19 agosto 2017

Gli articoli della settimana di Z Net Italy 19 agosto 2017

La Newsletter di Z Net Italy è settimanale. Arriva ogni sabato mattina alle 9:00 nella tua posta.

Z NET Italy
Gli articoli di questa settimana su

Z Net Italy


Trump riguardo a Barcellona

scritto da Redazione il Aug 18, 2017 09:48 pm

Trump riguardo a Barcellona Di  Juan Cole 18 agosto 2017 Un attacco terroristico a Barcellona  eseguito con veicoli e che ha provocato una dozzina di morti e 100 feriti, è stato rivendicato dall'ISIL. Un altro attacco terroristico compiuto nella cittadina di Cambrils è stato sventato dalla polizia spagnola. L'organizzazione terrorista ha ripetutamente minacciato la Spagna per il suo apporto logistico […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Trump riguardo a Barcellona on Facebook


Perché la Corea del Nord ha acquisito testate nucleari

scritto da Redazione il Aug 17, 2017 09:23 pm

Perché la Corea del Nord ha acquisito  testate nucleari Di Joseph Essertier 16 agosto 2017 Riassumere alcuni dei fatti storici fondamentali della Corea del Nord, può aiutare le persone a comprendere in che modo il genere umano abbia raggiunto questo punto pericoloso, dove il destino del mondo – guerra nucleare o no – può essere nelle mani di un totale […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Perché la Corea del Nord ha acquisito  testate nucleari on Facebook


Genocidio congolese

scritto da Redazione il Aug 17, 2017 08:46 pm

di Sylvestre Mido e Ann Garrison – 16 agosto 2017 E' la Settimana del Genocidio Congolese, l'anniversario dell'invasione del Congo nel 1998 da parte degli eserciti di Ruanda e Uganda, marionette degli Stati Uniti. Da allora sono morti 5,4 milioni di congolesi. La corrispondente dall'Africa Ann Garrison parla con Sylvestre Mido di Genecost dell'invasione e delle sue conseguenze a quasi […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Genocidio congolese on Facebook


Guerra catastrofica e illegale

scritto da Redazione il Aug 16, 2017 04:45 pm

di Marjorie Cohn – 15 agosto 2017 Mentre il procuratore speciale Robert Mueller seleziona due grand jury per indagare Donald Trump e i suoi associati e la casa dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump, Paul Manafort, è perquisita, Trump ha bisogno di distrarre l'attenzione dall'indagine sulle sue presunte malefatte. La Corea del Nord ha reso disponibile proprio tale distrazione, […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Guerra catastrofica e illegale on Facebook


Una nuova generazione di suprematisti bianchi

scritto da Redazione il Aug 16, 2017 03:49 pm

Una nuova generazione di suprematisti bianchi Di A.C. Thompson 15 Agosto 2017 Durante il weekend, le forze suprematiste bianche radunatesi a Charlottesville, in Virginia, per il più grande incontro di questo genere in almeno una generazione, hanno rappresentato una nuova incarnazione del movimento della supremazia bianca. I gruppi della vecchia guardia, come il Ku Klusx Klan, l'Aryan Nations e  i […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Una nuova generazione di suprematisti bianchi on Facebook


Le 10 principali idee sbagliate su Charlottesville

scritto da Redazione il Aug 15, 2017 07:21 pm

di David Swanson – 15 agosto 2017 Cominciamo dall'ovvio. Charlottesville, Virginia, e Charlotte, North Carolina, sono di fatto due luoghi completamente diversi. L'alluvione di interesse e buoni auspici per quelli di noi che vivono qui a Charlottesville è magnifica e molto apprezzata. Che la gente segua i telegiornali su Charlottesville, ricordate che io vivo a Charlottesville, è mi mandi i […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Le 10 principali idee sbagliate su Charlottesville on Facebook


