

byoblu
www.youtube.com/channel/UCyjNhbCPBuxM4jRxpjxr0ZQ

24 luglio 2020

Coronavirus, alta mortalità in Lombardia? Un falso mito, lo dice uno studio


Ponderando la mortalità della regione Lombardia con l'età dei pazienti, l'indice di decessi non è superiore alla media degli altri Paesi europei colpiti dal Covid-19. Lo rivela uno studio del San Raffaele di Milano.
La mortalità per Covid-19 in Lombardia, durante la fase acuta dell'epidemia non solo non è superiore  al resto d'Europa, ma è inferiore rispetto ad altre aeree colpite dal Sars-Cov-2. E' quanto emerge dalla ricerca effettuata da un team di scienziati dell'università Vita-Salute San Raffaele, tenendo conto di alcuni parametri come la densità, il pendolarismo e l'età media dei contagiati. 
Lo studio, realizzato nell'ambito del progetto europeo Horizon 2020 e pubblicato sulla rivista scientifica 'Acta Biomedica', prende in considerazione la diffusione dell'epidemia COVID-19 in 6 regioni metropolitane con caratteristiche demografiche simili, quali: 
  • l'area metropolitana di New York,
  • la regione dell'Île-de-France,
  • la contea di Londra,
  • Bruxelles-Capitale,
  • la Comunidad di Madrid,
  • la regione Lombardia.
La presenza di anziani in nord Italia, doppia rispetto alle altre regioni d'Europa, sarebbe la ragione dell'alta mortalità in Lombardia. Standardizzando il numero di decessi per età il valore registrato nella regione rientra nella norma europea.
"In Lombardia gli over 70 sono il 17%, contro il 6,9% in Catalogna, il 7,9% di Londra e il 9,5% della regione di Bruxelles-Capital", scrivono gli autori della ricerca, secondo cui la maggiore letalità nelle fasce d'età oltre i 70 anni spiega il dato lombardo in valore assoluto.
A 30 giorni dall'inizio dell'epidemia, più alti tassi di mortalità sono stati registrati a New York (81,2 x 100.000) e Madrid (77,1 x 100.000). Il tasso di mortalità in Lombardia è inferiore alla media (41,4 per 100.000). Inoltre il caso lombardo è l'unico in cui la capitale della regione, Milano, non sia stata pesantemente colpita dall'ondata epidemica.
Lo studio si sofferma sulla situazione interna in Italia, mostrando come la mortalità lombarda per Covid-19  sia cresciuta più che nelle altre regioni e sia decresciuta più lentamente rispetto agli altri ambiti metropolitani. Un fenomeno simile a quanto si è verificato a Stoccolma. Tali dati, dicono gli autori, richiedono un ulteriore approfondimento, per comprendere il ruolo dei focolai nelle Rsa.
it.sputniknews.com

23 luglio 2020

Gruppo Marcucci / Dal Sangue Infetto Al Plasma Iperimmune, Storia Di Una Dinasty


I Signori del Sangue”, ossia i fratelli Andrea, Paolo Marilina Marcucci, oggi proprietari del colosso per la lavorazione e distribuzione di emoderivati, Kedrion, cercano in tutti i modi di colpire la libertà d’informazione, di seppellire quel poco che resta del giornalismo controcorrente, d’inchiesta, teso a svelare le connection fra politica & affari.
Soprattutto se giocati sulla pelle dei cittadini e speculando sulla salute di tutti.

Da sinistra Paolo e Andrea Marcucci
Tanto più grave, il fresco attacco al giornalismo investigativo della Voce, in un momento drammatico come questo, ed il Paese alle prese con la tragedia del Covid 19 ed una crisi economica senza confronti.
Un momento in cui, ad esempio, c’è da affrontare la questione di terapie & cure per fronteggiare il coronavirus. E una delle strade da battere, secondo parecchi scienziati, è quella del “plasma iperimmune”.
Una terapia – come hanno fanno sapere i ricercatori – ben poco costosa, con una sacca di plasma iperimmune da appena 80 euro.



