Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Res Noster Pubblica. Mostra tutti i post

19 dicembre 2018

GIALLO ROSSI / DOPO 5 ANNI AI RAGGI X ULTIME E-MAIL E IL NOTES


Ci ha messo la bellezza di 5 anni e mezzo la dormiente procura di Siena per trovare l'hard disk del pc e la "copia forense" di uno dei due notebook appartenuti a David Rossi, il responsabile per le comunicazioni del Monte dei Paschi di Siena volato giù dal quinto piano di palazzo Salimbeni il 6 marzo 2013.
Il procuratore capo, Salvatore Vitiello, solo dopo le ripetute sollecitazioni arrivate dai legali della famiglia, e cioè il fratello Ranieri Rossi e la moglie Antonella Tognazzi, ha "scoperto" quei documenti!
Tutto il prezioso materiale ora è stato inviato dalla procura senese al Racis, il gruppo per le investigazioni scientifiche dei carabinieri, affinchè ne verifichi minuziosamente il contenuto.
Da rammentare, infatti, che sono corse svariate voci e uscite versioni differenti circa il contenuto delle e-mail inviate da Rossi negli ultimi 2-3 giorni della sua vita.


Antonella Tognazzi, moglie di David Rossi (nella foto in alto)

In particolare, sono importanti i messaggi partiti all'indirizzo dell'allora amministratore delegato Mps, Fabrizio Viola. "Stasera mi uccido", uno tra i presunti messaggi. "Domani vado a verbalizzare in procura e dico tutto", il contenuto di un secondo. E' forse anche nei messaggi la chiave per capire chi possa aver "voluto" la morte di David?
Tra l'altro, con una bella faccia di bronzo, lo stesso Viola ha avuto il coraggio di querelare la vedova Rossi e un giornalista de il Fatto, Davide Vecchi, per aver osato parlare e scrivere di quelle mail non poi tanto fantasma (ma solo ora acquisite agli atti) e "violato la privacy" (sic) del top manager Mps. Sia la Tognazzi che Vecchio sono poi stati assolti con formula piena.

Sono stati incredibilmente persi 5 anni, dal momento che le Fiamme gialle avevano chiesto alla procura già nel 2013 quei materiali oggi magicamente saltati fuori.
Del resto per ben due volte la dormiente procura di Siena ha chiesto l'archiviazione del caso, ritenendo certa l'ipotesi del suicidio. Quando invece tutte le evidenze scientifiche, una bella sfilza, dimostrano chiaramente che si è trattato di omicido: sia la perizia grafologica (i messaggi lasciati da David alla moglie), sia la perizia dinamica della caduta (che contrasta del tutto con la 'traiettoria' da suicidio), sia quella medica (il corpo di David presenta segni evidenti di colluttazione e di trascinamento) non lasciano dubbi. Solo i pm di Siena hanno chiuso gli occhi.
Tanto che da alcuni mesi è al lavoro anche la procura di Genova, per accertare tutte le anomalie di quelle inchieste farlocche condotte a Siena e accertarne errori & omissioni.

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

18 dicembre 2018

GRUPPO ROCCA / INCHIESTE BOMBA, DAL BRASILE ALL’ARGENTINA, VIA LUSSEMBURGO


Non bastava la maxi inchiesta "Lava Jato" in Brasile per corruzione internazionale. E nemmeno quella in Lussemburgo alla ricerca del tesoro di "San Faustin". Adesso scoppia in Argentina la più grossa "Mazzettopoli" del secolo.
Ad essere coinvolto il gruppo Rocca, con la sua corazzata Techint e la controllata Tenaris, che a fine novembre hanno fatto un autentico tonfo a piazza Affari, perdendo oltre il 7 per cento, mentre alla Borsa americana il crollo ha superato il 10 per cento.
A Paolo Rocca, amministratore delegato e presidente di Tenaris, le autorità argentine hanno confiscato 104 milioni di dollari, comunque una bazzecola rispetto ad un patrimonio personale valutato in circa 8 miliardi di dollari. Allo stesso Paolo Rocca è stato vietato di lasciare il Paese. L'accusa é da non poco: associazione illecita e pagamento di tangenti.

IL NOTEBOOK DI TUTTE LE TANGENTI MILIONARIE
Ma cosa è successo per scatenare un tale putiferio? Tutto parte dall'inchiesta soprannominata "Notebooks", ossia "taccuini", con riferimento ad una sorta di minuzioso diario tenuto da autista pentito che lavorava alle dipendenze del governo, in particolare al ministero per la Pianificazione. Quel memoriale bollente è stato consegnato, mesi fa, dalla moglie dell'autista "pentito", Oscar Centero, agli inquirenti argentini, che hanno così potuto ricostruire tutta la montagna di tangenti versate da imprenditori d'ogni settore – in prima fila Paolo Rocca – per un decennio, tra il 2005 e il 2015. A quanto pare un "sistema" ideato dall'ex capo dello Stato Cristina Fernandez Kirchner, e continuato con il successivo presidente, Mauricio Macri.


Cristina Fernandez Kirchner. In apertura Paolo Rocca

Obiettivo dei Rocca non era solo un occhio di riguardo nei confronti di Tenaris, da anni il colosso dell'acciaio in Argentina, ma anche risolvere la controversia insorta con il Venezuela di Hugo Chavez, che aveva prima confiscato e poi nazionalizzato la Sidor, una divisione di Ternium, controllata dal colosso Techint che fa capo al fratello di Paolo, ossia Gianfelice Rocca, ai vertici della hit tra i Paperoni d'Italia e per anni numero uno di Assolombarda.
Secondo la ricostruzione degli inquirenti coordinati dal magistrato Claudio Bonadio (di evidenti origini italiane), le ricche mazzette di versate da Tenaris – prima una grossa fetta, poi una serie di versamenti mensili – servivano sia per sbloccare la situazione venezuelana sia per alimentare quell'associazione a delinquere, quel sistema che coinvolgeva una serie di imprese, argentine ed estere. Grazie ai buoni uffici presidenziali, infatti, il gruppo Rocca ha ricevuto un indennizzo da 2 miliardi di dollari versati dal governo Chavez a fronte della nazionalizzazione di Sidor. Una bella cifra.
L'ammontare totale delle tangenti affluite nelle casse presidenziali, secondo i calcoli degli investigatori argentini, ammonta a circa 200 milioni di dollari.

