11 dicembre 2017

Nikola Tesla - NELLA MENTE DI UN GENIO. prima parte HD

10 dicembre 2017

Beppe Scienza: conferenza a Roma - diamanti, polizze ecc.

Conferenza a Roma
ven. 15 dicembre 2017 ore 14-17


Presso Teatro Golden, via Taranto 36 - vedi scheda.

All'incontro di studi dell'Adusbef su "Risparmio gestito e usura" tratterò i seguenti argomenti:
  • Vantaggi fiscali gonfiati di fondi pensione e pip
  • Risparmio gestito: senza trasparenza cause difficilissime
  • Tasso soglia d'usura: una formula buona per le banche
Vi saranno inoltre, fra gli altri, interventi di Elio Lannutti e Antonio Tanza, il fondatore e il presidente dell'associazione di consumatori.
Risponderò anche a eventuali domande.
Ingresso libero, ma meglio prenotarsi: Registrazione

La Banca d'Italia dà manforte al risparmio gestito
Paure per futuri crac? I pericoli in banca (e i danni) ora arrivano soprattutto da fondi, gestioni, polizze ecc. con la Banca d'Italia che spinge le banche a puntare sul risparmio gestito. Vedere: «La pericolosa evoluzione di banche che diventano gestori di risparmio», articolo sul Fatto Quotidiano del 27-11-2017.

Diamanti, oro e polizze vita
L'imbroglio dei diamanti è stato possibile solo grazie all'appoggio del giornalismo economico italiano. Rimando al riguardo all'intervista su Radio Marconi del 31-10-2017, dove spiego anche perché l'oro non è poi così sicuro; e perché sono da evitare le polizze vita, quale impiego dei risparmi.

Risparmi fiscali di fine d'anno
Segnalo infine la mia rubrica quindicinale sul Fatto Quotidiano di lunedì prossimo, 11 dicembre, dove smonto il presunto vantaggio fiscale per chi versa soldi nella previdenza integrativa entro fine 2017.
Saluti
Beppe Scienza

Dipartimento di Matematica
Università di Torino
via Carlo Alberto 10
10123 Torino
www.beppescienza.it
www.ilrisparmiotradito.it

Nikola Tesla - Nella mente di un genio. Presentazione documentario

09 dicembre 2017

PLO Leader Hanan Ashrawi: Trump's Jerusalem Order Violates Int'l Law & "Destroys" Chance for Peace | Daily Digest 12/07/2017

After Trump Makes Jerusalem Capital of Israel, Palestinians Protest "Settlers in the White House" & High-Profile Women Break the Silence on Sex Assaults, But Low-Wage Workers Still Vulnerable to Abuse

Democracy Now! Daily Digest

A Daily Independent Global News Hour with Amy Goodman & Juan González

Thursday, December 7, 2017

Stories


 
Palestinians are protesting in cities across the West Bank and Gaza Strip after President Trump announced Wednesday that he would recognize Jerusalem as the  ... Read More →

As Palestinians protest President Trump's announcement that he would recognize Jerusalem as the capital of Israel and begin moving the U.S. Embassy ... Read More →

On Wednesday, Time magazine announced the 2017 "Person of the Year" goes to the women who have spoken out against sexual assault and harassment, ... Read More →

Headlines →

Follow

Facebook Twitter RSS & Podcasts Google+

WEB EXCLUSIVE

Electoral Results Delayed in Honduras Presidential Election As Opposition Candidate Leads Incumbent

COLUMN

Pocahontas is an Inspiration, Not a Racial Slur

WEB EXCLUSIVE




07 dicembre 2017

Rep. Keith Ellison: GOP Tax Bill Would Reorder Society & Create "Hereditary Aristocracy" for Rich | Daily Digest 12/04/2017



Honduras: Protesters Defy Military Crackdown and Flood the Streets to Protest Alleged Vote-Rigging & Rep. Keith Ellison Says Franken & Conyers Should "Examine Their Conscience" over Sexual Harassment & More