Il linguaggio della natura

scritto da Redazione il Aug 15, 2017 10:34 am

Il linguaggio della natura Di George Monbiot 14 agosto , 2017 Se Mosè  avesse promesso agli  Israeliti una terra dove fluivano secrezioni mammarie e vomito di insetti, lo avrebbero seguito a in Cananea?  Anche se questo significa latte e miele, ne dubito. Perché allora usiamo questi termini per descrivere le meraviglie naturali del mondo? Ci sono esempi dappertutto, ma illustrerò […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Il linguaggio della natura on Facebook


Non la prima volta per la Corea del Nord

scritto da Redazione il Aug 14, 2017 09:30 pm

di Sheldon Richman – 14 agosto 2017 Lasciate a Donald Trump minacciare di abbattere "fuoco e furia" sul popolo nordcoreano nella stessa settimana in cui il mondo ha celebrato il settantaduesimo anniversario del vendicativo bombardamento atomico statunitense di civili giapponesi. Nel caso qualcuno non avesse colto il messaggio, il Segretario alla Difesa James "Cane Rabbioso" Mattis ha avvertito che le […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Non la prima volta per la Corea del Nord on Facebook


Fuoco , furia e paura

scritto da Redazione il Aug 14, 2017 03:07 pm

Fuoco , furia e paura Di Pepe Escobar 12 agosto 2017 Fate attenzione ai mastini della guerra. Le stesse "persone" dell'intelligence che vi hanno  fatto sapere dei  neonati strappati dalle incubatrici dagli iracheni "cattivi" così come anche delle inesistenti Armi di Distruzione di Massa, stanno ora facendo circolare la teoria che la Corea del Nord abbia prodotto una testata nucleare […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Fuoco , furia e paura on Facebook


Programmi sociali in Venezuela

scritto da Redazione il Aug 14, 2017 11:55 am

  di Steve Ellner – 12 agosto 2017 Politiche innovative, inclusione sociale e debolezza istituzionale L'elezione di Hugo Chávez a presidente del Venezuela nel 1998 da esterno alla politica con il 56 per cento dei voti attesta in larga misura la sua presa tra gli esclusi dalla vita politica, economica e culturale della nazione. La maggior parte di questi venezuelani […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Programmi sociali in Venezuela on Facebook

Z Net Italy

Z Net Italy è la versione italiana del sito americano Z Net, attivo da più di dieci anni. Z Net è stato fondato da Michael Albert, l'autore di Parecon (Economia Partecipativa) ed ospita frequentemente scritti di Noam Chomsky ed altri famosi autori dell'area politica radical americana.
Copyright © 2017 Z NET Italy, Licenza Creative Commons BY-NC-SA 3.0.
http://www.znetitaly.org
L'indirizzo della nostra newsletter:
Z NET Italy
C.P. 20100
Milano, Mi 20100
Italy

18 agosto 2017

Nexus Edizioni: "VACCINI Dominio Assoluto" di Gianni Lannes



NOVITA'!

VACCINI: Dominio Assoluto

di Gianni Lannes
In Europa e in Italia non sono in atto epidemie o pandemie, certifica l'Organizzazione mondiale della sanità. Allora, come ha potuto il governo Gentiloni promulgare il decreto legge 73 il 7 giugno 2017 che impone a neonati, bambini e adolescenti ben 12 vaccinazioni, se non è in atto alcuna emergenza ed urgenza? In realtà, non si tratta di una campagna di vaccinazione, ma una sperimentazione di massa sulla pelle di neonati, bambini e adolescenti sani. Chi, cosa, come, quando, perché? A un giornalista si chiede di raccontare i fatti, di spiegarli con riscontri documentali, soprattutto di controllare il potere, ogni potere. Occorre cercare la verità, quella scomoda, quella che urtica, quella che obbliga al realismo. Possiamo fare qualcosa? Ho il dovere morale di sperarlo e di essere contagioso. A questo serve la cultura, a rinvigorire l'umanità: la conoscenza ci rende liberi.