IL NUOVO BUSINESS DEL PLASMA IPERMMUNE
Ma c’è chi vuole fare affari anche con il plasma iperimmune, “industrializzandolo”, facendone salire il costo e quindi il prezzo a livello esponenziale. Un business sulla pelle della gente, dei pazienti: tanto più insopportabile, quindi.
Chi è che cerca di rendere il plasma iperimmune un gigantesco business da miliardi?
Il colosso Kedrion dei fratelli Marcucci.
E’ risultato evidente, quasi una sceneggiata tutta in famiglia, nel corso dell’audizione che si è tenuta circa un mese fa a palazzo Madama. Quando uno dei padroni di casa, il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, ha fatto partecipare il pur non invitato fratello, Paolo Marcucci, amministratore delegato di Kedrion, alla strategica audizione. Nel corso della quale il timoniere della corazzata sul fronte degli emoderivati ha potuto illustrare ampiamente il “progetto” di famiglia, con tanto di “conto lavorazione” per il plasma iperimmune da presentare agli italiani.
Attenzione: gli italiani finiranno per non pagarlo “direttamente”, quel plasma dorato, ma indirettamente sì! Dal momento che a sganciare i danari che potranno affluire nelle casse dei Marcucci sarà lo Stato, quindi gli stessi cittadini. Cornuti e mazziati!

Uno stabilimento Kedrion
Una vicenda che più vergognosa non si può, illustrata per filo e per segno da un Paolo Marcucci ricevuto in pompa magna a palazzo Madama: una faccia che più di bronzo non si può.
Della vicenda si è parlato poco sui media. Un articolo de il Fatto e, per fortuna, un paio di puntate delle “Iene” che hanno ben delineato i contorni della farsa sulla pelle – e sul sangue, visto che parliamo di plasma – degli ignari cittadini, come è stato documentato nelle numerose interviste ai donatori guariti dal coronavirus.

Nel poker di articoli querelati ce n’è uno proprio sul plasma iperimmune.
I Marcucci si sono sentiti “oltraggiati”, lesi nelle loro maestà quasi di origine quasi divina, dall’aver rammentato ai lettori, negli altri articoli e inchieste querelate, le importazioni di sangue che la Voce denunciò la bellezza di 43 anni fa, sulle colonne dell’antica “Voce della Campania” diretta da Michele Santoro.
Quando in un reportage del 1977 facevamo, appunto, riferimento ai centri di raccolta del sangue impiantati in Congo Belga non da Kedrion (che è stato costituita nel 2000) ma dalle precedenti sigle di casa Marcucci (Sclavo, Biagini, Farmabiagini etc.) guidate da padre-patriarca Guelfo Marcucci. In basso potete leggere quell’inchiesta del 1977.
Circostanze ribadite nel volume “Sua Sanità”, uscito nel 1993 e dedicato alle acrobatiche imprese dell’ex ministro Francesco De Lorenzo, ottimo amico di Guelfo e di Andrea Marcucci, candidato per il Pli alle elezioni del 1992.

LE CONFUSIONI “AD ARTE” E I “NUMERI”
Nella loro querela i legali dei rampolli di casa Marcucci creano più volte “ad arte” una confusione continua tra Kedrion e le vecchie società. Tanto per seminare fumo e sperare che le responsabilità – facendo di tutta erba un fascio – non saltino mai fuori.
Come è successo per il processo del “sangue infetto”, durato esattamente tre anni davanti alla sesta sezione penale del tribunale di Napoli e conclusosi con un clamoroso “il fatto non sussiste”. Ossia nessuna responsabilità per dirigenti e funzionari delle vecchie sigle di casa Marcucci e per il Re Mida della Sanità, Duilio Poggiolini, che invece venne condannato, con l’amico e sodale Francesco De LorenzoSua Sanità, nella altrettanto clamorosa “Farmatruffa”.

Nei nostri articoli – anche in quelli appena querelati – non abbiamo mai tirato in ballo Kedrion per la “sangue infetto story”; ma sempre le antiche aziende di casa. Né mai gli stessi rampolli, per evidenti motivi anagrafici.