LO TSUNAMI BRASILIANO
Di gran lunga superiore, comunque, il totale delle tangenti versate in Brasile per l'affare Petrobras: fino ad oggi gli inquirenti carioca ne hanno accertate per 5 miliardi di dollari, ma la cifra può essere molto, molto superiore (secondo alcune stime potrebbe sfiorare il tetto dei 20 miliardi, il più grosso giro di tangenti di sempre).
Tra le imprese coinvolte il nostro colosso Eni, la consorella per l'impiantistica Saipem (nel cui azionariato c'è al 30 per cento la Cassa Depositi e Prestiti) e, of course, Techint capitanata da Gianfelice Rocca.
L'inchiesta "Lava Jato", pur essendo ancora in fase istruttoria (ma dura da quasi tre anni), ha già decapitato la classe politica verdeoro, portando all'impeachment del presidente Dilma Rousseff, alla condanna a 9 anni di galera per il suo amico e predecessore Ignacio Lula da Silva, e alle dimissioni di una sfilza di deputati di governo e opposizione. Un vero tsunami.


Ignacio Lula da Silva

Anche la procura di Milano indaga sull'affare Petrobras, e il capo d'imputazione è "corruzione internazionale". E sempre Milano un anno e mezzo fa ha aperto un fascicolo sul "Tesoro di San Faustin", la cassaforte di casa Rocca, a lungo acquartierata in Svizzera, poi trasferita in Lussemburgo. Ben protetta, quindi, da sguardi indiscreti: sia perché siamo in un classico paradiso fiscale, sia perché i veli delle fiduciarie sono stati ben allestiti. Nella cassaforte, comunque, non ci sono solo le ricchezze dei Rocca (ovviamene una parte), ma anche di parenti e amici eccellenti: una sorta di super salotto per vip.
Peccato che la procura meneghina abbia acceso i riflettori: c'è da sperare in qualche fortunata rogatoria internazionale?

L'AMICO DI UNA VITA, PAOLO SCARONI
Abbiamo più volte raccontato la Rocca story, lungo l'asse Italia-Argentina e anche Corno d'Africa. Trent'anni fa, infatti, la Somalia fu la vera palestra dove s'è fatta le ossa Techint, lavorando sia per progetti finanziati dal FAI, che per proprie iniziative, anche sul fronte dei rifiuti. Sul ponte di comando due pezzi da novanta del futuro: oltre a Gianfelice Rocca e ai suoi fratelli, anche Paolo Scaroni, allora rampante manager che negli anni successivi diventerà il re del parastato, occupando le poltrone di vertice all'Enel e all'Eni, oggi uomo strategico del colosso finanziario a stelle e strisce Elliot e presidente del Milan calcio.
Sui business somali di Techint, una quindicina d'anni fa realizzò un ottimo reportage Massimo Alberizzi del Corsera, centrata sulle rivelazioni di un ex dirigente Techint che fece causa alla sua azienda e in tribunale ne raccontò di cotte e di crude.
Sui traffici di rifiuti super tossici lungo l'asse Italia-Somalia e sui fondi della cooperazione stavano lavorando Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Le ultime ricerche, a quanto pare, riguardavano i tantissimi fusti tossici seppelliti lungo la superstrada che porta da Bosaso a Mogadiscio.
E proprio entro dicembre si dovrà pronunciare il gip del tribunale di Roma, Andrea Fanelli, sulla richiesta di archiviazione tombale del caso Alpi-Hrovatin avanzata dal pm Elisabetta Ceniccola e controfirmata dal procuratore capo Giuseppe Pignatone. Resta solo da augurarsi che giustizia non sia sfatta.

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

17 dicembre 2018

PANTANI / SILENZIO TOTALE SUL GIRO DEL ’99 TAROCCATO DALLA CAMORRA


Che fine ha fatto il fascicolo giudiziario su Marco Pantani e il Giro d'Italia del 1999 comprato dalla camorra? Due anni e mezzo fa il legale della famiglia, Antonio De Renzis, chiese alla Procura di Napoli la riapertura dell'inchiesta, allegando una ponderosa documentazione sul ruolo giocato dalla malavita organizzata nel taroccare – attraverso un vorticoso giro di scommesse – quel Giro in cui "Pantani non doveva arrivare a Milano".
Si è rivolto alla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, De Renzis, dopo l'archiviazione decisa dalla procura di Forlì, che pur avendo acquisito una gran mole di prove in grado di certificare il condizionamento dei clan, le pressioni sull'equipe medica a Madonna di Campiglio e aver raccolto le testimonianze di sportivi, addetti ai lavori e soprattutto di alcuni 'collaboratori di giustizia', sostenne che non però non si potevano provare quelle manovre intimidatrici, pur così evidenti. Alla procura di Forlì, infatti, non sanno quasi niente di camorra e dei suoi metodi, pur se da anni è penetrata nel tessuto economico e produttivo.

Tant'è. Archiviazione. Come è successo per il secondo filone d'inchiesta, quello della morte di Marco al residence Le Rose di Rimini. Un chiaro omicidio, con tutti i segni e le tracce ben evidenti che solo alla procura di Forlì non hanno visto. Rituale, è arrivata poi la pietra tombale della sentenza di Cassazione. Suicidio, pur se il suo corpo presentava (proprio come nel caso di David Rossi) molte ferite, segni di trascinamento… e altre cento anomalie, documentate in un ampio dossier dall'avvocato De Renzis.
Il quale, appunto, ad agosto 2016, ha inoltrato alla Dda di Napoli la richiesta di riaprire le indagini su quel maledetto Giro, del quale per primo parlò Renato Vallanzasca in carcere, raccogliendo le confidenze di un camorrista recluso. Da qui il via alle indagini che hanno portato alle verbalizzazioni bollenti di vari pentiti di camorra i quali hanno fornito ragguagli sulle mani della malavita organizzata per taroccare il Giro.
Riteneva, De Renzis, che la Dda di Napoli fosse il luogo più adatto dove poter effettuare ulteriori indagini e caso mai incrociarle con altre, tenuto conto della vasta esperienza accumulata dalla Dda in tanti anni di lavoro. Il fascicolo è stato assegnato al pm Antonella Serio.

