17 agosto 2017

Dino Marafioti

L’ultimo lavoro di Dino Marafioti trovato morto nel suo appartamento all’età di 53 anni il 17 agosto 2013. Per 22 anni giornalista e redattore di Radio Radicale. Questo era il suo primo servizio video che raccoglie in modo critico e analitico i fatti e le informazioni sul caso della scomparsa di Emanuela Orlandi. Ne andava così fiero tanto da auspicarne la sua diffusione anche attraverso altri canali, comprese le televisioni.
Grazie Dino.
Timeline Video: (capitoli automatici in “Descrizione – Mostra altro“)
– Prologo [00:01:28]
– Pietro Orlandi [00:04:54]
– Natalina Orlandi [00:09:25]
– Telefonata Amerikano [00:10:25]
– Primo appello Papa Giovanni II [00:12:33]
– La pista internazionale Alì Agca [00:12:47]
– Marco Beltrandi – ex Parlamentare Radicale [00:13:44]
– Fabrizio Peronaci – Corriere della Sera [00:15:27 – 00:27:56]
– Marco Accetti – Indagato [00:18:15 – 00:36:10]
– “Emanuela e le altre” – Panorama- Mirella Gregori [00:24:11]
– Appello Papa Giovanni II per Emanuela e Mirella [00:24:57]
– Giuseppe Nicotri[00:30:23]
– Banda della Magliana [00:31:42]
– Giuseppe Nicotri pista via Monte del Gallo [00:48:48]
emanuelaorlandi.altervista.org

16 agosto 2017

Interpretazioni divergenti in seno al campo antimperialista di Thierry Meyssan

Quando, nel 2011, gli jihadisti attaccarono il suo Paese, la reazione del presidente Bachar el-Assad fu controcorrente: invece di rafforzare i poteri dei servizi di sicurezza, li ridusse. Ora, sei anni dopo, la Siria sta per uscire vincitrice dalla più importante guerra dopo il Vietnam. Lo stesso tipo di aggressione si sta verificando in Ameria Latina, che però risponde in maniera molto più canonica. Thierry Meyssan illustra le differenze di analisi e strategia del presidente Assad, da un lato, e dei presidenti Maduro e Morales dall'altro. Non è questione di mettere questi leader in concorrenza fra loro, ma di invitarli a prescindere dagli indottrinamenti politici e di tener conto delle guerre più recenti.