L'AUTORE
Gianni Lannes dal 1987 svolge in Italia e all'estero il mestiere del giornalista. Ha lavorato per la RAI e La7, nei settimanali L'Espresso, Panorama, Famiglia Cristiana, Io Donna, D La Repubblica delle Donne, Il Venerdì di Repubblica, Avvenire, Diario.
Ha scritto inoltre per i mensili Airone, La Nuova Ecologia, Medicina Democratica, Il Gargano Nuovo. Ha collaborato ai quotidiani Il Manifesto, Liberazione, La Repubblica, L'Indipendente, L'Unità, La Stampa, Il Corriere della Sera. Ha pubblicato i seguenti titoli di inchiesta: Nato: colpito e affondato, (2009), Il Grande Fratello. Strage del dominio (2012), Terra Muta, (2013), Nato, la strage del Francesco Padre, (2014), Italia, USA e getta, (2014), La montagna profanata, (2015), Nè vivi, né morti, (2016), Bambini a perdere, (2016).

Via Terme, 51 - 35041 BATTAGLIA TERME (PD)





, , ,


17 agosto 2017

Dino Marafioti

L’ultimo lavoro di Dino Marafioti trovato morto nel suo appartamento all’età di 53 anni il 17 agosto 2013. Per 22 anni giornalista e redattore di Radio Radicale. Questo era il suo primo servizio video che raccoglie in modo critico e analitico i fatti e le informazioni sul caso della scomparsa di Emanuela Orlandi. Ne andava così fiero tanto da auspicarne la sua diffusione anche attraverso altri canali, comprese le televisioni.
Grazie Dino.
Timeline Video: (capitoli automatici in “Descrizione – Mostra altro“)
– Prologo [00:01:28]
– Pietro Orlandi [00:04:54]
– Natalina Orlandi [00:09:25]
– Telefonata Amerikano [00:10:25]
– Primo appello Papa Giovanni II [00:12:33]
– La pista internazionale Alì Agca [00:12:47]
– Marco Beltrandi – ex Parlamentare Radicale [00:13:44]
– Fabrizio Peronaci – Corriere della Sera [00:15:27 – 00:27:56]
– Marco Accetti – Indagato [00:18:15 – 00:36:10]
– “Emanuela e le altre” – Panorama- Mirella Gregori [00:24:11]
– Appello Papa Giovanni II per Emanuela e Mirella [00:24:57]
– Giuseppe Nicotri[00:30:23]
– Banda della Magliana [00:31:42]
– Giuseppe Nicotri pista via Monte del Gallo [00:48:48]
emanuelaorlandi.altervista.org

16 agosto 2017

Interpretazioni divergenti in seno al campo antimperialista di Thierry Meyssan

Quando, nel 2011, gli jihadisti attaccarono il suo Paese, la reazione del presidente Bachar el-Assad fu controcorrente: invece di rafforzare i poteri dei servizi di sicurezza, li ridusse. Ora, sei anni dopo, la Siria sta per uscire vincitrice dalla più importante guerra dopo il Vietnam. Lo stesso tipo di aggressione si sta verificando in Ameria Latina, che però risponde in maniera molto più canonica. Thierry Meyssan illustra le differenze di analisi e strategia del presidente Assad, da un lato, e dei presidenti Maduro e Morales dall'altro. Non è questione di mettere questi leader in concorrenza fra loro, ma di invitarli a prescindere dagli indottrinamenti politici e di tener conto delle guerre più recenti.


