Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post

23 gennaio 2019

Monopolio in cambio di censura. Così nacque il copyright

Monopolio in cambio di censura. Così nacque il copyright
Coloro che si oppongono alla direttiva europea sul copyright (approvata il 12 settembre 2018) contestano in particolare due articoli: l’11 e il 13. Quest’ultimo, in particolare, introduce i famigerati filtri in upload sul materiale caricato dagli utenti, ma non punisce in nessun modo chi afferma in modo infondato di detenere diritti di proprietà intellettuale su certi materiali. Questa è una delle tante leggi che, per dirla con Rick Falkvinge, se applicate al “vecchio mondo analogico” suonerebbero assurde e ridicole. Illuminante l’esempio di Cory Doctorow:
Non puoi andare al cinema e, a un certo punto del film, urlare “Detengo i diritti intellettuali su quella canzone” e far interrompere il film
Condivisibile, dunque, la preoccupazione di chi -come gli Anonymous- denuncia il rischio che la violazione di copyright possa diventare una pretesto largamente utilizzato per impedire la pubblicazione di materiali (siano essi testi, immagini, video, qualsiasi cosa) ritenuti scomodi per tutt’altre ragioni.
In una parola: che si possa arrivare alla censura.
Questo scenario, del resto, non sarebbe certo una novità. Anzi: è esattamente così che è nato il copyright.
Il copyright fu inventato in Inghilterra nel 1557, regnante quella Maria I Tudor passata alla storia col soprannome di Bloody Mary. Come racconta Mauro Pili nel suo saggio sulla storia del movimento pirata:
Maria I aveva ereditato un’ Inghilterra protestante da suo padre, che aveva convertito l’intero paese dal cattolicesimo solo per divorziare da sua madre (e passare a sposare una mezza dozzina di altre donne in sequenza). Maria non era molto felice del trattamento di sua madre ed era stata allevata come cattolica; vide come suo dovere convertire l’Inghilterra di nuovo al cattolicesimo, indipendentemente dal costo in sangue.
Prese il trono a suo cugino nel 1553 e iniziò un giro di vite sui dissidenti politici che ancora oggi le fa guadagnare il soprannome di “Bloody Mary” (…) Oltre 280 dissidenti furono bruciati vivi per ordine di Maria I, come monito per gli altri.
In questo contesto, cercò un mezzo ulteriore per sopprimere la libertà di parola e di dissenso politico. Vedendo che in Francia contro la stampa la pena di morte aveva fallito miseramente, scelse una diabolica alleanza tra il capitale e la corona. Maria I° consegnò il monopolio della stampa il 4 maggio 1557 alla London Company of Stationers. In cambio di un monopolio lucrativo sulla stampa in tutta l’Inghilterra, la società si accordò a non stampare nulla che i censori della Corona ritenessero politicamente insubordinato.
Nulla di sorprendente, in fin dei conti. Uno Stato, quando impedisce la circolazione di un libro (o di un qualsiasi contenuto multimediale, al giorno d’oggi) fa oggettivamente più bella figura se dice che lo sta facendo per tutelare un diritto (la proprietà intellettuale) di qualcuno, anziché per censurare un pensiero critico.
Oggi come allora, la difesa della cosiddetta “proprietà intellettuale” (che alcuni economisti più propriamente chiamano monopolio intellettuale) rischia di diventare un grimandello con cui scardinare la libera circolazione delle idee e della conoscenza. I censori non sono più esseri umani, ma bot automatizzati i cui criteri di funzionamento possono solo essere immaginati, visto che di solito il loro codice sorgente non è certo aperto. 
Qualcuno potrebbe pensare che questi timori siano frutto di paranoie e preoccupazioni eccessive; eppure c’è chi ha già avuto un’anteprima di cosa potrebbe essere il domani. L’eurodeputata Julia Reda, ad agosto 2018, ha raccontato di aver visto sparire dal “principale motore di ricerca al mondo” alcuni suoi articoli su…la possibilità che alcuni articoli venissero rimossi.
E quegli articoli parlavano proprio dei bot per la censura automatica.

21 gennaio 2019

La pubblicità e il mondo accademico stanno controllando i nostri pensieri


Complici dell’industria pubblicitaria, le università ci inducono in tentazione, invece di  avvisarci come dovrebbero.
In che misura noi decidiamo? Ci diciamo di scegliere il corso delle nostre vite, ma è vero? Se io o voi fossimo vissuti 500 anni fa, la nostra visione del mondo, e le decisioni che avremmo preso di conseguenza, sarebbero state completamente diverse. Le nostre menti sono formate dall’ambiente sociale, in particolare dal sistema di credenze progettato da quelli al potere: una volta erano i monarchi, gli aristocratici e i teologi, oggi sono  le  multinazionali, i miliardari e i media.
Gli umani, i mammiferi sociali per eccellenza, sono spugne intellettuali ed etiche. Assorbiamo inconsciamente, nel bene o nel male, le influenze che ci circondano. Infatti, la sola idea che sia possibile formare le nostre stesse menti è un concetto acquisito, che cinque secoli fa sarebbe stato piuttosto alieno alla maggior parte delle persone. Questo non significa che non abbiamo capacità indipendenti di pensiero. Ma che per esercitarle, noi dobbiamo, con coscienza e grande sforzo, nuotare contro la corrente sociale che ci trascina, per lo più senza che ce ne rendiamo conto.
Però, anche se siamo complessivamente formati dall’ambiente sociale, certamente controlliamo le piccole decisioni che prendiamo? A volte. Magari. Ma anche qua siamo soggetti a una influenza costante, della quale vediamo una parte, ma non la gran parte. E c’è una grande industria che cerca di decidere al posto nostro. Le sue tecniche diventano sempre più sofisticate ogni anno, sfruttando le più recenti scoperte della neuroscienza e della psicologia. Tutto ciò ha il nome di pubblicità.
Ogni anno, vengono pubblicati nuovi libri su questo argomento, con titoli come Il Codice della Persuasione: Come il Neuromarketing Può Aiutarti a Persuadere Chiunque, Dovunque, in Qualsiasi MomentoAnche se molti libri sono senza dubbio sopravvalutati, essi descrivono anche una disciplina che si sta rapidamente  avvicinando alle nostre menti, rendendo sempre più difficile il pensiero indipendente. Pubblicità più sofisticate si intrecciano con tecnologie digitali progettate per eliminare le agenzie.
Quest’anno, lo psicologo infantile Richard Freed ha spiegato come nuove ricerche psicologiche siano state usate per sviluppare social media, videogiochi, telefonini con qualità genuinamente assuefative. Ha citato un esperto tecnologo che si vantava, con apparente giustificazione: “Abbiamo l’abilità di girare un po’ di manopole di controllo di una machine learning che abbiamo costruito e nel mondo centinaia di migliaia di persone cambieranno lentamente il loro comportamento in modi che, a loro insaputa, sembreranno naturali ma che in realtà sono stati progettati.”
L’obiettivo di questa intrusione mentale è di creare piattaforme pubblicitarie più efficaci. Ma lo sforzo è vano se noi manteniamo l’abilità di resistervi. Facebook, in accordo con un rapporto trapelato, ha svolto ricerche, condivise con un agenzia pubblicitaria, per determinare quando gli adolescenti che usano il suo network si sentono insicuri, inutili o stressati. Questo sembra essere il momento migliore per colpirli con micro promozioni mirate. Facebook ha negato di offrire “strumenti che prendono di mira le persone in base ai loro stati d’animo.”