Democracy Now! Daily Digest

A Daily Independent Global News Hour with Amy Goodman & Juan González

Monday, December 4, 2017

Stories


 
On Saturday morning, Senate Republicans passed a nearly 500-page tax bill that will have dramatic impacts not only the U.S. tax code, but also healthcare, domestic ... Read More →

Tensions are rising in Honduras, where security forces have opened fire on protesters over the weekend, killing at least three people and injuring dozens more. On ... Read More →

On Capitol Hill, Democratic Congressmember John Conyers and Democratic Senator Al Franken are both facing calls to resign, after multiple women accused ... Read More →

In Honduras, tens of thousands of protesters poured into the streets Sunday to denounce alleged election fraud and to support opposition presidential candidate ... Read More →

Headlines →

Follow

Facebook Twitter RSS & Podcasts Google+

WEB EXCLUSIVE

Electoral Results Delayed in Honduras Presidential Election As Opposition Candidate Leads Incumbent

COLUMN

Pocahontas is an Inspiration, Not a Racial Slur

WEB EXCLUSIVE

Constitutional Expert Says Move to Impeach Trump Can Proceed Without Derailing FBI's Criminal Probe


06 dicembre 2017

Trump pronto a dichiarare Gerusalemme capitale d’Israele

L'annuncio del presidente Usa è previsto con ogni probabilità domani. I paesi arabi: "Avrà conseguenze pericolose". I palestinesi dell'Olp: "Colpo di grazia alla soluzione a due stati". Hamas invoca una "nuova Intifada". In stand by, almeno per ora, lo spostamento dell'ambasciata Usa nella Città santa
Gerusalemme (Foto: Reuters)
Gerusalemme (Foto: Reuters)
della redazione
Roma, 5 dicembre 2017, Nena News – L'amministrazione statunitense ha annunciato ieri di non aver ancora stabilito se trasferirà o meno l'ambasciata Usa a Gerusalemme, nonostante la data limite per prendere una decisione in merito sia stata ormai superata. "Nessun provvedimento sarà preso oggi. Decideremo nei prossimi giorni" ha detto laconicamente un portavoce della Casa Bianca.
Secondo la legge americana, essendo andati oltre i termini legali per firmare il rinvio, potrebbe essere ora il Congresso Usa a imporre al presidente di trasferire l'ambasciata a Gerusalemme. Non solo: il Congresso potrebbe anche tagliare i finanziamenti del Dipartimento di Stato se l'amministrazione americana non dovesse rispettare quanto previsto nell'"Atto dell'ambasciata di Gerusalemme" del 1995 che impone lo spostamento nella Città santa della sede diplomatica americana. Tuttavia, al momento, lo scenario più probabile è che i repubblicani (maggioranza al Congresso) diano qualche altro giorno di tempo a Trump per prendere la sua decisione finale sulla questione. Le opzioni che ha il presidente sono due: o dare luce verde al trasferimento dell'ambasciata rispettando così quanto ha più volte annunciato in campagna elettorale. O, scenario più concreto, rinviare la discussione di altri sei mesi come hanno fatto negli ultimi due decenni tutti i presidenti a stelle e strisce.
L'esitazione statunitense potrebbe essere stata in qualche modo influenzata anche dalle dichiarazioni di diversi attori mondiali e regionali. Ieri il presidente francese Emmanuel Macron avrebbe espresso a Trump la sua "preoccupazione" per l'eventuale mossa unilaterale di Washington di dichiarare Gerusalemme capitale d'Israele. Secondo il leader francese, il suo status "deve essere affrontato nei negoziati di pace tra israeliani e palestinesi che devono dare vita a due stati, Israele e la Palestina, che vivano in pace e sicurezza l'uno a fianco dell'altro con Gerusalemme come capitale".