E invece? Dopo due anni e mezzo il silenzio più totale. Nessuna notizia. Nel frattempo a quanto pare per la difesa della famiglia Pantani è subentrato un nuovo legale, Sabrina Rondinelli, che contattata per aver conferma circa la nomina e le novità sul caso, si chiude a riccio e sostiene di non voler parlare con i giornalisti.
Cosa ha fatto in questi mesi la Rondinella per smuovere le acque? E' mai venuta a Napoli, dalla sua Sicilia, per parlare con i magistrati? Perchè alimenta questo buio totale e questo silenzio che fa tanto rumore?

To see the article visit www.lavocedellevoci.it

15 dicembre 2018

Nuovi articoli sul Blog di Emanuela Orlandi

New article
Pubblicati due nuovi articoli nel Blog di Emanuela Orlandi:

La pista di Bolzano (con video)
L'identikit dell'uomo della BMW (con video)

Buona lettura

Tempeste a comando? chi c'è dietro al tempo che fa

Durante tutta la lunga storia dell'umanità i fenomeni atmosferici e le catastrofi naturali hanno sempre rappresentato un qualcosa d'ineluttabile, totalmente disancorato da qualsivoglia attività antropica venisse svolta sul pianeta. Alluvioni, siccità, ondate di gelo o di caldo, così come terremoti, eruzioni vulcaniche, maremoti, uragani o trombe d'aria potevano forse venire attribuiti all'ira degli dei o alla volontà divina, ma la responsabilità dell'uomo nell'ambito di tali catastrofi non è mai andata oltre alla recriminazione per non essere riuscito ad ingraziarsi adeguatamente il "Padreterno".
Solamente nel corso dell'ultimo secolo si è iniziato ad avere la percezione (o la presunzione) che l'attività degli esseri umani potesse in qualche misura condizionare il clima terrestre ed i grandi eventi naturali che tormentano il nostro pianeta.....
Intorno alla metà del secolo scorso vennero compiuti i primi esperimenti di "bombardamento" delle nubi temporalesche per evitare il rischio di grandine e di irrorazione delle nuvole con cristalli di sale per favorire la formazione della pioggia. Mentre negli anni 80 l'allarme causato dal tristemente noto buco nell'ozono mise per la prima volta l'attività antropica sul banco degli imputati di un potenziale disastro a livello globale.

Durante gli ultimi decenni il convincimento che l'attività umana, volontariamente o involontariamente, sia in grado di condizionare tanto il clima quanto gli eventi naturali si è fatto progressivamente sempre più strada.
Da un lato la comunità scientifica mondiale attraverso i rapporti dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) ha ufficialmente attribuito all'attività antropica, in particolare alle emissioni di anidride carbonica, il presunto aumento della temperatura di alcuni gradi che dovrebbe progressivamente avvenire nel corso del XXI secolo, meglio conosciuto come "riscaldamento globale". Ufficializzando scientificamente come l'attività dell'uomo sia in grado di mutare radicalmente il clima dell'intero pianeta e dando vita a tutta una serie di contromisure (la cui utilità resta assai dubbia) a partire dalla ratifica del protocollo di Kyoto e dalla creazione del progetto Agenda 21. Dichiarando esplicitamente come l'attività dell'uomo sia in grado di modificare in profondità il clima dell'intero pianeta, fino al punto da stravolgerne pesantemente gli equilibri.

Da un altro lato è ormai assodato come grandi opere infrastrutturali e attività estrattive o industriali siano in grado d'interagire anche pesantemente con l'ambiente a livello locale. Basti pensare alla mastodontica diga delle tre gole in Cina che ha cambiato significativamente il clima di un'intera regione, così come altre grandi dighe hanno reso prosperi o aridi territori di vastissime dimensioni. O considerare l'attività di fracking finalizzata all'estrazione petrolifera che è in grado di provocare eventi sismici anche di notevoli proporzioni. O ancora andare con la mente a disastri nucleari come quello di Cernobyl o di Fukushima che hanno stravolto profondamente l'equilibrio ambientale di enormi zone del nostro pianeta.

Ma se è vero che il clima e l'ambiente possono essere influenzati dall'attività umana in maniera accidentale (inquinamento, grandi opere, disboscamento intensivo, estrazione di combustibili fossili, attività industriali) è altrettanto vero che l'uomo sta dimostrando di essere potenzialmente in grado di stravolgere il clima e l'ambiente anche in virtù di scelte consapevoli. A Dubai per esempio, così come in molte zone della Cina e non solo, ormai da tempo le nubi vengono sistematicamente irrorate con cristalli di sale per aumentare le precipitazioni. E sempre a Dubai è allo studio perfino un progetto per la "costruzione" di una catena montuosa artificiale, finalizzata a cambiare il corso delle correnti e favorire la pioggia nel deserto.

Spostandoci dal locale al globale sono più di una le operazioni di geoingegneria che da tempo vengono portate avanti sottotraccia, dal progetto Haarp del Dipartimento della Difesa statunitense alla controversa questione delle scie chimiche, consistenti nell'irrorazione in atmosfera per mezzo di aerei civili e/o militari di tutta una serie di sostanze della più svariata natura, con lo scopo di condurre esperimenti concernenti la risposta degli ecosistemi agli stimoli indotti o con l'intenzione di cambiare le condizioni climatiche di alcune aree specifiche del pianeta, o ancora di veicolare vaccini ed agenti chimici presso le popolazioni. Naturalmente l'intera comunità internazionale nega la presenza di qualsiasi progetto indirizzato a stravolgere globalmente il clima e l'ambiente, ma non occorre essere complottisti per comprendere come nell'ambito della geoingegneria siano molte le operazioni riguardo alle quali l'opinione pubblica deve rimanere all'oscuro.
Se l'uomo potenzialmente è in grado di controllare il clima, dovrebbe essere chiaro a tutti come chi abbia fra le mani le chiavi di questo controllo possieda di fatto la più letale fra tutte le armi in circolazione. Il controllo climatico a livello globale può infatti permettere a chiunque sia in grado di gestirlo, di ridurre in ginocchio qualsiasi nazione "scomoda" mettendone in crisi l'economia e provocando catastrofi "naturali" in grado di creare molti più danni di quanto possa fare un bombardamento tradizionale.
Anche nell'ambito della "guerra ambientale" i progetti e le sperimentazioni non mancano affatto, ma come è logico aspettarsi tutto avviene nella segretezza più assoluta, mentre qualsiasi informazione trapeli a questo riguardo viene immediatamente bollata come delirio complottista di qualche esaltato.
La sensazione preponderante è quella che si vivesse più tranquilli quando a controllare il clima e l'ambiente erano gli dei, il Padreterno o il fato (a seconda di quali fossero le credenze religiose di ciascuno) ed almeno esisteva la speranza che bastasse qualche rito propiziatorio o qualche preghiera per sistemare tutto. 
Oggi che l'uomo in qualche misura sta coltivando l'ambizione di sostituirsi a "Dio" la speranza sembra essere ormai in via di estinzione e le conseguenze potrebbero produrre problemi che travalicano di gran lunga quelle che sono le nostre possibilità di piccoli esseri umani, di passaggio su un grande pianeta.