A maggio 2017, Thierry Meyssan spiegava su Russia Today in cosa consistano gli errori delle élite sudamericane di fronte all'imperialismo USA. Meyssan insiste sul cambiamento di paradigma dei conflitti armati attuali e sulla necessità di ripensare radicalmente il modo di difendere la patria.
L'operazione di destabilizzazione del Venezuela continua. Nella fase iniziale, gruppuscoli violenti che manifestavano contro il governo hanno ucciso dei semplici passanti e persino cittadini che si erano uniti alla loro protesta. In una seconda fase, i grandi distributori di derrate alimentari hanno organizzato una penuria di beni nei supermercati. In seguito, appartenenti alle forze dell'ordine hanno attaccato ministeri, fatto appello alla ribellione e sono entrati in clandestinità.
La stampa internazionale continua ad attribuire i morti delle manifestazioni al "regime", sebbene numerosi video dimostrino che si tratta di assassinii deliberatamente perpetrati dagli stessi manifestanti. Fondandosi su queste informazioni menzognere, i media definiscono «dittatore» il presidente Nicolas Maduro, come fecero sei anni or sono con Muammar Gheddafi e Bachar el-Assad.
Gli Stati Uniti hanno utilizzato l'Organizzazione degli Stati Americani (OSA) contro il presidente Maduro, come, a suo tempo, utilizzarono la Lega Araba contro il presidente el-Assad. Senza aspettare di essere esclusa dall'OSA, Caracas ne ha denunciato i metodi ne è uscita.
Ciononostante, il governo Maduro ha subito due fallimenti:
-  Gran parte dei suoi elettori non sono andati a votare nelle le elezioni legislative di dicembre 2015, consentendo in tal modo all'opposizione di ottenere la maggioranza in parlamento.
-  Si è fatto prendere alla sprovvista dalla penuria di derrate alimentari, sebbene un'operazione analoga fosse stata in passato organizzata in Cile, contro Allende, e in Venezuela, contro Chávez. Ci sono volute parecchie settimane perché il governo riuscisse a organizzare nuovi circuiti di approvvigionamento.
Con ogni probabilità, il conflitto avviato in Venezuela non si fermerà alle sue frontiere. Infiammerà tutto il nord-ovest del continente sudamericano e i Caraibi.
Un passo aggiuntivo sono i preparativi militari in corso in Messico, Colombia e Guyana Britannica contro Venezuela, Bolivia ed Equador. Il coordinamento è opera dell'équipe dell'ex Ufficio Strategico per la Democrazia Globale (Office of Global Democracy Strategy); unità creata dal presidente Bill Clinton, continuata dal vice-presidente Dick Cheney e da sua figlia Liz. Mike Pompeo, attuale direttore della CIA, ha confermato l'esistenza dell'organizzazione, inducendo la stampa, e poi il presidente Trump, a parlare di un'opzione militare statunitense [contro il Venezuela].
L'équipe del presidente Maduro non ha ritenuto, per salvare il proprio Paese, di seguire l'esempio del presidente el-Assad. Secondo Maduro e i suoi collaboratori, le situazioni dei due Paesi sono totalmente differenti. Gli Stati Uniti, principale potenza capitalista, aggredirebbero il Venezuela per impossessarsi del suo petrolio, secondo uno schema più volte collaudato in tre continenti. Questa prospettiva è stata ribadita da un recente discorso del presidente boliviano, Evo Morales.
È importante ricordare che il presidente Saddam Hussein, nel 2003, e la Guida Muhammar Gheddafi, nel 2011, nonché numerosi consiglieri del presidente Assad hanno ragionato allo stesso modo. Hanno ritenuto che gli Stati Uniti avessero aggredito Afghanistan e Iraq, poi Tunisia, Egitto, Libia e Siria solo per far cadere regimi che opponevano resistenza all'imperialismo americano, e poter così controllare le risorse d'idrocarburi del Medio Oriente allargato. Ancora oggi numerosi autori antimperialisti insistono in quest'analisi, cercando, per esempio, di spiegare la guerra alla Siria con l'interruzione del progetto di gasdotto del Qatar.
Ebbene, un tale ragionamento si è dimostrato falso. Gli Stati Uniti non cercavano né di rovesciare governi progressisti (Libia e Siria) né d'impadronirsi del petrolio e del gas della regione, ma di distruggere Stati, di ricacciare popolazioni nella preistoria, al tempo in cui «l'uomo era lupo per l'uomo».
