26 agosto 2016

Elon Musk News - Tesla's entire future depends on the Gigafactory 🚗🔋🏗

"We consider [the factory] to be a product. The factory itself is the machine that builds the machine"

Elon Musk News


Here are the top 3 stories in this issue of Elon Musk News:
  1. Tesla's entire future depends on the Gigafactory
  2. SpaceX Might Launch Humans To Space Next Year
  3. Hyperloop One Is Building A New Factory in Nevada
This week Tesla hosted a press event for journalists to see Gigafactory 1 (Elon Musk intends to build a Gigafactory on every continent where there is sufficient demand). There is a great article by The Verge which discusses where the factory is at now, and why its success is critical to Tesla's future. For me, the Gigafactory 1 unveiling can be summed up by one short statement made by Elon - "I find this to be quite romantic... It feels like the Wild West."
There is also some exciting news on the SpaceX front. NASA's director of commercial spaceflight development said that SpaceX should be ready for a human test flight in August 2017. SpaceX also successfully test fired the Falcon 9 rocket that took the JCSAT communications satellite to orbit back in May.
Thanks for reading, and enjoy issue 30!
Zachary K.D.

Featured Quote

"We consider [the factory] to be a product. The factory itself is the machine that builds the machine"

— Elon Musk
Quote from The Verge | Photo from Jordan Golson

  Sponsored Link  

Triple your chances of winning this autographed Elon Musk photo

If you already entered our giveaway you can increase your chances of winning by 3X or more if you share the special link we sent you (find the email by searching for 'Elon Musk News' in your inbox)!
Haven't entered yet? Join the giveaway here

Elon Musk News

Elon Musk makes a libertarian argument for carbon tax

If you believe there is a value to the CO2 capacity of the atmosphere and oceans and that CO2 capacity is not being paid for by the price at the gas pump or the coal that is being burned for electricity generation or whatever its use may be then every single fossil fuel burning activity is massively subsidized.
The real right way to correct it would be to establish a carbon tax. If you ask any economist they will tell you that is the obvious thing to do, put the correct price on carbon because we currently have an error in the economy which misprices carbon at zero or something closer to zero. It is a fundamental economic error.
— Elon Musk


SpaceX Might Launch Humans To Space Next Year

According to NASA's director of commercial spaceflight development, Phil McAlister, in just a little over a year "we may see our first test crewed flight." McAlister emphasized that the evolution of the Commercial Crew Program has finally moved away from being dominated by policy discussions, and to a point where "we are riding through a lot of these very difficult activities" — namely, design, construction, and testing.
If all things go well, SpaceX should be ready for a human test flight by October 2017 or earlier; Boeing, by May 2018.

Watch SpaceX test fire one of the Falcon 9 rockets it relanded

SpaceX is getting ready to launch one of the rockets it relanded to prove they're truly reusable. In fact, it just finished test firing one of them at its Texas development facility. The first-stage booster burned for a total of 2 minutes and 30 seconds, the full duration for a single stage flight, on Thursday night. According to NASA Spaceflight, the booster looked like it was in great shape after the test upon initial evaluation, which bodes well for the company's plans.

SpaceX estimated to spend $300 million on Red Dragon mission

NASA estimates that SpaceX is spending on the order of $300 million on its Red Dragon Mars lander mission, a down payment on the company's long-term ambitions for human Mars missions.
At a meeting of the NASA Advisory Council's technology committee in Cleveland July 26, Jim Reuter, deputy associate administrator for programs in NASA's space technology mission directorate, provided an overview of NASA's agreement with SpaceX, announced in April, to support that company's plans for an uncrewed Mars landing mission that could launch as soon as May 2018.

Will Elon Musk Reveal the World's Biggest Rocket in Two Months?

There are a lot of names for what SpaceX is developing — Falcon X, Falcon Super Heavy, Big Falcon Rocket, Big F** Rocket — but the point is, this new rocket system would be the most powerful rocket in the world by far. And perhaps we only have to wait two months until the curtains are raised on those designs. Chris Bergin, the managing editor for NASASpaceFlight.com, quietly posted this little nugget on Twitter Wednesday: "T-2 months until Elon breaks the internet by revealing the world's largest ever rocket system (and by some margin)." The hashtag was #WeCannotWait.