Facebook, secondo un rapporto trapelato, ha sviluppato strumenti per determinare quando gli adolescenti che usano la sua rete si sentono insicuri, senza valore o stressati.


Ci possiamo aspettare che le agenzie commerciali proveranno qualsiasi stratagemma legale che possono portare a termine. Resta una decisione della società, rappresentata dai governi, se fermarli, attraverso quel tipo di regolamentazione che è venuta a mancare finora. Ma ciò che mi lascia perplesso e mi disgusta anche più di questo fallimento è la volontà delle università di ospitare e aiutare i pubblicizzanti ad entrare nel nostro cervello. L’ideale dell’Illuminismo, che le università affermano di abbracciare, è quello che ognuno dovrebbe pensare per se stesso. Quindi perché gestiscono dipartimenti in cui i ricercatori esplorano nuovi modi per bloccare questa capacità?
Lo chiedo perché, mentre consideravo la pazzia del consumismo  che in questo periodo dell’anno cresce oltre il livello normale di distruzione del pianeta, mi sono recentemente imbattuto in uno studio che mi ha meravigliato. È stato scritto da accademici delle università pubbliche in Olanda e negli Stati Uniti. Mi è parso che il loro obiettivo fosse decisamente in contrasto con l’interesse pubblico. Cercavano di identificare “i diversi modi in cui i consumatori resistono alla pubblicità, e le tattiche che possono essere usate per contrastare o evitare questa resistenza”.
Tra le tecniche “neutralizzanti” era evidenziata “camuffare l’intento persuasivo di un messaggio”; distrarre la nostra attenzione usando frasi confuse che rendono più difficile concentrarsi sull’intento del pubblicizzante; e “usare l’esaurimento cognitivo come tattica per ridurre l’abilità del consumatore nell’affrontare i messaggi”. Questo significa colpirci con un numero talmente alto di pubblicità da esaurire le risorse mentali, distruggendo la nostra capacità di pensare.
Incuriosito, ho cominciato a cercare studi accademici sullo stesso tema e ho trovato un’intera letteratura. C’erano articoli su ogni aspetto immaginabile di resistenza e suggerimenti che aiutavano a superarlo. Per esempio, mi sono imbattuto in uno studio che consiglia chi fa le pubblicità su come ricostruire la fiducia pubblica quando una celebrità con cui stanno lavorando si trova nei guai. Piuttosto che scaricare il prezioso collaboratore, i ricercatori suggeriscono che il modo migliore per recuperare “il fascino autentico e persuasivo di un testimonial”, la cui notorietà è calata, sia di fargli sfoderare  un “sorriso di Duchenne”, anche conosciuto come “sorriso genuino”. Lo studio ha precisamente anatomizzato questi sorrisi, fatto vedere come individuarli, discusso la “costruzione” della sincerità e “genuinità”: un magnifico esercizio di inaudita autenticità.
Un altro studio considerava come persuadere persone scettiche ad accettare le dichiarazioni di responsabilità sociale da parte di una multinazionale, specialmente quando queste pretese sono in conflitto con gli obiettivi finali della compagnia. (Un ovvio esempio è quello dei tentativi della Exxon Mobil di convincere le persone che l’azienda è ecologicamente responsabile perché compie ricerche su combustibili derivati da alghe, i quali un giorno potrebbero ridurre la CO2, anche se continua a pompare milioni di barili di petrolio al giorno). Speravo che lo studio consigliasse che il miglior modo per persuadere la gente fosse, per una compagnia, quello di cambiare pratica. Invece, gli autori della ricerca mostrano come immagini e comunicazioni possono essere combinate per minimizzare lo scetticismo delle persone interessate.
Un ulteriore studio trattava le pubblicità che lavorano sulla stimolazione FOMO – fear of missing out (la paura di perdersi qualcosa – n.d.T.). Si è notato come questi annunci funzionino tramite la “motivazione controllata”, che è una “maledizione per il benessere”. Le pubblicità FOMO, spiega la studio, tendono a causare un disagio in quelli che le notano. Continua poi mostrando come una migliore conoscenza della risposta delle persone “offra l’opportunità di innalzare l’efficacia di FOMO come possibile attivatore di acquisti”. Una tattica suggerita è di mantenere stimolata la paura di perdersi qualcosa, durante e dopo la decisione di comprare. Questo, suggeriscono, rende le persone più suscettibili ad altre pubblicità sulla stessa linea.
Sì, lo so: io lavoro in un’industria che riceve la maggior parte degli introiti dalla pubblicità, quindi ne sono complice anch’io. Ma quindi tutti lo siamo. La pubblicità, con un impatto distruttivo sul pianeta in cui viviamo, sulla nostra pace dei sensi e sulla nostra libertà, risiede nel cuore dell’economia basata sulla continua crescita. Questo ci dà ancora più ragioni per contrastarla. Tra i luoghi in cui questa sfida dovrebbe iniziare ci sono le università e le società accademiche, che dovrebbero impostare e mantenere gli standard etici. Se non riescono loro a nuotare contro queste correnti di desiderio calcolato e pensiero calcolato, chi lo potrà fare?
GEORGE MONBIOT è cronista del Guardian.
Tradotto per www.comedonchisciotte.org da STEFANO
Fonte: comedonchisciotte.org

18 gennaio 2019

Blog Emanuela Orlandi: Federica Orlandi “Anche io avvicinata da Felix sull’autobus”

New article


Pubblicato un nuovo articolo nel Blog di Emanuela Orlandi 

La lettera del suicida Alfredo e una nuova interista all'amico di Felix dove gli viene fatta ascoltare la telefonata che preannunciava la presenza della salma di De Pedis a S.Apollinare. 



16 gennaio 2019

Angelo Mangano E L’Intreccio De Mauro, Mattei, Eni


Prosegue il racconto del  Questore Mangano e delle sue indagini sulla scomparsa del giornalista Mauro De Mauro  

Al dottor Mangano, viene riferito confidenzialmente che il marchese siciliano Emanuele De Seta potrebbe essere a conoscenza di qualche fatto importante circa la vicenda del rapimento De Mauro. De Seta è spesso a Roma dove ha un'abitazione e il dottor Mangano decide di incontrarlo proprio nella capitale. Il funzionario crede che incontrandolo fuori dalla Sicilia e dal pesante clima omertoso che vi aleggia potrebbe aiutarlo nel farsi dare utili indicazioni sul rapimento del giornalista.