A maggio 2017, Thierry Meyssan spiegava su Russia Today in cosa consistano gli errori delle élite sudamericane di fronte all'imperialismo USA. Meyssan insiste sul cambiamento di paradigma dei conflitti armati attuali e sulla necessità di ripensare radicalmente il modo di difendere la patria.
L'operazione di destabilizzazione del Venezuela continua. Nella fase iniziale, gruppuscoli violenti che manifestavano contro il governo hanno ucciso dei semplici passanti e persino cittadini che si erano uniti alla loro protesta. In una seconda fase, i grandi distributori di derrate alimentari hanno organizzato una penuria di beni nei supermercati. In seguito, appartenenti alle forze dell'ordine hanno attaccato ministeri, fatto appello alla ribellione e sono entrati in clandestinità.
La stampa internazionale continua ad attribuire i morti delle manifestazioni al "regime", sebbene numerosi video dimostrino che si tratta di assassinii deliberatamente perpetrati dagli stessi manifestanti. Fondandosi su queste informazioni menzognere, i media definiscono «dittatore» il presidente Nicolas Maduro, come fecero sei anni or sono con Muammar Gheddafi e Bachar el-Assad.
Gli Stati Uniti hanno utilizzato l'Organizzazione degli Stati Americani (OSA) contro il presidente Maduro, come, a suo tempo, utilizzarono la Lega Araba contro il presidente el-Assad. Senza aspettare di essere esclusa dall'OSA, Caracas ne ha denunciato i metodi ne è uscita.
Ciononostante, il governo Maduro ha subito due fallimenti:
-  Gran parte dei suoi elettori non sono andati a votare nelle le elezioni legislative di dicembre 2015, consentendo in tal modo all'opposizione di ottenere la maggioranza in parlamento.
-  Si è fatto prendere alla sprovvista dalla penuria di derrate alimentari, sebbene un'operazione analoga fosse stata in passato organizzata in Cile, contro Allende, e in Venezuela, contro Chávez. Ci sono volute parecchie settimane perché il governo riuscisse a organizzare nuovi circuiti di approvvigionamento.
Con ogni probabilità, il conflitto avviato in Venezuela non si fermerà alle sue frontiere. Infiammerà tutto il nord-ovest del continente sudamericano e i Caraibi.
Un passo aggiuntivo sono i preparativi militari in corso in Messico, Colombia e Guyana Britannica contro Venezuela, Bolivia ed Equador. Il coordinamento è opera dell'équipe dell'ex Ufficio Strategico per la Democrazia Globale (Office of Global Democracy Strategy); unità creata dal presidente Bill Clinton, continuata dal vice-presidente Dick Cheney e da sua figlia Liz. Mike Pompeo, attuale direttore della CIA, ha confermato l'esistenza dell'organizzazione, inducendo la stampa, e poi il presidente Trump, a parlare di un'opzione militare statunitense [contro il Venezuela].
L'équipe del presidente Maduro non ha ritenuto, per salvare il proprio Paese, di seguire l'esempio del presidente el-Assad. Secondo Maduro e i suoi collaboratori, le situazioni dei due Paesi sono totalmente differenti. Gli Stati Uniti, principale potenza capitalista, aggredirebbero il Venezuela per impossessarsi del suo petrolio, secondo uno schema più volte collaudato in tre continenti. Questa prospettiva è stata ribadita da un recente discorso del presidente boliviano, Evo Morales.
È importante ricordare che il presidente Saddam Hussein, nel 2003, e la Guida Muhammar Gheddafi, nel 2011, nonché numerosi consiglieri del presidente Assad hanno ragionato allo stesso modo. Hanno ritenuto che gli Stati Uniti avessero aggredito Afghanistan e Iraq, poi Tunisia, Egitto, Libia e Siria solo per far cadere regimi che opponevano resistenza all'imperialismo americano, e poter così controllare le risorse d'idrocarburi del Medio Oriente allargato. Ancora oggi numerosi autori antimperialisti insistono in quest'analisi, cercando, per esempio, di spiegare la guerra alla Siria con l'interruzione del progetto di gasdotto del Qatar.
Ebbene, un tale ragionamento si è dimostrato falso. Gli Stati Uniti non cercavano né di rovesciare governi progressisti (Libia e Siria) né d'impadronirsi del petrolio e del gas della regione, ma di distruggere Stati, di ricacciare popolazioni nella preistoria, al tempo in cui «l'uomo era lupo per l'uomo».
I rovesciamenti di Saddam Hussein e di Muhammar Gheddafi non hanno ristabilito la pace. Le guerre sono continuate nonostante l'insediamento di un governo d'occupazione in Iraq e poi, nella regione, di governi cui partecipano collaboratori dell'imperialismo, oppositori delle indipendenze nazionali. Le guerre continuano, a dimostrazione che Washington e Londra non volevano rovesciare regimi né difendere democrazie, bensì conculcare popoli. È una constatazione fondamentale che stravolge la comprensione dell'imperialismo contemporaneo.
Questa strategia, radicalmente nuova, cominciò a essere insegnata da Thomas P. M. Barnett dopo l'11 settembre 2001. È stata resa pubblica ed esposta nel marzo 2003 — ossia appena prima della guerra contro l'Iraq — in un articolo di Esquire, poi nel libro eponimo The Pentagon's New Map, però è apparsa talmente crudele che nessuno ha creduto potesse essere applicata.
L'imperialismo ha bisogno di dividere il mondo in due: da un lato, una zona stabile che gode dei benefici del sistema, dall'altro un caos spaventoso in cui nessuno più pensa a resistere, ma unicamente a sopravvivere; una zona in cui le multinazionali possano estrarre le materie prime di cui hanno bisogno senza rendere conto ad alcuno.
JPEG - 37.9 Kb
Secondo questa mappa, estratta da un Powerpoint presentato da Thomas P. M. Barbett nella conferenza tenuta nel 2003 al Pentagono, tutti gli Stati della zona rosa devono essere distrutti. Questo progetto non ha nulla a che fare né, sul piano nazionale, con la lotta di classe, né con lo sfruttamento di risorse naturali. Dopo il Medio Oriente allargato, gli Stati Uniti si apprestano a ridurre in rovina l'America Latina del nord-ovest.
Dal XVII secolo e dalla guerra civile britannica, l'Occidente si è sviluppato nell'ossessione del caos. Thomas Hobbes ci ha insegnato a sottometterci alla ragione di Stato piuttosto che rivivere il tormento del caos. La nozione di caos è ricomparsa solo dopo la seconda guerra mondiale, con Leo Strauss. Questo filosofo, che ha personalmente formato esponenti del Pentagono, voleva costruire una nuova forma di potere affondando una parte del mondo nell'inferno.