Tesla's entire future depends on the Gigafactory

When you find yourself in the middle of the Nevada desert, on a 100-degree day, you wonder: who in the world would build something here? Elon Musk, of course. And so I'm here in the city of Sparks, outside of Reno, because of Musk's dream — his "Master Plan" for Tesla, to be specific. He's staked his entire company (and much of his net worth) on a single, enormous building here: the Gigafactory.
Tesla's Gigafactory is perhaps the best example of the literal scale of Elon Musk's ambitions. When the factory is complete, it will be the largest building in the world by footprint and, if all goes according to plan, will eventually churn out enough batteries to supply 150 gigawatt hours of batteries per year. That's enough for 1.5 million Model 3s. Tesla hopes to build 35GWh of batteries per year by 2018, equivalent to 500,000 Model 3s.
Read the full article | Photo from Tesla

Elon Musk Says It's 'Pencils Down' for Tesla's Model 3

It's official: The pencils are down. Elon Musk told a roomful of reporters on Tuesday that the final designs for Tesla's $35,000 electric Model 3 were locked up two weeks ago, and the company is moving forward on schedule to start producing them next summer. That was just the beginning.
Here are eight big takeaways from a tour of the Gigafactory and a Q&A session with Musk, Chief Technology Officer J.B. Straubel, and Panasonic executive Yoshihiko Yamada.

Tesla's plan for Gigafactory vehicle battery pack rollout and why it matters

The first Gigafactory battery cells will be used in Tesla Energy products, but they will soon after make their way in vehicle battery packs. But the battery packs at the factory will feature a new architecture. Even though the battery cells themselves will be bigger than the ones currently used (18650 to 20700), the battery packs will be smaller thanks to better packaging and cooling.
At the Gigafactory event yesterday, Elon Musk said that the first vehicle battery packs will come out of the factory in about 6 months and will be used as development battery pack for the Model 3. In 8 to 9 months, battery packs for the Model S and X will also rollout for validation and for production in the following months.

Tesla Model 3: Elon Musk sees the vehicle generating ~$20 billion in revenue with 25% gross margin

At a special media event for the opening of the Tesla Gigafactory today, CEO Elon Musk made a few comments about the upcoming Model 3. He confirmed the pencil down on the design as reported two weeks ago, and he also elaborated on its financial sustainability as a vehicle program.
With already over 373,000 reservations (Tesla hasn't updated this number in a while), the vehicle already proves to be in demand, but industry analysts want to know if Tesla can make money selling them in order to finance its other ambitious goals, like a pickup truck and 'Tesla Semi'.
Musk said that once at full production, he expects the Model 3 to generate around $20 billion in revenue per year for Tesla with $5 billion in gross profit (or 25% gross margin). It adds up to roughly 500,000 cars per year at a $40,000 price tag.
Read the full article | Photo from Tesla


Hyperloop One MetalWorks Is In The Works

Just days before Elon Musk plans on opening the doors of Tesla's Gigafactory 1, Hyperloop One has announced plans for an all-new manufacturing plant of its own. Called the Hyperloop One MetalWorks, the plant will be a "105,000 square foot tooling and fabrication" located not too far off from the Gigafactory in North Las Vegas, Nevada.
The plant's primary focus will be to research, build, and prepare a full-system Hyperloop One prototype known as DevLoop, which is scheduled for debut in 2017. The plant's in-house Transponics® test lab will continue the company's efforts to develop the propulsion system that will launch the Hyperloop One at its incredible predicted speeds.

The Hyperloop is bringing some of its futuristic tech to Europe's biggest railway

Hyperloop Transportation Technologies (HTT) announced today that it will build an "innovation train" for Germany's Deutsche Bahn, the largest railway operator in Europe. The train will not be a super-fast hyperloop, in which pods are propelled through aluminum tubes at speeds of up to 760 mph, but a conventional train that includes some of the futuristic technologies the startup has been showcasing at tech conferences around the world.

  EMN Shirts  

In Musk We Trust

We have two versions of our 'In Musk We Trust' tee. Check out our SpaceX & Tesla designs, or view the whole collection.

This Is The End

Thanks so much for reading the 30th issue! If you haven't already, enter to win a photo autographed by Elon Musk!

Did you enjoy this issue? Yes / No
©2016 Elon Musk News | Privacy Policy | Twitter | EMN Shirts

25 agosto 2016

Byoblu.com: I terremoti si possono prevedere? Il confronto tra scienza ed "eresia", ora online, gratuito.