Marco Cedolin
Fonte Dolcevita online

To see the article visit ilcorrosivo.blogspot.com

14 dicembre 2018

La Puglia: 4 reazioni avverse gravi ogni 100 vaccini iniettati

VaccinoL'industria farmaceutica non ha mai provato un forte desiderio di verificare statisticamente gli eventuali danni da vaccino. Di solito preferiscono affidarsi al sistema di segnalazione da parte dei genitori (si chiama "farmacosorveglianza passiva"). Questo sistema ovviamente è il preferito, da parte delle case farmaceutiche, perché sanno già che la stragrande maggioranza dei genitori si dimentica di segnalare le reazioni avverse, mentre molti di loro non sanno nemmeno che esiste un sistema per farlo. Il genitore che vede una reazione avversa nel proprio figlio si preoccupa prima di tutto di correre dal pediatra e di porre rimedio alla condizione di sofferenza del suo bambino. Una scarsissima percentuale si ricorda poi in seguito di segnalare i fatti avvenuti alle autorità sanitarie. Le cose però cambiano radicalmente se qualcuno – più coscienzioso degli altri – prova invece a perseguire una strategia di farmacovigilanza attiva (per farmacovigilanza attiva si intende il monitoraggio sistematico dei bambini vaccinati, con telefonate di controllo fatte ai genitori nell'arco di un lungo periodo di tempo).
E' quello che ha provato a fare l'Osservatorio Epidemiologico Regionale della Puglia, con una campagna di farmacovigilanza attiva sui bambini vaccinati durata dal 2013 al 2017 (qui il rapporto completo). I risultati sono eclatanti. Il numero di "eventi avversi gravi" registrati durante le indagini diventa improvvisamente di 300 volte superiore al numero di casi riportati con la sorveglianza passiva. Di fatto, come riportato dalla tabella a pagina 26, risulta che gli eventi avversi gravi sono stati oltre il 40 per mille dei casi monitorati. Come viene spiegato a pagina 17 del rapporto, «un evento avverso a vaccino o farmaco viene classificato come grave ove abbia determinato: decesso; pericolo di vita; invalidità grave o permanente; anomalie congenite/deficit del neonato; ospedalizzazione o prolungamento dell'ospedalizzazione; altra condizione clinicamente rilevante».
Un'altra tabella, a pagina 33, mostra come il "causality assessment" (rapporto di causalità, o correlazione fra vaccino ed evento avverso) sia del 75% dei casi riportati. In altre parole, in seguito alla somministrazione del vaccino negli anni 2013-2017 sono stati registrati 4 eventi avversi gravi ogni 100, con tre quarti di questi casi correlabili direttamente alla somministrazione del vaccino stesso. A questo punto ci si domanda che cosa succederebbe nel mondo se una ricerca di farmacovigilanza attiva, come quella eseguita dalla Regione Puglia, venisse fatta in ogni regione e in ogni nazione del nostro pianeta.
(Massimo Mazzucco, "Regione Puglia: 4 casi di reazioni avverse 'gravi' ogni 100 in seguito ai vaccini", dal blog "Luogo Comune" del 23 novembre 2018).
L'industria farmaceutica non ha mai provato un forte desiderio di verificare statisticamente gli eventuali danni da vaccino. Di solito preferiscono affidarsi al sistema di segnalazione da parte dei genitori (si chiama "farmacosorveglianza passiva"). Questo sistema ovviamente è il preferito, da parte delle case farmaceutiche, perché sanno già che la stragrande maggioranza dei genitori si dimentica di segnalare le reazioni avverse, mentre molti di loro non sanno nemmeno che esiste un sistema per farlo. Il genitore che vede una reazione avversa nel proprio figlio si preoccupa prima di tutto di correre dal pediatra e di porre rimedio alla condizione di sofferenza del suo bambino. Una scarsissima percentuale si ricorda poi in seguito di segnalare i fatti avvenuti alle autorità sanitarie. Le cose però cambiano radicalmente se qualcuno – più coscienzioso degli altri – prova invece a perseguire una strategia di farmacovigilanza attiva (per farmacovigilanza attiva si intende il monitoraggio sistematico dei bambini vaccinati, con telefonate di controllo fatte ai genitori nell'arco di un lungo periodo di tempo).

E' quello che ha provato a fare l'Osservatorio Epidemiologico Regionale della Puglia, con una campagna di farmacovigilanza attiva sui bambini vaccinati durata dal 2013 al 2017 (qui il rapporto completo). I risultati sono eclatanti. Il numero di "eventi avversi gravi" registrati durante le indagini diventa improvvisamente di 300 volte superiore al numero di casi riportati con la sorveglianza passiva. Di fatto, come riportato dalla tabella a pagina 26, risulta che gli eventi avversi gravi sono stati oltre il 40 per mille dei casi monitorati. Come viene spiegato a pagina 17 del rapporto, «un evento avverso a vaccino o farmaco viene classificato come grave ove abbia determinato: decesso; pericolo di vita; invalidità grave o permanente; anomalie congenite/deficit del neonato; ospedalizzazione o prolungamento dell'ospedalizzazione; altra condizione clinicamente rilevante».

Un'altra tabella, a pagina 33, mostra come il "causality assessment" (rapporto di causalità, o correlazione fra vaccino ed evento avverso) sia del 75% dei casi riportati. In altre parole, in seguito alla somministrazione del vaccino negli anni 2013-2017 sono stati registrati 4 eventi avversi gravi ogni 100, con tre quarti di questi casi correlabili direttamente alla somministrazione del vaccino stesso. A questo punto ci si domanda che cosa succederebbe nel mondo se una ricerca di farmacovigilanza attiva, come quella eseguita dalla Regione Puglia, venisse fatta in ogni regione e in ogni nazione del nostro pianeta.