Prima dell'incontro, Mangano redige un appunto riservato del quale invia una copia alla Squadra Mobile di Palermo unitamente a quello successivo compilato pari data. Inoltre il 26 marzo 1971 copia dello stesso appunto fu fatto pervenire da Mangano all'onorevole Cattanei Presidente della Commissione Antimafia.- Copia del documento in questione è agli atti della Commissione Antimafia.

Roma, 10/11/1970 – "APPUNTO RISERVATO"
"Il noto avvocato Guarrasi durante la Guerra era Capitano dell'Autocentro in Libia. Rientrato in patria divenne aiutante di battaglia del generale Castellano in Sicilia, con il quale fece parte, poi della Commissione di Armistizio. Al termine della guerra divenne avvocato, consulente del principe Lanza di Trabia al quale fece fare una serie di errate operazioni.

Il Guarrasi politicamente in un primo tempo si portò con la lista di Vittorio Emanuele Orlando, poi con quella comunista, e quindi con quella del Partito Radicale. Successivamente divenne consigliere dell'On. Milazzo e fu l'artefice della nota "operazione Milazzo". Divenne molto amico di Gioia e Lima.

Al tempo dell'armistizio il Guarrasi unitamente al resto della Commissione, sostò ad Algeri per circa sei mesi e durante tale periodo ebbe la possibilità di conoscere tale Scampolino, del Servizio Segreto americano, addetto allo spionaggio militare. Lo Scampolino per tale ragione era in contatto con elementi mafiosi siciliani, i quali tramite il predetto Scampolino rimasero poi amici del Guarrasi.

Infatti quest'ultimo negli anni successivi, cioè dal 1944 al 1946, con molta frequenza riuniva nella sua abitazione i capi mafiosi siciliani tra cui il noto Genco Russo. Interruppe i rapporti con la mafia, almeno ufficialmente, soltanto negli anni in cui egli era divenuto comunista, per il cui partito fece notevoli operazioni finanziarie.

E' stato anche consocio di Guarnaschelli per il Casinò di Taormina. Fin dalla nascita dell'ENI divenne consulente di tale ente, carica che conserva tutt'ora; divenendo tra l'altro amico personale del Presidente Cefis.

E' consulente dell'Ente Minerario Siciliano, ed è naturalmente amico del Presidente Verzotto, nonché molto amico del rag. Buttafuoco. Mattei negli ultimi tempi aveva stretto amicizia con l'On.le D'Angelo, con il quale aveva preso accordi circa il programma dell'ENI in Sicilia, per cui, essendo il Guarrasi in contrasto con D'Angelo, era stato estromesso da Mattei dall'Ente. Il Guarrasi è ritornato poi in auge con L'ENI dopo che ha assunto la carica dell'Ente il dr Cefis.

E' ritenuto persona capace di commettere qualsiasi illegalità pur di raggiungere il proprio scopo. Capace anche di mettersi d'accordo con l'avversario del proprio cliente, senza scrupoli, mente tortuosa, intelligente ed opportunista. Non risulta che egli sia diventato proprietario di beni immobili dei Lanza di Trabia o che abbia fatto acquisti direttamente da questi ultimi."

Il 10 novembre 1970 Mangano incontra il Marchese De Seta a Roma; subito dopo redige il presente "appunto riservato", che unitamente al precedente sarà inviato alla Squadra Mobile di Palermo Copia del presente appunto Mangano la farà pervenire inoltre al Presidente della Commissione Antimafia Onorevole Cattanei il 26 marzo 1971. Il presente appunto così come quello sopra riportato è agli atti della Commissione Antimafia.

"Roma 10 novembre 1970 – APPUNTO RISERVATO"
"Da un colloquio odierno con il Marchese De Seta Emanuele si ha avuta la possibilità di confermare il contenuto dell'appunto precedente di pari data. Infatti il Guarrasi Consigliere d'Amministrazione del giornale L'ORA" di Palermo per circa una ventina di anni era legatissimo a Verzotto ed a La Cavera. Entrambi erano devotamente legati al primo che per la sua posizione stava al vertice del trio e manovrava a suo piacimento i primi due.

Il giorno successivo alla scomparsa del giornalista De Mauro, il sig. Giuggi Brucato telefono (segue numero utenza telefonica n. d. a) dell'abitazione e n. (segue numero utenza telefonica n. d. a.) della Galleria D'Arte di Palermo, parlando telefonicamente con il Marchese De Seta di tale sequestro alludeva al Guarrasi quale responsabile, senza però dare alcuna precisazione.

Il Verzotto era stato sistemato dal Guarrasi a presidente dell'Ente Minerario Siciliano, mentre La Cavera a Direttore generale della SOFIS, al tempo dell'Amministrazione Milazzo. (…). Il Guarrasi era anche amico del proprietario del Giornale di Sicilia Pirri, in quanto lo aveva sistemato quale Presidende della Bianchi Sicilia, società finanziata dalla SOFIS.

Il Guarrasi inoltre è socio con il Guardaschelli del Casinò di Taormina per il 10% ed è sempre stato legato al Guarcione eminentissimo mafioso, con il quale ha fatto importanti affari finanziari, tra cui una compravendita di circa trecento milioni da parte della "Meditteranea".

Il Buttafuoco era legato al Guarrasi in quanto entrambi avevano una particolare amicizia con il noto Salafia Emilio, ex campione olimpionico di scherma, che frequentemente alloggiava dal Guarrasi. Erano così stretti i legami di amicizia tra Guarrasi e Buttafuoco, che un giorno quest'ultimo ospitò nel tempo in cui era ricercata dalla Polizia la signora Ugonj cugina del Guarrasi, ospitalità sollecitata da parte di quest'ultimo. Altro legame era costituito dall'avvocato Pietro Allotta che si serviva come triburitarista di Buttafuoco e che nello stesso tempo era sostituto ed avvocato del Guarrasi. Il Guarrasi a sua volta ha sistemato il detto Allotta presso l'Ente Minerario Siciliano in qualità di consulente.

Il Guarrasi ha in atto un procedimento per bancarotta fraudolenta a Roma per il fallimento della "Mediterranea Assicurazioni"; altro procedimento pure per bancarotta fraudolenta è in corso di istruttoria a Palermo presso il giudice Chinnici in ordine al fallimento della società mineraria "La Valsasso" di Caltanissetta per un ammontare di sei miliardi di lire circa.

Il Buttafuoco tra il 1939 e il 1940 fu condannato per furto in danno di un consorzio, forse quello Agrario, alla pena di due anni di carcere che pare abbia scontato. Il La Cavera nei giorni del sequestro De Mauro se ne andò a Parigi, ufficialmente per una questione di pittura, giustificazione non ritenuta valida in quanto non è mai stato un esperto di pittura e non si è mai interessato a tale attività.