I rovesciamenti di Saddam Hussein e di Muhammar Gheddafi non hanno ristabilito la pace. Le guerre sono continuate nonostante l'insediamento di un governo d'occupazione in Iraq e poi, nella regione, di governi cui partecipano collaboratori dell'imperialismo, oppositori delle indipendenze nazionali. Le guerre continuano, a dimostrazione che Washington e Londra non volevano rovesciare regimi né difendere democrazie, bensì conculcare popoli. È una constatazione fondamentale che stravolge la comprensione dell'imperialismo contemporaneo.
Questa strategia, radicalmente nuova, cominciò a essere insegnata da Thomas P. M. Barnett dopo l'11 settembre 2001. È stata resa pubblica ed esposta nel marzo 2003 — ossia appena prima della guerra contro l'Iraq — in un articolo di Esquire, poi nel libro eponimo The Pentagon's New Map, però è apparsa talmente crudele che nessuno ha creduto potesse essere applicata.
L'imperialismo ha bisogno di dividere il mondo in due: da un lato, una zona stabile che gode dei benefici del sistema, dall'altro un caos spaventoso in cui nessuno più pensa a resistere, ma unicamente a sopravvivere; una zona in cui le multinazionali possano estrarre le materie prime di cui hanno bisogno senza rendere conto ad alcuno.
JPEG - 37.9 Kb
Secondo questa mappa, estratta da un Powerpoint presentato da Thomas P. M. Barbett nella conferenza tenuta nel 2003 al Pentagono, tutti gli Stati della zona rosa devono essere distrutti. Questo progetto non ha nulla a che fare né, sul piano nazionale, con la lotta di classe, né con lo sfruttamento di risorse naturali. Dopo il Medio Oriente allargato, gli Stati Uniti si apprestano a ridurre in rovina l'America Latina del nord-ovest.
Dal XVII secolo e dalla guerra civile britannica, l'Occidente si è sviluppato nell'ossessione del caos. Thomas Hobbes ci ha insegnato a sottometterci alla ragione di Stato piuttosto che rivivere il tormento del caos. La nozione di caos è ricomparsa solo dopo la seconda guerra mondiale, con Leo Strauss. Questo filosofo, che ha personalmente formato esponenti del Pentagono, voleva costruire una nuova forma di potere affondando una parte del mondo nell'inferno.
L'esperienza jihadista in Medio Oriente allargato ci ha mostrato cos'è il caos.
Il presidente el-Assad, dopo aver reagito in modo prevedibile agli avvenimenti di Deraa (marzo-aprile 2011), ossia inviando l'esercito a reprimere gli jihadisti della moschea al-Omari, è stato il primo a capire quel che stava succedendo. Invece di accrescere i poteri delle forze dell'ordine per reprimere l'aggressione esterna, ha dato al popolo gli strumenti per difendere il proprio Paese.
Innanzitutto ha revocato lo stato d'emergenza, dissolto i tribunali speciali, liberalizzato le comunicazioni internet, vietato alle forze armate di usare armi, qualora, così facendo, innocenti fossero messi in pericolo.
Queste decisioni, diverse da quanto la logica dei fatti avrebbe suggerito, implicavano pesanti conseguenze. Per esempio, durante un attacco a un convoglio militare a Banias, i soldati si sono astenuti dall'usare armi per legittima difesa. Hanno preferito essere mutilati dalle bombe degli assalitori, e talvolta morire, piuttosto che sparare con il rischio di ferire gli abitanti, che li guardavano lasciarsi massacrare senza reagire.
Come molti all'epoca, anch'io ho pensato che Assad fosse un presidente debole, che i soldati fossero troppo leali, che la Siria sarebbe stata distrutta. Tuttavia, sei anni dopo Bachar el-Assad e le forze armate siriane hanno vinto la scommessa. All'inizio, i soldati hanno lottato soli contro l'aggressione straniera. Poi, poco a poco, ogni cittadino si è impegnato, ciascuno secondo le proprie possibilità, nella difesa Paese. Quelli che non hanno potuto o voluto resistere sono andati in esilio. I siriani hanno certamente molto sofferto, ma la Siria è l'unico Paese al mondo, dopo la guerra del Vietnam, ad aver resistito fino a che l'imperialismo s'è stancato e ha rinunciato.
In secondo luogo, di fronte all'invasione di una moltitudine di jihadisti provenienti da tutte le popolazioni mussulmane, dal Marocco alla Cina, il presidente Assad ha deciso di abbandonare parte del territorio per salvare il proprio popolo.