(Massimo Mazzucco, "Regione Puglia: 4 casi di reazioni avverse 'gravi' ogni 100 in seguito ai vaccini", dal blog "Luogo Comune" del 23 novembre 2018).

To see the article visit www.libreidee.org

11 dicembre 2018

Stai attenta Italia, a Brussels non importa nulla di te


Assistere al completo tradimento della Brexit da parte del Primo Ministro Britannico “Signora di Gesso” Teresa May, ha dato la sveglia agli Italiani. I risultati degli ultimi sondaggi fatti in Italia mostrano che, anche se la coalizione populista italiana è impopolare a Brussels, essa è tuttavia molto popolare fra gli Italiani. E questa è una buona cosa, perché, quando si dà uno sguardo un po’ più da vicino ai negoziati sulla Brexit, è chiaro che la cosa che veramente conta è che l’UE mantenga il proprio potere sulla Gran Bretagna e non ciò che sarebbe nell’interesse migliore delle parti in causa, inglesi e non.
I partners della coalizione italiana hanno ancora il sostegno di quasi il 60% di tutti gli Italiani, sono solo cambiate le loro preferenze. La Lega ora supera il Movimento 5 Stelle (33% e 26%), mentre gli altri partiti di centro-destra, in pratica Forza Italia di Silvio “Uomo di Paglia” Berlusconi sono crollati (dal 14% delle elezioni di marzo ad appena il 7% di oggi).
E sono praticamente le stesse percentuali degli elettori che ora vedono l’UE maltrattare l’Italia. Questi numeri sono solo destinati ad aumentare se l’Europa imporrà sanzioni all’Italia, colpevole di aver presentato un bilancio non gradito a Brussels.
Vediamo inoltre che anche i sostenitori dell’Italeave sono in aumento. Un recente sondaggio della rivista Politico, pubblicato da Zerohedge, mostra come la maggioranza o poco più (51%) degli italiani al di sotto dei 45 anni siano pronti a farlo, a staccarsi dall’Unione Europea.
La pletora degli ultraquarantacinquenni è ancora innamorata dell’ideale di una Europa Unita, collante di un bellicoso continente, piuttosto che confrontarsi con ciò che essa è veramente, una remota e tirannica oligarchia, retta da tecnocrati non eletti, con fortissimi legami con la plutocrazia storica e i vecchi centri di potere.
Il motivo di questo sostegno [ai partiti di governo in Italia] deriva, io credo, dal forte contrasto fra l’arrendevolezza della May all’arroganza della leadership europea verso la temerarietà del popolo inglese (colpevole solo di volersi tirare fuori dalla loro disgraziata unione) e gli attacchi del VicePrimo Ministro Matteo Salvini all’ipocrisia di Brussels sul rigore fiscale.
Salvini sta facendo esattamente quello che deve essere fatto per aumentare i consensi e allontanare l’elettorato italiano da Brussels. E’ stato un colpo da maestro quello di presentare un bilancio che fosse gradito ad entrambi gli schieramenti della coalizione (riduzione di tasse e normative e l’introduzione di un reddito di base generalizzato), ostentando, allo stesso tempo, rispetto per le regole di bilancio europee.
Salvini e il suo partner insurrezionale, Luigi Di Maio, hanno fatto ingoiare all’UE una dose del perfetto veleno politico. Nella proposta di bilancio non c’è nulla di veramente criticabile. Non risolverà i problemi italiani, ma neanche li peggiorerà materialmente.
E’ stata presentata per irritare i dirigenti europei, diventati grassi e pigri per essere sempre stati obbediti a bacchetta. E loro hanno reagito in modo esagerato, proprio nella maniera prevista. Pensate a quello che sta facendo l’UE per questo bilancio. Sta minacciando di multe miliardarie un governo, come quello italiano, che è nei debiti fino al collo.
Questo si potrebbe veramente definire una “pessima visione”.
Considerate come hanno gestito la Brexit. Hanno imposto una enorme tassa di uscita alla Gran Bretagna. Questo in più dei suoi contributi annuali al bilancio comunitario. Non dimenticate poi che l’unica ragione per cui la questione del debito sovrano dell’Italia non è sulle prime pagine dei giornali è perché la Banca Centrale Europea è l’unico acquirente marginale del debito italiano. E il Presidente della BCE, Mario Draghi, non lo fa di certo per la bontà che gli deriva dall’aver lavorato per Goldman Sachs. Lo fa perché, se non lo facesse, crollerebbe l’intero sistema bancario europeo.
E così, tutta la faccenda non è niente di più che un teatro Kabuki. E Salvini lo sa.
Capisce che l’euro è una trappola mortale per l’Italia. Sa anche che, viste le dimensioni del debito italiano, dispone di tutte le leve necessarie.
E tuttavia, guardare ora l’UE è esattamente come rivedere la gestione dei negoziati sul debito greco nel 2015. Si erano rifiutati di trattare. Avevano fatto richieste irragionevoli. Nel caso della Grecia si erano trovati di fronte un elettorato  senza nerbo, che non aveva appoggiato la Grexit e che non aveva dato all’ugualmente inetto Primo Ministro Alexis Tsipras il sostegno di cui aveva bisogno per portare la Grecia fuori dall’euro.
E così la strategia aveva funzionato.
E la stessa cosa sta accadendo con la Brexit. L’aristocrazia britannica non vuole lasciare l’UE. Teresa May è una Remainer e anche così palesemente a libro paga, che, a questo punto, non è più neanche divertente. Fin dall’inizio aveva avuto tutto il potere necessario [per attuare la Brexit] e, nonostante ciò, agisce come se non ce lo avesse.
E così è riuscita a raggiungere lo stesso identico accordo che Brussels aveva sempre voluto, controllare la politica fiscale e commerciale della Gran Bretagna e, allo stesso tempo, privarla di ogni voce in capitolo nel parlamento europeo. Onestamente, la condizione della Gran Bretagna, una volta che l’accordo sarà stato firmato, sarà un’anticipazione del futuro che aspetta tutta le nazioni che rimarranno [all’interno dell’UE].
Tassazione senza rappresentanza.
A questo punto, non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno il fatto che l’UE stia trattando Salvini e il suo governo con lo stesso disprezzo e la stessa derisione. E questo è proprio ciò che Salvini vuole. Deve fare in modo che Brussels si metta da sola dalla parte del torto.
Perchè, se vuole riuscire a liberare l’Italia da Brussels, questo non potrà avvenire per una sua idea. Dovrà esserci una mobilitazione popolare.
Fortuna per lui, e per gli Italiani in generale, gli idioti che comandano a Brussels sono solo felici di cooperare. Francamente, credo che ci godano a fare gli stronzi odiosi.
Questi pensano veramente di poter risolvere la cosa con i loro regolamenti. Ma la verità è che non possono.
Ma perchè, secondo voi, il Presidente Francese Emmanuel Macron e quell’anatra zoppa della Cancelliera Tedesca Angela Merkel vogliono così disperatamente una Grande Armata europea? E’ per invadere ed occupare stati membri ribelli, non per proteggersi dalla Russia.
Più l’UE cerca di fare la prepotente e di piegare l’Italia ai suoi voleri, più Italiani, anche anziani, sosterranno la crociata di Salvini contro di essa. Il populismo è popolare in tutta Europa.
Le elezioni per il Parlamento Europeo di maggio si riveleranno probabilmente un punto di svolta importante nel cammino dell’UE. [Attualmente] tutti i partiti euroscettici sono abbondantemente sotto-rappresentati, rispetto ai loro attuali sondaggi. A maggio, centinaia di poltrone cambieranno proprietario. E molti dei nuovi arrivati non saranno a libro paga della cricca di Davos.
Forse allora l’UE capirà quanto fragile sia l’intero progetto.
Tom Luongo
fonte: www.strategic-culture.org
22.11.2018
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