Duilio Poggiolini e Francesco De Lorenzo
E altra confusione ad arte, seminano i legali Carlo Cacciapuoti e Carla Manduchi, sul fronte dei numeri, delle cifre. La Voce ha sempre distinto tra il processo per il sangue infetto, che ha visto la presenza in aula di appena 9 parti civili (poi ridottesi a 8 per la morte di una nel corso del processo); e la “strage del sangue infetto”, popolata da oltre 5 mila “anime morte”, una gran parte delle quali non avrà mai uno straccio di giustizia né il becco di un risarcimento (per i familiari).
Per questo la Voce, da oltre trent’anni, sta lottando per far sì che uno spiraglio di giustizia torni a poter far capolino in un buio senza fine. E soprattutto di “memoria”, per quanto può contribuire a fare, con i pochissimi mezzi a disposizione ma una passione civile senza confini, un mensile cartaceo prima (la Voce della Campania-la Voce delle Voci) e un sito di contro-informazione come il nostro oggi.
Eppure, secondo i Marcucci, le nostre sono “sedicenti inchieste”, “eresie”, articoli “senza professionalità” e senza neanche “una redazione”; noi siamo animati solo da un “odio biblico” nei confronti dei divini nocchieri di Kedrion! Tanto per cercare di delegittimarci, di gettar fango su coloro i quali invece – carte e documenti alla mano, verbali e pezze d’appoggio – dettagliano i loro affari nell’arco dei decenni.
Ed anche negli ultimi mesi, come testimonia la querela calda come una sfogliatella. In cui, però, non compare uno degli articoli più “forti” scritti nelle ultime settimane, peraltro oggetto di una risentita lettera inviata, per conto dei Marcucci, dall’avvocato Manduchi.
Al centro dell’affaire, stavolta, i rapporti “scientifici” fra Kedrion e un grosso centro di ricerca localizzato a Wuhan, in Cina.

LA “COLLABORAZIONE” TRA KEDRION E IL CENTRO DI WUHAN
Apriti cielo! All’indomani dell’uscita dell’articolo sul sito della Voce ci arriva l’infuocata email di Manduchi, proprio come mesi prima ci era arrivata la missiva al vetriolo di Cacciapuoti per l’articolo “Teflon & emoderivati”.

Manduchi contesta l’accostamento tra Kedrion e il centro di Wuhan: come se noi avessimo accusato i Marcucci di aver causato la pandemia!!

Il tribunale di Napoli
Abbiamo replicato, a stretto giro (pubblicando sulla Voce, come già in precedenza, la lettera del legale dei Marcucci e la nostra risposta) che era stato addirittura Paolo Marcucci a rilasciare, qualche giorno prima, un’intervista al Corriere della Sera in cui pomposamente ragguagliava gli italiani sui prestigi internazionali di Kedrion e gonfiava il petto proprio a proposito della collaborazione con il centro di Wuhan!
Noi, quindi, accusati di aver semplicemente riportato le frasi del comandante maximo di Kedrion!
Ai confini della realtà.
Ma attenzione. Sia l’inchiesta su Kedrion-Wuhan (non querelata, strano ma vero) che i quattro articoli invece querelati, sono sparito letteralmente dal nostro sito. Volatilizzati, come abbiamo spiegato nell’inchiesta del 6 luglio.
Lo abbiamo denunciato al comando di polizia di Napoli-Pianura, lo abbiamo dettagliato anche nella memoria che abbiamo inviato il 7 luglio al pubblico ministero della procura di Napoli, Maria De Mauro, incaricata di svolgere indagini in merito alla querela presentata dai Marcucci contro la Voce e il suo direttore responsabile, nonché autore delle inchieste, Andrea Cinquegrani.
A breve vi ragguaglieremo sugli sviluppi.