Dopo giorni di silenzio, ieri ha parlato anche l'Arabia Saudita. Riyadh, per bocca dell'ambasciatore saudita Khalid bin Salman, ha detto che qualunque annuncio americano sullo status della città senza un accordo definitivo sulla questione israelo-palestinese danneggerà il processo di pace e aumenterà le tensioni regionali. "L'Arabia Saudita – ha sottolineato – continua a sostenere il popolo palestinese e ciò è stato riferito all'amministrazione Usa". Le dichiarazioni di Macron e di Khalid bin Salman erano state anticipate domenica da quelle dei ministri degli esteri egiziano e giordano durante i loro incontri con il Segretario di stato Usa Rex Tillerson.
L'annuncio su Gerusalemme è previsto per domani: se Trump sembra "cedere" da un lato (e per il momento) sull'affair ambasciata, appare infatti molto intenzionato a riconoscere la città come capitale dello stato ebraico. Incluso il suo settore orientale (quello arabo) occupato dall'esercito israeliano nel 1967 e rivendicato dai palestinesi. La questione sarà al centro della riunione di "emergenza" convocata per oggi dalla Lega araba. Un simile vertice è stato convocato anche dall'Organizzazione per la cooperazione islamica (OIC).
Gli ufficiali palestinesi di Ramallah hanno ribadito in questi giorni come questo riconoscimento metterebbe fine ai negoziati di pace. Il portavoce del presidente Abbas, Nabil Abu Rudeinah ha dichiarato sabato che una eventuale decisione di Trump in tal senso rappresenterebbe uno sviluppo pericoloso che destabilizzerebbe la regione mediorientale. Per Husam Zomlot dell'Olp (Organizzazione per la liberazione della Palestina) tale atto sarebbe "il colpo di grazia alla soluzione a due stati" e avrebbe "conseguenze catastrofiche". Dal canto suo, invece, Hamas ha invocato "una nuova Intifada" per fermare questa "cospirazione". Abu Mazen e il leader islamista, Ismail Haniye, si sono trovati d'accordo sulla necessità di tenere una manifestazione a Gerusalemme che "unifichi gli sforzi del popolo palestinese".
La Giordania, che si proclama custode dei luoghi santi islamici di Gerusalemme, con il suo ministro degli esteri Ayman Safadi ha parlato di "pericolose conseguenze" politiche qualora l'annuncio di Trump dovesse essere implementato. Incontrando a Washington domenica il Segretario alla difesa Usa James Mattis, il re giordano Abdallah ha spiegato che questa decisione americana rafforzerà i gruppi terroristici attivi in Medio Oriente e farà collassare l'iniziativa di pace a cui sta lavorando l'amministrazione Trump.
Quel che non spiega il re è però in che cosa consista questa "iniziativa di pace" trumpiana. L'annuncio di Gerusalemme come capitale d'Israele, infatti, rientra in un piano più grande previsto dall'amministrazione Usa con cui gli americani provano a ridisegnare il Medio Oriente in chiave anti-Iran attraverso una stretta alleanza tra Israele e Arabia saudita. In tale scenario, la questione palestinese diventerebbe ancora più marginale rispetto al conflitto contro il "nemico sciita".
La normalizzazione dei rapporti tra lo stato ebraico e i paesi arabi è ormai sempre più alla luce del sole. La monarchia saudita nega però qualunque "normalizzazione" con Tel Aviv e smentisce le ultime rivelazioni del New York Times secondo cui il principe ereditario Mohammed bin Salman avrebbe chiesto al presidente palestinese Abbas di proclamare il villaggio di Abu Dis (nel governorato di Gerusalemme, oltre il Muro costruito da Israele in Cisgiordania) capitale di un futuro stato di Palestina in cambio di cospicui aiuti finanziari. Una proposta simile fu avanzata nel 1995 proprio dallo stesso Abbas e dall'ex ministro israeliano Beilin. Abu Dis, si disse allora, sarebbe diventata la "capitale temporanea" della Palestina. La realtà avrebbe raccontato poi un'altra storia, eppure ad Abu Dis i lavori di costruzioni del Parlamento palestinese furono davvero avviati. Nena News

To see the article visit nena-news.it