10 dicembre 2018

La vendetta è mia, disse Washington


In Occidente la Giustizia è scomparsa. Il posto della Giustizia è stato preso dalla Vendetta. Questo fatto è illustrato in modo incontrovertibile dal calvario di Julian Assange, ormai giunto all’ottavo anno.
Da otto anni Assange vive all’interno di uno stato di polizia degno di Kafka. Era stato prima messo agli arresti domiciliari nella sua casa in Inghilterra e poi [praticamente incarcerato] nell’ambasciata ecuadoriana di Londra, nonostante non siano mai state formalizzate accuse contro di lui.
Nel frattempo, l’intero mondo occidentale, con l’eccezione dell’ex-presidente ecuadoriano Rafael Correa e di una agenzia delle Nazioni Unite che aveva stabilito che Assange era detenuto illegalmente, a causa del rifiuto da parte del governo inglese di riconoscere il suo diritto all’asilo politico, ha voltato le spalle a questa ingiustizia.
Assange è segregato nell’ambasciata ecuadoriana perché, per proteggerlo da un arresto pretestuoso, l’ex-presidente ecuadoriano Rafael Correa gli aveva concesso asilo politico. Però, il corrotto e servile governo della Gran Bretagna, che fa gli interessi di Washington e non quelli della legge o della giustizia, si è rifiutato di onorare l’asilo concesso ad Assange. Il vassallo statunitense noto come Gran Bretagna è pronto, su ordine di Washington, ad arrestare Assange non appena metterà piede fuori dall’ambasciate e a consegnarlo a Washington, dove un gran numero di congressisti, sia democratici che repubblicani, hanno già fatto sapere che [il giornalista] dovrebbe essere giustiziato. Il regime Trump, continuando con le pratiche illegali dei suoi predecessori, ha pronto un mandato di cattura segreto, che verrà reso pubblico una volta che avranno messo le mani su Assange.
L’attuale presidente dell’Ecuador, un servo di Washington, Lenin Moreno (una persona talmente senza carattere che il suo nome è un insulto al vero Lenin), sta lavorando ad un accordo con Washington per privare Assange del suo diritto di asilo, in modo che l’ambasciata ecuadoriana di Londra debba espellere Assange [e consegnarlo] nelle mani di Washington.
Che cosa ha fatto Assange? Nient’altro che dire la verità. E’ il giornalista responsabile di WikiLeaks, un’agenzia di stampa che pubblica documenti riservati, esattamente come aveva fatto il New York Times quando aveva pubblicato i Pentagon Papers, ottenuti tramite Daniel Ellsberg. Proprio come la pubblicazione dei Pentagon Papers aveva messo in imbarazzo il governo americano e aveva contribuito a porre fine alla insensata guerra del Vietnam, i documenti resi di dominio pubblico da WikiLeaks avevano messo in difficoltà il governo statunitense, facendo luce sui crimini di guerra di Washington, sulle bugie e sulle menzogne raccontate al popolo americano e agli alleati degli Stati Uniti.
Gli alleati, naturalmente, erano stati comprati da Washington ed erano rimasti silenziosi, ma gli Stati Uniti intendono crocifiggere Assange per l’imbarazzo e il danno causati al governo criminale di Washington.
Per rivendicare la propria autorità su Assange, Washington sta facendosi forza della extraterritorialità delle leggi americane, una rivendicazione che Washington basa non su principi legali, ma unicamente su quello della forza, per violare la sovranità delle nazioni indipendenti.
Assange è un cittadino dell’Australia e dell’Ecuador. Non deve rispondere alle leggi degli Stati Uniti. La falsa equiparazione che Washington sta cercando di stabilire fra l’appellarsi al Primo Emendamento e il tradimento fa capire come ormai il popolo americano sia completamente perso. Il silenzio dei media americani dimostra che alle prostitute della stampa non interessa perdere la protezione del Primo Emendamento, dal momento che non hanno nessuna intenzione di dire una qualsiasi verità.
Il rinvio a giudizio segreto di Washington (è segreto in modo che un teppistello da due soldi come James Ball possa scrivere sul Guardian che su Assange non pende nessuna minaccia di arresto) molto probabilmente accusa Assange di spionaggio. Ma non è legalmente possibile accusare di spionaggio un cittadino non appartenente alla propria nazione e che opera all’estero. Tutte le nazioni usano lo spionaggio. Ogni paese sulla Terra potrebbe accusare Washington di spionaggio e arrestare [gli agenti della] CIA. La CIA potrebbe, come spesso è successo, accusare Israele di spionaggio. Naturalmente, ogni cittadino israeliano, come Jonathan Pollard, incarcerato negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio diventa un punto di contrasto fra Washington ed Israele, ma Israele vince sempre. La corrotta amministrazione Obama aveva rilasciato Pollard, condannato all’ergastolo, su ordine e, senza dubbio, anche per le generose mazzette di Israele.
Se Assange fosse israeliano, sarebbe senza dubbio già libero e a casa, ma è invece cittadino di due nazioni i cui governi tengono in gran considerazione il fatto di essere vassalli di Washington.
C’è stato un tempo in America, molti decenni or sono, in cui i Democratici si battevano per la giustizia e i Repubblicani per la cupidigia.
C’è stato un tempo in America, prima dell’11 settembre, in cui i media sarebbero accorsi in difesa della libertà di stampa e avrebbero tutelato Assange dai maltrattamenti e dalle false accuse.
Per essere sicuro che i lettori capiscano, la persecuzione di Assange è identica a quella sofferta dal cardinale ungherese Josef Mindszenty, a cui non era stato riconosciuto dal governo sovietico il diritto di asilo concessogli dall’ambasciata degli Stati Uniti di Budapest e che era stato costretto a trascorrere tre anni della sua vita nell’ambasciata americana. Il presidente Nixon aveva negoziato il suo rilascio nel 1971, ma i detrattori di Nixon non riconoscono alcun merito al suo interessamento per un uomo ingiustamente incarcerato in un luogo della Terra dove regnava l’ingiustizia.
Al giorno d’oggi non c’è un simile interesse per l’ingiustizia, eccetto per i gruppi “vittime” della politica identitaria. Che ne è del difensore di Assange, ora che Rafael Correa è costretto a vivere all’estero per sfuggire alla persecuzione del fantoccio di Washington, Moreno?
La debolezza interiore dell’Occidente è spaventosa. Ce ne parla Caitlin Johnstone: “La disdicevole persecuzione di Assange da parte di Trump e la difesa a spada tratta che ne è stata fatta dal liberalismo corporativo ha completamente squalificato l’aspetto più importante di tutta la politica americana, in entrambi gli schieramenti. Nessuno, in quel disastro totale si batte più per qualcosa. Se pensate ancora che Trump o i Democratici vi proteggano dalla marea montante del fascismo, il vostro momento per uscire è arrivato.”