Guarrasi nella zona di Alcamo possiede la tenuta "Rapitalà", proprietà ereditata dal padre.
Tra il 1962 ed il 1966, l'ex giudice Vigneri istruì un procedimento penale a carico della zia di Guarrasi per stupefacenti, Il predetto magistrato, su vive sollecitazioni del Guarrasi ha assolto la donna affermando nella sentenza che essendo stata la predetta precedentemente intossicata, non aveva commesso il fatto con dolo. Subito dopo tale assoluzione il Guarrasi per riconoscenza ha immesso il Vigneri come socio nel "circolo della Vela". Inoltre negli anni successivi gli ha preparato su misura il concorso per L'Ente Minerario Siciliano, concorso fatto in maniera tale che il solo vincitore fosse il Vigneri. Si ritiene che detto Ente esplichi anche qualche attività poco chiara.

Come precedentemente accennato i due suddetti "rapporti"ovvero quello riguardante Vito Guarrasi e l'altro sulle dichiarazioni di De Seta furono da Mangano inviati alla Squadra Mobile di Palermo. Colpo di scena! I funzionari di Palermo asseriscono di non aver mai ricevuto quegli appunti da Mangano, oppure di non ricordare; qualcuno arrivò al punto di insinuare che Mangano si fosse inventato l'invio di quei documenti dei quali si trova solamente quello relativo a Antonino Buttafuoco inviato un mese prima e riportato nella precedente puntata.

Solo moltissimi anni dopo, ovvero nel 1988 durante le indagini sulla morte del Presidente dell'ENI Enrico Mattei e la scomparsa del Giornalista Mauro de Mauro, svolte dal sostituto Procuratore di Pavia dott. Vincenzo Calia i "rapporti" di Mangano vengono rinvenuti". Il mistero viene svelato dalla "Relazione conclusiva riguardante gli accertamenti svolti sul sequestro Mauro de Mauro avvenuto a Palermo il 16/9/1970": consegnata all'autorità giudiziaria nell'anno 2000, e che per la parte che riguarda l'argomento trattato è sotto riportata. Il contenuto completo di detta relazione trovasi nel link di cui alla nota (1).
_______________________
"Ulteriore azione depistante nell'ambito del "movente ENI/ Mattei" emerge dalle dichiarazioni rese a questa P.G. Da Angelo Mangano. Questi, nel 1970, era dirigente della Polizia Criminale del Ministero dell'Interno in servizio a Roma. Si era attivato per svolgere accertamenti sul sequestro De Mauro. L'alto dirigente ministeriale ha riferito a questa P.G. che le investigazioni da lui condotte, all'epoca del sequestro, lo avevano portato a ritenere che Mauro De Mauro era stato rapito ed ucciso per avere scoperto qualcosa di rilevante sulla morte non accidentale di Mattei. Inoltre, partendo da fonti confidenziali, aveva inviato alla Squadra Mobile di Palermo un appunto riservato, con il quale aveva attribuito la responsabilità del sequestro all' avvocato Vito Guarrasi, all'onorevole Graziano Verzotto (indicati anche quali responsabili della morte di Mattei), a Luciano Liggio e a Antonino Buttafuoco. Con tale appunto Mangano aveva sollecitato la Squadra Mobile ad eseguire degli accertamenti tendenti a verificare le confidenze ricevute su tali persone.

In merito il dott. Mangano ha riferito che "…queste ipotesi di investigazione non erano mai state prese in considerazione da Palermo. … è poi risultato che il documento, che evidentemente era scottante per le persone implicate, non era mai arrivato alla Squadra Mobile: almeno così avevano detto alla questura di Palermo. … Sul fatto che il documento era arrivato alla Squadra Mobile ne ho certezza anche perché qualche giorno dopo l'invio, avevo telefonato ad un funzionario di quel reparto, credo che fosse Bruno Contrada, ma sul punto non ho memoria certa, per chiedere se avevano provveduto ad interrogare una persona indicata nel mio appunto. Il funzionario aveva risposto evasivamente dicendomi che non avevano ancora avuto tempo e confermandomi così indirettamente che l'appunto lo avevano ricevuto. "Sulle affermazioni del questore Mangano va precisato che il documento da lui ricordato non è stato trovato nel fascicolo della Squadra Mobile, attentamente visionato presso la Questura di Palermo, ma è stato rinvenuto solo il 29/10/1998 agli atti in uno dei fascicoli dell'inchiesta parallela. Inoltre, la persona indicata nell'appunto riservato, tale Giuggi Brucato di Palermo (che aveva ricevuto delle confidenze secondo le quali Guarrasi poteva essere responsabile del sequestro De Mauro), non risulta essere mai stata effettivamente interrogata dalla polizia di Palermo".

Alla fine della relazione alla voce "conclusione" si legge:

"Il sequestro del giornalista Mauro De Mauro, alla luce del presente documento, deve essere virtualmente considerato risolto, sia sotto il profilo della causale – movente che per ciò che concerne il mandante. Non è un caso che questa polizia giudiziaria non abbia preso in considerazione le persone che materialmente hanno attuato il rapimento, pur in presenza di ampia documentazione in merito, perché non vi è alcun riscontro concreto, attendibile e utilizzabile. Del resto gli esecutori indicati dalle cronache (con qualche elemento oggettivamente valido) sono deceduti. Essi erano Luciano Leggio (detto Liggio), per i suoi collegamenti con Antonino Buttafuoco evidenziati dal questore Mangano…"

RELAZIONE CONCLUSIVA RIGUARDANTE GLI
ACCERTAMENTI SVOLTI SUL SEQUESTRO DI MAURO DE MAURO

di Carmrlo Carbone
To see the article visit www.themisemetis.com

11 gennaio 2019

BIG PHARMA / NEGLI USA NOZZE STELLARI DA 74 MILIARDI DI DOLLARI


Entra una nuova star nell'Olimpo di Big Pharma. Nasce dal matrimonio tutto statunitense tra Bristol-Myers Squibb e Celgene Corporation. La prima, infatti, ha acquistato la seconda per 74 miliardi di dollari, una delle più grosse operazioni mai messe a segno nell'industria più ricca del mondo, quella farmaceutica. Più o meno gli stessi importi che hanno caratterizzato le nozze fra il colosso tedesco del farmaco e non solo Bayer e l'americana Monsanto, leader nel settore di sementi e fertilizzanti.
Nella hit, adesso, le stelle sono così allineate: al primo posto Pfizer, con un fatturato annuo da 57 miliardi di dollari, seguita da Roche (44 miliardi), poi da Sanofi e Johnson & Johnson, praticamente appaiate a quota 37 miliardi, quindi Merck & Co. appena più giù (36) e Novartis (33), che viene raggiunta dalla nuova real coppia, nata dalla fresca fusione.