L’INCHIESTA DELLA VOCE DI GENNAIO 1977










21 luglio 2020

Ghislaine Maxwell avrebbe "una scorta segreta di sex tape" e "copie di tutto quello che aveva" Jeffrey Epstein

Un ex amico della coppia sostiene che tali registrazioni coinvolgerebbero persone potenti e che se l'accusata cade "porterà tutti con sé"
Ghislaine Maxwell, l'ex partner di Jeffrey Epstein, avrebbe "una scorta segreta" dei sex tape del defunto miliardario americano e userebbe il materiale se dovesse negoziare la sua uscita di prigione, ha detto al Daily Mail un anonimo ex amico.
I nastri avrebbero coinvolto personaggi noti e la celebrità britannica li avrebbe conservati perché "è sempre stata molto astuta" e non avrebbe passato così tanto tempo con Epstein senza avere una certezza: "se Ghislaine va giù, porterà tutti con sé", ha detto l'amico di lunga data della sospetta.

Epstein "non solo amava registrarsi con i minori", ma voleva "assicurarsi di avere materiale su uomini ricchi e potenti che approfittavano della sua malata generosità" e Maxwell "era sempre furba come loro", quindi non sarebbe rimasta con il magnate "tutti quegli anni senza avere alcuna assicurazione".

Maxwell è stata arrestata negli Stati Uniti il 2 luglio, rimane in custodia cautelare senza cauzione, ed è accusata di sei reati federali, tra cui spergiuro e cospirazione per incitare i minori a viaggiare per atti sessuali illegali o per trasportarli con l'intento di compiere attività sessuali criminali.

Un giorno dopo la morte di Jeffrey Epstein, il New York Times ha pubblicato la storia di un giornalista che lo aveva intervistato nel 2018, quando il magnate sosteneva di conoscere molte cose potenzialmente dannose o imbarazzanti su persone ricche, famose e potenti e suggeriva di avere delle foto per dimostrare tale affermazione.

Spencer Kuvin, avvocato di diverse vittime del predatore sessuale, ha avvertito la settimana scorsa che Ghislaine Maxwell potrebbe incontrare lo stesso destino di Epstein perché "sa troppo" e certe persone potenti vorrebbero "metterla a tacere".
Negli ultimi anni, Maxwell è stata fotografata con celebrità come il Principe Andrea d'Inghilterra o il Presidente degli Stati Uniti e sua moglie, Donald e Melania Trump; mentre nel 2010 ha partecipato al matrimonio di Chelsea Clinton, figlia dell'ex inquilino della Casa Bianca ed ex Segretario di Stato americano, Bill e Hillary Clinton.

20 luglio 2020

Gruppo Marcucci / Attaccano Le Inchieste Della Voce. Che Spariscono…


Spariti, volatilizzati dal sito della “Voce” gli ultimi articoli e inchieste dedicati alle imprese del gruppo Marcucci, quei “Signori del sangue” che dagli anni ’70 hanno l’oligopolio della lavorazione e distribuzione di emoderivati, un autentico pozzo di San Patrizio. E oggi vogliono dettar legge nel super mercato del post Covid a botte di “sangue iperimmune”, come hanno di recente proposto in Senato.
Un autentico “mistero”, un vero giallo che abbiamo provveduto a denunciare, il 6 luglio, alle forze di Polizia, con un dettagliato esposto.
Ecco cosa è successo.

HACKERAGGIO O CHE?
Nei giorni scorsi abbiamo potuto leggere il testo di una fresca querela presentata dai tre rampolli di casa Marcucci, ossia Paolo, socio e amministratore della corazzata di famiglia KedrionMarilina e Andrea Marcucci, entrambi soci di Kedrion e quest’ultimo pezzo da novanta del PD, in qualità di capogruppo al Senato.
I tre contestano il contenuto di quattro articoli scritti dalla Voce negli ultimi 4 mesi, da febbraio a maggio.

Andrea Marcucci
Il primo, del 29 febbraio 2020, si intitola “Teflon e emoderivati / Usa e Italia uniti nelle stragi” e prende spunto dal film americano “Acque sporche” (“Dirty Waters”) uscito nelle sale prima della chiusura per Covid.
Il secondo, del 29 febbraio, è titolato “Strage del sangue infetto / Un attacco frontale di Andrea Marcucci & C. alla Voce”, quando abbiamo pubblicato la lettera stizzita dei Marcucci contro l’inchiesta della Voce della settimana precedente e la nostra replica, punto per punto.