Sette anni fa, in quella notte tremenda del 6 aprile 2009, ero a L'Aquila. Realizzai molti video, molte inchieste, molte interviste. Alcune mi valsero premi, altre finirono agli atti della Procura. Rimasi diversi mesi. Mi occupai anche di un ricercatore indipendente che, attraverso i suoi rilevatori di gas radon, sosteneva di poter prevedere l'epicentro, l'intensità e il momento di un sisma. I media lo trattavano come un ciarlatano, ma incontrai moltissime persone che giurarono che quel ricercatore aveva salvato loro la vita. Il suo nome era Giampaolo Giuliani. In seguito aprì una fondazione e ora lavora tra gli Stati Uniti, Taiwan e l'Italia.
Dal vostro desiderio di capire, e dall'assenza di qualunque informazione ufficiale in merito, nacque un documentario molto "On The Road", realizzato con una piccola videocamera. Ma con qualche donazione (e con quella piccola videocamera), riuscii a portare la scienza ufficiale, l'INGV, a dialogare con il mondo "eretico" dei ricercatori indipendenti: Antonio Piersanti, direttore di ricerca all'Istituto di Geofisica e Vulcanologia di Roma, venne in quel piccolo laboratorio di Coppito e si confrontò con Giampaolo Giuliani.
Il risultato fu un'indagine divisa in quattro parti. Nella prima, Giuliani racconta la sua storia e la storia degli eventi di quella tragica notte del 6 aprile. Nella seconda, Piersanti spiega i terremoti dal punto di vista della scienza e vi mostra il centro di elaborazione dati dell'INGV. Nella terza, è di nuovo Giuliani a portarvi nel suo laboratorio, per spiegare nel dettaglio come funziona la sua "tecnica di previsione dei terremoti". Infine, nella quarta parte, in quel piccolo laboratorio di Coppito arriva anche Piersanti, per realizzare un confronto che a quei tempi era giudicato impossibile. E, se me lo consentite, anche oggi. Un modus operandi che dovrebbe essere preso ad esempio su come affrontare le questioni controverse, in luogo della censura e in luogo della sterile divisione tra i sostenitori di tesi diverse.
Il documentario, confezionato e distribuito un DVD, è disponibile oggi gratuitamente su Youtube (di seguito i link). Ne avanzano ancora un centinaio di copie – forse meno – originali. Se qualcuno volesse averle, può fare una donazione libera, includendo anche un ragionevole costo di spedizione, e lo riceverà a casa (qui per donare con carta di credito, qui perdonare con PayPal, qui tramite bonifico , qui tramite ricarica Postepay e qui tramite bitcoin).
Un terremoto si può prevedere? Scienza e ricercatori indipendenti a confronto

Se desideri ricevere il dvd, questo è il link per effettuare la donazione: http://www.byoblu.com/sostienimi#comesidona
© 2016 Byoblu.com, Tutti i diritti riservati

23 agosto 2016

Rete Voltaire: I principali titoli della settimana 23 agosto 2016

Rete Voltaire

In breve

Dietro la fotografia di Omran Daqneesh

Nuovo approccio turco alla Siria

La Germania s'interroga sui legami tra la Turchia e Daesh

La Turchia chiude il quotidiano curdo Özgür Gündem

Rivolte intestine curde nel nord della Siria

Hezbollah arruola in Israele con Facebook

abbonamento    Reclami


18 agosto 2016

Il Senato degli Stati Uniti ammette che le Scie Chimiche sono reali e uccidono gli esseri umani