Coppia che va ad occupare il primo posto in un settore strategico, quello dei farmaci antitumorali: nel pedigree della newyorkese Bristol Myers, infatti, spiccano due prodotti che sono andati benissimo quanto a vendite: quasi 10 i miliardi ricavati nel 2017 da Opdivo, un antitumorale usato contro il melanoma, e Eliquis, un anticoagulante, somma equamente suddiviva fifty fifty tra i due medicinali top.
In quello di Celgene (che ha il suo quartier generale nel New Yersey), invece, è andato alla grandissima, sempre nel 2017, Revlimid, utilizzato nel contrasto del mieloma: tanto per rendere l'idea, un ciclo di Revlimid costa la bellezza di 100 mila dollari, per un fatturato annuo che supera abbondantemente gli 8 miliardi di dollari.
Ancora un dato: l'utile fatto segnare, sempre per il 2017, da Bristol Myers è stato pari a 2 miliardi e mezzo di dollari, e altrettati ne ha realizzati la sposa Celgene. Vere nozze da favola, adesso.
Nel corso del 2018, però, si è verificato un rallentamento, soprattutto da parte di Celgene e del suo Revlind. Il che ha consigliato di accelerare i tempi del matrimonio tra i due gruppi, per diventare oligopolisti nel settore e consentire di sviluppare ricerche all'avanguardia per produrre nuovi farmaci in grado di fornire le stesse, anzi addirittura migliori performance di Revlind.

Per portare a termine la fusione e soprattutto disegnare il futuro è al lavoro un italiano, già da quasi 20 anni ai vertici di Bristol Myers-Squibb, Giovanni Caforio: in precedenza, cioè fino al 2000, era stato il numero uno per l'Italia della Abbott. "Insieme con Celgene – dichiara a botta calda Caforio – daremo vita ad un'azienda innovativa, leader nel settore della biofarmaceutica, con un programma di ricerca ampio e valido  che guiderà la crescita sostenibile e offrirà nuove opzioni per i pazienti affetti da gravi patologie".
In soldoni, saranno brevettati a breve (cioè entro fine 2019) sei nuovi farmaci.
Lo stessa poltrona di Caforio (presidente e amministratore delegato) era stata occupata fino al 2015 da Lamberto Andreotti, figlio del mitico divo Giulio.
Come la Voce ha sottolineato in altre occasioni, l'industria farmaceutica, soprattutto negli Usa ma anche a livello mondiale, è la numero uno, in testa per i suoi stratosferici fatturati, capace di condizione il mondo medico e la ricerca scientifica in particolare. Negli Stati Uniti ha appena superato lo storico leader, ossia l'industria bellica. Pillole, adesso, battono armi.

In cima alla hit dei grandi finanziatori della politica Usa c'è proprio Big Pharma, che nelle sue scelte è sempre molto oculata e bypartizan al punto giusto: una montagna di dollari equamente suddivisi tra conservatori e repubblicani in occasione delle presidenziali.
Chiunque vinca sarà sempre un grande amico…

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

10 gennaio 2019

Chiesa, Mazzucco, Messora, Fusaro: quante verità oscurate

Francsca Salvador«È la stampa, bellezza. E tu non puoi farci niente». Lo dice uno straordinario Humphrey Bogart alla fine del film "Deadline" di Richard Brooks (in italiano, "L'ultima minaccia"). Era il 1952: una profezia. Ancora oggi, ufficialmente, le Torri Gemelle sono crollate per colpa dell'impatto con aerei dirottati. La "demolizione programmata" è stata ormai dimostrata da oltre duemila architetti e ingegneri, eppure per l'11 Settembre la "verità" resta quella palesemente falsa. Grazie a chi? Ai media mainstream, che spacciano "fake news" governative. Il primo a denunciarlo, riguardo al caso delle Twin Towers, in Italia fu Giulietto Chiesa, con il libro "La guerra infinita", uscito nel 2003 per Feltrinelli (e vendutissimo, nonostante il silenzio di giornali e televisioni). Ebbe più fortuna mediatica qualche anno dopo Massimo Mazzucco, con il suo esplosivo documentario "Inganno globale", trasmesso da Mentana in prima serata a "Matrix", su Canale 5. Un'eccezione, mai più ripetuta. «Arrivato a La7 – dice Mazzucco – Mentana poteva essere "il primo degli ultimi", dando voce agli esclusi, e invece ha scelto di restare "l'ultimo dei primi", accodandosi all'ufficialità». In compenso, ormai l'opinione pubblica più disincantata è letteralmente esplosa: milioni di persone, anche in Italia, la verità ufficiale non se la bevono più.

Fino a ieri, ad esempio, sarebbe stato impensabile organizzare un evento come quello in programma il 13 gennaio a Treviso: con Mazzucco e Chiesa, insieme a personaggi come Claudio Messora di "ByoBlu", Diego Fusaro, Enrica Perucchietti. A promuovere l'operazione-verità è l'associazione SalusBellatrix, coordinata da Francesca Salvador: una delle voci della nuova cultura italiana, indipendente dai circuiti mainstream. Verità "altre", in tutti i campi: dalla sconcertante Bibbia tradotta (alla lettera) da Mauro Biglino, al potere occulto delle 36 superlogge che dominano il mondo, svelato da Gioele Magaldi in "Massoni", altro bestseller-fantasma (gettonatissimo dai lettori e oscurato da giornali e televisioni). Quanto conta, questa Italia? Abbastanza, se è vero che il Movimento 5 Stelle nato dal web ora è al governo, e che Marcello Foa (autore de "Gli stregoni della notizia", che mette alla berlina i media e le loro menzogne) oggi è presidente della Rai. Conta parecchio, la nuova società in subbuglio, non solo nel nostro paese: se l'oligarca tedesco Günther Oettinger (Commissione Ue) ottiene una legge-bavaglio per frenare il web limitando i link e obbligando le piattaforme a filtrare i contenuti dei blog, un altro oligarca (Emmanuel Macron, prodotto massonico di casa Rothschild) è costretto a vedersela con i Gilet Gialli che paralizzano la Francia.

Vuoi vedere che i pionieri come Francesca Salvador avevano visto giusto, anni fa, quando cominciarono ad aggregare platee attorno ai primi narratori eretici? Sono tante, in Italia, le entità culturali come la trevigiana SalusBellatrix: attraverso YouTube, sono riuscite a fare opinione diffondendo informazioni e idee. C'è un'Italia che il mainstream l'ha semplicemente aggirato, prendendolo alle spalle. Un dirigente del Cnr si lascia scappare, da Bruno Vespa, che è in un corso un esperimento di controllo climatico mondiale? A completare l'informazione provvede Mazzucco, nell'appendice YouTube della web-radio "Border Nights": spiega che, già durante l'alluvione di Firenze, lo stesso Cnr emise un rapporto sui test, allora in corso, di "inseminazione" delle nubi per aumentare le precipitazioni. Forse così risulta meno oscura la possibile origine di fenomeni disastrosi, come i nubifragi che hanno raso al suolo le foreste delle Dolomiti. Il cielo è sempre meno blu, rigato fin dal mattinoClaudio Messora dalle scie stranamente persistenti rilasciate dagli aerei? Mentre il mainstream tenta di deridere chi "crede alle scie chimiche" (neanche fossero un dogma di fede, anziché un fenomeno visibile), sempre su "Border Nights" il generale Fabio Mini, già dirigente della Nato, avverte: i cittadini hanno il diritto di pretendere spiegazioni esaurienti, finora mai fornite, su questo fenomeno.