La totalità dei media e delle TV occidentali (anche la stessa RT) funziona come ministero della propaganda di Washington contro Assange. Per esempio, abbiamo letto più e più volte che Assange si nasconde nell’ambasciata ecuadoriana di Londra per sfuggire alle accuse di stupro formulate contro di lui in Svezia. Il fatto che le prostitute della stampa e le femministe possano tenere in vita questa accusa infondata, nonostante tutte le smentite ufficiali, ci fa vedere il mondo di Matrix in cui sono rinchiuse le popolazioni occidentali.
Assange non è mai stato accusato di stupro. Le due signore svedesi che lo avevano sedotto e portato nelle loro case e nei loro letti non hanno mai detto di essere state stuprate. Le tribolazioni di Assange erano iniziate quando una delle due donne che lo avevano sedotto si era preoccupata del fatto che egli non avesse usato il preservativo e che potesse essere affetto da HIV o AIDS. Aveva chiesto ad Assange di sottoporsi ai test per accertarsi che non soffrisse di malattie sessualmente trasmissibili, e Assange, offeso, aveva rifiutato. Invece avrebbe dovuto dire “Naturalmente, capisco la tua preoccupazione” e fare l’esame.
La donna si era rivolta alla polizia per vedere se fosse stato possibile costringere Assange a sottoporsi al test. Era stata la polizia a trasformare il tutto in un’indagine per stupro. Era stata fatta un’indagine e l’ufficio del procuratore legale svedese aveva lasciato cadere le accuse, dal momento che l’atto sessuale era stato consensuale.
Assange aveva lasciato la Svezia in modo assolutamente legale, non fuggendo, come vorrebbe la storia inventata da Washington. Era andato in Inghilterra, un altro errore, perché l’Inghilterra è terreno di gioco degli Stati Uniti. Washington e/o femministe lesbiche bramose di mettere sotto processo un maschio eterosessuale avevano convinto un procuratore svedese di sesso femminile a riaprire un caso già chiuso.
Con un gesto senza precedenti, il procuratore svedese aveva inoltrato una richiesta alla Gran Bretagna per l’estradizione di Assange [in Svezia], dove avrebbe dovuto essere interrogato. Gli ordini di estradizione sono validi solo se sono state formulate delle accuse e qui non c’erano accuse depositate perchè il caso era già stato chiuso. Anche un governo corrotto come quello inglese non aveva prima di allora acconsentito ad ordini di estradizione a scopo di interrogatorio. [Però, questa volta], il governo britannico, fantoccio di Washington, si era detto d’accordo nel consegnare Assange alla Svezia. Era evidente che, dal momento che in Svezia non esisteva nessun processo penale a carico di Assange, il procuratore svedese, probabilmente per denaro, lo avrebbe consegnato a Washington, dove non c’è tutela legale per nessuno, neanche per chi, come i delatori, è protetto dalle leggi degli Stati Uniti e che, nonostante la protezione della legge, finisce allo stesso modo in prigione.
Visto quello che si stava profilando all’orizzonte, Assange aveva ottenuto asilo politico dal presidente Correa ed era uscito dagli arresti domiciliari in Gran Bretagna per rifugiarsi nell’ambasciata ecuadoriana di Londra, dove si trova ancora adesso, nonostante il governo svedese abbia fatto cadere tutte le accuse contro di lui e abbia nuovamente chiuso il caso.
Nel frattempo, un procuratore degli Stati Uniti, corrotto come tutti (non credete mai a nessuna accusa federale, sono create dal nulla, senza bisogno di prove) era riuscito a convincere un incompetente gran giurì americano ad incriminare Assange per un reato che ancora non conosciamo, molto probabilmente per spionaggio. Il gran giurì che ha approvato questa incriminazione segreta non si è reso conto di aver messo sotto accusa una persona colpevole solo di aver detto la verità, che poi è esattamente quello che la Costituzione degli Stati Uniti protegge e richiede (se il governo fosse controllato dal popolo). Tutto quello che Assange aveva fatto era stato pubblicare i documenti inviati a WikiLeaks da una persona dotata di coscienza morale, turbata dalla palese criminalità e disumanità del governo statunitense.
Non c’è nessuna differenza legale fra la divulgazione da parte di Wikileaks dei documenti di cui era venuto in possesso e la pubblicazione da parte del New York Times dei Pentagon Papers. L’unica differenza è quella temporale. Quando Daniel Ellsberg aveva fatto avere i Pentagon Papers al New York Times, i media non erano stati ancora concentrati dal corrotto regime di Clinton nelle mani di poche persone e l’11 settembre, che sarebbe stato usato da Dick Cheney per criminalizzare chi osava dire la verità, non si era ancora verificato. Perciò, negli anni ‘70, era ancora possibile che una parte importante dei media potesse dire la verità. Tuttavia, L’unica ragione per la quale il New York Times aveva pubblicato i Pentagon Papers era stata l’odio che questo quotidiano provava per Richard Nixon, a cui i media democratici addossavano la colpa della guerra in Vietnam, anche se quella era stata una guerra voluta dal presidente democratico Johnson e Nixon voleva terminarla.
Quando la sclerotica popolazione americana ed occidentale prende come buone le bugie dei propri governi, accetta anche la propria fine e la propria schiavitù. Lo slancio e l’abbandono con cui in Occidente le persone si sottomettono lascia pensare che esse preferiscano l’asservimento. Non vogliono essere libere, perché la libertà comporta troppe responsabilità e queste non le vogliono.
Quello che desiderano è guardare un film, o un programma televisivo, giocare ad un videogame o fare sesso, fare compere, ubriacarsi, drogarsi o darsi ad una qualunque altra attività ricreativa che venga valutata più interessante della libertà, della verità o della giustizia.
Per una persona appartenente ad una generazione ormai quasi scomparsa è una cosa inspiegabile come le nazioni del pianeta, tanto più l’America, rimangano indifferenti, mentre il giornalista migliore, più fidato e onesto del mondo è destinato ad essere distrutto da un governo degli Stati Uniti totalmente corrotto. Il risultato della persecuzione di Assange sarà un processo che metterà in imbarazzo il governo americano.
Quando contemplo questa enorme ingiustizia a cui le popolazioni del mondo replicano con il silenzio, mi chiedo se quelli che cercano di salvare la civiltà occidentale non siano mal consigliati.
Qual è il senso di salvare una civiltà totalmente corrotta? Quelli che attaccano Assange sono esseri spregevoli. Se avrete la possibilità di spingere davanti ad un camion uno o più partecipanti al linciaggio, considerate il gesto come una opportunità per fare pulizia.
Paul Craig Roberts
Fonte: www.paulcraigroberts.org
20.11.2018
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

