27 settembre 2012

Aldro, la verità grida giustizia?

20 settembre 2012

148 Stefano Mostri Dell'inerzia

11 settembre 2012

Ferdinando MADDALONI: “Quanti dubbi su l’11 settembre”

FerdinandoMaddaloniIncontriamo l’attore Ferdinando Maddaloni che l’11, il 12 e il 13 luglio al Roma Fringe Festival ha portato in scena uno spettacolo dedicato all’attacco avvenuto contro le Torri Gemelle degli Stati Uniti. Lo abbiamo incontrato per scambiare qualche battuta.

Maddaloni, rompiamo il ghiaccio. anche lei fa parte di coloro che credono l’attacco scagliato l’11 settembre del 2001 agli Stati Uniti sia il frutto di un complotto interno?
Sì. I primi dubbi li ho avuti subito vedendo il  crollo delle Torri e poi quello “misterioso”della terza torre, la torre 7 , venuta giù alle 17.30 dell’ 11settembre 2001 senza essere stata colpita da alcun aereo.
“Mica si sarà suicidata per amore!” mi sono chiesto. E da quel momento ho iniziato a fare ricerche, attraversando varie fasi nel corso di questi 11anni, passando da atroci dubbi a granitiche certezze. Poi ho sentito l’esigenza di andare in scena, ma senza portare le mie personali convinzioni sul complotto, bensì cercando, e credo di esserci riuscito, di essere personaggio altro da me per fare corretta informazione. Ad esempio, quando agli spettatori durante lo spettacolo, pongo la fatidica domanda sul numero delle torri crollate quel giorno, la risposta è sempre la stessa: “DUE!”  Ed allora tocca al personaggio di Armandino chiarire che le cose non stanno così,  spiegare che addirittura nel Rapporto della Commissione statunitense non se ne parla proprio del WTC7, pronto poi a dare la parola a Marco, l’altro personaggio che interpreto nello spettacolo, sostenitore dell’ipotesi della strage, per il contraddittorio . Al pubblico poi la decisione finale.
Ad onor del vero il risultato delle “repliche” fino ad oggi non ammette “repliche” : 9 vittorie per l’ipotesi del complotto, nessuna per quella della strage ed un pareggio.

06 settembre 2012

Albert Speer



LA TECNOLOGIA DELLA GERMANIA NAZISTA

Nella puntata di martedì 23 marzo Atlantide ripercorre la vita e la carriera di Albert Speer, l'architetto del Fuhrer. Dalla costruzione di progetti monumentali e urbanistici fino alla condanna, alla fine della guerra, a 20 anni di reclusione. Ma Speer non fu solamente un semplice architetto, ricoprì la carica di Ministro degli armamenti, la punta di diamante del movimento scientifico del Reich.

www.la7.it/atlantide/pvideo-stream?id=i70338