«Remare contro la corrente della menzogna e dell'inganno – ammette Giulietto Chiesa – è faccenda che richiede pazienza quasi infinita, e anche rischio: può costare la vita». Costa sicuramente «la rinuncia a onori e prebende». E comporta «la disponibilità di non avere, in vita, alcun riconoscimento pubblico delle verità che sono state scoperte». Perché i "padroni universali" e i loro "gate keepers" hanno i mezzi per impedire che le vere notizie arrivino agli occhi e alle orecchie delle grandi masse popolari, spesso così condizionate – ormai da decenni – da non riuscire neppure ad accettarle, certe verità imbarazzanti. Lo sanno benissimo anche gli altri relatori della conferenza di Treviso: non poteva sperare, Mazzucco, che facesse il giro dei telegiornali la rivelazione dell'ultimo suo documentario "American Moon", che dimostra – grazie al contributo dei più famosi fotografi del mondo – che le immagini delATREJU 2017 presunto "allunaggio" diffuse in mondovisione nel 1969 erano state realizzate in studio. Dalla trincea di "ByoBlu", lo stesso Messora – cui Google ha rimosso di colpo la possibilità di finanziarsi con la pubblicità – sa benissimo quanto costa lottare per informare i concittadini.

Per dirla con Diego Fusaro, si tratta di dribblare «i padroni del discorso e la manipolazione di massa». Ne sa qualcosa Enrica Perucchietti, che ha spiegato – in brillanti saggi – come le "fake news" spacciate dai media servano anche a coprire il terrorismo "false flag", quello che in Europa non colpisce mai nessun centro di potere, ma solo e sempre innocui passanti. "Fake news" sono anche quelle che proteggono, molto spesso, il business di Big Pharma, specie nel caso dei vaccini: ben poco spazio è stato concesso, mesi fa, alla notizia dei 7.000 militari italiani ammalatisi dopo frettolose somministrazioni. Quasi-silenzio anche sulla Puglia, dove la Regione – l'unica ad aver istituito un servizio di "farmacovigilanza atttiva" – ha scoperto che, tra i bambini appena vaccinati, 4 su 10 subiscono reazioni avverse. Là dove invece non si può tacere, perché la fonte è il presidente dell'ordine dei biologi, si cerca di far passare per pazzo il "disturbatore", peraltro intervistato da un unico giornale, "Il Tempo", diretto da Franco Bechis. Eppure, la notizia veicolata dal rappresentante dei biologi italiani, Vincenzo D'Anna, è clamorosa: sono stati scoperti vaccini contaminati (con antibiotici, feti abortiti e persino diserbanti agricoli) e vaccini inefficaci, perché privi nei necessari agenti immunizzanti.

Di verità scientifiche occultate è esperto Giorgio Iacuzzo, un altro degli esperti attesi a Treviso: ha lavorato nel cinema scientifico e tecnologico, scrive per periodici italiani e stranieri ed è pronto a rivelare alcuni dei "segreti di Stato in pillole" di cui è a conoscenza. Verità indicibili attorno al mondo scientifico, come quella sull'espianto degli organi: si intitola "Morte cerebrale, verità o finzione", la relazione a cura del professor Rocco Maruotti, primario di chirurgia. Ulteriori informazioni, al pubblico di Treviso, saranno fornite da Sonia Saterini Burighel, della Lega Antipredazione Veneto. Tema: "La confusione in atto, in ordine alla donazione di organi, imposta nelle anagrafi quando il cittadino va a rinnovare la carta d'identità". Primo passo: evitare gli equivoci. Che sono quotidiani (e spesso voluti, nel mondo dell'informazione) specie se c'è di mezzo una traduzione: lo conferma Paola Iacobini, laureata a Londra in mediazione linguistica. E' un oceano, ormai, l'ambito di quella che un tempo si sarebbe chiamata controinformazione, all'epoca in cui il giornalismo aveva ancora una sua dignità: magari era Giulietto Chiesareticente in qualche caso per compiacere l'editore, ma non aveva ancora abdicato alla sua funzione. Per il Premio Pulitzer americano Seymour Hersh, oggi non piangeremmo milioni di morti, se solo la stampa avesse smesso di fare il suo dovere: avremmo avuto meno stragi, meno guerre, meno terrorismo "sotto falsa bandiera".

Secondo Giulietto Chiesa, sempre assai pessimista sul destino che ci attende, c'è però uno spiraglio di luce, che si è aperto soltanto in quest'ultimo decennio: «La perdita del controllo da parte di coloro che erano certi di esserselo già definitivamente assicurato, per i secoli dei secoli». Sempre per Chiesa, la fibrillazione dei "gate keepers" sta assumendo vertici così acuti «da lasciarci supporre che temano di essere travolti dagli stessi strumenti di controllo e dominio che ritenevano le loro creazioni più perfette». Aggiunge: «Sono ora impegnati allo spasimo per costruire dighe atte a frenare il fiume e i canali per deviarne le correnti». Certo, siamo ancora molto lontani dall'ora della verità. «Ma a noi resta la sottile soddisfazione di osservare il terrore che pervade i dominatori e la loro affannosa ricerca di una via d'uscita». Fausto Carotenuto, già analista geopolitico dell'intelligence Nato (ora passato a una visione spiritualistica dell'esistenza), insiste su una tesi: almeno un terzo dell'umanità starebbe letteralmente uscendo dal letargo. «Se il mondo sta diventando così feroce – dice – è proprio perché i decisori lo sanno, e temono questo risveglio che ormai è in corso, e che sarà inarrestabile». Il sistema di dominio affina strumenti di manipolazione sempre più sofisticati? Vero, ma c'è anche il rovescio della medaglia: «Ci controllano perché ci temono. Facciamo paura, perché siamo tanti. Il nostro problema? Non ce ne rendiamo conto. Crediamo che i dominatori siano invincibili. Ma non lo sono. E lo sanno benissimo, loro».

(Sul sito dell'associazione SalusBellatrix sono rintracciabili tutte le indicazioni per partecipare alla conferenza "E' la stampa, bellezza", domenica 13 gennaio 2019 a Treviso).

To see the article visit www.libreidee.org

VACCINI / IL PESANTE J’ACCUSE DAL VERTICE DEI BIOLOGI SULLA “NON QUALITA’” DEI PRODOTTI


Sempre bagarre sul fronte dei vaccini. A dar fuoco alle polveri, stavolta, è il presidente nazionale dell'Ordine dei Biologi, Vincenzo D'Anna, in un'intervista rilasciata al direttore del Tempo, Franco Bechis.