L'esperienza jihadista in Medio Oriente allargato ci ha mostrato cos'è il caos.
Il presidente el-Assad, dopo aver reagito in modo prevedibile agli avvenimenti di Deraa (marzo-aprile 2011), ossia inviando l'esercito a reprimere gli jihadisti della moschea al-Omari, è stato il primo a capire quel che stava succedendo. Invece di accrescere i poteri delle forze dell'ordine per reprimere l'aggressione esterna, ha dato al popolo gli strumenti per difendere il proprio Paese.
Innanzitutto ha revocato lo stato d'emergenza, dissolto i tribunali speciali, liberalizzato le comunicazioni internet, vietato alle forze armate di usare armi, qualora, così facendo, innocenti fossero messi in pericolo.
Queste decisioni, diverse da quanto la logica dei fatti avrebbe suggerito, implicavano pesanti conseguenze. Per esempio, durante un attacco a un convoglio militare a Banias, i soldati si sono astenuti dall'usare armi per legittima difesa. Hanno preferito essere mutilati dalle bombe degli assalitori, e talvolta morire, piuttosto che sparare con il rischio di ferire gli abitanti, che li guardavano lasciarsi massacrare senza reagire.
Come molti all'epoca, anch'io ho pensato che Assad fosse un presidente debole, che i soldati fossero troppo leali, che la Siria sarebbe stata distrutta. Tuttavia, sei anni dopo Bachar el-Assad e le forze armate siriane hanno vinto la scommessa. All'inizio, i soldati hanno lottato soli contro l'aggressione straniera. Poi, poco a poco, ogni cittadino si è impegnato, ciascuno secondo le proprie possibilità, nella difesa Paese. Quelli che non hanno potuto o voluto resistere sono andati in esilio. I siriani hanno certamente molto sofferto, ma la Siria è l'unico Paese al mondo, dopo la guerra del Vietnam, ad aver resistito fino a che l'imperialismo s'è stancato e ha rinunciato.
In secondo luogo, di fronte all'invasione di una moltitudine di jihadisti provenienti da tutte le popolazioni mussulmane, dal Marocco alla Cina, il presidente Assad ha deciso di abbandonare parte del territorio per salvare il proprio popolo.
L'Esercito arabo siriano si è ripiegato nella "Siria utile", ossia nelle città, abbandonando campagne e deserti agli aggressori. Nel frattempo Damasco provvedeva senza interruzione all'approvvigionamento alimentare in tutte le regioni controllate. Contrariamente a un preconcetto dell'Occidente, la carestia ha imperversato solo nelle zone controllate dagli jihadisti e in qualche città da loro assediata; i "ribelli stranieri" (scusate l'ossimoro) venivano approvvigionati dalle associazioni "umanitarie" occidentali perché utilizzassero la distribuzione di pacchi alimentari per sottomettere le popolazione da loro stessi affamate.
Il popolo siriano ha toccato con mano che a nutrirlo e proteggerlo era la Repubblica, non i Fratelli Mussulmani e i loro jihadisti.
In terzo luogo, il presidente Assad, in un discorso pronunciato il 12 dicembre 2012, ha delineato come intendeva ricostruire l'unità del Paese. In particolare ha sottolineato la necessità di redigere una nuova costituzione e di sottoporla all'approvazione della maggioranza qualificata della popolazione, quindi procedere a elezioni democratiche dei responsabili di tutte le istituzioni, incluso il presidente, ovviamente.
All'epoca gli occidentali si sono burlati del presidente Assad che pretendeva convocare elezioni in piena guerra. Oggi la totalità dei diplomatici coinvolti nella risoluzione del conflitto, compresi quelli delle Nazioni Unite, sostiene il piano Assad.
Mentre i commando degli jihadisti circolavano ovunque nel Paese, soprattutto a Damasco, e assassinavano uomini politici, anche nelle loro case e con le loro famiglie, il presidente Assad ha incoraggiato gli oppositori a palesarsi. Ha garantito la sicurezza del liberale Hassan el-Nouri e del marxista Maher el-Hajjar per garantirgli la possibilità di presentarsi alle elezioni presidenziali del giugno 2014. Nonostante l'appello al boicottaggio dei Fratelli Mussulmani e dei governi occidentali, nonostante il terrore jihadista, nonostante l'esilio all'estero di milioni di cittadini, il 73,42% degli elettori ha risposto alla chiamata alle urne.
In nome dello stesso principio, sin dall'inizio della guerra Assad ha creato un ministero per la Riconciliazione nazionale, fatto unico in un Paese in guerra, e l'ha affidato ad Ali Haidar, presidente di un partito alleato, il PSNS. Haidar ha negoziato e concluso più di un migliaio di accordi di amnistia di cittadini che avevano preso le armi contro la Repubblica, che poi sono stati integrati nell'Esercito arabo siriano.
Durante questa guerra, contrariamente a quanto afferma chi lo accusa gratuitamente di praticare torture generalizzate, il presidente Assad non ha mai usato mezzi coercitivi contro il proprio popolo. Non ha mai imposto l'arruolamento in massa e la coscrizione obbligatoria. Ogni giovane ha la possibilità di sottrarsi agli obblighi militari. Prassi amministrative permettono a ogni cittadino maschio di evitare il servizio militare, se non desidera difendere il proprio Paese con le armi. Unicamente gli esiliati, che non hanno accesso a queste prassi, possono trovarsi in situazione d'irregolarità rispetto alle norme.
Per sei anni, il presidente Assad ha costantemente, da un lato, fatto appello al proprio popolo, responsabilizzandolo e, dall'altro, ha cercato, per quanto possibile, di nutrirlo e proteggerlo. Ha sempre corso il rischio di dare prima di ricevere. Ed è per questo che oggi ha conquistato la fiducia dei siriani e può contare sul loro sostegno attivo.
Le élite sudamericane sbagliano se intendono proseguire la lotta per una ripartizione più equa delle ricchezze, che fu dei decenni passati. Oggi la lotta più importante non è tra maggioranza del popolo e una piccola classe di privilegiati. La scelta cui si sono trovati di fronte i popoli del Medio Oriente allargato, e alla quale ora i sudamericani devono rispondere a loro volta, è difendere la patria o morire.
I fatti lo dimostrano: l'imperialismo contemporaneo non mira più prioritariamente a fare man bassa delle risorse naturali. Oggi vuole dominare il mondo e saccheggiarlo senza scrupoli. Mira ormai a schiacciare i popoli e a distruggere le società delle regioni di cui già sfrutta le risorse.
In quest'èra di ferro e fuoco, solo la strategia di Assad permette di rimanere eretti e liberi.