L'Esercito arabo siriano si è ripiegato nella "Siria utile", ossia nelle città, abbandonando campagne e deserti agli aggressori. Nel frattempo Damasco provvedeva senza interruzione all'approvvigionamento alimentare in tutte le regioni controllate. Contrariamente a un preconcetto dell'Occidente, la carestia ha imperversato solo nelle zone controllate dagli jihadisti e in qualche città da loro assediata; i "ribelli stranieri" (scusate l'ossimoro) venivano approvvigionati dalle associazioni "umanitarie" occidentali perché utilizzassero la distribuzione di pacchi alimentari per sottomettere le popolazione da loro stessi affamate.
Il popolo siriano ha toccato con mano che a nutrirlo e proteggerlo era la Repubblica, non i Fratelli Mussulmani e i loro jihadisti.
In terzo luogo, il presidente Assad, in un discorso pronunciato il 12 dicembre 2012, ha delineato come intendeva ricostruire l'unità del Paese. In particolare ha sottolineato la necessità di redigere una nuova costituzione e di sottoporla all'approvazione della maggioranza qualificata della popolazione, quindi procedere a elezioni democratiche dei responsabili di tutte le istituzioni, incluso il presidente, ovviamente.
All'epoca gli occidentali si sono burlati del presidente Assad che pretendeva convocare elezioni in piena guerra. Oggi la totalità dei diplomatici coinvolti nella risoluzione del conflitto, compresi quelli delle Nazioni Unite, sostiene il piano Assad.
Mentre i commando degli jihadisti circolavano ovunque nel Paese, soprattutto a Damasco, e assassinavano uomini politici, anche nelle loro case e con le loro famiglie, il presidente Assad ha incoraggiato gli oppositori a palesarsi. Ha garantito la sicurezza del liberale Hassan el-Nouri e del marxista Maher el-Hajjar per garantirgli la possibilità di presentarsi alle elezioni presidenziali del giugno 2014. Nonostante l'appello al boicottaggio dei Fratelli Mussulmani e dei governi occidentali, nonostante il terrore jihadista, nonostante l'esilio all'estero di milioni di cittadini, il 73,42% degli elettori ha risposto alla chiamata alle urne.
In nome dello stesso principio, sin dall'inizio della guerra Assad ha creato un ministero per la Riconciliazione nazionale, fatto unico in un Paese in guerra, e l'ha affidato ad Ali Haidar, presidente di un partito alleato, il PSNS. Haidar ha negoziato e concluso più di un migliaio di accordi di amnistia di cittadini che avevano preso le armi contro la Repubblica, che poi sono stati integrati nell'Esercito arabo siriano.
Durante questa guerra, contrariamente a quanto afferma chi lo accusa gratuitamente di praticare torture generalizzate, il presidente Assad non ha mai usato mezzi coercitivi contro il proprio popolo. Non ha mai imposto l'arruolamento in massa e la coscrizione obbligatoria. Ogni giovane ha la possibilità di sottrarsi agli obblighi militari. Prassi amministrative permettono a ogni cittadino maschio di evitare il servizio militare, se non desidera difendere il proprio Paese con le armi. Unicamente gli esiliati, che non hanno accesso a queste prassi, possono trovarsi in situazione d'irregolarità rispetto alle norme.
Per sei anni, il presidente Assad ha costantemente, da un lato, fatto appello al proprio popolo, responsabilizzandolo e, dall'altro, ha cercato, per quanto possibile, di nutrirlo e proteggerlo. Ha sempre corso il rischio di dare prima di ricevere. Ed è per questo che oggi ha conquistato la fiducia dei siriani e può contare sul loro sostegno attivo.
Le élite sudamericane sbagliano se intendono proseguire la lotta per una ripartizione più equa delle ricchezze, che fu dei decenni passati. Oggi la lotta più importante non è tra maggioranza del popolo e una piccola classe di privilegiati. La scelta cui si sono trovati di fronte i popoli del Medio Oriente allargato, e alla quale ora i sudamericani devono rispondere a loro volta, è difendere la patria o morire.
I fatti lo dimostrano: l'imperialismo contemporaneo non mira più prioritariamente a fare man bassa delle risorse naturali. Oggi vuole dominare il mondo e saccheggiarlo senza scrupoli. Mira ormai a schiacciare i popoli e a distruggere le società delle regioni di cui già sfrutta le risorse.
In quest'èra di ferro e fuoco, solo la strategia di Assad permette di rimanere eretti e liberi.