Vincenzo D'Anna. Sopra una manifestazione dei NO VAX

Parole esplosive, quelle del numero uno dell'Ordine, ovviamente non riprese dai media di Palazzo – Corriere della Sera e Repubblica in prima linea – sempre pronti a genuflettersi davanti ai voleri di Big Pharma e dei super lacchè della ricerca (sic) tra cui primeggia, of course, Roberto Burioni, il massone secondo il quale chi non la pensa come lui è un "imbecille somaro".
Ma vediamo, accusa per accusa, le parole pronunciate da D'Anna, il quale precisa subito il senso della ricerca portata avanti per mesi e finanziata dall'Ordine: "Credo nell'utilità dei vaccini. E non è a tema l'utilizzo o meno dei vaccini in questa analisi di laboratorio. L'indagine è stata sulla qualità dei prodotti messi in commercio, non sull'efficacia più o meno teorica dei vaccini".
Va ricordato il titolo del pezzo firmato da Bechis: "State attenti a quei vaccini. C'è tutto, non quel che serve". E poi, nel sottotitolo: "analisi choc su due lotti di vaccini. Mesi di prove e controprove, poi la risposta dei controlli cofinanziati dall'Ordine dei Biologi. Manca la rosolia in quello che dovrebbe debellarla, Dna umano e diserbanti nell'altro". Da brividi.

ECCO IL J'ACCUSE, ANOMALIA PER ANOMALIA 
Ecco alcune tra le dichiarazioni più bollenti rese dal numero uno dell'Ordine dei Biologi.
"I risultati delle analisi hanno rilevato decine di impurità in più lotti (due quelli al centro delle polemiche, ndr). E al momento sono state individuate 43 sostanze improprie, nel senso che lì non si sarebbero dovute trovare".
Precisa: "Anticrittogamici, diserbanti, glifosati, antibiotici, antimalarici". Un bel cocktail esplosivo iniettato nelle vene di piccolissimi pazienti, le cui difese immunitarie sono ancora debolissime. Vere bombe ad orologeria.


                                                                                 Franco Bechis

Aggiunge D'Anna tra i "ritrovamenti" effettuati nel corso della ricerca. "Poi sono state rilevate quantità improprie di Dna fetale". Dna fetale? E cosa "ci azzecca" con i vaccini? Boh.
Continua D'Anna nel suo j'accuse: "I test sul prodotto finito non sono obbligatori per i produttori". Una gigantesca anomalia tutta italiana, prodotti immessi sul mercato senzo lo straccio di un controllo.
Rincara la dose il presidente dei Biologi: "I test li dovrebbero fare le strutture statali che proteggono la salute dei cittadini. Ma io non le ho mai viste. Anche perchè qualsiasi risultato è tenuto segreto, un po' come la ricetta della Coca Cola: per evitare che qualche concorrente copi la formula industriale di produzione del vaccino".
Poi annuncia: "Faremo un esposto all'Aifa e all'Ema per sapere se sono a conoscenza di queste cose". Si tratta, rispettivamente, dell'Agenzia italiana del farmaco (storicamente prona agli interessi di Big Pharma) e dell'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali che doveva localizzarsi a Milano e invece ha preso la direzione di Amsterdam dopo furiose polemiche.
Continua come un fiume in piena D'Anna. "In questi vaccini (dei 2 lotti analizzati, ndr) è stato riscontrato un numero significativo di peptidi (cioè frammenti corti di sequenze di aminoacidi) di provenienza batterica, probabilmente proveniente da batteri avventizi che contaminano le colture. A questi si aggiungono sostanze chimiche contaminanti, di cui il 35 per cento sono note".
Prima di chiudere l'intervista, D'Anna annuncia che il 25 gennaio si terrà a Roma, presso la sede nazionale dell'Ordine dei Biologi, un convegno nazionale sul tema "Vaccini in sicurezza".  "Tra i molti scienziati italiani e stranieri – sottolinea – sarà presente anche il professor Giulio Tarro, appena insignito negli Stati Uniti del premio come miglior virologo al mondo". Altra notizia totalmente oscurata dai super media di casa nostra.
Lo stesso Tarro, allievo del padre dei vaccini, il premio Nobel Albert Sabin, partecipò lo scorso anno ad un convegno organizzato per celebrare i 50 anni dell'Ordine dei Biologi. Vi prese parte anche un altro premio Nobel, Luc Montagnier, che scoprì il vaccino anti Aids. In quell'occasione furono durissime le parole di Montagnier contro chi rende le vaccinazioni obbligatorie (come succede nel nostro Paese) e soprattutto contro chi non fa ricorso al principio di "precauzione", come sancito anche in sede Onu e Ue.

IL RAGLIO DEI BURIONI E DEI PERI
"Nella nostra medicina ormai prevale il potere del denaro invece di preoccuparci della salute dei cittadini. Bisogna capovolgere tutto questo", fu il durissimo j'accuse di Montagnier ai colossi di Big Pharma e a tutti i suoi lacchè, i soloni in camice bianco che dettano le regole al popolo bue: in pole position Roberto Burioni, che considera tutti quelli che non la pensano come lui dei veri somari da non tenere in alcuna considerazione e proclama che "la scienza non è democratica".


                                                                        Luc Montagnier

Frottole che può raccontare ai suoi confratelli massoni del Grande Oriente d'Italia, in regolare cappuccio e grembiulino. Non ai cittadini italiani che fino a prova contraria hanno ancora un testa con cui pensare. In quell'occasione volarono querele tra l'Ordine dei Biologi e il Vate pro vax, Burioni.
E suonano in perfetto stile "buroniano" le parole pronunciate da un altro solone in camice bianco, Claudio Peri, il biologo molecolare subito sceso in campo per bollare come del tutto antiscientifici i test dell'Ordine dei Biologi e le parole di D'Anna. Ecco cosa osserva il Peri.
"Questi allarmi mediatici funzionano unicamente se non si ha una alfabetizzazione scientifica, o meglio una cultura scientifica generale. Chi la possiede si accorge fin dalle prime lettere che qualcosa non va e che lo studio non è credibile".
Prosegue la lectio non tanto magistralis del nuovo Profeta: "La cultura è sempre il miglior vaccino contro chi cerca di prenderci in giro e ascoltare le critiche degli esperti è il modo migliore per evitare di farsi raggirare".
Ecco il finale ispirato a Martin Luther King: "Sogno un mondo in cui il parere degli esperti (o dei pari) conti ancora qualcosa e in cui le persone si fidano più di chi ha conoscenza ed esperienza che del sentire dell'uomo della strada".


                                                             Giulio Tarro

Burionate allo stato puro. Parole a vanvera senza entrare nel merito delle questioni sollevate, senza la minima analisi dei punti caldi, ma solo offese a chi la pensa, in modo documentato, in maniera diversa. Sono tutti somari, secondo i Burioni e i Peri di turno, gli scienziati come Montagnier e Tarro, un Nobel e un due volte quasi Nobel (Tarro infatti è stato per ben due volte nella cinquina dei Nobel per la Medicina) che carte, documenti e prove inconfutabili alla mano la pensano in modo diametralmente diverso. Può essere molto utile, a questo proposito, leggere o rilegerre (per chi lo ha già fatto) un perfetto manuale contro le fake news (quelle autentiche) che circolano sui vaccini: "Dieci cosa da sapere sui vaccini", un libro dedicato da Tarro a tutti i genitori italiani, per una medicina consapevole e in grado di valorizzare il principio basilare di "precauzione".