13 agosto 2017

Una Commissione d’inchiesta parlamentare per Emanuela Orlandi

A settembre 2017 l'istituzione di una Commissione d'inchiesta parlamentare per Emanuela Orlandi.
Lo ha dichiarato il Senatore Vincenzo Santangelo, portavoce del Movimento 5 Stelle, dalla sua pagina Facebook:
CASO ORLANDI: 34 anni di indagine senza verità.
"Oggi voglio ricordare il caso di Emanuela Orlandi, nonostante si faccia molto per dimenticarlo. 
Emanuela Orlandi era (è? era? ancora non è dato saperlo) una ragazza, quindicenne, cittadina vaticana, scomparsa nel nulla trentaquattro anni fa, divenuta, suo malgrado, il caso emblematico di come si possa essere sottratti alla propria vita, e, con ampi margini possibilità, cancellati dalla terra, senza che nessuno acceda alla verità sulla propria sorte.
Per lei, infatti, nessuna verità, né storica, né processuale. Lo Stato non è riuscito a dare risposte alla sua famiglia nonostante 34 anni indagini, terminate con l'archiviazione.
Uno Stato può spendere tanti soldi pubblici per 34 anni di indagini senza scoprire nulla? A settembre chiederemo l'istituzione di una Commissione d'inchiesta parlamentare per capirlo.
Il caso Orlandi è un simbolo di malagiustizia. Comprendere perché il sistema si sia così gravemente inceppato in questa vicenda giudiziaria, dai contorni paradossali, vuol dire dare una speranza anche a tutti gli scomparsi, tantissimi in Italia, che attendono di essere ritrovati, anche solo nella verità circa i loro destino."