Il terzo articolo è comparso esattamente un mese dopo, il 29 marzo 2020, titolato “Gruppo Marcucci / Vola la corazzata Kedrion”, e si riferisce semplicemente al forte rialzo in Borsa del titolo Kedrion. Tutto qui.
Il quarto articolo, poi, è uscito il 5 aprile 2020, titolo “Andrea Marcucci / Primo firmatario dell’emendamento killer”. Riguarda la vicenda del plasma iperimmune, l’argomento del giorno, soprattutto perché oggetto di una contestatissima audizione in Senato, dove si sono presentati il capogruppo del PD, Andrea Marcucci e – pur non convocato – suo fratello Paolo, che illustra il progetto di “famiglia” per poter controllare il business del plasma iperimmune.
Al tema bollente dedicano un’accesa puntata “Le Iene”.
I legali di casa Marcucci, Carlo Cacciapuoti Carla Manduchi, querelano il 7 maggio la Voce. Che ne viene a conoscenza il 15 giugno, e può leggere il testo della stessa querela il primo luglio.
Ci mettiamo in moto, per rispondere, anche questa volta, punto per punto, alle contestazioni, redigendo una corposa memoria che il 7 luglio viene inviata per pec al pubblico ministero della procura di Napoli incaricato del caso, Maria De Mauro.

La foto che era inserita in apertura dell’articolo sparito su Teflon & emoderivati
Nella giornata del 5 luglio stiamo completando la memoria e raccogliendo tutti gli allegati, utili come documentazione per suffragare quanto da noi scritto.
Ma ecco la sorpresa. Quando cerchiamo gli ultimi quattro articoli contestati, non li troviamo sul nostro stesso sito!
Spariti, volatilizzati, scomparsi!
Facciamo un salto sulla sedia. Cosa può essere mai successo? Come mai non riusciamo a reperire articoli molto recenti, quei quattro usciti appunto tra febbraio e maggio, non vecchi di 10 o 20 anni?
A questo punto prepariamo un “esposto-denuncia” che presentiamo al commissariato di pubblica sicurezza di Pianura-Napoli, il 6 mattina. Scrivendo, tra l’altro, che “tali articoli risultano scomparsi dal sito senza che il sottoscritto (Andrea Cinquegrani, direttore della Voce, ndr), unico legittimato ad operare sul portale, li abbia mai rimossi”. “Si ipotizza che una operazione di hackeraggio abbia potuto cancellare arbitrariamente tali articoli”.

IL GIALLO NEL GIALLO, “WUHAN”
Nella stessa denuncia facciamo riferimento al fatto che eravamo in procinto di allegare gli articoli nella nostra memoria difensiva dopo la querela dei Marcucci, i quali, nella stessa querela, avevano avanzato una richiesta di “urgente sequestro preventivo” degli articoli in oggetto, dei quali si richiedeva l’immediato “oscuramento o deindicizzazione”.
A questo punto, i Marcucci in qualche modo hanno “ottenuto” il loro scopo: “oscurare” quegli articoli, farli sparire dal nostro sito, far sì che ora i lettori non possano più leggere dalla Voce notizie sull’emendamento killer circa il plasma iperimmune oppure del giallo di Wuhan.
Sì perché c’è una quinta inchiesta che abbiamo pubblicato e per la quale abbiamo ricevuto una lettera dell’avvocato Manduchi, il legale che ha co-firmato la querela. La quinta inchiesta riguarda i rapporti tra Kedrion e un importante centro di ricerca di Wuhan, del quale forniamo i dettagli.