UNA QUALITA' DEI VACCINI "PUBBLICA" E CONTROLLATA
La Voce, dal canto suo, ha più volte sottolineato come l'utilizzo dei vaccini sia basilare ma vada controllato e soprattutto mai reso obbligatorio, come neanche ai tempi di hitleriana memoria. E abbiamo spesso parlato della qualità dei vaccini, un argomento invece regolarmente oscurato (come tutta la vicenda vaccini nella sua reale essenza) dai media di casa nostra.
E' stato più volte Antonio Marfella, oncologo del Pascale di Napoli, storico autore di denunce al calor bianco sul fronte dei roghi tossici nella Terra dei Fuochi, a lanciare l'allarme: "Dei vaccini va assolutamente controllata la qualità. I lotti vanno testati. I controlli devono essere capillari". Propose, vista l'importanza del tema, la creazione di un'azienda di Stato in grado di produrli in modo sicuro, garantito e ai giusti, contenuti prezzi ("succede in India, perchè non da noi?", sottolineò). Cosa che ovviamente non fanno i privati, che nei vaccini trovano un vero pozzo di San Patrizio, per le enormi quantità (senza qualità) prodotte e commercializzate.


                                                Antonio Marfella

La nostra Cassa Depositi e Prestiti finanzia ormai un po' tutto e tutti, una novella Iri. Alcuni anni fa investì, per fare un solo esempio, nella Kedrion del gruppo Marcucci, oligopolista nel ricco settore degli emoderivati. Un'azienda che scoppiava (e scoppia) di salute. Perchè quell'investimento indirizzato a chi non aveva certo bisogno di iniezioni di liquidità? E a maggior ragione oggi, perchè non investire in un'azienda che produca vaccini di interesse ovviamente pubblico, ma con un controllo dello Stato, come del resto succedeva trent'anni e passa fa con l'Anic del gruppo Montedison? Misteri di Big Pharma.

ED ECCO LE PERLE DI MAMMA RAI
E per finire un paio di perle griffate mamma Rai, sempre pronta a genuflettersi, anche lei, davanti a Big Pharma ed alla kasta in camice bianco.
Primo episodio. Tg2 del 29 dicembre, un servizio sulla giornalista morta negli Usa per il virus della peste suina (un altro allarme taroccato?). A seguire l'intervista ad un presunto esperto sul tema dei vaccini influenzali: senza neanche aver il modo di saper chi parla, nemmeno lo straccio di una striscetta (il cosiddetto sottopancia) per conoscere il nome e la qualifica dello stesso (sic) esperto. Miracolo del Tg2 firmato dal fresco direttore Gennaro Sangiuliano, oggi legatissimo a Matteo Salvini e all'epoca portaborse di Sua Sanità Franco De Lorenzo e della sua dinasty.
Secondo episodio, ben più eclatante. Mamma Rai, nelle neo versione gialloverde, ha subito messo al bando, dopo qualche giorno di uscite, uno spot sulle denunce nei confronti della malasanità e degli errori medici. Testimonial un volto noto per la Rai, quello di Enrica Bonaccorti. "La pubblicità – scrivono i giornali – aveva suscitato la protesta dei medici". E così a viale Mazzini abbassano il capo e obbediscono.
Si trattava, viene giustificato, di una "società privata che pubblicizzava la possibilità di chiedere risarcimenti per episodi di malasanità ed errori medici".
Perchè non bloccarla prima dell'uscita, se c'era qualche problema? Tanto per ricordare, il sito di riferimento era obiettivo.risarcimento.it e il numero al quale la Bonaccorti invitava a rivolgersi era lo 0422.301139. Meglio far sapere, e conoscere, piuttosto che ignorare, e oscurare.

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

09 gennaio 2019

Insieme per il copyright

L'accesso alle informazioni e alla creatività online è una risorsa per tutti noi

Troviamo un modo migliore per aggiornare le regole sul copyright in Europa.

Ogni giorno, miliardi di persone accedono a Internet per usufruire di un'ampia gamma di notizie, intrattenimento, tutorial e altro ancora.
Per i giornalisti, gli artisti e gli autori di questi contenuti Internet è diventato una piattaforma essenziale che permette loro di condividere informazioni e idee, trovare un pubblico e guadagnarsi da vivere.
La legge europea sul copyright mira a supportare gli autori e gli editori consentendo loro di decidere in che modo il proprio lavoro può essere consultato e condiviso. Inoltre, protegge il diritto del pubblico a trovare e usufruire di questo lavoro, nonché condividerlo.
Siamo consapevoli che le leggi devono essere aggiornate e adattate all'era di Internet. Tuttavia, la proposta di direttiva sul copyright dell'UE può avere conseguenze indesiderate che potrebbero limitare la varietà di informazioni disponibili online.
Insieme possiamo trovare una soluzione che protegga la ampia gamma di contenuti presenti sul Web, così come gli autori che li producono.

Cosa si rischia?

La versione proposta dal Parlamento europeo potrebbe far sì che servizi come YouTube e la Ricerca Google debbano limitare la varietà di contenuti offerti.

Che cosa sta facendo Google al riguardo?

Stiamo collaborando con rappresentanti politici, editori e autori per suggerire modifiche alla direttiva sul copyright affinché possa davvero rispondere alle intenzioni per cui è stata scritta - tutelare la creatività e il giornalismo. In particolare, alcune delle modifiche che suggeriamo sono:
I servizi che agiscono con diligenza per proteggere i titolari dei diritti non dovrebbero essere ritenuti responsabili di violazioni del copyright senza preavviso.
I titolari di diritti e le piattaforme dovrebbero lavorare assieme per identificare la proprietà dei diritti.
Agli editori dovrebbe essere data la libertà di scegliere in che modo rendere disponibili online i loro contenuti.
L'articolo 11 mira a difendere il giornalismo di qualità. Per raggiungere questo obiettivo, questo articolo dovrebbe fornire una definizione precisa che specifichi quali sono i contenuti di informazione creati dagli editori di notizie, senza includere altri editori.

Perché abbiamo scelto di contattarti

Quando la maggior parte delle persone viene a conoscenza delle conseguenze di una legge, di solito questa è già entrata in vigore. La nostra speranza è che, aprendo un dialogo in anticipo, sia possibile trovare una soluzione migliore per tutti.
Condivideremo tutti gli ultimi aggiornamenti e sviluppi nel corso del tempo. Inoltre, per ulteriori informazioni sulle possibili conseguenze indesiderate per YouTube, consulta questa pagina.