11 agosto 2017

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 11 agosto 2017




Rete Voltaire
Focus




In breve

 
Dubbi sul generale McMaster
 

 
Hillary Clinton potrebbe essere ordinata pastore metodista
 

 
Iran: un governo esclusivamente sciita e maschile
 

 
Lo sradicamento di Daesh alla frontiera siriano-libanese
 

 
Accordo segreto per restituire Raqqa alla Siria
 

 
Istanbul contro Al-Azhar
 

 
Disfatta militare di Daesh
 

 
L'amministrazione Obama spiava l'opposizione?
 

 
Cambiamenti nel Consiglio Nazionale per la Sicurezza
 

 
Mark Zuckerberg possibile futuro presidente degli Stati Uniti
 
Controversie

 
abbonamento    Reclami


09 agosto 2017

Meet the Senior Federal Official Blowing the Whistle on Trump's Suppression of Climate Science | Daily Digest 08/08/2017

Formerly Jailed CIA Whistleblower John Kiriakou: Jeff Sessions Is Extending Obama's War on Leaks & Head of Bombed Minnesota Mosque Denounces Trump for Stoking Hate & Violence Against Somali Community

Democracy Now! Daily Digest

A Daily Independent Global News Hour with Amy Goodman & Juan González

Tuesday, August 8, 2017

Stories


 Is the Trump administration trying to silence government scientists from working or talking about climate change? According to news reports, as many as ... Read More →

Attorney General Jeff Sessions has announced that the FBI has formed a new team focused on investigating potential leaks to the press. During a press conference ... Read More →

Governor Mark Dayton has condemned as terrorism Saturday's attack on the Dar Al-Farooq Islamic Center in Bloomington, Minnesota. The explosive device was ... Read More →

Headlines →

Follow

Facebook Twitter RSS & Podcasts Google+

WEB EXCLUSIVE


WEB EXCLUSIVE


WEB EXCLUSIVE


COLUMN


ACTION ALERT


SPEAKING EVENT


207 W 25th St — 11th Floor — New York, NY — 10001
This work is licensed under a Creative Commons License


08 agosto 2017

Mario Rossi Network Weekly is out! Edition of 08 August 2017


Martedì 8
Mario Rossi Network Weekly
Published by
Mario Rossi Network
08 August 2017
World Politics Science Business Leisure Art & Entertainment #travel #tcot
Today's headline
Trump Considers Prolonging Afghan War to Secure $1 Trillion in Untapped Mineral Deposits
thumbnail www­.democracynow­.org - AMY GOODMAN: We turn now to Afghanistan, the longest war in U.S. history. On Wednesday, two U.S. soldiers died after a suicide car bomber rammed a NATO-led convoy near a major U.S. military base in K…
Advertisement
Advertising is hard
We do it all day. Let us teach you what we've learned. Learn how the experts market their startups. Grab the free ebook.
113 contributors - featured today:
Read paper →

06 agosto 2017

Gli articoli della settimana di Z Net Italy 5 agosto 2017

La Newsletter di Z Net Italy è settimanale. Arriva ogni sabato mattina alle 9:00 nella tua posta.

Z NET Italy
Gli articoli di questa settimana su

Z Net Italy


99% non tanto unito

scritto da Redazione il Aug 04, 2017 06:11 pm

di Serge Halimi – 4 agosto 2017 L'acqua bolle a cento gradi; questo è sicuro. Ma ha poco senso aspettarsi che il comportamento delle società si adegui alle leggi della fisica. Che l'un per cento della popolazione controlli la maggioranza della ricchezza del mondo non significa che il 99 per cento sia un gruppo sociale coeso, ancor meno che sia […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like 99% non tanto unito on Facebook


Il capitalismo è in crisi?

scritto da Redazione il Aug 03, 2017 10:34 pm

di David M. Kotz e CJ Polychroniou – 2 agosto 2017 Essendo sopravvissuto al crollo finanziario del 2008 il capitalismo industriale e i padroni finanziari dell'universo hanno fatto il loro trionfale ritorno al loro approccio da "gli affari proseguono": stanno ora assaporando una nuova era di ricchezza anche se il resto della popolazione continua a lottare con la stagnazione del […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Il capitalismo è in crisi? on Facebook