Paolo Marcucci
La Voce viene accusata di aver osato accostare il nome dei Marcucci, della prestigiosa Kedrion, al cuore della pandemia! Peccato sia stato Paolo Marcucci in persona a dettagliare tutti i particolari dell’intesa tra Kedrion e il centro di Wuhan nel corso di un’intervista al Corriere della Sera, non al settimanale di Canicattì!
Strano, però, che la vicenda di Wuhan, pur contestata per lettera, non abbia trovato spazio nella querela presentata dai Marucci contro la Voce. Un passo indietro su quel fronte, o che?

Comunque, abbiamo provveduto a pubblicare sulla Voce anche quella lettera sul caso Wuhan, con una nostra risposta: come di consueto, punto per punto.

QUANDO SUA SANITA’ DE LORENZO “RUBAVA LE BOZZE”
Torniamo a bomba. Ossia all’hackeraggio subito dalla Voce, all’oscuramento dei 4 articolo querelati. Anzi dei 5, visto che il “giallo di Wuhan” risulta anch’esso sparito dal nostro sito, pur essendo stato contestato ma non querelato.
E torniamo indietro nel tempo di quasi trent’anni. Per la precisione ad inizio del 1992, quando stava per uscire nelle librerie italiane il volume “Sua Sanità”, coedito dalla Voce e dalla Publiprint di Trento, e dedicato alle allora molto fortunate imprese del ministro della Sanità Francesco De Lorenzo.
Un volume che ha avuto un decollo molto inusuale.
Prima ancora infatti che le copie potessero entrare nel complesso circuito della distribuzione e quindi, dopo giorni, nelle librerie, gli avvocati di “Sua Sanità” era già in possesso delle bozze del libro.
Tanto da poterne chiedere pubblicamente il sequestro, sventolando il relativo atto giudiziario in occasione della presentazione in anteprima del libro, durante la kermess editoriale “Galassia Gutemberg” a febbraio 1992. Alla presentazione, tra gli altri, aveva preso parte anche il “futuro” sindaco di Napoli, Antonio Bassolino.
Seduta stante – e concretamente il giorno seguente – annunciamo di voler presentare una denuncia di ricettazione a carico di De Lorenzo, il quale non poteva essere entrato in possesso delle bozze, con largo anticipo rispetto alla stampa del libro, se non per via illegale e fraudolenta.
Ne scaturisce un putiferio. La notizia rimbalza per tutta la stampa nazionale, tanto che – per fare un solo esempio – il Resto del Carlino titolò: “Adesso De Lorenzo ruba anche le bozze di un libro”.
Anni duri per Sua Sanità. Che verrà processato e condannato per la “Farmatruffa” con il suo amico e sodale Diulio Poggiolini, il Re Mida della sanità e direttore generale al ministero. I due, infatti, vengono condannati sia sotto il profilo penale che amministrativo, dovendo risarcire 5 miliardi di lire a testa per aver infangato, con il loro comportamento, l’immagine dell’Italia.

LE DUE DINASTY PARALLELE
Nel libro “Sua Sanità” – per diverse settimane in testa alla hit della saggistica – un capitolo viene dedicato alla dinasty dei Marcucci. Con la quale un’altra dinasty, quella dei De Lorenzo, ha stretto un vero e proprio patto politico e d’affari.
Proprio nel 1991, infatti, per via degli ottimi rapporti tra Sua Sanità e il patriarca della famiglia MarcucciGuelfo, viene candidato con successo alla Camera il rampollo Andrea, che risulterà il più giovane parlamentare mai eletto nel nostro paese. Collegio prescelto, of course, quello della natia Toscana.
Guarda caso, negli stessi mesi fa il suo ingresso nel consiglio d’amministrazione di “Scalvo” – una delle perle di casa Marucci – Renato De Lorenzo, fratello di Sua Sanità.
Come dire, un affare tira l’altro, dalla politica alle imprese.
Ma cosa fanno i Marcucci nella loro querela contro la Voce? Negano ogni rapporto con Sua Sanità De Lorenzo, si sentono oltraggiati – ovviamente in primis il capo Pd al Senato Andrea Marcucci – e lesi nelle loro maestà. Negano tutto. Così come i rapporti con il Re Mida Poggiolini.
Facce di bronzo.
Lo documentiamo domani con un’altra inchiesta.