Fino a poco tempo siamo stati considerati "teorici della cospirazione" solo per il fatto, che eravamo convinti che il governo degli Stati Uniti era coinvolto in programmi di irrorazione di sostanze chimiche nocive in atmosfera, in altre parole, solo per il fatto che si credeva alle scie chimiche.  Ma ora un documento ufficiale del governo degli Stati Uniti rivendica ciò che i media alternativi, i teorici della cospirazione, hanno detto per anni.  Secondo il documento, intitolato Modifica Meteo: i programmi, i problemi, la politica, e le potenzialità –  la "Modifica del clima", anche se è una scienza relativamente giovane, ha nel corso degli anni, stimolato grande interesse all'interno delle comunità scientifiche, commerciali, governative e agricole.  
Disastri e rischi legati al clima interessano praticamente tutti, dal popolo americano al popolo europeo e non solo.. dato che ogni anno causano indicibili sofferenze umane e perdite di vite umane, oltre a causare miliardi di dollari di perdite economiche alle colture e di altri beni.
Senato degli Stati Uniti ammettono che le scie chimiche sono esseri umani reali e uccidere
Mentre i progetti di modifica delle condizioni meteorologiche sono operativi da quasi 25 anni, queste hanno dimostrato (secondo la commissione del Senato americano) di avere un notevole potenziale per la prevenzione,  moderando o alleviando gli effetti negativi, dovuti alle condizioni atmosferiche estreme. Ci si preoccupa molto per quanto riguarda la mancanza di una politica di coordinamento federale sulla modificazione del clima, oltre alla mancanza di un programma (coordinato) di ricerca globale, riguardante lo sviluppo sulla modificazione del clima.
Le possiamo osservare ogni giorno. Sono bianche, lunghe e persistenti. Invadono i nostri cieli, si disperdono quindi nell'atmosfera, nell'aria che respiriamo. Dopo che sull'edizione inglese del New Scientist era stato ammesso che un'irrorazione dei cieli sarebbe in corso da molti anni, con lo scopo di raffreddare il pianeta – giustificando di fatto la presenza di scie diverse da quelle di condensazione degli aerei civili – anni fa anche un politico svedese aveva espresso la sua preoccupazione al riguardo. Risulta insomma sempre più difficile nascondere l'evidenza, ma ora che il tutto viene dichiarato dal Senato USA, la cosa diventa ancor più grave.
Pernilla Hagberg, esponente del partito ambientalista svedese, si è detta recentemente preoccupata per l'inquinamento e i danni ambientali che i quotidiani aerosol con cui vengono irrorati i cieli di tutto il mondo stanno apportando.
La stessa Hagberg aveva rilasciato qualche anno fa un'intervista al Katrineholms Kuriren, dove ha dichiarato pubblicamente che CIA, NSA (Agenzia di Sicurezza USA) e governo svedese stavano e stanno tuttora collaborando per ricoprire il cielo con emissioni di aerosol, che lei stessa definisce scie chimiche, non scie di condensazione.
Le normali scie di condensazione sono costituite da vapore acqueo e si dissipano rapidamente dopo le emissioni dai motori a reazione e sono molto diverse dalle scie chimiche, che a poco a poco ricoprono il cielo fino a creare velature poco convenzionali. Ma a quanto pare anche le stesse scie di condensa sarebbero inquinate. Infatti nell'intervista si precisa inoltre che queste irrorazioni contengono un mix pericoloso di sostanze chimiche, virus e metalli pesanti come l'alluminio, che influenzano il clima. Hagberg ha anche precisato che c'è una totale mancanza di informazioni relativa al programma e alle ragioni che si nascondono dietro a tutto ciò.
Le possibilità sono molte: dall'avvelenamento volontario della popolazione, al controllo del clima, ad altri scopi ignoti di geo-ingegneria. USA e l'ONU si sono finora timidamente nascosti dietro il paravento delle operazioni per la salvezza del pianeta, messo in pericolo dal riscaldamento globale. Queste operazioni sarebbero effettuate con il pretesto di bloccare il Sole, così da abbassare le temperature e fermare lo scioglimento dei ghiacci polari. Pernilla Hagberg ritiene però che si tratti di uno schema di modificazione delle condizioni atmosferiche, progettato per il controllo dei mercati e dei prezzi e per mettere altri paesi in condizioni di svantaggio e pericolo.
Quello che è certo, è che ciò che viene irradiato nei cieli è una miscela di tossine identificabili.  Ci sono alluminio e bario nelle forniture di acqua e sui terreni di tutto il mondo e questo dovrebbe rappresentare già una prova più che sufficiente. La Hagberg ha riferito che il governo svedese sta lavorando con governi stranieri e società segrete, perciò sarà impossibile utilizzare il meccanismo di governo per risolvere la questione.
Quel che conta ora è continuare a diffondere la consapevolezza e sensibilizzare l'opinione pubblica in relazione al problema. E, in attesa di trovare una strategia per fermare questo dramma, prendere le dovute precauzioni per difendere la nostra salute, messa a dura prova dalle tossine e dai metalli pesanti diffusi nell'ambiente a causa di queste operazioni. Infine il risultato è che le Scie Chimiche (o chemtrails) uccidono gli esseri Umani e danneggiano l'ecosistema del pianeta.
Redazione Segnidalcielo