Che cosa succede se vinciamo?

scritto da Redazione il Aug 02, 2017 06:46 pm

di Stephanie Luce – 31 luglio 2017 Nonostante il nostro cinismo riguardo alla politica elettorale, la sinistra ha bisogno di partiti politici. Il crescente potere e slancio della destra in tutto il mondo ci ricorda con forza gli effetti pratici della mancanza di un partito nostro negli Stati Uniti. Anche se potrebbe sembrare che partiamo da zero, possiamo imparare da […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Che cosa succede se vinciamo? on Facebook


Trump cerca la guerra con l'Iran  

scritto da Redazione il Jul 31, 2017 09:58 pm

di Trita Parsi  – 31 luglio 2017 Qualcosa di straordinaria sta succedendo a Washington. Il presidente Donald Trump ha chiarito, in termini indubitabili e senza alcun tentativo di mascherare la sua doppiezza, che affermerà entro ottobre che Teheran sta barando riguardo all'accordo nucleare; e al diavolo i fatti. In due parole, la sentenza è già scritta. Trump rifiuterà di accettare […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Trump cerca la guerra con l'Iran   on Facebook


Danno collaterale

scritto da Redazione il Jul 30, 2017 09:52 pm

di Diana Johnstone  – 30 luglio 2017 Sanno che cosa stanno facendo? Quando il Congresso statunitense adotta sanzioni draconiane mirate principalmente a indebolire il presidente Trump e a escludere qualsiasi mossa che migliori le relazioni con la Russia, si rendono conto che le misure corrispondono a una dichiarazione di guerra economica contro i loro cari "amici" europei? Che lo sappiano […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Danno collaterale on Facebook


Uno stato Gaza-Sinai una possibilità per i palestinesi?

scritto da Redazione il Jul 30, 2017 06:05 pm

di Jonathan Cook  – 29 luglio 2017 Gaza è stata al centro di intensi colloqui a porte chiuse nelle settimane recenti col crescere dell'inquietudine tra gli stati arabi per la crisi umanitaria che si sta sviluppando nell'enclave costiera. I palestinesi del luogo stanno soffrendo un'estate torrida con a malapena alcune ore di elettricità al giorno, dopo che l'Autorità Palestinese (PA) […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Uno stato Gaza-Sinai una possibilità per i palestinesi? on Facebook


Buttati alle ortiche

scritto da Redazione il Jul 30, 2017 10:18 am

di Vijay Prashad – 29 luglio 2017 Ilham Ehmed, la co-presidente del Consiglio Democratico Siriano ha parlato con la Reuters nella città siriana di Kobane. A sud di Kobane, a 150 chilometri da Raqqa, i compagni di Ehmed delle Forze Democratiche Siriane (SDF) sono impegnati in una battaglia campale contro l'ISIS. Le SDF sono state aiutate da feroci bombardamenti dal […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Buttati alle ortiche on Facebook


Una comunità siriana comincia a ricostruire

scritto da Redazione il Jul 29, 2017 05:56 pm

di Robert Fisk – 27 luglio 2017 L'irregolare cumulo di pietra, tutto ciò che rimane del minareto della Grande Moschea di Aleppo, pone domande a tutti noi. Come "restauriamo" o "ripariamo" o "ricostruiamo" un gioiello della civiltà Seljuk dal quale milioni di mussulmani – forse lo stesso Saladino – erano chiamati alla preghiera cinque volte al giorno per 900 anni […]
Leggi l'articolo nel browser »
share on Twitter Like Una comunità siriana comincia a ricostruire on Facebook

Z Net Italy

Z Net Italy è la versione italiana del sito americano Z Net, attivo da più di dieci anni. Z Net è stato fondato da Michael Albert, l'autore di Parecon (Economia Partecipativa) ed ospita frequentemente scritti di Noam Chomsky ed altri famosi autori dell'area politica radical americana.
Copyright © 2017 Z NET Italy, Licenza Creative Commons BY-NC-SA 3.0.
Ti viene inviata questa email in quanto ti sei iscritto/a alla newsletter dal sito http://www.znetitaly.org
L'indirizzo della nostra newsletter:
Z NET Italy
C.P. 20100
Milano, Mi 20100
Italy