07 dicembre 2018

STRAGE DEL SANGUE INFETTO / LA SENTENZA DI NAPOLI SLITTA AD APRILE


Slitta la sentenza al processo per la “strage del sangue infetto” che si tiene al tribunale di  Napoli, davanti alla sesta sezione penale. 
In base al calendario stilato dal presidente, Antonio Palumbo, il pm Lucio Giugliano terrà la sua requisitoria il 21 gennaio 2019, poi sarà la volta delle arringhe dei legali delle parti civili, in prima fila Stefano Bertone ed Ermanno Zancla, nonché l’avvocatura dello Stato; quindi parleranno i legali degli imputati, ossia funzionari o ex funzionari del gruppo Marcucci e il legale dell’ex numero uno al Ministero della Sanità tra fine anni ’80 e inizio ’90, Duilio Poggiolini, grande amico di Sua Sanità Francesco De Lorenzo.
Tirate le somme, la sentenza non verrà pronunciata prima di aprile.
Un processo che ha largamente superato i 20 anni di vita. Morte “continua”, invece, per i parenti che hanno visto i loro padri, madri o figli morire per una trasfusione di sangue infetto o per l’assunzione di emoderivati killer. Appena otto le parti civili in aula a Napoli: ma le stime parlano di migliaia di vittime, un’atroce cifra che potrebbe arrivare a 5 mila. Un esercito di morti senza uno straccio di giustizia.
Le aziende leader europee (tra cui quelle del gruppo Marcucci) che importavano sangue soprattutto dagli Stati Uniti erano ben consapevoli di comprare partite spesso e volentieri infette: si trattava di sangue proveniente dalla carceri americane, in particolare dell’Arkansas. Lo sapevano bene le autorità di controllo a stelle e strisce (e anche canadesi), che regolarmente lo comunicavano alle aziende di importazione-lavorazione, come, appunto, quelle del gruppo toscano, oligopolista nel settore degli emoderivati, oggi battente bandiera “Kedrion”. 
Quindi, tutti sapevano: e se ne fottevano ampiamente di pazienti e cittadini, pur di cumulare montagne di profitti. Tanto è vero che le prime imputazioni parlavano di “omicidio doloso plurimo”, di “strage”, per poi man mano ammorbirsi in “omicidio colposo plurimo”. 
Il processo è cominciato nel 1998 a Trento, per poi passare, nel 2004, a Napoli, e giacere tra carte e scartoffie per oltre 10 anni (molte delle quali, anche importanti, perse nel corso del trasloco o trafugate nei sotterranei del centro direzionale di Napoli); e quindi iniziare nella primavera del 2016. 
Nel corso dell’ultima udienza che si è svolta il 19 novembre, sono stati presenti i consulenti tecnici nominati dal tribunale per sciogliere una serie di interrogativi. Hanno presentato una prima perizia circa un anno fa, del tutto lacunosa, con riferimenti bibliografici tratti soprattutto dagli studi del primo teste presente al processo, Piermannuccio Mannucci, un ematologo milanese in palese conflitto di interessi perchè ha lavorato anche per il gruppo Marcucci. 
Le parti civili e i legali della difesa hanno presentato ulteriori questi ai periti, che risponderanno all’udienza del 10 dicembre. E l’anno nuovo si apre con la fondamentale requisitoria del pm Giugliano, il quale nel corso del processo non ha brillato per una particolare incisività: “non un centravanti d’attacco, piuttosto uno stopper di difesa”, hanno commentato non pochi avvocati del foro di Napoli. “Il fatto non sussite – aggiungono – saranno le parole con le quali chiederà l’assoluzione degli imputati. Vogliamo scommettere?”. 
Staremo a vedere.