13 agosto 2017

Una Commissione d’inchiesta parlamentare per Emanuela Orlandi

A settembre 2017 l'istituzione di una Commissione d'inchiesta parlamentare per Emanuela Orlandi.
Lo ha dichiarato il Senatore Vincenzo Santangelo, portavoce del Movimento 5 Stelle, dalla sua pagina Facebook:
CASO ORLANDI: 34 anni di indagine senza verità.
"Oggi voglio ricordare il caso di Emanuela Orlandi, nonostante si faccia molto per dimenticarlo. 
Emanuela Orlandi era (è? era? ancora non è dato saperlo) una ragazza, quindicenne, cittadina vaticana, scomparsa nel nulla trentaquattro anni fa, divenuta, suo malgrado, il caso emblematico di come si possa essere sottratti alla propria vita, e, con ampi margini possibilità, cancellati dalla terra, senza che nessuno acceda alla verità sulla propria sorte.
Per lei, infatti, nessuna verità, né storica, né processuale. Lo Stato non è riuscito a dare risposte alla sua famiglia nonostante 34 anni indagini, terminate con l'archiviazione.
Uno Stato può spendere tanti soldi pubblici per 34 anni di indagini senza scoprire nulla? A settembre chiederemo l'istituzione di una Commissione d'inchiesta parlamentare per capirlo.
Il caso Orlandi è un simbolo di malagiustizia. Comprendere perché il sistema si sia così gravemente inceppato in questa vicenda giudiziaria, dai contorni paradossali, vuol dire dare una speranza anche a tutti gli scomparsi, tantissimi in Italia, che attendono di essere ritrovati, anche solo nella verità circa i loro destino."

11 agosto 2017

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 11 agosto 2017




Rete Voltaire
Focus




In breve

 
Dubbi sul generale McMaster
 

 
Hillary Clinton potrebbe essere ordinata pastore metodista
 

 
Iran: un governo esclusivamente sciita e maschile
 

 
Lo sradicamento di Daesh alla frontiera siriano-libanese
 

 
Accordo segreto per restituire Raqqa alla Siria
 

 
Istanbul contro Al-Azhar
 

 
Disfatta militare di Daesh
 

 
L'amministrazione Obama spiava l'opposizione?
 

 
Cambiamenti nel Consiglio Nazionale per la Sicurezza
 

 
Mark Zuckerberg possibile futuro presidente degli Stati Uniti
 
Controversie

 
abbonamento    Reclami